Lingua   

La Merica

Nico Bonato
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Il bacio più lungo
(Nico Bonato)
Cartolina dal Fronte
(Nico Bonato)


Con queste mani
ho scavato la terra,
fatto una guerra,
aspettando il domani.
Cosa mi resta:
una fame da bestia,
solo polvere e sangue,
su queste mani.

Salpa il vapore, sogni e speranze,
là nella nebbia del porto di Genova.
E per bagaglio solo un sacchetto,
stretto stretto, vicino al cuore.

Là c’è la Merica, la Merica,
quanto è grande la Merica.
Là c’è la Merica, la Merica,
quanto è bella ’sta Merica.

Notte di luna calante
il tuo bacio è perduto nel mar;
notte di luna crescente
non ho patria, bandiera né niente.

Salpa il vapore e tutto si tace,
solo i sospiri fanno rumore.
Fruscio di onde di stracci e pensieri,
da queste sponde andiamo a migrar.

Là c’è la Merica, la Merica
quanto è grande la Merica
Là c’è la Merica, la Merica,
quanto è bella ’sta Merica.

23/1/2019 - 17:51



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org