Lingua   

Non mi avete fatto niente

Ermal Meta e Fabrizio Moro


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Io so tutto
(Fabrizio Moro)
Prete
(Simone Cristicchi)


2018
Testo e musica di Fabrizio Moro, Ermal Meta e Andrea Febo
Negli album:
Pensieri rumori e anni, the best of, di Fabrizio Moro
Non abbiamo Armi, di Ermal Meta
Interpretata nella seconda serata di Sanremo con Simone Cristicchi

parole
armi


La canzone vincitrice del Festival di Sanremo del 2018. Non mi soffermo sull'accusa di plagio. Il brano riprende il ritornello di "Silenzio" di Andrea Febo.
È una canzone contro la paura che si è generata soprattutto in questi ultimi anni nel mondo, dopo gli innumerevoli attentati terroristici. 

"Su quella canzone, su quel ritornello avevo lavorato per un anno cercamdo di dargli una forma che poi non è arrivata. L'idea, con Ermal, era quella di scrivere un pezzo sulla paura che in questo momento storico ha contaminato tutti noi. Un familiare di una vittima del Bataclan aveva scritto una lettera e l'aveva letta in mondovisione e quella lettera finiva proprio con la frase 'non ci avete fatto niente'. 
A Il Cairo(1) non lo sanno che ore sono adesso
Il sole sulla Rambla(2) oggi non è lo stesso
In Francia c’è un concerto(3)
la gente si diverte
Qualcuno canta forte
Qualcuno grida a morte
A Londra(4) piove sempre ma oggi non fa male
Il cielo non fa sconti neanche a un funerale
A Nizza(5) il mare è rosso di fuochi e di vergogna
Di gente sull’asfalto e sangue nella fogna 

E questo corpo enorme che noi chiamiamo Terra
Ferito nei suoi organi dall’Asia all’Inghilterra
Galassie di persone disperse nello spazio
Ma quello più importante è lo spazio di un abbraccio
Di madri senza figli, di figli senza padri
Di volti illuminati come muri senza quadri
Minuti di silenzio spezzati da una voce

Non mi avete fatto niente
Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre

C’è chi si fa la croce
E chi prega sui tappeti
Le chiese e le moschee
l’Imàm e tutti i preti
Ingressi separati della stessa casa
Miliardi di persone che sperano in qualcosa
Braccia senza mani
Facce senza nomi
Scambiamoci la pelle
In fondo siamo umani
Perché la nostra vita non è un punto di vista
E non esiste bomba pacifista

Non mi avete fatto niente
Non mi avete tolto niente
Questa è la mia vita che va avanti
Oltre tutto, oltre la gente
Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Le vostre inutili guerre

Cadranno i grattacieli e le metropolitane
I muri di contrasto alzati per il pane
Ma contro ogni terrore che ostacola il cammino
Il mondo si rialza
Col sorriso di un bambino 
Col sorriso di un bambino 
Col sorriso di un bambino 

Non mi avete fatto niente
Non avete avuto niente
Perché tutto va oltre le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete tolto niente
Le vostre inutili guerre
Non mi avete fatto niente
Le vostre inutili guerre
Non avete avuto niente
Le vostre inutili guerre
Sono consapevole che tutto più non torna
La felicità volava
Come vola via una bolla
(1) Numerosi gli attentati in Egitto. Attentato in una chiesa Copta al Cairo, 11 Dicembre 2016. 25 morti.
Altro attentato presso chiesa Copta, 29 dicembre 2017. 10 morti

(2) Attentato sulla Rambla di Barcellona, 17 agosto 2017. Un camioncino si lancia sulla folla. 16 morti.

(3) Attentati di Parigi, 13 novembre 2015. 130 morti; di cui 90 al Bataclan.

(4) Diversi gli attacchi terroristici a Londra, tra bombe nella metro, auto kamikaze e accoltellamenti.

