Lingua   

Il galeone

Belgrado Pedrini


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Nostra Signora delle Coperte Isotermiche
(Giacomo Sferlazzo)
Ballad of Yvonne Johnson
(Eliza Gilkyson)
Hell's Ditch
(The Pogues)


[1967]
Da una poesia di Belgrado Pedrini
Musica di Paola Nicolazzi

gal


Il Galeone, Belgrado Pedrini e la "Liberazione"
di Riccardo Venturi.

"Il galeone" è una poesia che Belgrado Pedrini, anarchico carrarese, scrisse in galera, a Fossombrone, nel 1967. Il titolo originale della poesia era Schiavi. Fu poi messa in musica da Paola Nicolazzi sulla base di una canzone popolare intitolata, curiosamente, Se tu ti fai monaca; la Nicolazzi, nel trasformarla in canzone (e in uno dei più noti canti anarchici italiani di ogni tempo), ne omise però la quarta e l'ultima strofa, che così recitano:

Nessun nocchiero ardito,
sfida dei venti l’ira?
Pur sulla nave muda,
l’etere ognun sospira!
(...)
Falci del messidoro,
spighe ondeggianti al vento!
Voi siate i nostri labari,
nell’epico cimento!

Belgrado Pedrini.
Belgrado Pedrini.
Fu poi pubblicata, senz'alcuna indicazione di titolo, nel giornale Presenza anarchica, a cura dei gruppi anarchici riuniti di Massa e Carrara, supplemento quindicinale a Umanità Nova, il 5 ottobre 1974.

Fin qui la storia di questa canzone scritta in galera. La quale, specialmente per il suo linguaggio, potrebbe far sorridere il lettore e l'ascoltatore di oggi. E' il linguaggio aulico di molti canti anarchici classici. Ma il sorriso scompare immediatamente quando si pensa al fatto che "Il galeone" è in realtà il simbolo stesso, anche nella parola stessa, della galera, anzi, della "galera infame". Quella dove il suo autore era rinchiuso.

Belgrado Pedrini aveva iniziato la Resistenza ben prima dell'8 settembre; era, la sua, una vita di resistenza da sempre. Durante il fascismo conduce la sua lotta clandestina, poi già nel 1942 partecipa ad azioni di lotta. Si unisce poi alla formazione partigiana anarchica "Elio" con cui lotta fino alla...

Stavo per dire "Liberazione". Ma la "liberazione" del partigiano Belgrado Pedrini si chiama galera. Nel 1942, per poter continuare la lotta, lui e i suoi compagni sottraggono ad alcuni industriali fascistoni milanesi e carraresi un bel po' delle loro ricchezze; nel 1949 il tribunale di Livorno giudica tali atti come "reati comuni" e condanna Belgrado Pedrini a trent'anni di carcere. Questa la ricompensa.

E sono galere su galere. Nel 1974, il presidente Leone gli concede la grazia; ma, appena uscito, viene rinchiuso in una casa di lavoro presso Pisa, perché deve scontare ancora tre anni per tentata evasione. Liberato finalmente dopo un'intensa campagna per la sua scarcerazione, torna a Carrara dove partecipa all'attività degli anarchici locali. Muore nel 1979 all'età di sessantasei anni. Ma per Belgrado Pedrini non c'è mai stata nessuna "liberazione" da una vita intera passata in galera. Quella del fascismo e quella dello "stato democratico". [RV]
Siamo la ciurma anemica
d’una galera infame
su cui ratta la morte
miete per lenta fame.

Mai orizzonti limpidi
schiude la nostra aurora
e sulla tolda squallida
urla la scolta ognora.

I nostri dì si involano
fra fetide carene
siam magri smunti schiavi
stretti in ferro catene.

Sorge sul mar la luna
ruotan le stelle in cielo
ma sulle nostre luci
steso è un funereo velo.

Torme di schiavi adusti
chini a gemer sul remo
spezziam queste catene
o chini a remar morremo!

Cos’è gementi schiavi
questo remar remare?
Meglio morir tra i flutti
sul biancheggiar del mare.

Remiam finché la nave
si schianti sui frangenti
alte le rossonere
fra il sibilar dei venti!

E sia pietosa coltrice
l’onda spumosa e ria
ma sorga un dì sui martiri
il sol dell’anarchia.

Su schiavi all’armi all’armi!
L’onda gorgoglia e sale
tuoni baleni e fulmini
sul galeon fatale.

Su schiavi all’armi all’armi!
Pugniam col braccio forte!
Giuriam giuriam giustizia!
O libertà o morte!

Giuriam giuriam giustizia!
O libertà o morte!

inviata da Riccardo Venturi - 4/4/2007 - 01:24




Lingua: Inglese

English Version by (A)nam
We're the crew aenemic,
of an infamous prison
on which the quick death
rages with slow hunger.

