Lingua   

Cançó de la bruixa cremada

Maria Del Mar Bonet


Lingua: Catalano


Ti può interessare anche...

Mufida
(Loredana Bertè)
Regina del samba
(Riserva Moac)
Fendin
(Davide Van De Sfroos)


[1979]
Versi di Maria Mercè Marçal i Serra (1952-1998), poetessa, scrittrice, docente catalana. Femminista, omosessuale, attivista per l’indipendenza catalana, comunista.
Musica di Maria del Mar Bonet
Una canzone dallo spettacolo teatrale “La sala de les nines”, su testi di Mercè Rodoreda (1908-1983, importante scrittrice catalana) e Maria Mercè Marçal, tributo al romanzo “Bearn o La sala de las muñecas” (1956, in catalano “Bearn o La sala de nines”) dello scrittore Lorenzo Villalonga y Pons.
Più recentemente nella raccolta collettiva intitolata “Maria Mercè Marçal. Catorze poemes, catorze cançons”, 2009
Testo trovato su Cancioneros.com

Maria Mercè Marçal. Catorze poemes, catorze cançons
Bruixa, que és de matinada,
ja surten els muriacs
que et fan nit a la finestra
i t'enramen el portal.

El portal t'enramen d'arços
i el balcó de tempestats.
Surt, la bruixa, a trenc de dia
com una ombra al camí ral.

Bruixa, arrenca't de les trenes,
que s'acosta el Sol botxí,
amb el seu arc de sagetes
mulladetes de verí.

De la teva cabellera,
en farem coixí daurat
per als xiquets de la vila
que la son els has robat.

Bruixa, els teus ulls cremen massa:
per això els darem al foc.
Cap fadrí darrere cendra
perdrà els passos ni la sort.

Bruixa, plou sobre la vila.
Ja sols resta el teu vestit.
A pleret la nit s'acosta
tota negra d'estalzim.

inviata da Bernart Bartleby - 13/9/2017 - 13:34



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
14 settembre 2017 23:18

bruixa
CANZONE DELLA STREGA BRUCIATA

Strega, è già mattino presto
ed escono i pipistrelli
che ti pernottano alla finestra
e ti fan cerchio alla porta.

Alla porta, un cerchio di spini
e, al balcone, di burrasche.
Esce la strega sul far del giorno
come un'ombra sulla strada maestra.

Strega, sciogliti le trecce,
s'avvicina il Sole boia,
col suo arco di saette
imbevucchiate di veleno.

Della tua capigliatura
ne faremo cuscin dorato
per i monelli della città
a cui hai rubato il sonno.

Strega, hai gli occhi troppo ardenti:
per questo gli daremo fuoco.
Qualche giovanotto, dietro alla cenere
ci perderà i passi e la fortuna.

Strega, piove sulla città,
solo resta il tuo vestito.
Poco a poco si fa notte
tutta nera di fuliggine.

14/9/2017 - 23:19


Mi sarà (forse) scusato se mi attacco assai abusivamente a questa canzone per inserire una mia vecchia fissazione: le "Dodici streghe" (Kaksitoista noitaa) dei vecchi e meravigliosi Tarujen Saari.



Un video che sta sul Tubo da dieci anni e rotti, con il sabba erotico-silvestre delle dodici streghe guidate dalla protostrega Kaisa Saari ("saari" vuol dire "isola" in finlandese). Ovviamente non ci capisco un accidente di niente nel testo, da sempre introvabile in rete. Però mi dispiaceva che non ci fosse, qua dentro. "Un video fatto con 100 euro e un sacco di risate" ("An old music video, wich was made with 100 euros and a lot of laughs!"), dissero i Tarujen Saari.

L'Anonimo Toscano del XXI secolo - 14/9/2017 - 23:39


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org