Lingua   

Tammorriata della valle offesa

Compagnia Daltrocanto


Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Qui !
(Sangre rebelde)
Crucifixus
(Enzo Avitabile)
La valle
(La Gorgia)


2015
Tra le pieghe di un cielo stellato
cielo stellato

Trascritta all'ascolto

Speranza, Terra e Nostra sono parole dense di significato e concetti fondamentali, ma che nella quotidianità dei nostri tempi sembra non abbiano più il giusto valore.
Il progetto Play Social - Agire Sociale nasce esattamente per questo, per riflettere su quanto è comunemente nostro; per accrescere, con azioni concrete reali, la capacità di ciascuno di poter condividere e salvaguardare quello che tutti definiamo bene comune.
Quale modo migliore, allora, che farlo raccontando una storia tra immagini, musica e parole?
Ed eccola qui, allora, la clip Tammorriata della Valle Offesa che prende il nome dal brano che ne fa da colonna sonora, scritto e suonato dalla Compagnia Daltrocanto, e sintetizza un percorso lungo tre mesi, che ha visto discutere e confrontarsi diverse ed eterogenee realtà: dall’Associazione Daltrocanto, promotrice e animatrice del progetto, a Greenpeace; dal Movimento No Tav della Val di Susa al Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Salerno Sodalis CSV.
Non resta che inserire il Dvd nel lettore e premere Play(Social).
Nun tenono rispietto né pei femmini né pei maschio
l'occhio annebbiato ru fumo du guadagno
nun tenono scuorno de asciuttà lu stagno

quando la natura izza l'occhio a u cielo
la polvere di rruspe l'ha coperta con un velo
nun ce sta rispietto pei frutti du terrenu
s'ha da fa' chiù spazio c'ha da passa' lu treno

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

Eddi della valle se difendono dal treno
ma muore 'na terra cantata dai puete
quando splende u sule l'odore la mattina
nun può lascia' sto posto a chill' e la benzina

Lu ioco è sempre 'o stesso fa passa' per delinquente
chi vuò sulamente difendere sta gente
chillu che s'arrende e resiste con curaggio
solo la speranza che tornerà ru maggio

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

La storia è sempre a stessa in tra vita di sto paese
magnano i padruni e la gente paga e spese
ma tagliono e cuce la valle offesa
padrone statt'accuorto ca sta gente nun s'è arresa

posso chiude gli occhi, sul soldo ch'è rubbato
ma nun mette mano in co' alla terra do so nnato
Fino a quann’avimme rind’o core na speranza,
pe ‘sta terra nostra continuerà la danza

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

inviata da Dq82 - 2/11/2017 - 15:29




2017
Di terra di mare e di stelle
di terra

feat. Stefano "Cisco" Bellotti
TAMMORRIATA DELLA VALLE OFFESA

...
Nun tenono rispietto né pei femmini né pei maschio
l'occhio annebbiato ru fumo du guadagno
nun tenono scuorno de asciuttà lu stagno

quando la natura alza gli occhi verso il cielo
la polvere delle ruspe l'ha coperto con un velo
non c'è sta rispetto per i frutti del terreno
s'ha da fare spazio che deve passare un treno

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

Eddi della valle se difendono dal treno
ma muore 'na terra cantata dai puete
quando spunta il sole l'odore alla mattina
nun può lasciare il posto alla puzza di benzina

Lu ioco è sempre 'o stesso fa passa' per delinquente
chi vuò sulamente difendere sta gente
chi non si vuole arrendere e resiste con coraggio
con la speranza che torni un altro maggio

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

La storia è sempre a stessa in tra vita di stu paese
magnano i padruni e la gente paga e spese
ma tagliono e cuce la valle offesa
padrone statt'accuorto ca sta gente nun s'è arresa

posso chiuder gli occhi per i soldi che han rubato
ma non mettere le mani sulla terra dove son nato
Fino a quando avremo nel cuore una speranza,
per questa terra nostra continuerà la danza

Ma la gente nun ce sta,
sta terra non può abbandona'
Ma sta gente vuo' luttà,
stu tuorto nun può suppurta'

inviata da Dq82 - 2/11/2017 - 15:39


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org