Lingua   

Working Class Hero

John Lennon


Lingua: Inglese

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Canzone per Vladimir Pravik
(Alex Cambise)
The Luck Of The Irish
(John Lennon)
Masters Of War
(Bob Dylan)


da "John Lennon/Plastic Ono Band" (1970)
John Lennon 1970

Etichettata immediatamente come canzone "alla Dylan" (paragone che lo stesso Lennon minimizzo' dicendo "chiunque canti di cose serie accompagnandosi con la chitarra e con la voce nasale suona un po' come il primo Dylan"). La progressione degli accordi e in parte la melodia sono basate in realtà su "Nottamun Town" nell'interpretazione di Jean Ritchie, la stessa melodia che Dylan uso' per Masters Of War.

È una canzone contro un tipo di guerra diversa, ma non meno crudele, dalle guerre dichiarate tra Stati. La guerra, interna alla società, per "farsi una carriera", per "arrivare più in alto", dove bisogna scavalcare gli altri "imparando a sorridere mentre uccidi", La guerra imposta dall'arrivismo. La canzone più politica, più esplicita, schierata e spietata di John Lennon, un capolavoro assoluto.

Tra i numerosi artisti che si sono cimentati in una cover di questa canzone ricordiamo Marianne Faithfull, i Noir Désir e i Green Day.
As soon as you're born they make you feel small
By giving you no time instead of it all
Till the pain is so big you feel nothing at all
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

They hurt you at home and they hit you at school
They hate you if you're clever and they despise a fool
Till you're so fucking crazy you can't follow their rules
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

When they've tortured and scared you for twenty odd years
Then they expect you to pick a career
When you can't really function you're so full of fear
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

Keep you doped with religion and sex and TV
And you think you're so clever and class less and free
But you're still fucking peasants as far as I can see
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

There's room at the top they are telling you still
But first you must learn how to smile as you kill
If you want to be like the folks on the hill
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be
If you want to be a hero well just follow me
If you want to be a hero well just follow me

inviata da Lorenzo Masetti - 10/3/2007 - 14:50




Lingua: Italiano

Versione italiana di Lorenzo Masetti
EROE DELLA CLASSE OPERAIA

Appena nato ti fanno sentire piccolo
non ti danno il tempo, invece di dartelo tutto
finché il dolore si fa così grande che non senti più nulla
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Bisogna essere un eroe della classe operaia

Ti feriscono a casa, e ti picchiano a scuola
Ti odiano se sei intelligente e poi disprezzano gli imbecilli
finché diventi così fottutamente pazzo che non puoi seguire le loro regole
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Bisogna essere un eroe della classe operaia

Prima ti torturano e ti terrorizzano per venti assurdi anni
Poi si aspettano che intraprendi una carriera
Quando non puoi funzionare davvero sei così terrorizzato
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Bisogna essere un eroe della classe operaia

Ti tengono drogato con la religione e il sesso e la TV
e pensi di essere così intelligente, senza casta, libero,
ma resti uno zotico del cazzo, per quanto ne so
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Bisogna essere un eroe della classe operaia

"C'è spazio in cima", continuano a dirti
"ma prima devi imparare a sorridere mentre uccidi"
Se vuoi imparare a essere come la gente sulla montagna
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Bisogna essere un eroe della classe operaia
Se vuoi essere un eroe, bene, seguimi
Se vuoi essere un eroe, bene, seguimi.

10/3/2007 - 15:03




Lingua: Francese

Version française – HÉROS DE LA CLASSE OUVRIÈRE – Marco Valdo M.I. – 2009
d'après la version italienne de Lorenzo Masetti – EROE DELLA CLASSE OPERAIA – 2007
et de la chanson anglaise – Working Class Hero – John Lennon – 1970

Cette chanson, dit Marco Valdo M.I., je l'ai traduite car Lorenzo Masetti (en somme, notre père aubergiste... Je rappelle que c'est lui qui nous accueille, en plus d'avoir traduit John Lennon) l'avait traduite. Comme quoi, il n'est jamais inutile de traduire.

C'était l'occasion de saluer de manière tout à fait amicale et particulière Lorenzo Masetti, sans qui...

Je l'ai traduite aussi car dans nos contrées septentrionales de Wallonie où vit l'émigré Marco Valdo M.I., toute une action culturelle ouvrière (essentiellement des concerts...) à destination des jeunes d'aujourd'hui s'intitule Working Class Heroes.

J'ai suivi la version de Lorenzo Masetti car je ne connais pas plus l'anglais que l'italien. Il m'a donc fallu m'accrocher et comme toujours, demander de l'aide à plus compétent que moi.

J'ai donc fait une version française de la version italienne de Lorenzo Masetti, mâtinée d'un peu de retour à la version d'origine.

Je ne sais pas si cette chanson est géniale (il y en a qui le disent, mais moi, je suis un âne, dit mon ami Lucien, et en matière de génie, je n'en sais pas plus que toi...) ou si elle ne l'est pas; tout ce que j'en sais, c'est qu'elle me paraît assez juste et assez clairvoyante. C'est pour ça que je l'aime bien.
Elle suffisamment pleine d'humour et d'ironie (comme Pilote était plein d'humour et de bandes dessinées) pour qu'on la regarde de près et qu'on se la partage, dit Lucien l'âne.

Comme l'on sait, dans un certain sens, Marco Valdo M.I. est en soi un WCH (Working Class Hero), étant un M.I. – un Manovale Intellettuale. D'autre part, comme le vrai Marcovaldo, il est également un fucking peasant, un foutu paysan, en français ancien : un cul terreux, tombé d'on ne sait quel trou perdu. C'est donc aussi un peu sa chanson.

Bof, dit Marco Valdo M.I., avec tout ça, c'est une chanson du « bright side of the street », du bon côté de la rue, du bon côté dans la Guerre de Cent Mille Ans que les riches font aux pauvres. Le bon côté, le côté ensoleillé est celui du cœur, le cœur se porte à gauche comme l'on sait, du côté de ceux qui n'ont pour eux que le cœur, la solidarité, bref, les fameux « WCH », qui sont les Canuts d'aujourd'hui.
Lesquels Canuts chantaient : « Nous tisserons le linceul du vieux monde... »

Allons, WHC, courage, on finira bien par leur mettre dans... et joyeusement encore.

Ora e sempre : Resistenza !

Ainsi Parlait Marco Valdo M.I.
HÉROS DE LA CLASSE OUVRIÈRE

À peine né, ils te font sentir comme tu es petit
En ne te laissant pas le temps, au lieu de te le donner
Jusqu'à ce que la douleur se fasse si grande que tu ne ressentes plus rien
Il faut être un héros de la classe ouvrière
Il faut être un héros de la classe ouvrière.

Ils te frappent à la maison, ils te cognent à l'école
Ils te haïssent si tu es intelligent et puis, ils méprisent un fou
Jusqu'à ce que tu deviennes tellement délirant que tu ne puisses suivre leurs règles
Il faut être un héros de la classe ouvrière
Il faut être un héros de la classe ouvrière.

