Lingua   

No “Dal Molin”

anonimo


Lingua: Italiano (Veneto)


Ti può interessare anche...

Il suo nome: bandito
('Zuf de Žur)
El xera lì
(Stefano Maria Ricatti)


Vauro, "Il Manifesto", 18-2-07
Vauro, "Il Manifesto", 18-2-07


IL 17 FEBBRAIO ERAVAMO TUTTI A VICENZA A PROTESTARE CONTRO L'AMPLIAMENTO DELLA BASE AMERICANA DAL MOLIN!

Scarica Lo SPOT VIDEO sulla manifestazione da Global Project!
GALLERIA FOTOGRAFICA / PHOTOGALLERY da/from Global Project
LE CCG A VICENZA/AWS IN VICENZA



Da:http://www.altravicenza.it/

nodalmolin
.


"Testo di un paroliere dialetàle, forse bìso, ma ancòra no mòna dàl tùto...
Ciao, Tita Stern"

(su l’aria “Osteria numero nove...”)
Un video che spiega ciò che sta accadendo a Vicenza:
da YouTube
(Silva)
Forse ‘riva i ‘Mericani
parabonzi bonzi bon
I ghe ‘n parla da tre àni
parabonzi bonzi bon
Hullweck dìse “Sì ala Base”,
con Vicenza invese el tàse!
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN!”

Forse ‘riva i ‘Mericani
parabonzi bonzi bon
Col Governo dei ingàni!
parabonzi bonzi bon
I se ne frega del “Cermìs
e i vol far la Base “bis”!
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN”

‘Rivarà i Americani?
parabonzi bonzi bon
Par acòrdi tanto strani!
parabonzi bonzi bon
No sa gnente el Ministero,
tùto avòlto nel mistero!
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN”

‘Rivarà ‘sti Americani?
parabonzi bonzi bon
I vorìa portàr ‘reoplàni
parabonzi bonzi bon
S-ciopi, bombe, cariarmati,
muri e reticolàti!
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN”

Xe ‘rivà i Americani?
parabonzi bonzi bon
‘Ghe somèia più a marsiàni!
parabonzi bonzi bon
I vòl fàrla da paròni,
I vàda fòra dai coiòni!
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN”
Dighe de no, Vicenza,
Dighe: “NO DAL MOLIN”

inviata da adriana - 11/2/2007 - 08:41


CENTOCINQUANTAMILA "NO ALLA GUERRA"!
Galleria Fotografia
Vicenza, 17 febbraio 2007
da Global Project

150,000 "NO WAR"!
Photogallery
Vicenza, Italy, February 17, 2007
from Global Project


first


1


2


3


4


buish


6


7


8


9


xxx


xxy


yab

Riccardo, Adriana, Manuela, Walter, Paolo e tutti gli altri 150.000 - 18/2/2007 - 10:45


LE CCG/AWS A VICENZA IL 17-2-2007
Verranno inserite altre foto via via che saranno pronte.
Other pics will be included as they are ready.


Riccardo Venturi, amministratore delle CCG/AWS, assieme a Sugo, partigiano della Divisione "Arno", di anni 80. Accanto, la bandiera della sua divisione, brigata "Sinigaglia". Sezione del corteo del CPA - Centro Popolare Autogestito Firenze Sud - cui va un saluto e un abbraccio. - Foto di Manuela Scelsi, Lugano, Svizzera.
Riccardo Venturi, amministratore delle CCG/AWS, assieme a Sugo, partigiano della Divisione "Arno", di anni 80. Accanto, la bandiera della sua divisione, brigata "Sinigaglia". Sezione del corteo del CPA - Centro Popolare Autogestito Firenze Sud - cui va un saluto e un abbraccio. - Foto di Manuela Scelsi, Lugano, Svizzera.


Vicenza, 17 febbraio 2007. Lo striscione del CPA - Centro Popolare Autogestito Firenze Sud. Foto di Manuela Scelsi, Lugano, Svizzera.
Vicenza, 17 febbraio 2007. Lo striscione del CPA - Centro Popolare Autogestito Firenze Sud. Foto di Manuela Scelsi, Lugano, Svizzera.

