Lingua   

Dottrina in musica

Carlo Musi


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Il blues della cella di prigione
(Joe Fallisi)
Last Crusade
(Across the border)
Il cacciatore
(Joe Fallisi)


[1886]
Versi di Carlén Mûṡi (Carlo Musi, 1851-1920), canzonettista ed attore dialettale bolognese
Musica di Egberto Tartarini
Nel volume “El mi canzunètt”, Brugnoli editore, Bologna 1902
Testo trovato su Mûṡica bulgnaiṡa


Carlo Musi da vecchio, in una caricatura
Carlo Musi da vecchio, in una caricatura


Carlo Musi è considerato l'inventore della canzunàtt bulgnaiṡi, la canzone dialettale bolognese.
Musi – che scriveva durante le pause del suo noioso lavoro impiegatizio alle Regie Poste – fu arguto scrittore ma soprattutto un impenitente biasanot, letteralmente “colui che mastica la notte”, cioè un gaudente nottambulo, frequentatore di locali e di allegre compagnie, amante della buona tavola e del buon vino. (da Storia e memoria di Bologna)
Quella che segue è una delle sue poche canzunètt scritta in italiano.
E' stata ripresa recentemente da Joe Fallisi che nella sua versione ne potenzia, se possibile, il messaggio anticlericale e antiautoritario.
Un cardinal recatosi a Lugo di Romagna
per visitare in regola le chiese di campagna
aveva dato un ordine ai parroci e pievani
che presentar dovessero i bimbi parrocchiani.
Figurarsi che imbarazzi, traleralera, traleralera,
istruir tanti ragazzi, traleralera, traleralà!

Cinquanta maschi e femmine aspettano il segnale
col viso rosso e timidi davanti al cardinale:
“Il pater noster ditemi, ma forte, bene e schietto”,
e un fanciulletto subito gli canta con rispetto:
“Pater noster qui es in celi”, traleralera, traleralera,
“pater noster qui es in celi”, traleralera, traleralà!

Il cardinale attonito per simile risposta
voleva ben convincersi se fosse fatto apposta.
Una bambina interroga, cercò la più piccina,
che subito risposegli con flebile vocina:
“Kirie eleison, Christe eleison”, traleralera, traleralera,
“Kirie eleison, Christe eleison”, traleralera, traleralà!

“Qual metodo sacrilego”, proruppe il cardinale,
“quest’è un insulto orribile di cui non v’ha l’eguale!
In nome della logica ho il debito, il dovere
di togliervi la carica, di togliervi il potere.
Non vi venga più concessa” traleralera, traleralera,
“la licenza per la messa”, traleralera, traleralà!

Il pevoro pretucolo la prese in santa pace
dicendo all’arcivescono in tono assai mordace:
“Del resto, eminentissimo, non me ne importa un fico:
saprò trovar da vivere senz’essere mendico.
Poi con tutta la riserva, traleralera, traleralera,
mi marito con la serva”, traleralera, traleralà!

inviata da Bernart Bartleby - 25/3/2017 - 14:09




Lingua: Italiano

La versione di Joe Fallisi (che erroneamente attribuisce il brano ad anonimo)
IL CARDINALE

Un cardinal recatosi a Lugo di Romagna
Per visitare in regola le scuole di campagna
Aveva dato un ordine ai parroci e ai pievani
Che istruir dovessero i bambini parrocchiani.

Figurarsi l’imbarazzi, trallallallera trallallallera,
D’istruir tanti ragazzi, trallallallera trallallallà.

In una delle scuole attende il cardinale
Una sorpresa orribile di cui non v’è l’uguale.
Una bambina interroga ed è la più piccina,
Essa risponde subito con flebile vocina:

«Cristellenza, cristellenza, trallallallera trallallallera,
Cristellenza, cristellenza, trallallallera trallallallà.»

Il cardinale attonito per simile risposta
Non si potea convincere che fosse fatto apposta.
Ma un giovinetto allegro con aria disinvolta
A lui si accosta e grida con forza un’altra volta:

«Cristellenza, cristellenza, trallallallera trallallallera,
Cristellenza, cristellenza, trallallallera trallallallà.»