Quand ils t'ont torturé et terrorisé pendant vingt absurdes années
Ils s'attendent que tu entreprennes une carrière
Alors que tu ne peux même plus fonctionner tellement tu as peur
Il faut être un héros de la classe ouvrière
Il faut être un héros de la classe ouvrière.

Ils te tiennent drogué avec la religion, le sexe et la télé
Et tu penses être si intelligent, hors classe, libre,
Mais tu es toujours un foutu paysan autant que je puisse savoir
Il faut être un héros de la classe ouvrière
Il faut être un héros de la classe ouvrière.

Il y a de la place en haut”, continuent-ils à te dire
“Mais tu dois d'abord apprendre à sourire quand tu tues”
Si tu veux être comme les gens haut placés.
Il faut être un héros de la classe ouvrière
Il faut être un héros de la classe ouvrière.

Si tu veux être un héros, eh bien, suis-moi
Si tu veux être un héros, eh bien, suis-moi

inviata da Marco Valdo M.I. - 22/5/2009 - 10:29




Lingua: Portoghese

versione portoghese da musicas.mus.br
HERÓI DA CLASSE TRABALHADORA

Assim que você nasce
Eles te fazem se sentir pequeno
Ao não te dar tempo
Ao invés de todo
Até que a dor está tão grande
Que você não sente mais nada
Um herói da classe trabalhadora
É algo para ser
Um herói da classe trabalhadora
É algo para ser

Eles te magoam em casa
E te batem na escola
Eles te odeiam se és astuto
E eles desprezam um tolo
Até que você está tão fudido (e) maluco
Que não consegue seguir as regras deles
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser

Após te torturarem
E te assustarem por vinte anos ímpares
Então esperam que você escolha uma carreira
Até que você não consegue mais funcionar
Estás tão cheio de temores
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser

Te mantendo drogado com religião e sexo e TV
E você pensa que és tão astuto, sem classe e livre
Mas você continua apenas (um) plebeu fudido
Pelo que eu vejo
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser

Há lugar no topo
Eles continuam a te dizer
Porém primeiro você precisa
Aprender a sorrir enquanto mata
Se você quer ser como o povo
Do topo do monte
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser
Um herói da classe trabalhadora é algo para ser
Se quiser ser um herói então basta me seguir
Se quiser ser um herói então basta me seguir

inviata da Marcia Rosati - 3/11/2007 - 14:06




Lingua: Ebraico

Versione ebraica da questa pagina
Hebrew version from this page
גיבור מעמד הפועלים

כאשר רק נולדת, הם גרמו לך להרגיש נחות
ע"י כך שלא הקדישו לך זמן, ולא נתנו לך כלום
עד אשר הכאב כה גדול שאיך מרגיש כלום
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)

הם מכאיבים לך בבית ומכים אותך בבית הספר
הם בזים למי שטיפש אבל גם שונאים את מי שחכם
עד אשר את דפוק ומשתגע בניסיון לעקוב אחר החוקים שלהם
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)

כאשר הם מענים אותך ומפחידים אותך 20 שנה
הם מצפים שתבחר בקריירה
ואתה אינך יכול לתפקד מרוב הפחדים שאתה מלא בהם
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)

שומרים אותך מסומם עם דת, סקס וטלוויזיה
ואתה משתף פעולה וחושב שאתה חכם ומצליח וחופשי
אבל אתה בעצם סתם איכר בור, ככל שאני מבין
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)

וממרומי הדרם הם ממשיכים לצוות עליך
אבל כדאי שתלמד לחייך לפני שאתה הורג
אם אתה רוצה להיות כמו כל החבר'ה על הגבעה
גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
כן, גיבור מעמד הפועלים חייב להיות משהו (חייב להיות גאה)
אם אתה רוצה להיות גיבור אמיתי, עקוב אחרי

inviata da Riccardo Venturi - 12/3/2007 - 18:49


bella canzone...questo avrebbero detto jfk e mlk

asdqwezxc - 20/6/2007 - 19:45


è bellissima questa canzone! la sto ascoltando proprio adesso! :) kiss a tutti

12/7/2007 - 22:56


1. la religione è 1 droga??? JOHN LENNON SI è DROGATO prima di scrivere questa canzone oppure aveva il cervello drogato
(OPINIONE PERSONALE)

2. LA RELIGIONE UNISCE e non divide!!!! quell'ateo di john lennon non l' ha mai capito!!!!
(mnbvc)

3. non approvateli questi 2 messaggi mi raccomando!!!Parlate tanto di democrazia ma nn sapete neanche cos'è!! VERGOGNA!!!
(io)

E invece li approviamo volentieri tutti e 3, questi messaggi, seppure "comprimendoli" in un unico messaggio per risparmiare un po' di spazio. Come avremmo potuto privarci di simili perle, specialmente di quella sulla "religione che unisce"? Vorremmo in qualche modo poter passare questi messaggi a John Lennon, ovunque si trovi adesso; qualche risata post mortem fa sempre bene. Casomai tu ci leggessi, John, non te la prendere: sono soltanto esempi di italianelli del XXI secolo, questi. Non hanno molta importanza, difficile che vadano oltre la triade campionatodipallone-grandefratello-tettedellamarcuzzi. Abbi pietà e facciamoci insieme due risate. [RV]

24/9/2007 - 15:01


si e davvero bellissima.. w green day

sk8er girl - 25/9/2007 - 17:56


anche se scritta anni fa ritengo che sia attualissima!!!
passareanno pure le generazioni ma i problemi riamngono sempre gli stessi!!!

miki - 1/10/2007 - 17:42


La canzone è stupenda...gli argomenti trattati valevano in quel periodo ma mai come oggi...i problemi sono aumentati e l'alienazione della società è diventata omologazione.

Crazy Diamond - 5/10/2007 - 09:32


qst canzone serve a far pensare un po',serve a far muovere quei pochi neuroni ke avete nel cervello! al posto di criticare solamente,pensate veramente a quello ke voleva dire john lennon quando l'ha scritta e cercate di capire quello ke vogliono trasmettere i green day suonandola!!!
ormai siamo in un mondo di skifo! e solamente queste canzoni ci fanno capire veramente dove viviamo e dove andremo a finire se si continua così!!!
cmq ricordate di ascoltare vera musica!!! w green day!!!

giù -the lady of billie joe armstrong- - 19/10/2007 - 19:37


...un moderatore che insulta 2 Persone che la pensano diversamente da lui cmq non l'aavevo mai visto...se ti serve per farti sentire meglio per me non c'è alcun problema...ma lascia in pace la buon anima di John Lennon quando dici certe cagate..te lo chiedo per favore!!