Never clear horizonts
unclenchs our dawn
and over the sleazy blanket
screams the guide every hour.

Our days fly
between stinky keels
we're thin, pallid, slaves
tied with iron chains.

The moon rises above the see
revolve the stars in the sky
but over our lights
lied a funeral veil.

Crew of waterless slaves
bent to suffer on the oar
broke these chains
or bent to row we'll die!

Suffering slaves
what is this rowing?
Better to die between the waves
on the whitening see.

We row until the ship
crashed the reefs
highs the black and reds**
between winds hiss!

And be pitiful bed
the scummy and wicked wave
but rises a day over the martyrs
the sun of the anarchy.

Come now slaves to arms, to arms!
Fight with the strong arm!
Swear, swear justice!
Freedom or death!

Swear, swear justice!
Freedom or death!

** here the "black and reds" are the anarchy flags

inviata da (A)nam - 11/6/2010 - 15:54




Lingua: Francese

La versione francese della Chorale Karaoke di Parigi. La versione non è cantabile, alcune strofe non sono state tradotte e ve n'è una che sembra stata composta "ad hoc" dalla Corale.
La version française de la Chorale Karaoke de Paris. La version n'est pas chantable, quelques couplets n'ont pas été traduits et il y en a un qui semble avoir été composé exprès par la Chorale. [RV]

Tratta dal volume di repertorio, p. 114.
LA GALÈRE

Nous sommes la chiourme anémique
d'une galère infâme
où la mort moissonne
par faim lente.

L'aurore n'ouvre jamais
d'horizons limpides,
et sur le pont sordide
la sentinelle hurle toujours.

Nos jours s'envolent
dans d'infectes carènes,
nous sommes maigres, pâles, esclaves,
chargés de chaînes de fer.

Pourquoi continuer à ramer,
esclaves gémissants?
Plutôt mourir dans les flots
sur la blanche écume de la mer.

Ramons jusqu'à ce que le navire
se brise sur les écueils.
Hissez le drapeau rouge et noir
dans les hurlements du vent.

Debout esclaves, aux armes!
Combattons de toute la force de nos bras,
que notre serment soit:
justice et liberté, ou la mort!

Que l'onde écumante et funeste
nous soit un lit compatissant.
Mais que se lève un jour sur ces martyrs
le soleil de l'anarchie!

L'exil au loin, peut-être
nous donnera una seule énergie:
revenir un jour,
mais sur une terre affranchie!

inviata da Riccardo Venturi - 21/4/2012 - 09:24




Lingua: Portoghese

"O galeão" - Poema de 1967 composto por Belgrade Pedrini
Canção de Paola Nicolazzi.
‎O GALEÃO

Nós somos a anémica tripulação
duma infame prisão
em que o rato da morte
mata lentamente pela fome

Nunca horizontes claros
abrem a nossa aurora
e no convés esquálido
Grita a sentinela a cada hora

Os nossos dias espiralados
entre a fétida quilha
estamos magros, abatidos, escravizados
cerrados com correntes de ferro

A lua se eleva acima do mar
revolvem as estrelas no céu
mas sobre as nossas luzes
estende-se um fúnebre véu

Tripulação de escravos ressequidos
curva-se a gemer ao remo
quebrem estas amarras
ou curvados a remar morremos

O que é isto de remar os remos, escravos gementes?
Melhor morrer entre as ondas
no branqueamento do mar

Nós remamos até que a embarcação
se choque contra os recifes
Acima o encarnado e preto (bandeira)
entre o sibilar dos ventos

E que seja piedoso o leito
a onda espumosa e cruel
mas que um dia faça surgir no horizonte os seus mártires
o sol da anarquia

Alto, escravos: às armas, às armas!
A onda borbulha em sal
trovão raios e relâmpagos
no galeão fatal

Alto, escravos, às armas, às armas!
Lutai com o braço forte!
Jurem, jurem justiça!
Ou liberdade ou morte!

Jurem, jurem justiça!
Ou liberdade ou morte!

inviata da Claudia Panizza - 2/9/2012 - 20:57




Lingua: Inglese

Una versione greca adespota trovata qui
H Γαλέρα (Σκλάβοι στα Όπλα)

Είμαστε τσούρμο αναιμικό
σε μια φριχτή γαλέρα
που πάνω της ο θάνατος
με πείνα αργά θερίζει

Ποτέ διαυγή ορίζοντα
η αυγή δεν έχει δείξει
στο βρόμικο κατάστρωμα
πάντα η φρουρά ουρλιάζει

Τις μέρες μας τις κλέβουνε
σε βρομερά σανίδια
κι είμαστε δούλοι ασθενικοί
δεμένοι με αλυσίδα

Φεγγάρι πάνω απ’ τη θάλασσα
στον ουρανό τ’ αστέρια
μα πάνω από τα φώτα μας
πένθιμο πέπλο πέφτει

Αγέλες δούλων ξέσαρκων
κωπηλατούν βογγώντας
την αλυσίδα σου αν δε σπας
πάνω στο κουπί πεθαίνεις!

