Lingua   

O Sardigna patria nostra [O Sardigna, custa est s'ora]

Angelo [Anghelu, Anzelu] Caria


Lingua: Sardo


Ti può interessare anche...

Sa Brigada Sassaresa
(Peppino Marotto)
L'Internationale
(Eugène Pottier)
Kenze neke
(Kenze Neke)


[1973]
Testo di Angelo Caria
Musica: La Makhnovtchina
(По долинам и по взгорьям, canzone popolare russa)

Angelo Caria.
Angelo Caria.


Il canto, divenuto un vero e proprio inno indipendentista sardo, fu scritto nel 1973 dal poeta e attivista indipendentista Angelo (Anghelu, Anzelu) Caria, autore tra le altre cose anche della versione sarda dell'Internazionale. Angelo Caria, nato a Nuoro/Nùgoro il 19 maggio 1947 e morto sempre a Nuoro il 24 febbraio 1996, è stato un protagonista della lotta indipendentista sarda in chiave socialista, anticolonialista e antimilitarista. Fu il fondatore del quotidiano marxista e anticolonialista Su populu Sardu, da cui nascerà un movimento omonimo nel 1973.

Non esiste un “titolo fisso” per questo canto, che Angelo Caria adattò alla melodia della Makhnovtchina, il canto delle milizie anarchiche ucraine di Nestor Makhno, ripresa a sua volta dalla canzone popolare russa Po dolinam i po vzgoŕam (“Per vallate e per colline”) solo con lievissime modifiche. Il canto è noto sia come O Sardigna patria nostra, sia come O Sardigna custa est s'ora, titoli entrambi ripresi da versi del canto stesso.

Non si contano letteralmente le esecuzioni di questo canto da parte di artisti e gruppi sardi. In generale, la versione adesso più conosciuta e interpretata è quella che va sotto il titolo di Ke a sos Bascos e a sos Irlandesos, interpretata dai Kenze Neke ed inserita loro primo album ufficiale Naralu! De uve sese (“Dillo di dove sei!”) del 1992 (l'album, così come la canzone fondante Kenze neke ["Senza colpa"] in esso contenuta, è dedicata all'anarchico sardo Michele Schirru, fucilato dal regime fascista nel 1931 per l'intenzione di attentare alla vita di Benito Mussolini). La versione dei Kenze Neke contiene due strofe aggiuntive scritte da Enzo Saporito.

Tale versione dei Kenze Neke era già contenuta autonomamente nel sito; nel rifondare la pagina dedicata a questa importante canzone, il materiale che vi era contenuto è stato naturalmente integrato. Lo spunto è stato dato sia da Sergio Durzu del Deposito sia da entrambe le Roberte presenti all'ultima edizione di Fino al cuore della Rivolta, il festival Resistente che si svolge ogni anno a Fosdinovo (MS) tra la fine di luglio e l'inizio di agosto. Sergio Durzu, con la sua chitarra ed il suo ukulele, non manca mai di eseguire questo canto. Il canto, nella sua versione “kenzenekiana”, è ovviamente presente anche nel Deposito. [RV]


Interpretata (parzialmente) da Lou Di Franco
Oh Sardigna custa est s'ora
ke ti deppes iskidare
e nos Sardos totu umpare
si ki pesent in bon'ora
e nos Sardos totu umpare
si ki pesent in bon'ora


Sa rikesa sunt furande
in d'una manera indigna
e sas costas de Sardigna
de zimentu cuccuzzande
e sas costas de Sardigna
de zimentu cuccuzzande


Oh Sardigna patria nostra
de sa limba t'ant privau
e s'istoria ant cubau
pro sikire in custa zostra
e s'istoria ant cubau
pro sikire in custa zostra


Una tanca fatta a muru
fatta a s'afferra afferra
si su kelu fit in terra
si l'aiant serradu puru
si su kelu fit in terra
si l'aiant serradu puru


A sos meres coloniales
aperrieli trumba e fogu
ca non paret prus su logu
pro su ki nos ant fattu heris
ca non paret prus su logu
pro su ki nos ant fattu heris


Como a Cuba tandho in Vietnam
sos Irlandesos kin sos Bascos
moviebos omines sardos
bos deppiene iskidare
moviebos omines sardos
bos deppiene iskidare.

inviata da Riccardo Venturi - 6/8/2017 - 19:53




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
6 agosto 2017 21:04
O SARDEGNA PATRIA NOSTRA
[O SARDEGNA, QUESTA È L'ORA]

Oh Sardegna, questa è l'ora
che ti devi risvegliare,
e noi tutti sardi insieme
ci svegliamo di buon'ora
e noi tutti sardi insieme
ci svegliamo di buon'ora.