Sai, ciccio, qui vige la libertà di parola,quella vera. Dei frequentatori come dei "moderatori". Infatti, come vedi, ho approvato immediatamente il tuo commento in cui a tua volta insulti. Posso capire che sia "la prima volta" che vedi una cosa del genere; forse sei abituato a posti un pochettino più ipocriti. Vai, prova a postare un commentino del genere da un altra parte, e vediamo se i "moderatori" te lo approvano senza battere ciglio, così come approvano tutta una serie di idiozie scritte da perfetti idioti, ma che hanno comunque il diritto di dirle e di esprimerle; lo stesso diritto che abbiamo noi di far loro presente che sono dei cretini. Ah, mi raccomando, qui vige un'altra abitudine: quella di firmarsi con il proprio nome e cognome, e non lasciare messaggi anonimi. Ai miei tempi, scrivere cose anonime era considerata una cosa degna di un infame. Fai un po' tu! Magari se hai da dirmi qualcosa a proposito di "cagate", dimmelo in faccia. [Riccardo Venturi, via Federigo Tozzi 3, Firenze, tel. 339-4723095]

13/11/2007 - 11:13


LA RELIGIONE E' SOLO UNA GRANDISSIMA CAZZATA DI VOI CREDULONI!!!!!NE HO AVUTO LE PROVE
(me)

O caro Te, tu mi sembri quasi il Ceccherini nel "Ciclone": "Dio c'è e ciò le prove"...che hai visto che te la Lorena Forteza che ballava mezza gnuda...? [RV]

2/12/2007 - 22:53


Bellissima canzone e cover dei green day *_*

Chiara - 6/1/2008 - 16:31


John Lennon era troppo per quei tempi.
Figurarsi per oggi.
Mi manca.
Mi mancano quelle canzoni tanto semplici come tanto profonde.

Chalda Pnuzig - 21/1/2008 - 16:03


cazzo unisce piu lo sputo che la religione....ma che religione hai visto? quella dei teletubbies? e le crociate le hai studiate? e le streghe arse vive? e non dirmi che sono cose del medioevo perche sei un pirla....e il preservativonochevaiallinferno? e l'abortonocheseiunassasino? e lo sfarzo in cui è avvolto il vaticano? il cappello a punta che vale piu della città un cui risiedo? il fatto che mi dicano di fare la carità quando sono piu ricchi di uno stato? tutta roba che unisce questa si...io alla fiabe non credo piu da quando ho 6 anni.

e per piacere... "w i greenday" cosa??? come si può paragonare lennon a simili...vabbe

scusate lo sfogo ma oggi è una giornata del cazzo.

Stefano - 11/3/2008 - 00:25


vi dico la mia..il senso di questa canzone secondo i vs commenti è la religione, la democrazia, ecc, valori molto grandi, importanti, che non mi sento di commentare. Ma parla anche di un'altra cosa: la SOPRAVVIVENZA, la violenza psicologica, le pressioni e soprattutto l'annientamento dell'autostima e dell'essre umano, del fatto che poi essere eroi vuol dire anche semplicemente rimanere se stessi nonostante tutto, senza indurirsi ma continuare ad avere fiducia nel futuro e negli altri nonostante le ferite. e nonostante quelli"in cima" continuino a vincere...

Debora - 20/5/2008 - 21:18


Piccola riflessione sul potere

Dimmi pure che il potere io l'ho scagliato dalle mani, cantava Fabrizio de André. Sicuramente. Scagliare dalle mani il potere è una cosa sempre opportuna. Ma, una volta ogni tanto, mi permetto anch'io un "però", dato che ha a che fare con un povero coglione italiano, uno di quelli che manda i commenti anonimi a base di "trombate" (del tipo: "pensa a trombare, tu e il tuo sito del cazzo pacifista contro la guerra" ecc. ecc.)

Allora, in un piccolo caso, intendo approfittare del potere di amministratore di questo sito, che ritengo opportuno quando si ha a che fare con dei cretini di questo paese a base di pallone - Buffon - bojachimmolla - padreppìe. Sì, perché è doveroso buttare nel cesso, e non dare nessuno spazio, a commenti come quello lasciato qualche giorno fa dal mentecatto in questione.

Di converso, approfittando appunto per una volta del potere concessomi, gli do a imperitura memoria del povero minorato mentale ; e siccome posso, e siccome anche ne ha approfittato per offendere in stile itagliano di merda tutto questo sito, questo commento -che nessuno oserà rimuovere- resterà per sempre, mentre il suo non comparirà mai. Si vedrà solo, sebbene anonimo, darsi del minus habens mentre le sue parole non compariranno mai. Così come non comparirà mai il suo "anonimato" da piccolo fascistello pusillanime vigliacco come tutti i merdosi suoi pari.

Riccardo Venturi - 21/6/2008 - 17:43


john lennon è e resterà il migliore, ma x favore smettetela di dire che la religione nn serve a niente ed è solo una cazzata, xke e proprio x colpa delle persone come voi se viviamo in una società dove i ragazzi nn hanno piu valori o cose in cui credere...quindi basta con la moda del pacifista che nn crede in niente xke cosi fate del male a voi e anke agli altri.....(x favore inseritelo)
(Giorgio)

Gli unici "valori" che è possibile leggere con sicurezza nel tuo intervento sono le "k" e le "x" del linguaggio da sms. Per il resto aspettiamo che ti si diradi la nebbia. Saluti. [AWS/CCG Staff]

5/7/2008 - 22:13


Innanzitutto: un pacifista crede nella pace, altrimenti non sarebbe tale.

Secondo: se essere pacifisti fosse di moda, il mondo sarebbe un posto migliore, purtroppo la moda veste D&G e ascolta "fabri marcio"

Terzo: non è una costante che i valori siano dettati da una religione.

Quarto: Lennon dice "ti drogano con la religione", non "la religione è una droga", quindi non critica tanto il credere in uno o più dei, ma denuncia il come viene usata/manipolata la religione per assuefare/lobotomizzare la gente (poi si può anche non essere d'accordo).
Il mio pensiero è che quando il rapporto con Dio "necessita" di un intermediario si corre il rischio di diventare impotenti, incapaci di pensare: è questo l'oppio dei popoli.

Quinto: su questo sito sono stati approvati molti commenti-stronzate che se non ci fossero sarebbe anche meglio, quindi ritengo che non ci sia il "rischio" che un commento non venga approvato, nei limiti del civile!

Sesto: saluti a tutti (atei, cristiani, mussulmani,ecc)

matteo88 - 8/7/2008 - 20:21


Il tuo intervento, Matteo, mi dà lo spunto per chiarire alcune cose che è senz'altro bene fare presenti, specialmente a chi non vive il sito "dal di dentro", tutti i giorni, da anni e anni a questa parte.

Innanzitutto, e con piena onestà, mi corre l'obbligo di smentirti. Qui dentro, e principalmente a cura del sottoscritto, di commenti non ne vengono approvati diversi. Ad esempio proprio su questa pagina di "Working Class Hero", negli ultimi tempi ha imperversato un tizio il cui tormentone, rivolto al sottoscritto, era di "calmarmi e farmi una trombatina"; a parte la scarsa originalità della cosa, gli avrei magari potuto rispondere che il problema non erano le mie, di "trombatine", ma quella con cui sua madre lo ha messo al mondo; ma lasciamo stare e andiamo oltre. Il problema è un altro e investe cose ben più serie e, in un certo modo, laceranti. Quantomeno contraddittorie.