Το λοιπόν, σκλάβε, που βογγάς,
κουπί θα τραβάς αιώνια;
Κάλλιο στο κύμα θάνατος
στη θάλασσα που αφρίζει

Κουπί θα τραβάμε ίσαμε,
το πλοίο στα βράχια να πέσει.
Ψηλά τις μαυροκόκκινες,
στο σφύριγμα του ανέμου!

Κι αν είναι σάβανο άθλιο
το αφρισμένο κύμα
πάνω απ’ τους μάρτυρες θα βγει
της αναρχίας ο ήλιος!

Στα όπλα, στα όπλα, σκλάβοι, ορθοί!
το κύμα ανεβαίνει, μουγγρίζει
βροντές, αστραπές, κεραυνοί
χτυπούν τη μοιραία γαλέρα!

Στα όπλα, στα όπλα, σκλάβοι, ορθοί!
Παλέψτε σκληρά, με καρδιά,
δικαιοσύνη ορκιστείτε να γίνει
κι ή θάνατο, ή λευτεριά!

δικαιοσύνη ορκιστείτε να γίνει
κι ή θάνατο, ή λευτεριά!

(Ιταλικό αναρχικό τραγούδι)

inviata da Gian Piero Testa - 24/2/2013 - 10:14




Lingua: Turco

Versione turca di Afif Say
Il Galeone Türkçe yorumu
ESIR KALYONU

Kahrolası bu kalyonun
Bitkin esirleriyiz
Açlıktan ağır ağır
Biçer ölüm bizi

Ne görünür bir ufkumuz
Ne ışık gelir bize
Leş gibi bir güvertede
Esirci bağırıp durur

Böyle günlerimiz geçer
Bu kokuşmuş teknede
Demir zincirlerle bağlı
Solmuş zayıf esirleriz

Deniz üstünde ay var
Gökte yıldızlar döner
Ama ışığı örter
Bir ölüm peçesi

Kavrulmuş esirler de
Eğilir küreklere
Zincirler kırılmazsa
Ölüme kürek çeker

Acı çeken bu esirler
Neden kürekleri çeker?
Oysa yeğdir bir ölüm
Köpüren dalgalarda.

Asilin küreklerinize
Sürelim tekneyi kayaya
Çıksin kırmızı siyah
Dalgalansin rüzgarla

Bu acımasız dalgalar
Rahat vermez bize
Ama üstünde ölenlerin
Doğar anarşi güneşi

Ayaklanın ey esirler!
Dev gibi tuzlu dalgalar
Yıldırımlar ve şimşekler
Yutsun bu tekneyi

Ayaklanın ey esirler!
Güçlü kollarınızla
And için adalete
Ya özgürlük ya ölüm

inviata da afif say - 26/12/2014 - 11:56


Un'annotazione: si scrive pugniamo, anche se all'occhio "stona" un po'; perché la radice verbale è pugn-, e la desinenza del modo indicativo tempo presente prima persona plurale è -iamo per tutte le coniugazioni (cant-iamo, ten-iamo, cred-iamo, dorm-iamo).
Un suggerimento: sarebbe utile scrivere la parola coltrice con l'accento. Pochi infatti sanno che si pronuncia cóltrice (come cóntro); da cóltre - coperta, ma anche telo funebre.
P.S.: sì, è un testo un po' legnoso, sia da capire sia da pronunciare; ma una volta capito, è stupendo. ;)

(NOTA: "Pugniam" e' stato corretto nel testo)

Stefano Stronati - 15/9/2015 - 12:22


Stasera all'Impruneta Giacomo Sferlazzo ha tenuto uno spettacolo (Lampedusa, memorie in mezzo al mare. Canzoni e racconti su Lampedusa) e ha cantato anche questa canzone.
Naturalmente nel sito anche Sferlazzo (per me finora del tutto sconosciuto) è presente.

Silva - 6/12/2015 - 20:31


La versione greca è stata cantata in greco da Thanos Anestopoulos (Θάνος Ανεστόπουλος), morto proprio oggi all'età di 49 anni:

Panitaliano (Panos Italiano) - 3/9/2016 - 22:41


versione dei Sindrome del Dolore

14/7/2017 - 10:03


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org