La ricchezza stan rubando
in una maniera indegna
e le coste della Sardegna
stan riempiendo di cemento
e le coste della Sardegna
stan riempiendo di cemento.


Oh Sardegna Patria nostra,
della lingua t'han privata
e la storia hanno nascosto
per continuar la loro giostra,
e la storia hanno nascosto
per continuar la loro giostra.


Un pascolo chiuso a muro
fatto a chi piglia piglia,
se il cielo fosse in terra
avrebbero recintato anche quello
se il cielo fosse in terra
avrebbero recintato anche quello.
[1]

Ai padroni colonialisti
appicategli fuoco,
ché questo posto non sembra più lo stesso
dopo quello che ci hanno fatto ieri
ché questo posto non sembra più lo stesso
dopo quello che ci hanno fatto ieri.


Come a Cuba e così in Vietnam,
come i Baschi e gli Irlandesi,
avanti, sarde genti,
vi dovete risvegliare,
avanti, sarde genti,
vi dovete risvegliare.
[1] Si tratta di un riferimento alle leggi italiane del XIX secolo che imposero la privatizzazione forzata delle terre contrariamente all'antico costume sardo dell'uso comune delle terre coltivabili e dei pascoli. La privatizzazione ebbe spesso luogo con frodi, abusi padronali ed oppressioni, ed ebbe come conseguenza una sequela di vendette e odi. La strofa è ripresa dalla poesia Tancas serradas a muru di Melchiorre Murenu (1803-1854), noto come l' “Omero sardo” a causa della sua precoce cecità.

6/8/2017 - 21:04




Lingua: Sardo

Ke a sos Bascos e a sos Irlandesos, la versione ampliata dei Kenze Neke.

kenzenekek

Il canto sardo è stato reinterpretato in chiave combat rock dai Kenze Neke, nel loro primo album ufficiale Naralu! de uve sese del 1992. Come specificicato anche nell'introduzione generale, si tratta attualmente della versione più conosciuta. Le due ultime strofe aggiuntive sono state scritte da Enzo Saporito.

KE A SOS BASCOS E A SOS IRLANDESOS

Oh Sardigna custa est d'ora
ke ti deppes iskidare
e sos Sardos totu impare
si ki pesent in bon'ora

Sa rikesa sunt furande
in d'una manera indigna
e sas costas de Sardigna
de zimentu cuccuzzande

Oh Sardigna patria nostra
de sa limba t'ant privau
e 'sistoria ant cubau
pro sikire in custa zostra

Una tanca fatta a muru
fatta a s'afferra afferra
si su kelu fit in terra
si l'aiant serradu puru

A sos meres coloniales
aperrieli trumba e fogu
ca non paret prus su logu
pro su ki nos ant fattu heris

Como a Cuba tandho in Vietnam
sos Irlandesos kin sos Bascos
moviebos omines sardos
bos deppiene iskidare

Non prus voto, non prus listas
non prus truffas de eletziones
solu bandas comunistas
pro sa sarda rivolutzione

In su monte et in su pianu
un su pianu et in su monte
e kin s'istendardu in manos
ki est'istadu de su sardu in fronte.

inviata da Riccardo Venturi - 6/8/2017 - 20:03




Lingua: Italiano

Versione italiana della versione dei Kenze Neke
Di Riccardo Venturi
6 agosto 2017 21:10

naralu
COME I BASCHI E GLI IRLANDESI

Oh Sardegna, questa è l'ora
che ti devi risvegliare,
e noi tutti sardi insieme
ci svegliamo di buon'ora

La ricchezza stan rubando
in una maniera indegna
e le coste della Sardegna
stan riempiendo di cemento

Oh Sardegna Patria nostra,
della lingua t'han privata
e la storia hanno nascosto
per continuar la loro giostra,

Un pascolo chiuso a muro
fatto a chi piglia piglia,
se il cielo fosse in terra
avrebbero recintato anche quello

Ai padroni colonialisti
appicategli fuoco,
ché questo posto non sembra più lo stesso
dopo quello che ci hanno fatto ieri

Come a Cuba e così in Vietnam,
come i Baschi e gli Irlandesi,
avanti, sarde genti,
vi dovete risvegliare

Non più voto, non più liste
non più truffe elettorali
solo bande comuniste
per la rivoluzione sarda

Sul monte e al piano
al piano e sul monte
e con la bandiera in mano
chi ha capeggiato il sardo.