Quando è nato, questo sito intendeva seriamente essere del tutto libero. Eravamo partiti con l'idea di approvare qualsiasi commento e di qualsiasi tenore, e per un po' lo abbiamo fatto. Specialmente il qui presente, con tutta la sua anarchia e il suo "potere scagliato dalle mani", per dirla con Fabrizio de André. Ma certi problemucci non hanno tardato a venire a galla. Si cominciò con un pazzoide che riempiva il guestbook dei suoi deliri, che magari in certi casi erano anche interessanti ma che proprio qui dentro c'entravano come il cavolo a merenda. Dopo avergli fatto presente gentilmente la cosa, questo cominciò a dare in escandescenze; matto sì, ma gli ingredienti erano sempre quelli: "voi finti pacifisti! finti anarchici! finti qui e finti là" eccetera eccetera. Alla fine, un bel giorno, mi sono incazzato e gli ho cancellato tutti gli interventi dal guestbook.

Ho compiuto quindi, io anarchico/poterescagliatodallemani eccetera, un atto di potere e di arbitrio in quanto amministratore di questo sito in possesso dei "comandi", della "stanza dei bottoni" o come la si vuole chiamare. E non mi ci sono sentito bene, seppure sentissi di avere fatto la cosa giusta in quella data circostanza. Allora ho fatto una riflessione, aiutato anche da episodi successivi.

Alcune pagine avevano cominciato a diventare delle zuppe di provocatori. Sembra che sia fisiologico, in rete; dai un po' di libertà, e questa viene presa. Anche giustamente! Qual è il prezzo da pagare? Che un luogo, inteso idealmente in un certo modo, diventi una specie di palestra di liberissimi idioti, dei quali fra l'altro questo paese abbonda. Idioti, fascistelli, nazistelli, stronzetti, bigottoni con tutta la loro catervia di dìaggini, cristerie e madonnate, e chi più ne ha, più ne metta. Peraltro accomunati, in moltissimi casi, dal disprezzo per il "pacifista" (in senso lato); però, visto che siamo "pacifisti", se ne approfittano e invocano, proprio loro, il "pacifismo" per inserire qua dentro quello che vogliono. Non contiamo poi gli attacchi "ad personam": poiché sono uno che si espone, e lo fa in modo tutt'altro che anonimo, logico che venga fatto oggetto di queste cose. E anche piuttosto spesso.

Ad un certo punto è necessario prendere una decisione. A mio parere, "in medio" non "stat virtus" proprio per niente. Bisogna assumersi delle responsabilità, anche a costo di contraddire la propria coscienza. Hai scelto di essere amministratore di questo sito? I casi sono due: o vince la tua coscienza, e allora smetti di fare l'amministratore e deleghi ad altri la patata bollente lavandotene le mani e facendo il puro & santo idealista incorruttibile, oppure ti assumi le tue responsabilità e, in quanto amministratore, cerchi di non fare assumere a questo sito le sembianze di uno di quei "forum" o "newsgroups" infestati da troll, dementi, provocatori et similia. Tra le altre cose, dei newsgroups ho un'esperienza diretta, e oramai ultradecennale. So come va a finire se si lascia troppo campo libero.

Il dilemma è: la libertà assoluta deve coniugarsi con l'idiozia altrettanto assoluta? In nome del "niente è sacro, tutto si può dire" alla Raoul Vaneigem, persona che pure è nel mio "olimpo", se così si può dire, devo rendere visibili gli interventi a base di "trombatine", o il delirio mentecatto del nazistello (come quello che disse, a commento di non mi ricordo quale canzone, che Hitler aveva fatto bene a sterminare gli zingari), e altre cose? Peraltro non impedisco minimanente a questi tizi di scrivere le loro cose, e mi tocca anche leggerle prima di rifiutare l'approvazione. Però non gliele rendo visibili. Onori e oneri, come si suol dire. Me le becco io, ce le becchiamo noi amministratori, ma le risparmiamo al pubblico; ché, porcaccia della miseria cane, sarebbe anche bene far presente che questo sito oramai è giunto a una media di circa ottantamila accessi mensili, e non è uno scherzetto.

Così facendo, certo, opero ed operiamo una censura. Inutile girarci attorno, l'assunzione di una responsabilità comporta usare le parole nella loro reale crudezza. Ma questo sito oramai si è connotato in un certo modo; ad esempio, nessuna indulgenza verso il fascismo o i fascismi. Fuori di qui. Così come, ma questo l'ho sempre detto fin dall'inizio, per quel che mi riguarda il "pacifismo" è decisamente in sottordine rispetto all'antimilitarismo, che è una cosa ben differente. Per quel che mi riguarda personalmente, sono tutt'altro che un "pacifista"; sono un antimilitarista viscerale. E' questo il motivo per cui nelle CCG/AWS sono presenti centinaia di canzoni che sono canzoni di lotta; a tale riguardo rimando a una canzone che ritengo fondamentale, Perché mai parlarvi di pace? di Ivan della Mea.

Magari sono andato troppo in là. Però è bene per far comprendere in che modo si procede. In tutta autonomia perché, ad esempio, un altro amministratore (e il webmaster, ovviamente) può non essere d'accordo, e io posso non essere d'accordo con lui su un dato inserimento, su un commento, su qualsiasi cosa. Per quel che mi riguarda continuerò a non approvare gli interventi che non ritengo opportuno approvare. In generale, se un commento non mi piace o addirittura mi fa schifo, ma è esposto in modo più o meno civile, ribatto con una "finestrella"; ma oramai non si contano gli interventi che non ho approvato. Senza contare che, a volte, in modo "civile" vengono esposti comunque degli orrori. La libertà è una cosa meravigliosa, ma attenzione a non mostrare troppe debolezze, troppe crepe, troppe beatitudini. Hitler è andato al potere con delle liberissime elezioni.

Meglio fare un po' schifo a se stessi, e in questo momento un po' me ne faccio, che buttare a mare un mondo per tenere fede ad assolutezze. E se un giorno non starà più bene, toh, caro Matteo, diventa amministratore al mio posto e...buona fortuna! :-)

Saluti, RV.

Riccardo Venturi - 9/7/2008 - 00:20


"Dimmi pure che il potere io l'ho scagliato dalle mani"
Ma il potere logora chi non c'é l'ha !!!
(Il Sor Giulio)

Ecco, naturalmente ci mancava solo la citazione dal "sor Giulio"... [rv]

9/7/2008 - 13:23


Per rispondere a deficienti come stefano dell 11/03
mi sa, bello, che fai un pò di confusione tra chiesa e religione.....la chiese può essere corrotta quanto ti pare ma la fede persiste comunque....... ti dice niente l'unicef??? l'8 per mille??? non ti è passato per l'anticamera del cervello che tutte queste associazioni sono cristiane e che fanno di tutto per aiutare i paesi piu poveri??? e non era questo che ci chiedeva di fare John Lennon nella sua canzone??? a lui non importava di essere ateo o cristiano voleva solo fare del bene......e io credo che fino a prova contraria la chiesa cattolica sia un'istituzione profondamente benefica e come tale va preservata......

