Lingua   

'Gnanzou

Pupi di Surfaro


Ti può interessare anche...

Canto d'amuri
(Pupi di Surfaro)
Li me' paroli
(Pupi di Surfaro)
Suttaterra
(Pupi di Surfaro)


Testo e musica di Salvatore Nocera

Con la collaborazione straordinaria del musicista senegalese Jali Diabate. È il verso della “Cialoma”, il canto che accompagnava e guidava la pesca del tonno rosso nelle tonnare della Sicilia, quella che viene chiamata la “Mattanza”. Il mare si tingeva del rosso del sangue dei grossi pesci, creando uno scenario surreale e sconcertante. A questa suggestione ci siamo ispirati per l’idea del brano. Con questa metafora vogliamo raccontare l’ecatombe del Mediterraneo. Milioni di migranti che scappano dalla guerra, dalla fame, dal terrore, e, attraversando l’inferno del mare, in condizioni disumane, pregano e si aggrappano all’unico appiglio che gli rimane: la speranza di arrivare al di là di quell’orrendo mostro che minaccia di inghiottirli e restituirli alla loro sorte, troppo spesso, infausta e spietata.

Vittime del mare. Dei trafficanti di uomini e della mafia. Vittime delle guerre civili. Della miseria e della corruzione. Vittime dell'America imperialista. Dell'Europa ipocrita e razzista. Del capitalismo. Vittime dell'Occidente prepotente e colonialista. Vittime del nostro Occidente,che dopo avere, per secoli, derubato, depredato, deturpato, abusato, stuprato, schiavizzato, una terra e un popolo che adesso viene a chiedere asilo. Un Occidente che adesso dovrebbe sentirsi almeno in dovere di accogliere chi scappa da quell'inferno che l'Occidente stesso ha contribuito a creare.
Ah, prigamu ca lu mari dorma,
ca nun sciuscia forti ventu,
ah, spiramu ca ni basta l’arma,
ca stu cori trova abbentu.
Ammucciati simu cà,
dintra a la panza di Carunti,
chi ni strascina cu’ la so’ varca
‘nta stu ‘nfernu, supra l’unni.

Aspittamu ca lu suli surgi,
chi la notti è scura e funna,
voglia Diu vidirimu li spunni,
si sta varca nun affunna.
Salutammu mamma l’Africa
ca n’assicuta cu’ li bummi,
la ricchizza fu la puvirtà
dipridata di li dilinquenti.

La la la la lalalalalala…
La la la la lalalalalala…

‘Gnanzou – Diu ni scanzi
‘Gnanzou - Di cursari
‘Gnanzou - E di chiddi turchi cani
‘Gnanzou - Turchi e mori
‘Gnanzou - Sarracini
‘Gnanzou - Chi nun cridinu
‘Gnanzou - Alla fidi*

Duwaa, duwaa,
ali mbegha,
duwaa tamalaluye.**

Armi dannati, scappamu di lu ‘nfernu,
diseredati di lu Patreternu,
assicutati di tutti li santi,
nostri signuri, patruni d’occidenti.
Vagamu pi’ lu munnu dispersi,
accumpagnatinni signuri di li varchi,
patruni di lu munnu, patruni di la terra,
prufeti di la farsità, signuri di la guerra.

La la la la lalalalalala…
La la la la lalalalalala…

‘Gnanzou - Diu ni scanzi
‘Gnanzou - Di cursari
‘Gnanzou - E di chiddi turchi cani
‘Gnanzou - Turchi e mori
‘Gnanzou - Sarracini
‘Gnanzou - Chi nun cridinu
‘Gnanzou - Alla fidi*
* tratto dalla “Cialoma” (canto popolare delle tonnare)

** di Jali Diabate (Preghiera, preghiera/facciamo tutti quanti/preghiere ai viaggiatori.)

inviata da Pupi di Surfaro - 11/8/2017 - 08:27


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org