18/2/2007 - 11:27


Scusate la digressione, ma questo titolo di Repubblica.it aveva un doppio senso secondo me fantastico che meritava di essere visto:

D'Alema: con nuove basi possiamo ripartire

Lorenzo - 23/2/2007 - 17:53


NOVARA, 4 NOVEMBRE 2007, CONTRO GLI F35 E LE BASI NATO PER NON FESTEGGIARE LA "VITTORIA" NEI MASSACRI IMPERIALISTI
Anche "Canzoni Contro la Guerra" aderisce alla manifestazione
nof35.org

coordinamento contro gli F-35

CCG/AWS Staff - 1/11/2007 - 15:41


Il gigante dai piedi d'argilla

10/02/2009 fonte: Presidio Permanente


[...] Il dispositivo messo in campo questa mattina dal Questore Sarlo ha dimostrato tutta la sua imponenza: un gigante militare fatto per intimidire, vietare, respingere, intimorire. Ma con i piedi d'argilla, perché legata a uno scenario di scontro creato dalla Questura e rifiutato dai cittadini [...]


Guarda il primo video sulla giornata di oggi

Stiamo preparando nuovi contributi filmati

Un centinaio tra carabinieri e poliziotti in assetto antisommossa che avanzano lungo viale Dal Verme per centinaia di metri respingendo con spintoni, insulti, minacce e violenze manifestanti pacifici che arretrano; blindati e volanti schierati in ogni strada laterale nella zona limitrofa all'ingresso del Dal Molin per impedire ai vicentini di avvicinarsi; minacce d'arresto verso i cittadini che, pacificamente, si oppongono alla realizzazione della nuova base militare, ma anche verso chiunque stazionava, in numero maggiore di tre persone, sui marciapiedi limitrofi alla rotatoria di Via Ferrarin. Sedici persone trattenute in Questura per un blocco stradale, a cui hanno fatto compagnia due reporter presenti alle iniziative per documentare gli eventi. Centinaia di denunce annunciate per “violenza privata aggravata”, il reato che, secondo la Questura, si configurerebbe per il blocco dei camion. Il dispositivo messo in campo questa mattina dal Questore Sarlo ha dimostrato tutta la sua imponenza: un gigante militare fatto per intimidire, vietare, respingere, intimorire. Ma con i piedi d'argilla, perché legata a uno scenario di scontro creato dalla Questura e rifiutato dai cittadini.

Avrebbero voluto arrestare decine di persone questa mattina; per i fermi avevano attrezzato la scuola di polizia: gli uffici di V.le Mazzini, nelle previsioni del Questore, non erano sufficienti a ospitare tutti i fermati. Avrebbero voluto manganellare e picchiare perché, come ha dichiarato Sarlo, «non esiste alcuna possibilità di confronto con coloro che sfidano il divieto»; e il divieto, quest'oggi, era di manifestare contro la nuova base statunitense. Ma questa mattina qualcuno con la testa sulle spalle e il senso di responsabilità, in strada, c'era: erano i manifestanti, che hanno rifiutato lo scontro che hanno tentato di imporre le forze dell'ordine per dedicarsi al tentativo di bloccare, in una giornata così difficile, i lavori in corso.

E così, per due volte, i camion della ditta Carta Isnardo sono stati fermati; la prima volta sui cancelli dell'azienda, raggiunta da decine di persone. Dopo un'ora di blocco, l'ennesimo intervento di forza della celere che ha respinto le persone minacciando l'arresto. Poi, in una rotatoria lungo il percorso che i mezzi fanno quotidianamente; ed è in questa occasione che le forze dell'ordine hanno fermato 14 persone e due giornalisti, in seguito rilasciati. In mattinata, invece, a finire in Questura erano stati due ragazzi con la sola colpa di essersi parcheggiati con un furgone – che conteneva un impianto audio – in un parcheggio.