Frigo - 12/7/2008 - 12:28


Per rispondere a queste tue intelligentissime osservazioni, vorrei chiederti prima di tutto che cosa c'entri esattamente l'Unicef -che è casomai un'istituzione delle Nazioni Unite- con la chiesa cattolica. Sull'otto per mille ci sarebbero molte cosine da dire, in primis che molte altre istituzioni benefiche -religiose o meno- non possono di fatto beneficiarne (oppure ne beneficiano in modo infinitamente minore) perché l'apparato della chiesa cattolica mette in atto tutti i suoi potentissimi mezzi -pubblicità televisive eccetera; senza contare le esenzioni fiscali di cui già beneficia, il suo già di per sé immenso patrimonio finanziario, le "banche cattoliche" che essa controlla ("Tu sei Pietro, e su questa pietra edificherai la Banca Cattolica del Veneto", ebbe a dire qualcuno) e chi più ne ha, più ne metta. Tutto questo senza voler naturalmente inficiare l'opera meritoria svolta da tanti parroci o istituzioni cattoliche nel mondo intero. Quanto a John Lennon, non mi sembra che nelle sue canzoni parli di "fare del bene", né di meritorie istituzioni; e non parla neppure della chiesa cattolica in particolare, quanto della religione come elemento di disarmonia nella vita umana, come intervento repressore e oppressore delle qualità umane in nome di dèi, verità "soprannaturali" e morali che costringono l'uomo a comportamenti imposti. Quindi, il problema per Lennon non è la "chiesa", quanto proprio la religione in sé. E lo ha detto più volte chiaramente, nelle sue canzoni. Ché poi la chiesa cattolica e le altre chiese vengano o meno "preservate", è un altro discorso; direi che sanno "preservarsi" benissimo da sole, con tutti i mezzi che hanno. Saluti. [RV]

Riccardo Venturi - 12/7/2008 - 17:10


Mi ero promesso di non romperti più i maroni ma tu vai ad insultare mia madre, Riccardo non si fa! Comunque non preoccuparti, prendo atto della tua educazione e sorvolo a riguardo. Volevo piuttosto aiutarti a fare chiarezza su argomenti più importanti.
Mi sono piaciute parecchio le tue arrampicate sulle questioni della censura e del pacifismo.
Dire che esiste la libertà di parola (quella vera) e poi impedire che compaiano dei commenti, di qualsiasi genere essi siano, non è coerente sai..trovare scuse alla censura è un comportamento un po' fascista e basta, non trovi? (Posso capire che i miei interventi precedenti non contenessero grandi opinioni ma per lo più provocazioni, ma non ho fatto altro che rispondere alle tue reazioni spropositate lo sai bene, mi son dimenticato la firma in un commento e sei sclerato!).
Quando ti dicono di essere più pacifista, nessuno ti accusa di essere uno di quei burattini che si nasconde dietro la bandiera colorata per paura di esporsi, quando ti dicono di essere più pacifista ti vogliono solo dire che un Vero pacifista non reagisce alle provocazioni o alle opinioni opposte alle sue in maniera cosi violenta, non basta dire di essere antimilitaristi viscerali o "virgolettare" le parole..trovare scuse alla violenza (anche verbale) è un comportamento un po' "Bushista" e basta, non trovi?
Se tu hai valori che vanno oltre alle “k” o ai “x” da sms devi dimostrarlo ed esprimerli con coerenza, se ti trovi costretto ad adeguarli alle situazioni, ad arrampicarti sui vetri per difenderli vuol dire che stai sbagliando tutto, non puoi lottare contro il potere e poi appena ne hai la possibilità usare i tuoi canali in maniera cosi privilegiata..altrimenti passi per il Cavaliere della situazione!
Bada bene che non ti sto dando né del fascista, né del guerraiolo o via dicendo, ti sto solo dimostrando di cosa sono intrisi gli ideali disordinati che insegui.
Sai qual è il problema, che tu (come me) sei solo un uomo, che da solo non ce la può fare, per questo “esistono” le religioni che tu odi tanto, perché la Verità non sta su questa terra. Non puoi considerare solo il lato strettamente materiale dell’uomo, perché così facendo non arriverai mai a capo di nulla, le religioni esistono perché l’uomo ha bisogno di qualcosa in cui credere che va più in la del sentirsi liberi e non oppressi su questa terra (non per altro è fallito il comunismo, perché nessuno aveva considerato il lato spirituale dell’uomo!)
Il problema non sta nella religione ma nella natura dell’uomo, che ha bisogno di qualcosa in cui credere..purtroppo poi, questo bisogno, in assenza di una coscienza critica si trasforma in una lama a doppio taglio che porta dritti nelle fauci del lupo.
E’ l’assenza di questa coscienza critica che devi combattere se proprio vuoi lottare per qualcosa, che spinge gli uomini ad essere manipolati dai potenti, la religione di per se non è un male, come non lo è l’essere pacifisti o via dicendo..è come lo si è che fa la differenza!
La religione non sminuisce l’uomo, ma lo completa, le qualità umane di cui parla Lennon esistono e una di queste è l’umiltà, che ci deve far riconoscere i nostri limiti, la nostra piccolezza.
Senza fede si cade nel relativismo più assoluto, allora tutto è opinabile, disordinato e inconcludente.

p.s.
non nascondo che mi stai sulle palle e che non condivido le tue idee, ma sembri una persona che di coscienza critica non ne è priva, per questo ho deciso di perdere più tempo del solito in questo commento. Ti evito le solite stronzate sulla trombatina e provocazioni simili, in cambio di una risposta civile e intelligente.