Il cardinal sentendosi offeso in tanto ardire
Decide che il prelato è d’uopo ben punire.
Con aria grave dice: «Io stimo mio dovere
Di togliervi la curia, di togliervi il potere.

E più non sia concessa, trallallallera trallallallera,
Recitar la santa messa, trallallallera trallallallà.»

Il povero pretino la piglia in santa pace
E guarda il cardinale con aria assai mendace.
Poi dice dolcemente: «Non me ne importa un fico.
Troverò ben da vivere senza fare il mendico.

E in caso di riserva, trallallallera trallallallera,
Mi marito con la serva, trallallallera trallallallà.

E in caso di riserva, trallallallera trallallallera,
Mi marito con la serva, trallallallera trallallallà.

inviata da Bernart Bartleby - 25/3/2017 - 14:10




Lingua: Italiano (Bolognese)

La versione in dialetto bolognese (posteriore a quella originale in italiano) di Quínto Ferèri (Quinto Ferrari, 1907-1995), altro importante canzonettista bolognese.
Testo trovato su Mûṡica bulgnaiṡa
DUTRÉṄNA IN MÛṠICA

Un cardinèl al fó mandè da Råmma a Mulinèla
par cuntrulèr l’ativitè däl cîṡ d sta bèla tèra -
l avêva in prezedänza urdnè che äli uraziån
äl fóssen cantè in mûṡica dai fiû di parochiàn:
figurèv che penitänza, trulalalera, trulalalera,
insgnèr mûṡica al’infànzia, trulalalera trulalalà!

In previṡiån d sta vîṡita un prît ògni matéṅna
l insgnèva ai cínno mûṡica premiandi con na mléṅna
e låur cantànd incôsa con grâzia e intunaziån
i fèvn andèr in èstaṡi curèt e sagrestàn:
“Qué as fà zêrt bèla figûra”, trulalalera, trulalalera,
gêva l prît tótt in ṡvarżûra, trulalalera, trulalalà!

Pió d tränta mâsti e fammn i én là, con un puctén d scagâza
quand l äntra al cardinèl e al dîṡ, dåpp la benziån col brâza:
“Sintän mò al paternòster cantè dal pió grandén”
e st ragazôl al s saggna, dåpp fât un bèl inchén:
“Pater noster qui es in coelis”, trulalalera, trulalalera,
“Pater noster qui es in coelis”, trulalalera, trulalalà!

Al cardinèl al sgné col man ed ṡmétter sta manfréṅna,
pò al gé col prît: “Mo a ste muclån cs’ai manca, una rudléṅna?”
E al scåulta la pinéṅna pió céṅna ch’é lé avṡén
e lî con na vuṡléṅna cme qualla d un anżlén:
“Kyrie eleison, Christe eleison”, trulalalera, trulalalera,
“Kyrie eleison, Christe eleison”, trulalalera, trulalalà!

“Mo quasst l é un pchè murtèl d chi grand”,
al gé st òmen santéssum,
“vó, prît ch’a insgnè a ṡburdlèr coi sant,
arî un castîg duréssum!
In nómm ed tótti äl rêgol da mé rapreṡentè
a v prîv da incû in avanti dla vòstra autoritè:
a n dirî mâi pió la massa”, trulalalera, trulalalera,
“ne a bvarî d vén sant na gåzza”, trulalalera, trulalalà!

“Gran deziṡiån sagéssima”, al gé st pritén in dṡgrâzia,
“ch’la srê pò ṡbagliatéssima se am vléssi fèr la grâzia,
parché d cunzélli e rêgol l é un pèz che mé a sån stóff,
e a stèr sänza stanèla l é al quèl ch’am pièṡ pió d tótt.
E pò sänz òblig dla risêrva”, trulalalera, trulalalera,
“a m spåuṡ sóbbit la mî sêrva”, trulalalera, trulalalà!

inviata da Bernart Bartleby - 26/3/2017 - 21:05


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org