Lingua   

Lu Fiju a Milano

Mino De Santis


Lingua: Italiano (Salentino)


Ti può interessare anche...

Mare nero
(Alessio Lega)
Frizullo
(Alessio Lega)
Mohamed
(Alessio Lega)


[2016]

Album : Petipitugna

petipitunga2
Nce do cristiani, maritu e muiere
La televisione tutte le sere
La banca ggiustata a mienzu la stanza
Do piatti diversi e la stessa pietanza

Lu pane, lu vinu, la nostalgia
Na vecchia chitarra, la fotografia
Te lu vagnone ca mo stae luntanu,
fatica a Milanu.

Partiu allu '90 cu cerca fatica,
nu ncera nu sordu mancu se mpica
E ulia cu castima e nu chiaa le palore
Ma mo sa piazzatu e stae de signore

E mo tutti l'anni, pioggia o sereno
Ne schiattarisciamu dieci ore de trenu
Ma tantu de Lecce lu postu lu cchiamu,
partimu a Milanu.

Quand'è primavera ggiustamu lu paccu
Cu cose ca nce sulamente allu taccu:
la salsa, lu vinu, l'oiu te ulia, le rape,
le frise e ogni fessaria

taraddri e buccacci e ogni condimentu,
ca addunca stai stai poi diventa Salentu
e cu ddri piezzi de panu de granu,
spedimu a Milanu.

La vespra, la vecchia rapezza cazzetti
Ci nde soni a casa te face cospetti
Tranne quandu iddru torna de fore,
canusce lu rusciu de lu motore

Se azza e nde apre in tutta fretta,
lu iuta cu scaraca la cascetta
Ca comu ogni sera, cornetta alla manu,
chiamamu a Milanu.

Ci boi cu te dicu cummare Maria,
tanimu nu fiju ca stae in Lombardia
In Veneto, Emilia, nel suolo Toscano
Ma quandu unu parte se dice Milanu

Ci boi cu te dicu cumpare Dunatu,
tanimu nu fiju ca sae straregnatu
Ca stae all'Alt'Italia, luntanu luntanu
Nu sacciu cu dicu, ma è susu a Milanu.

Quandu rria lu state a casa llattamu,
le cose scasciate le fiendulisciamu
cangiamu le tende e lu matarazzu,
cacciamu le craste sullu terrazzu

e comu ogni annu, cu li Sammarzanu
facimu la salsa poi la mbuttijamu
mintimu de parti lu meju malone,
crai rria lu vagnone.

Ddra susu a Milanu le cose su serie
Te tane sicuru nu mese de ferie
E ci se malazza, ci chiede permessu
La ditta lu paca, lu paca lu stessu

Cumpare Dunatu nu è come a quai a nui
Ca ci manchi nu giurnu nu te olene cchiui
E' tuttu diversu, nu nce paragone
cu stu Meridione.

Quand'è menzatia iddra stae travajata
"e cala le sagne, sciacqua la nsalata"
E gira lu sugu cu ddra manu lesta
Perché intra sta casa ghe giurnu de festa

Poi dduma lu focu per lu rrustimentu
Le spaddre spazzate e lu core cuntentu
Ca tutti te paru osce an taula mangiamu,
fanculu a Milanu.

Iddru rria te la chiazza cu passi veloci
A manu na busta de mendule e noci
Se lleva lu giaccu e vaca lu vinu
Poi te intra la crasta coje lu petrusinu

La tavola è pronta e l'ora è vicina
Nu senti lu rusciu te la vitturina?
Poi le petatozze arretu lu purtone,
rriau lu vagnone

Ci boi cu te dicu cummare Maria,
Ca abbia chiu te n'annu ca nu lu vitia
Ma ci ole cu resta poi lu stessu campamu,
fanculu a Milanu.

Ci boi cu te dicu cumpare Dunatu,
nu picca infelice, nu picca praciatu
Lu core e la capu se tane la manu,
fanculu a Milanu,
o grazie a Milanu.

inviata da adriana - 15/6/2018 - 16:07



Lingua: Italiano

Versione italiana di Alessio Lega
da questa pagina
Ci sono due tizi, marito e moglie
La televisione tutte le sere
La tavola apparecchiata in mezzo alla stanza
Due piatti diversi e la stessa pietanza

Il pane, il vino, la nostalgia
Una vecchia chitarra, la fotografia
Del ragazzo che ora vive lontano
Lavora a Milano