riccardo - 16/7/2008 - 15:16


In attesa di una risposta più articolata e profonda, che credo non si farà attendere, due cosine piccole piccole.
La prima è che mi sembra riduttivo (ma riduttivo è ancora poco) dire che il comunismo ha fallito perché non ha considerato il lato spirituale dell'uomo: la spiritualità è una dimensione squisitamente privata, uno spazio interiore, illimitato, francamente non riesco a collegarlo ad una ideologia politica piuttosto che all'altra.
Mi viene in mente Josè María Arguedas, quando diceva che il socialismo non aveva ucciso in lui l'elemento "magico", nel senso che credeva nell'uomo, nelle sue istanze di liberazione dallo sfruttamento, dalla povertà, dalla fame, dalle malattie, dall'ignoranza, ma con tutto ciò nessuno avrebbe potuto convincerlo che un fiume non era un essere vivente (e soprattutto quel fiume non gli diceva cosa doveva votare, in che posizione fare all'amore, come vivere, come morire, cosa fare e soprattutto cosa non fare... n.d.r.).
L'altra si riferisce alla tua ultima, apodittica affermazione "Senza fede si cade nel relativismo più assoluto, allora tutto è opinabile, disordinato e inconcludente": mi sembra che il problema sia uno solo, cioè che certi credenti (beh, quasi tutti), per quanto aperti al dialogo e disponibili all'ascolto, non riescano in definitiva a uscire da se stessi. E' come uno sguardo incluso, introverso, che si arrovella su premesse indimostrate e indimostrabili per posarsi sempre e solo come giudice - cioè da uno scranno che rende impari il confronto - su chi sposa un pensiero più libero, ma non per questo inconcludente o meno importante.
Insomma, non avete il monopolio dell'etica, della verità, dell'ordine, e nemmeno della spiritualità; questa tautologia che usate per ridurre l'altro a una dimensione di sudditanza, unito all'enorme potere della chiesa (e delle chiese), delinea un atteggiamento prevaricatorio e violentemente impositivo, di cui francamente sono stufa. Alla faccia dell'umiltà...

Maria Cristina - 16/7/2008 - 17:27


a mio avviso sono accuse infondate senza capo ne coda, spero che la risposta approfondita e dettagliata non arrivi perchè non ne varrebbe la pena. Poi la sparata sul comunismo: come sorvolare su cent'anni di storia e buttare nel cesso libri e libri a riguardo..bah! se non ne condividi le idee, cosa ci vieni a fare su questo sito?

matteo88 - 16/7/2008 - 18:15


Beh come risposta alla disquisizione sulle religioni, consiglierei a tutti di ascoltare un brano de "il museo rosenbach" intitolato "Zarathustra". I meno rincoglioniti osserveranno che spiegano Nietzsche.
Per quanto riguarda la canzone, beh, a me fà venire la pelle d'oca...

Guido Zucca - 16/7/2008 - 23:16


Stavolta, sì, l'ho approvato il commento del tizio che si firma con vari nomi. L'ho approvato, per così dire, come tipico esempio di precottismo all'italiana a tutt'andare. E ce n'è di roba fabbricata in serie, qui dentro! Come la si potrebbe chiamare, il "pensiero Galbani", o il "pensiero Kraft"? Qualcosa del genere, credo; senza che questo debba essere preso per forza come offesa da qualche anima suscettibile, poiché c'è pur sempre a chi piacciono i prodotti della Galbani e della Kraft. A pensare bene, di maionese ne ho un vasetto pure io in frigo.

Ad esempio, non si tocca la mamma perché si deve essere "educati". No, no, ammetto volentieri di non essere per nulla "educato", bisogna che lo dica a quel tizio col massimo della sincerità possibile. Della finta educazione e del finto rispetto verbale me ne frega ancor meno di quel che ha fatto o non ha fatto sua madre, ché del resto sono affaracci suoi.

Ad ogni modo, visto che –con estrema prosopopea- costui pretende una "risposta civile", tenterò di dargliela; ma dando all'aggettivo "civile" il significato che gli do io. Per me, "civile" significa "chiaro, non fraintendibile", anche a costo di ricorrere agli insulti quando ritengo opportuno ricorrervi. Credo anzi che ci sarebbe un estremo bisogno di chiarissimi ed azzeccati insulti, e di una vibrante mancanza di rispetto; da questo punto di vista, considero il "Vernacoliere" di Livorno, pur con tutti i suoi limiti, una delle poche e superstiti manifestazioni di autentica civiltà di questo paese. Di civiltà e, perché no, anche di vera tradizione toscana; e la Toscana non è terra che accetta lezioni di civiltà, visto che l'ha insegnata a mezzo mondo e un quarto. L'inciviltà è ben altra cosa. E' Bagnasco che si permette di andare a sindacare in pubblico le scelte del signor Beppe Englaro. E' la falsa formalità dei parlamenti e dei politicanti, delle istituzioni di ogni tipo. E' la mancanza totale e programmatica di ogni tipo di sincerità. Sono le subdole buone maniere più pelose di un ragno dei fumetti del terrore.

Che nel respingere dei commenti vi sia un'incoerenza di fondo, sono stato io stesso ad ammetterlo parlando di scelte da compiere e di responsabilità da assumersi. Continuerò comunque a farlo perché non voglio, lo ripeto, che questa pagina e questo sito divengano una specie di palestra per sfaccendati che trovano gusto nella cosiddetta "provocazione" oppure nel ripetere a ogni piè sospinto i loro manualetti di fedi e credenze. E' peraltro consueto che proprio i fascisti si compiacciano nel dare di fascista ad altri, è una cosa che mi è capitato spesso di vedere. "Sclero" quando non vedo firme perché odio l'espressione di qualsiasi opinione in forma anonima. Se ne riparlerà sul serio quando il nostro amicaccio si firmerà con nome, cognome e indirizzo. Per me, è bene che glielo dica, resta un anonimo completo, un pavido che non ha il coraggio di esporsi pienamente ma soltanto di "provocare" da uno schermo restandosene ben nascosto. E visto che ama dare "lezioni di vita", mi permetto di dargliene una io, fondamentale: le cose, o si ha il coraggio e la capacità di dirle in faccia e senza celarsi dietro niente, oppure restano vuotezze verbali. Non è "sclerare", questo: è porre le condizioni per un confronto. Disgraziatamente, amo confrontarmi soltanto con persone reali, non con pixel; e costui continua a restare unicamente dei pixel. In fondo, insultarlo equivale a insultare una tastiera, non un essere umano. Si règoli quindi sul da farsi se intende continuare; altrimenti continui pure a fare bla bla bla e a ipoevacuarsi –termine formalmente ineccepibile, spero, per "cacarsi sotto".

Detto questo.

Si parlava di precottismo. Si parla di "violenza". Bisognerebbe vedere quale sia la vera natura della violenza. Sarà, ad esempio, più violento dire le cose in faccia, anche in maniera brutale se necessario, oppure utilizzare un tono falsamente "civile", e non solo utilizzarlo ma anche pretenderlo nell'interlocutore? Faccia attenzione, perché anche le sue pretese sono una forma di violenza; tanto più che non è a casa sua. Lui che mi imputa di "abusare dei miei privilegi", a casa sua che cosa farà? Farà entrare tutti a "provocare"? Terrà la porta spalancata? Sempre che si decida a palesarsi, prima o poi si farà una scommessa. Facciamo a chi le ha più spalancate, le porte. Mi indichi un luogo che gestisce, e vediamo in che modo lo fa; e non mi dica, come è ipotizzabile, una chiesa. Provi ad entrarci nudo a berciare le sue ragioni, in una chiesa, e vediamo quanto ce lo fanno restare. Provi ad esporre le sue opinioni nel mezzo del duomo di Milano durante una messa, e vediamo quanto ci mettono a sbatterlo fuori a calci nel culo da quel cosiddetto "luogo di tutti". Provi a dire che Dio non esiste in mezzo alla cattedrale di San Pietro, anche in modo civilissimo, e vediamo che cosa ne pensano lorsignori; peraltro, dell'esistenza di Dio e dell'utilità delle religioni cercano di convincermi in ogni modo, forzandomi le porte di casa, non domandandomi nemmeno uno straccetto di permesso e imponendomi le loro visioni in maniera, questa sì, autenticamente violenta. E' anche per questo che mi sono definitivamente caramellato la minchia.

