Lingua   

Lo condamnat

Patric


Lingua: Occitano


Ti può interessare anche...

Radio Bugliolo
(Carlo Pestelli)
Dera evolucion ara revolucion
(Alidé Sans)
La hoguera
(Javier Krahe)


[1972]
Paraulas e música: Patric
Lyrics and music: Patric
Testo e musica: Patric
Paroles et musique: Patric
Okitaniankieliset sanat ja musiikki: Patric
Album: Patric

patric72 1patric72 2

Son venguts, vestits de blau
A l'ostal un jorn d'ivèrn
An parlat a mièja-votz
I èras pas aqueste ser
Son venguts prèp de la taula,
M'an trapat coma un bandit
Puèi m'an cridat dins las aurelhas
Qu'ara tot, tot èra finit

E soi aquí sol dins lo càrri
E sabi pas onte me'n vau
E soi aquí sol dins lo càrri
Entre dos òmes vestits de blau,
vestits de blau

Son venguts vestits de blanc
E m'an paupat de pertot
An parlat a mièja-votz
I èras pas tu, tu mon amor
Son venguts prèp de la taula
An escrich sens me parlar
Puèi me diguèron qu'èri un brave
E me mandèron lo curat.

E soi aqui sol dins la cambra
En trin de cercar mos pecats
E soi aquí sol dins la cambra
Per faire plaser, per faire plaser
Al curat.

Son venguts, vestits de roge
E m'an prés sens me parlar
Lo curat, lo curat disia "Coratge!"
I èras pas per m'ajudar.
Me donèron, me donèron una pipa
E me diguèron: "Es la darrièra!".
Ai cridat, ai cridat, ai dich ton nom,
Puèi demandèri de faire la letra.

E soi aquí: te fau la letra
Davant aquel grand cotèl blanc
E soi aquí: te fau la letra
Lo veirai pas, lo veirai pas
Mon paure enfant.

inviata da Riccardo Venturi - 3/12/2018 - 17:38



Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Traduction italienne / Italian translation / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, 3-12-2018 18:01
IL CONDANNATO

Vestiti di blu, sono venuti
A casa un giorno d'inverno.
Hanno parlato a mezza voce,
Non c'eri quella sera.
Si sono avvicinati alla tavola,
M'hanno preso come un bandito
Poi m'han gridato negli orecchi
Che ora tutto, tutto era finito.

E sono qui solo, nel cellulare,
E non so dove sto andando.
E sono qui solo, nel cellulare
Tra due uomini vestiti di blu,
Vestiti di blu.

Vestiti di bianco, sono venuti
E mi hanno palpato dappertutto.
Hanno parlato a mezza voce,
E tu non c'eri, amore mio.
Si sono avvicinati al tavolo,
Hanno scritto senza parlare,
Poi mi hanno detto di esser forte
E mi hanno mandato il prete.

E sono solo qui nella stanza
A cercare i miei peccati.
E sono solo qui nella stanza
Per far piacere, per far piacere
Al prete.

Vestiti di rosso, sono venuti
E mi hanno preso senza parlare.
Il prete, il prete diceva: “Coraggio!”
E tu non c'eri per aiutarmi.
Mi hanno dato, dato una sigaretta
E mi hanno detto: “E' l'ultima!”
Ho urlato, urlato, ho detto il tuo nome
Poi ho chiesto di scrivere una lettera.

E sono qui: ti scrivo la lettera
Davanti a quella mannaia bianca.
E sono qui: ti scrivo la lettera,
Non lo vedrò, non lo vedrò
Il mio povero bambino.

3/12/2018 - 18:02



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org