Partì nel novanta in cerca di lavoro
Non c’era un soldo, manco per impiccarsi
E avrebbe bestemmiato, ma non trovava parole
Però ora si è sistemato, e vive da signore

Così tutti gli anni, pioggia o sereno
Ci infliggiamo dieci ore di treno
Ma tanto da Lecce il posto (a sedere) si trova*
Andiamo a Milano

Giunta la primavera confezioniamo un pacchetto
Con le cose tipiche del Tacco
La salsa, il vino, l’olio d’oliva
Le rape, le frise**, e altre sciocchezze

Taralli e boccacci con ogni condimento
E dovunque ti trovi diventa il Salento
Con quei pezzi di pane di grano
Spediamo a Milano

Il pomeriggio la mamma ripara i calzini
Se suoni al portone dovrai aspettare
Tranne quando il babbo ritorna dal lavoro
Lo riconosce dal mormorio del motore

Si leva e gli apre in tutta fretta
Lo aiuta a scaricare la cassetta
Perché come ogni sera, con la cornetta in mano
Telefoniamo a Milano...

Cosa mai posso dirti, Commare Maria
Abbiamo un figlio che sta in Lombardia
In Veneto, Emilia, nel suolo Toscano
Ma quando uno va lontano, si dice “a Milano”

Cosa mai posso dirti Compare Donato
Abbiamo un figlio che si è “straregnato”***
Che sta in Alta-Italia, lontano lontano
Non saprei dirti... ma è lassù a Milano...

Giunta l’estate imbianchiamo casa
Le cose rotte le buttiamo via
Cambiamo le tende, il materasso
Portiamo i vasi sul terrazzo

E come ogni anno con i San Marzano
Facciamo la salsa, la imbottigliamo
Mettiamo da parte il miglior melone
Domani arriva il ragazzo

Lassù a Milano tutto è più serio
Di certo gli daranno un mese di ferie
E se si ammala, se chiede permesso
La Ditta lo paga, lo paga lo stesso

Compare Donato, non è come da noi
Che se manchi un giorno non ti vogliono più
È tutto diverso, non c’è paragone
Con questo Meridione

Giunto mezzogiorno, lei è affannata
Cala le sagne**** sciacqua l’insalata
Gira il sugo con la mano lesta
Per che in questa casa oggi è giorno di festa

Accende il fuoco per arrostire
Le spalle spazzate ed il cuore contento
Perché oggi saremo a tavola tutti insieme
Vaffanculo a Milano...

Lui arriva dalla Piazza con passi veloci
In mano un sacchetto di mandorle e noci*****
Si toglie la giacca, svuota il vino
Poi dal vaso coglie il prezzemolo

La tavola è pronta e l’ora è vicina
Non senti il rumore della Littorina******
Poi i colpi dietro il portone
È giunto il ragazzo

Cosa vuoi che ti dica Commare Maria
È più di un anno che non lo vedevo
Ma se volesse rimanere, ce la possiamo fare comunque
Vaffanculo a Milano

Cosa vuoi che ti dica Compare Donato
Un po’ infelice, un po’ orgoglioso
Il cuore e la testa si danno la mano
Vaffanculo a Milano
O grazie a Milano.
* ”Da Lecce il posto si trova”: Lecce è il capolinea, lì le Ferrovie dello Stato si fermano, dunque tutti i treni in partenza per il Nord avevano dei posti liberi. Amarissimo privilegio, partendo da Lecce si trova posto, proprio perché siamo l’ultima fermata possibile, la più lontana.
** ”Frise” una sorta di galletta molto secca - di grano o di orzo - che si consuma dopo un rapido ammollo in acqua, tipico cibo contadino in Salento (ve ne sono varianti anche in Calabria)
*** ”Straregnato” una forma arcaica, che richiama l’epoca del Regno delle Due Sicilie, dove andare a Nord prevedeva appunto di “cambiare Regno”. Oggi rappresenta il massimo dell’alienazione dalle proprie radici.
**** ”Sagne” sorta di tagliatelle ritorte impastate con farina integrale e acqua.
***** ”Mendule e noci” il più tipico cibo da strada nelle contrade salentine, mandorle e noci che i chioschi vendono in sacchettini di carta.
****** la Littorina, i vetusti treni a gasolio che fanno da collegamento fra Lecce e i paesi della provincia