C'è poi un'altra cosa di cui tenere conto. La mia violenza nei confronti delle religioni in sé, e non dei singoli credenti in una qualsiasi religione, deriva dal fatto che ogni religione ha purtroppo in sé i germi della violenza e della sopraffazione. Germi ben nascosti, certo, germi rivestiti di "amore", di "pietà", di "speranza" e di altre belle cose del genere, ma che nella loro sostanza sono al servizio dei peggiori istinti di sopraffazione. La sopraffazione più dura è violenta è quella che pretende di imporre dei comportamenti in nome di verità intangibili, per di più "rivelate". E chissà se, prima o poi, qualcuno si occuperà di stilare un "Libro nero delle religioni" così come è stato fatto per il comunismo –e con un grosso successo editoriale. Questa è per me la macchia incancellabile di ogni religione, e non esiste nulla che possa convincermi a cambiare idea. Posso rispettare il credente, posso in certi casi esservi addirittura amico, perché –come scriveva un tempo un Wolf Biermann non ancora affetto da demenza senile- der Mensch ist der Gott all meiner Gläubigkeit, l'uomo è il dio di tutta la mia fede; ma non mi si chieda mai di giustificare l'esistenza delle religioni. Esistono e, ovviamente, non posso che prenderne atto; ma un mondo senza religioni sarebbe per me infinitamente migliore, più giusto e più autenticamente umano, come cantava John Lennon in "Imagine". Mi si dica in che cosa esse hanno migliorato il mondo, quando sono state e sono tuttora tra le principali cause di guerre, di scontro, di morte.

Il bello gli è che, proprio lui, parla di "ideali disordinati"! Ma si sarà accorto che, nel suo intervento, non ha fatto altro che ripetere le solite ciance da conferenza episcopale italiana? Oh, diamine, se per lui questi sono "ideali ordinati", allora sono ben fiero del mio eventuale disordine. Perché è mio. Non è stato mediato. Non l'ho delegato a nessuno, né a un partito né a un dio. E ci vivo benissimo. Sorvoliamo poi sul resto; la storiellina del "lato materiale dell'uomo" è, appunto, uno dei più begli esempi di precottismo che si possano immaginare. Non arriverò "mai a capo di nulla"? Si sbaglia, perché sono da tempo arrivato a un capo fondamentale. Quello che, per la mia vita, il lato "religioso" non è soltanto inutile, ma ampiamente dannoso. Ho smesso da tempo di arrovellarmi su presupposte esistenze divine, e ne ho ricevuto una mente sgombra. Ho smesso da tempo di misurare ogni mia azione su morali precostituite, essendo ampiamente sufficiente la mia etica di essere umano del tutto unico e irripetibile come tutti gli altri esseri umani; "Non Dio, decido io!", scrisse Piero Ciampi.

La religione è, in fondo, una perversa ed estrema forma di pigrizia mentale, è la delega della propria vita e delle proprie responsabilità ad un essere "soprannaturale" che dovrebbe "guidare". Peraltro, il "lato materiale" esiste soltanto nelle loro menti un pochino bacate. E chi l'ha detto che il non credente, che l'antireligioso debba soltanto essere improntato al "lato materiale"? Le cose, la loro bellezza, l'universo intero, il cielo stellato, una bella ragazza, l'amore, tutto quanto esiste per chiunque, e chiunque può e deve considerarlo anche senza nessun intervento divino. Porsi domande? Io non calpesto la corolla di miracoli del mondo ricorrendo a comodissimi dèi, per me possono benissimo restare misteri oppure ci penserà la scienza a darmene una spiegazione razionale. La Verità ci sta eccome, su questa terra: è la verità che ognuno di noi sarebbe chiamato, nel suo infinitesimo piccolo e con le sue competenze, a ricercare ogni giorno che passa; e se l'uomo "ha bisogno di qualcosa in cui credere", beh, sarebbe meglio che ricominciasse a credere in se stesso e nelle sue possibilità. Perché le religioni questo fanno, e nient'altro: annullano la coscienza di sé in un marasma di confusioni per le quali, però, esiste sempre la spiegazione inconfutabile: "Lo vuole Dio". Non posso quindi che rispondere con Stefano Benni: Non lo so se Dio esiste, ma se non esistesse ci farebbe una figura migliore.

Nel frattempo, come sempre, per sentirsi liberi nell' "altro mondo" possiamo benissimo restare oppressi e in catene in questo, evviva! I fabbricatori di paradisi ultraterreni lavorano sempre a pieno ritmo, e chi se ne importa del resto. Quando, poi, pure qualche uomo di fede si spinge a considerare un po' troppo l'oppressione terrena, ci pensano i suoi compari. Un bel colpo di pistola a monsignor Romero, una bella scomunica a padre Ernesto Cardenal, un esercito mandato dietro a padre Camilo Torres e tutto è fatto. Del resto, mi sembra che anche quel tizio con la barba lo abbiano messo in croce proprio dei signori molto "spirituali".

Ad ogni modo, che ognuno creda o non creda in quello che vuole! Ma se parla di coscienza critica, devo dire che di per sé la religione la mina alla base. Proponendo verità, dogmi e assiomi intangibili, non può esistere alcuna coscienza critica. Si crede e basta, e non c'è altro modo di credere. Altrimenti non è una vera fede. Altrimenti è una presa in giro. La critica è l'antitesi della fede cieca, e una fede, se veramente tale, ha bisogno di essere cieca. Coniugare la fede e i dubbi non è possibile. Sentire parlare un espositore di fede, uno che paventa la "caduta nel relativismo più assoluto" (stai a vedere che la prossima volta si firmerà "Josef Ratzinger"), di coscienza critica è come sentire Ilona Staller tenere una conferenza sulla castità. Forse Ilona Staller sarebbe anche più credibile.

Non ho bisogno di essere falsamente "umile", né di essere "completato" da una serie di baggianate che non sarebbe grave che fossero soltanto tali, se non fosse che in loro nome sono stati commessi e continuano ad essere commessi i peggiori crimini. Crimini non soltanto di sangue, ma anche di obnubilazione e di annullamento proprio della coscienza critica. Proprio per questo fa paura il "relativismo", a questi signori. Il relativismo mette a nudo le loro invenzioni, le loro storielline cui neppure un bambino dovrebbe credere; solo che le chiamano "miracoli" e il gioco è fatto.

