Lingua   

Za Za Za (Viva Ruggeru Settimu)

anonimo
Lingua: Italiano



[+1848]
Canzone popolare siciliana
A folksong from Sicily
Chanson populaire de Sicile
Sisilian kansanlaulu

VINNI CU VINNI - Mimmo Mòllica - Distribuzione Phonogram S.p.A. - ® 1978 Polydor

"Ethno Folk Italia Gli Anni '70"
The Universal Music Collection, 2010
6 × CD, Compilation, Remastered,
0602527475271 - Limited Edition


Rivoluzione siciliana del 1848 e Risorgimento in Sicilia, dai moti del 1848-49 alla confluenza nello Stato unitario. Za za za intende simulare il rumore delle zappe, delle pale e dei picconi, al lavoro febbrile e rabbioso per scavare barricate e trincee. Il grido Za za za distingueva i liberali dai borbonici.
Ruggero Settimo fu protagonista della Rivoluzione siciliana del 1848. Presidente del comitato insurrezionale, fu scelto dal Parlamento Siciliano a presiedere il Consiglio del Governo siciliano. Il 10 maggio 1848 fu dichiarato "padre della Patria siciliana". Incitò il popolo durante l'insurrezione: “Siciliani seguiteci! La presente guerra mira al bene delle nostre proprietà e delle nostre persone, alla vendetta di tanti martiri, che si sono sacrificati per la patria. Viva Pio IX! Viva la Sicilia! Viva i nostri fratelli italiani”.
Nel febbraio 1849 Ferdinando II inviò 16.000 uomini contro la Sicilia per riconquistarla. Il 15 maggio 1849 cadde Palermo e con essa tutta l’Isola: le speranze di tenere in vita uno Stato indipendente svanirono definitivamente. Ruggero Settimo fuggì a Malta dove trascorse gli anni dell'esilio. Tornò in Sicilia quando l’Isola venne annessa al Regno d'Italia appena nato: ottobre 1860. Nel maggio 1860 Garibaldi lo invita a tornare in Sicilia; Ruggero Settimo fu nominato senatore il 20 gennaio 1861 e gli venne offerta la carica di presidente del nuovo Senato del Regno, che egli guidò dal febbraio 1861 fino alla morte (Malta 1863).

La suola o la carta?

Guglielmo I, detto il Malo, (1154-1166) successe al padre Ruggero II d’Altavilla. Fu un personaggio controverso, amava il lusso e dedicava molto tempo agli harem. Fu crudele e arrivò a togliere dalla circolazione le monete d’oro e d’argento per sostituirle con monete di cuoio.
Quando lo Stato unitario decise di abolire i denari di metallo e di sostituirli con la cartamoneta, sconvolgendo le attese dei ceti popolari che videro così sottratte le loro “ricchezze”, la delusione divenne rabbia: l’istituzione della cartamoneta è cosa troppo grave se arriva a superare perfino l’impudenza di Guglielmo il Malo che all’oro e all’argento sostituì il cuoio e non la carta.
Ora câ c’è la ‘Talia, fannu la ‘Talia,
cu’ ‘na canna a li manu è la Sicilia.
Lu bellu Regnu ha iutu a gambi all’aria,
Palermu fa dijunu ch’è vigilia.

St’ebbica d’ora chi nni curri laria,
lu celu nni li manna tirribilia!
L’oru e l’argentu squagghiaru pi’ l’aria,
di carta la visteru la Sicilia!

Za za za, evviva la libbirtà,
Za za za, evviva la libbirtà.
Za za za, evviva la libbirtà.

Via Ruggeru Settimu,
viva la libbirtà,
l’amara di Catania
persa e bruciata è già.

Tutti a Palermu currinu
cu’ armi e zappi, va,
ognunu a li fussati,
pi’ la difisa è cca..

Za za za, evviva la libbirtà,
Za za za, evviva la libbirtà.
Za za za, evviva la libbirtà.

Vurria sapiri, si sta cosa è certa,
chi è cchiù megghiu la sola o la carta?
Lu sapi ognunu senza iri ‘a scola
câ la carta è cchiù tinta di la sola!

Li gran manciuni, va, staticci all’era,
v’arrobbanu li ninni e dannu carta.
Guglielmu Malu ‘un fici ‘sta scuperta
di livarini l’oru e darni carta.

inviata da Musicante - 26/12/2018 - 15:09



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org