6/8/2017 - 21:10




Lingua: Sardo

La versione dei KNA (Kenze Neke + Askra, 2006-2012)

O SARDIGNA PATRIA NOSTRA

O Sardigna, custa est s’ora
chi ti depes ischidare
e sos sardos tot’impare
s’inde pesen in bonora

Sa richesa sun furande
in d’una manera indigna
e sas costas de Sardigna
de cimentu cucuzande

A su mere coloniale
aperieli trumba ‘e fogu
ca no paret prus su logu
pro su chi nos an fatt’heris

Una tanca fatt’a muru,
fatta a s’aferra aferra:
si su chelu fit in terra
si l’aìan serradu puru

O Sardigna, patria nostra,
de sa limba t’an privadu
e s’istoria t’an cubadu
pro sichire in custa giostra

Unu fronte de unione
e chi trunchet sas cadenas
non prus lagrimas nen penas
sotzialismu e libertade

Resistentzia, resistentzia
pro sa nostra libertade!
Chin sa sarda identidade
crescat s’indipendentzia

inviata da Riccardo Venturi - 6/8/2017 - 21:34




Lingua: Inglese

La traduzione inglese di Hampsicora della precedente versione.

Proviene, con la relativa nota, da una pagina Lyricstranslate
OH SARDINIA OUR FATHERLAND

Oh Sardinia, this is the time
when you must wake up
and may all Sardinians together
rise up readily

They are stealing our wealth
in a despicable manner
and overwhelming with concrete
the coasts of Sardinia

To the colonial master,
throw to him a swirl of fire
because it looks no longer the same country
after what they did to us yesterday

An enclosure fenced by a wall,
made seizing as much as you can:
if the sky were on earth
they'd enclose even that [1]

Oh Sardinia, our fatherland,
they've deprived you of your language
and have concealed your history
to keep on this carousel

A united front
that breaks the chains,
never more tears nor pain,
but socialism and freedom

Resistance, resistance
for our freedom!
With Sardinian identity
may independence grow!
[1] A reference to the Italian laws of the nineteenth century who imposed the forced privatization of lands in contrast to the ancient Sardinian custom of common use of farming and grazing lands. The privatization often took place with fraud, leading abuses and oppressions, and took along a trail of revenges and hatreds. This strophe is taken from the poem “Tancas serradas a muru” by Melchiorre Murenu (1803-1854), known as the Sardinian Homer because of his early blindness.

inviata da Riccardo Venturi - 6/8/2017 - 23:09





La traduzione in gaelico scozzese della precedente versione.

Opera di Tom Thomson, proviene dalla una pagina Lyricstranslate.
A SHÀRDAINEA, AR DUTHAICH

A Shàrdainea is tìm
dhuit dusgadh
agus tìm do na Sàrdainich, uile le cheile,
éirigh gu deònach ealamh.
 
Tha iad a' slaideadh ar beartais
air mhodh dìmheasail gun onair
agus a' trasgradh nan oirthirean de Sàrdainea
le cruadhtan.
 
Tilgibh meall teine
do luchd-riaghlaidh na cholonaidhe,
oir an déidh na rinn iad oirnn an-dé
thainig caochladh air coltais na duthcha.
 
Pairc is balla uimpe,
a rinneadh ach an goidear na's urrainn daibh goid;
nan robh an speur air talamh
deanadh iad balla mu'n speur fhéin.
 
A Shàrdainea, ar duthaich 's ar tìr,
thug iad dhiot do chànan,
is chum iad fodha t'eachdraidh
gus an gional a' cumail riaraichte.
 
Nochd aghaidh aonaichte
a bhriseas na slabhraidhean,
crìoch air na deoir 's air na cràidh,
sòisealachd agus saorsainn.
 
Comhaireachd, comhaireachd
air son ar saorsa!
Gum fàsadh neo-eisimeileachd
cuide ri dearbh-aithne Shàrdaineach.

inviata da Riccardo Venturi - 6/8/2017 - 21:43


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org