15/6/2018 - 16:09


Accordi

RE, SOL, LA7

Nce do cri[RE]stiani, maritu e muiere
La televi[SOL]sione tutte le sere
La banca ggiu[LA7]stata a mienzu la stanza
Do piatti di[RE]versi e la stessa pietanza
Lu pane, lu vinu, la nostalgia
Na vecchia chi[SOL]tarra, la fotografia
Te lu va[LA7]gnone ca mo stae luntanu, fatica a Mi[SOL]la[RE]nu.
Partiu allu '90 cu cerca fatica, nu ncera nu [SOL]sordu mancu se mpica
E ulia cu ca[LA7]stima e nu chiaa le palore
Ma mo sa piaz[RE]zatu e stae de signore
E mo tutti l'anni, pioggia o sereno
Ne schiattari[SOL]sciamu dieci ore de trenu
Ma tantu de [LA7]Lecce lu postu lu cchiamu, partimu a Mi[SOL]la[RE]nu.
Quand'è primavera ggiustamu lu paccu
Cu cose ca [SOL]nce sulamente allu taccu:
la salsa, lu [LA7]vinu, l'oiu te ulia, le rape, le [RE]frise e ogni fessaria
taraddri e buccacci e ogni condimentu,
ca addunca stai [SOL]stai poi diventa Salentu
e cu ddri [LA7]piezzi de panu de granu, spedimu a Mi[SOL]la[RE]nu.

DO7

[DO7]La vespra, la [FA]vecchia rapezza cazzetti
Ci nde soni a [SIB]casa te face cospetti
Tranne quandu [DO7]iddru torna de fore, canusce lu [FA]rusciu de lu motore
Se azza e nde apre in tutta fretta,
lu iuta cu [SIb]scaraca la cascetta
Ca comu ogni [DO7]sera, cornetta alla manu, chiamamu a Mi[SIb]la[FA]nu.

RE7

Ci boi cu te [SOL]dicu cummare Maria,
tanimu nu [DO]fiju ca stae in Lombardia
In Veneto, E[RE7]milia, nel suolo Toscano
Ma quandu unu [SOL]parte se dice Milanu
Ci boi cu te dicu cumpare Dunatu,
tanimu nu [DO]fiju ca sae straregnatu
Ca stae all'Alt'I[RE7]talia, luntanu luntanu
Nu sacciu cu [DO]dicu, ma è susu a Mila[LA7]nu.

Quandu rria lu [RE]state a casa llattamu,
le cose sca[SOL]sciate le fiendulisciamu
cangiamu le [LA7]tende e lu matarazzu, cacciamu le [RE]craste sullu terrazzu
e comu ogni annu, cu li Sammarzanu
facimu la [SOL]salsa poi la mbuttijamu
mintimu de [LA7]parti lu meju malone, crai rria lu va[SOL]gno[RE]ne.
Ddra susu a Milanu le cose su serie
Te tane si[SOL]curu nu mese de ferie
E ci se ma[LA7]lazza, ci chiede permessu
La ditta lu [RE]paca, lu paca lu stessu
Cumpare Dunatu nu è come a quai a nui
Ca ci manchi nu [SOL]giurnu nu te olene cchiui
E' tuttu di[LA7]versu, nu nce paragone cu stu Meri[SOL]dio[RE]ne.

Quand'è menzatia iddra stae travajata
"e cala le [SOL]sagne, sciacqua la nsalata"
E gira lu [LA7]sugu cu ddra manu lesta
Perché intra sta [RE]casa ghe giurnu de festa
Poi dduma lu focu per lu rrustimentu
Le spaddre spaz[SOL]zate e lu core cuntentu
Ca tutti te paru osce'an tàula mangiamu, fanculu a Mi[SOL]la[RE]nu.

DO7

Iddru rria te la [FA]chiazza cu passi veloci
A manu na [SIb]busta de mendule e noci
Se lleva lu [DO7]giaccu e vaca lu vinu
Poi te intra la [FA]crasta coje lu petrusinu
La tavola è pronta e l'ora è vicina
Nu senti lu [SIb]rusciu te la vitturina?
Poi le peta[DO7]tozze arretu lu purtone, rriau lu va[SIb]gno[FA]ne

Ci boi cu te [SOL]dicu cummare Maria,
Ca abbia chiu te [DO]n'annu ca nu lu vitia
Ma ci ole cu [RE7]resta poi lu stessu campamu, fanculu a Mi[SOL]la[RE7]nu.
Ci boi cu te [SOL]dicu cumpare Dunatu,
nu picca infe[DO]lice, nu picca praciatu
Lu core e la [RE7]capu se tane la manu, fanculu a Mila[LA7]nu, o [RE7]grazie a Mi[SOL]lanu.

Fausto Castronovo - 6/7/2018 - 18:00



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org