(5) Attentato sulla Promenade des anglais a Nizza, 14 luglio 2016. Un camion sulla folla. 87 morti.

inviata da Dq82 - 4/2/2018 - 14:18




Lingua: Francese

Traduzione francese di Anthony Dezan da Lyrics Translate
VOUS NE M'AVEZ RIEN FAIT

Au Caire, ils ne savent pas l'heure qu'il est
Aujourd'hui le soleil sur la Rambla n'est pas le même
En France il y a un concert les gens s'amusent
Quelqu'un chante bruyamment,quelqu'un crie "à mort"

Il pleut toujours à Londres,mais aujourd'hui ça ne fait pas mal
Le ciel n'offre pas de réductions,même lors d'un enterrement
A Nice la mer est rouge de feux et de honte
Des gens sur l'asphalte et du sang à l'égout

Et ce corps énorme que nous appelons la terre
Blessé dans ses organes d'Asie à l'Angleterre
Des galaxies de personnes dispersées dans l'espace
Mais le plus important est l'espace d'un câlin

De mères sans enfants d'enfants sans pères
De visages illuminés,comme des murs sans peintures
Des minutes de silence,brisées par une voix
"Vous ne m'avez rien fait"

Vous ne m'avez rien fait
Vous n'avez rien pris de moi
C'est ma vie qui continue
Au-delà de tout,au-delà des gens

Vous ne m'avez rien fait
Vous n'avez rien eu
Parce que tout va au-delà
De vos guerres inutiles

Il y a ceux qui font la croix, ceux qui prient sur les tapis
Les églises et les mosquées, les imams et tous les prêtres
Des entrées séparées de la même maison
Des milliards de personnes qui espèrent quelque chose

Les bras sans mains,les visages sans noms
Échangeons la peau après tout nous sommes humains
Parce que notre vie n'est pas un point de vue
Et il n'y a pas de bombe pacifiste

Vous ne m'avez rien fait
Vous n'avez rien pris de moi
C'est ma vie qui continue
Au-delà de tout,au-delà des gens

Vous ne m'avez rien fait
Vous n'avez rien eu
Parce que tout va au-delà
De vos guerres inutiles

De vos guerres inutiles

Les gratte-ciel et les métros tomberont
Les murs contrastés élevés pour le pain
Mais contre toute terreur qui gêne le voyage
Le monde se lève avec le sourire d'un enfant
Avec le sourire d'un enfant
Avec le sourire d'un enfant


Vous ne m'avez rien fait
Vous n'avez rien eu
Parce que tout va au-delà
De vos guerres inutiles

Vous ne m'avez rien fait
Vos guerres inutiles
Vous n'avez rien pris de moi
Vos guerres inutiles
Vous ne m'avez rien fait
Vos guerres inutiles
Vous n'avez rien eu
Vos guerres inutiles

Je suis conscient que tout ça ne reviendra plus
Le bonheur a volé
Comme une bulle qui s'envole au loin

11/2/2018 - 12:29




Lingua: Inglese

Versione inglese di Francesca Macilletti
YOU'VE DONE NOTHING TO ME

In Cairo, they don’t know what time is it now
Today the sun above the Rambla isn’t the same
In France, there’s a concert
people are having fun
someone’s singing loudly
someone’s screaming “death”
In London, it always rains but today it doesn’t hurt
The sky has no pity, not even for a funeral
In Nizza, the sea is red with fire and shame
with people on the tarmac, and blood in the sewer

And this huge body which we call Earth
wounded at its core from Asia to England
Galaxies of people scattered in space
But what’s more important, it’s the space of a hug
of childless mothers, of fatherless children
of lit faces like walls without paintings
Minutes of silence interrupted by a voice
You’ve done nothing to me

You’ve done nothing to me
You’ve taken nothing from me
Here’s my life going on
Despite anything, despite people
You’ve done nothing to me
You’ve gained nothing
Because everything goes beyond your pointless wars

There’s who makes the sign of the Cross
who prays on the carpet
Churches and Mosques
Imams and every priest
Separate entrances in the same home
Thousands of people hoping for something
arms without hands
Nameless faces
Let’s wear each other’s skin
At the end of the day, we’re all human
because our life is not a point of view
and there’s no such a thing as a pacifist bomb

You’ve done nothing to me
You’ve taken nothing from me
Here’s my life going on
Despite anything, despite people
You’ve done nothing to me
You’ve gained nothing
Because everything goes beyond your pointless wars
your pointless wars

Skyscrapers will fall, so will the subways
and the walls of dispute built for bread too
But against every form of terror which impedes the path
the world raises up
with the smile of a child
with the smile of a child
with the smile of a child