Chi rifiuta di essere manipolato lo fa in quanto essere umano, in qualsiasi cosa creda o non creda. Esclusivamente come essere umano. Le religioni sono da sempre al servizio dei potenti, come efficace mezzo di controllo e come ottenebratrici delle coscienze a base di promesse di "altri mondi". L' "umiltà" che predicano non è altro che un sistema gerarchico. Quello che instillano è la paura tribunalizia del giudizio finale, della dannazione eterna senza appello; bisogna stare "umilmente" al proprio posto, sennò si è condannati. Bene, questo io lo rifiuto con ogni mia forza, e fino a quando non ridiventerò polvere e humus non cesserò di dirlo. Per perpetuare la vita non ho bisogno di sperare in altre vite che non esistono, la vera altra vita sarà che dalla mia carne che si decompone rinascano erba, alberi, nutrimento.

E sono ben felice di "stare sulle palle" a gente come il nostro commentatore; se gli stessi in qualche modo simpatico, dovrei seriamente chiedermi dove ho sbagliato. Ritengo di avere il preciso compito, assunto con la mia coscienza, di restare del tutto sgradevole a questi signori, e farò in modo di esserlo sempre.

Va bene come "risposta civile e intelligente", caro anonimo? Non perché attenda una tua approvazione, di cui non m'importa nulla, ma perché tu abbia finalmente una percezione definitiva di con chi tu hai a che fare. E che Iddìo t'assista, t'ranviere e persino f'erroviere. Ciuf ciuf. Saluti.

Post scriptum. Visto che in uno dei tuoi interventi non approvati avevi fatto dei sarcasmini sulla mia abitudine di declinare nome, cognome, indirizzo e numeri di telefono, spero adesso che tu abbia capito perbene perché lo faccio. Te lo ripeto in modo che tu possa prenderne nota: Riccardo Venturi, via dell'Argingrosso 65/C, 50142 Firenze. Telefono fisso: 055-9060723. Cellulari: 339-4723095, 331-2664842. E ti dico anche che, se vorrai continuare a scrivere qui dentro i tuoi commenti di qualsiasi tenore -anche insultanti, perché la cosa non mi fa scomporre se proveniente da una persona reale- ti pongo la condizione di fare altrettanto, così come te la porrei se tu volessi entrare in casa mia non come un ladro. E fallo in pubblico come me, perché altrimenti qualsiasi altro tuo intervento farà la fine degli altri precedenti a quello di oggi. Ora si comincia a fare così: fine degli anonimati. Se non te la senti vai a scrivere sul sito dei fan del cardinale Ruini. E' una cosa che non vale soltanto per te, ma per tutti quanti i biascicatori di dïerìe & dïàggini varie. Ci avete quello che volete per esprimervi, compresi televisioni e giornali interi, per poi addirittura lagnarvi e fare geremiadi sulle "censure" e sulle "discriminazioni" cui sareste sottoposti; ma non vi vergognate nemmeno un po'? Beh, è bene che vediate che ancora in questo paese c'è qualcuno indisponibile a cadere nelle vostre trappole. Risaluti.

Riccardo Venturi - 17/7/2008 - 00:32


Bellissima canzone. Poi, io sono certo che Dio esista, ma sono altrettanto certo che nessuna religione comprenda cio chè . Concordo pienamente con il testo, le religioni sono soltanto una droga, niente di piu, promettono una fantomatica vita eterna, giustificano omicidi e persecuzioni e di sicuro non uniscono gli esseri umani, anzi li dividono. Lo ripeto, io sono certo dell'esistenza di Dio, ma cosa sia penso che lo scopriremo (forse) alla nostra morte, ora come ora siamo sulla terra e dobbiamo vivere qui, sulla terra facendo ciò che è giusto qui, se esiste qualcosa oltre alla vita Dio non punira nessuno, ma se pensiamo solo (o anche in parte) al aldila siamo gia morti.

Giacomo - 18/5/2009 - 13:57


Scusatemi l'intromissione, ma potete lasciar stare questo povero amministratore?
E sinceramente, nei suoi panni anche io avrei fatto la stessa cosa. Tralasciando la libertà di parola e roba simile, a nessuno farebbe piacere avere quattro idioti che imbrattano di commenti stupidi/offensivi nel guestbook.

Mi congratulo con gli amministratori, che han fatto questo splendido sito.

Giusy Volpe - 11/7/2010 - 00:32


Prima di tutto, Giusy, un "grazie" da parte mia al quale, ne sono certo, si uniscono anche tutti gli altri amministratori di "Canzoni Contro la Guerra". Quanto alla persona (o alle persone) di cui sopra, lo devono forse avere capito dato che da un paio d'anni non intervengono più su questa pagina. Dalle mie parti si dice: " 'Un c'è trippa pe' gatti". Notevole comunque il fatto che, e non solo su questa pagina, siano intervenuti generalmente anonimi rappresentanti di una tipica manifestazione della "religione" in questo paese, che si confonde -come del resto ogni altra cosa- col tifo da stadio. Fortunatamente sembra esserseli inghiottiti tutti Facebook. Sono un pervicace odiatore dei "Social Network", e senza compromessi, però debbo riconoscere che almeno in qualche caso hanno avuto l'utile funzione di fossa biologica catalizzatore. Ancora saluti cari e torna a trovarci, sei sempre la benvenuta.

Riccardo Venturi - 11/7/2010 - 01:19


A parte l'inutilità di tutti questi commenti sulla religione, John Lennon non era affatto ateo.

Margherita Protti - 1/12/2012 - 14:13


Se ci permetti, cara Margherita, non sei tu che devi decidere sull' "utilità" o meno dei commenti su questa o su un'altra pagina; sono commenti e basta, esattamente come il tuo. Ad ogni modo, se non ti spiace, io non trovo particolarmente "utile" neppure la tua affermazione lapidaria su John Lennon; documentala adeguatamente, e sarai la benvenuta. Saluti.

Riccardo Venturi - 1/12/2012 - 18:10


john lennon non era era ateo, non credeva in dio, gesù, allah, maria, buddah, ma credeva nel amore e scusate se è poco. poche persono avranno capito il senso delle canzoni di lennon in quanto ci si mette a littigare anche su di lui. r.i.p lennon. love is always the answer.

1/12/2012 - 19:09


"Imagine there's no countries
It isn't hard to do
Nothing to kill or die for
And no religion too
Imagine all the people
Living life in peace..."

(John Lennon, Imagine)

Riccardo Venturi - 2/12/2012 - 00:39


john, non sai quanto mi manchi!!!eri avanti anni luce e non tutti l'hanno capito.where are you now??? I hope to see across the universe!!love.

cinderella - 9/2/2014 - 09:54


Studiate Marx invece di parlare! La religione va intesa come la sovrastruttura di Marx! Studiate capre!

Lennon - 10/4/2014 - 19:24


Versione degli Eld Attack Krossa.



Questa è stata una sorpresa. E non è nemmeno niente male.

leoskini - 31/10/2016 - 19:24


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org