Lingua   

Laurina a la filanda

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo)


Ti può interessare anche...

Stamattina
(Nanni Svampa)
Sundown
(Agnes Cunningham)
Povero Cristo
(Nanni Svampa)


[inizio 900]
Canto di filanda lombardo, esistente in molte versioni.
Quella che riporto è tratta dal volume di Nanni Svampa intitolato La mia morosa cara
La registrazione del brano si trova nel quinto volume dei “Canti del lavoro”, una collana curata da Roberto Leydi e pubblicata da I Dischi del Sole a metà degli anni 60. La canzone era interpretata da Ines Serventi, filandera cremonese classe 1904.

Canti del lavoro 5
Laurina a la filanda
la si sent di gran dolori
la ghe dis al direttore
di lasciarla andare a cà.

Entra in camera Laurina
la si getta sopra il letto
con le mani giunte al petto
di dolòr che l‘ée la gh'ha.

Vègn a casa la sò mamma
- "Cosa gh'et mè Laurina?"
- “Vègna chi, stème visina
ve diròo la verità.

Tutt i dis che sont 'na fiola
no no no sont maridada
gh'hoo la vera inargentada
me l’ha data el direttòr.

Non è stato il muratore
ma l'è stato il direttore".
Direttòr de la filanda
gh’ha tradi la gioventù.

Fiole belle, fiole care ,
ai direttòr non stée a badàghe
i è baloss de prima riga
i tradiss la gioventù.

inviata da Bernart Bartleby - 19/3/2017 - 16:59


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org