You’ve done nothing to me
You’ve gained nothing
Because everything goes beyond your pointless wars
You’ve done nothing to me
your pointless wars
You’ve taken nothing from me
your pointless wars
You’ve gained nothing
your pointless wars
I’m aware of the fact that nothing comes back
happiness used to fly
like a bubble flies away

inviata da Francesca Macilletti - 23/3/2018 - 01:35


La lettera di Antoine Leiris che ha ispirato la canzone


Letta a Sanremo in apertura alla canzone


«Venerdì sera avete rubato la vita di una persona eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, eppure non avrete il mio odio. Non so chi siete e non voglio neanche saperlo. Voi siete anime morte. Se questo Dio per il quale ciecamente uccidete ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore. Perciò non vi farò il regalo di odiarvi. Sarebbe cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Voi vorreste che io avessi paura, che guardassi i miei concittadini con diffidenza, che sacrificassi la mia libertà per la sicurezza. Ma la vostra è una battaglia persa.  
L’ho vista stamattina. Finalmente, dopo notti e giorni d’attesa. Era bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando mi innamorai perdutamente di lei più di 12 anni fa. Ovviamente sono devastato dal dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma sarà di corta durata. So che lei accompagnerà i nostri giorni e che ci ritroveremo in quel paradiso di anime libere nel quale voi non entrerete mai. Siamo rimasti in due, mio figlio e io, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo andare da Melvil che si risveglia dal suo pisolino. Ha appena 17 mesi e farà merenda come ogni giorno e poi giocheremo insieme, come ogni giorno, e per tutta la sua vita questo petit garçon vi farà l’affronto di essere libero e felice. Perché no, voi non avrete mai nemmeno il suo odio».

*




Vendredi soir vous avez volé la vie d’un être d’exception, l’amour de ma vie, la mère de mon fils, mais vous n’aurez pas ma haine. Je ne sais pas qui vous êtes et je ne veux pas le savoir, vous êtes des âmes mortes. Si ce dieu pour lequel vous tuez aveuglément nous a fait à son image, chaque balle dans le corps de ma femme aura été une blessure dans son cœur.
Alors non je ne vous ferai pas ce cadeau de vous haïr. Vous l’avez bien cherché pourtant mais répondre à la haine par la colère, ce serait céder à la même ignorance qui a fait de vous ce que vous êtes. Vous voulez que j’aie peur, que je regarde mes concitoyens avec un œil méfiant, que je sacrifie ma liberté pour la sécurité. Perdu. Même joueur joue encore.
Je l’ai vue ce matin. Enfin, après des nuits et des jours d’attente. Elle était aussi belle que lorsqu’elle est partie ce vendredi soir, aussi belle que lorsque j’en suis tombé éperdument amoureux il y a plus de douze ans. Bien sûr je suis dévasté par le chagrin, je vous concède cette petite victoire, mais elle sera de courte durée. Je sais qu’elle nous accompagnera chaque jour et que nous nous retrouverons dans ce paradis des âmes libres auquel vous n’aurez jamais accès.
Nous sommes deux, mon fils et moi, mais nous sommes plus fort que toutes les armées du monde. Je n’ai d’ailleurs pas plus de temps à vous consacrer, je dois rejoindre Melvil qui se réveille de sa sieste. Il a 17 mois à peine, il va manger son goûter comme tous les jours, puis nous allons jouer comme tous les jours et toute sa vie ce petit garçon vous fera l’affront d’être heureux et libre. Car non, vous n’aurez pas sa haine non plus.

*



On Friday night, you stole the life of an exceptional being, the love of my life, the mother of my son, but you will not have my hate. I don’t know who you are and I don’t want to know. You are dead souls. If that God for whom you blindly kill made us in his image, every bullet in my wife’s body will have been a wound in his heart.
So, no, I will not give you the satisfaction of hating you. That is what you want, but to respond to your hate with anger would be to yield to the same ignorance that made you what you are. You want me to be scared, to see my fellow citizens through suspicious eyes, to sacrifice my freedom for security. You have failed. I will not change.
I saw her this morning. At last, after days and nights of waiting. She was as beautiful as when she went out on Friday evening, as beautiful as when I fell madly in love with her more than twelve years ago. Of course I’m devastated by grief, I grant you that small victory, but it will be short-lived. I know that she will be with us every day and that we will see each other in the paradise of free souls to which you will never have access.
There are only two of us – my son and myself – but we are stronger than all the armies of the world. Anyway, I don’t have any more time to waste on you, as I must go to see Melvil, who is waking up from his nap. He is only seventeen months old. He will eat his snack as he does every day, then we will play as we do every day, and all his life this little boy will defy you by being happy and free. Because you will not have his hate either.
 

Dq82 - 10/2/2018 - 00:08


e si piazza sul podio... attendiamo con trepidazione il risultato. Tanto lo so che tutto lo staff delle CCG tifa per Lo Stato Sociale.

Tranne B.B. - appassionato di pop - che preferisce Annalisa...

scherzo.

Lorenzo - 11/2/2018 - 00:37


E vincono! Sbaglio o è la prima CCG che vince Sanremo? Ah no, c'era anche Chiamami ancora amore.

Lorenzo - 11/2/2018 - 01:22


Un po' piagnucoloso, ma può andare.
Alla faccia di SETTE anni di guerra in Siria.
I mercati e gli ospedali bombardati un ora dopo dai russi.
Saltiamo, bevimao, ci divertiamo.
Semmo er meglio.

krzyś Ѡ - 11/2/2018 - 04:58


Davvero: ma quanto sono cattivi, i russi.

Io non sto con Oriana - 11/2/2018 - 10:35


Beh, Lorenzo, ci hai abbastanza preso.
"Il mondo prima di te" la trovo bellissima.
Per quanto riguarda Annalisa nel video ufficiale, avrei preferito trasparenze su pelle nuda (i "mutandoni" non vanno proprio bene) e un normale paio di anfibi al posto di quelle improbabili zeppe su calzini tipo basket...

Mi sa che deve cambiare il/la costumista...

Ciau!

B.B. - 11/2/2018 - 14:49


...e avrebbe dovuto vincere anche l'EUROVISION, che non guarderò mai più.
Quest'anno si è dimostrata una delle gare canore con le giurie più "trash" e peggio orientate a livello globale.

Cristina Maccarrone - 14/5/2018 - 15:45


Meno male che non hanno vinto se no Ermal Meta doveva trasferirsi a Barcellona per formare il nuovo governo catalano....

Lorenzo - 14/5/2018 - 23:22


E perchè non direttamente quello italiano?

Dq82 - 14/5/2018 - 23:42


Questo concorsuccio schiera da anni toticutugni armeni e claudivilla gallesi e fino a qualche anno fa si svolgeva nella gelida indifferenza delle televisioni dell'Europa occidentale. All' "euro" nel nome si teneva moltissimo a Plovdiv, a Kutaisi e a Bursa, ma poco o nulla in località la cui audience è tenuta in sonno conto, come Valdobbiàdene o Foiano della Chiana.
Adesso, moltiplicati i canali tv, i poveracci che compilano i palinsesti trovano tutto buono.
L'ultima edizione pare l'abbia vinta una certa Barzilai a nome dello stato sionista. La cosa ha fruttato altre foto di trentenni a bagno nelle fontane di Tel Aviv e qualcuno ha anche inferito la Valenza antiiraniana della cosa. Alé, la "libera informazione" ha fatto giornata anche oggi.

Anni fa una calcatrice di palchi oscenici proveniente dalla penisola italiana tentò il solito escamotage di presentarsi in mutande. Fu rispedita a Bisceglie in sei secondi. Pare incredibile ma esistono limiti anche in certe sedi.

Io non sto con Oriana - 15/5/2018 - 07:33


Sì, poi ci vai tu a dire a Salvini che ci s'ha un presidente del consiglio albanese...!

Riccardo Venturi - 15/5/2018 - 08:01


Grande idea. Telefona subito a Gigi. Moro può fare il presidente visto che ha pure il cognome da statista. Meta agli esteri per far finire le vostre stupide guerre. Non so se Salvini sarà d'accordo sul nome di quell'immigrato albanese

Lorenzo - 15/5/2018 - 08:12


Sì, però sospetto che il rugbyista Dq82 abbia proposto "Meta" come presidente del consiglio anche per motivi di palla ovale...!!!

Riccardo Venturi - 15/5/2018 - 08:55



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org