In serata, centinaia di persone si sono ritrovate in Piazza dei Signori. Una prima risposta alla sospensione della democrazia attuata quest'oggi in città. Se l'obiettivo era di far chiudere i cittadini nelle proprie case, non è stato raggiunto. Vicenza continuerà a difendere la propria terra e il proprio diritto a opporsi pacificamente alla nuova base militare. È per queste ragioni che sabato prossimo torneremo in strada, con un corteo in difesa della democrazia e del diritto dei cittadini a esprimere il proprio dissenso e la propria opposizione a un progetto imposto. Un corteo a cui chiediamo di partecipare a tutti coloro che rifiutano la violenza e l'imposizione e si riconoscono nella democrazia e nella partecipazione; vogliono militarizzare non solo il Dal Molin ma l'intera vita cittadina: continueremo a batterci per imperdirlo.

adriana - 11/2/2009 - 18:55


Ci sono uomini che lottano un giorno e sono bravi, altri che lottano un anno e sono più bravi, ci sono quelli che lottano più anni e sono ancora più bravi, però ci sono quelli che lottano tutta la vita: essi sono gli indispensabili.
B. Brecht

OLOL JACKSON: sicuramente un compagno Indispensabile
(Gianni Sartori)

“Non ci credo, non è possibile”. Questo era stato il primo commento; poi silenzio, attonito silenzio per ore.

Olol Jackson, sicuramente tra i maggiori protagonisti dell'antagonismo sociale nel vicentino degli ultimi 20 - no, almeno 25 – anni ci ha lasciati. All'improvviso, inaspettatamente, a soli 48 anni. Un vuoto incolmabile che verrà drammaticamente percepito sabato prossimo quando, per la prima volta, Olol non ci sarà alla manifestazione davanti alla caserma statunitense Ederle in viale della Pace.
Ben noto come uno degli organizzatori dell'occupazione da cui nacque il Centro sociale Ya Basta! (un richiamo all'insurrezione zapatista), Olol aveva al suo attivo anche quella della scuola in abbandono di San Antonino di qualche anno prima. L'intenzione era di farne un centro sociale-culturale per il quartiere (guarda caso di fronte al Dal Molin e non lontano da dove sorgerà il tendone del Presidio: coincidenze?), ma prima intervennero i manganelli della polizia.

Ricordo che Olol si era stupito di trovare sulla “Voce dei Berici” il mio articolo, critico nei confronti del sindaco Achille Variati (al suo primo mandato, credo) che aveva ordinato lo sgombero brutale (vedi il pestaggio subito da Cedro e da altri compagni). Chissà, forse Variati intendeva riportare alla memoria dei militanti più anziani l'analoga carica (con immancabile pestaggio: un paio di commozioni cerebrali, Francesco e Chiara) davanti alla vecchia questura sbrigativamente ordinata nel maggio 1972 dal suo pigmalione, Mariano Rumor.
Le analogie erano notevoli, mancavano solo i fascisti che applaudivano dal balcone (la vecchia sede del MSI era di fronte alla Questura, opportunamente), ma non si può avere tutto.
In realtà l'articolo era stato alquanto ridimensionato, in parte edulcorato, ma onestamente al buon don Lucio Mozzo, il miglior direttore che il settimanale diocesano abbia mai avuto, non potevo chiedere di più. Quella fu l'unica voce critica, dissonante in un coro di applausi per la fermezza mostrata dalle istituzioni.

Poi nel 1995 ebbe inizio la fin troppo breve stagione di Ya Basta! in via Battaglione Framarin, fatto abbattere sei anni dopo dal sindaco Hullweck (in gioventù di Ordine Nuovo, quello che intanto presenziava “a titolo personale” all'inaugurazione della sede di Forza Nuova). Ma come disse Olol al momento di abbandonare la sede “Finisce solo il primo tempo, ora andiamo a giocarci il secondo”.
Seguirà l'occupazione dell'ex Lanerossi al quartiere Ferrovieri, l'attuale Bocciodromo (in memoria di quello storico costruito dai ferrovieri per il dopolavoro).
Entrambi nel luglio 2001 eravamo stati a Genova, ma senza esserci incontrati.
In seguito ci scambiammo impressioni e opinioni sia sulle proditorie cariche del venerdì che portarono all'uccisione di Carlo Giuliani che sui gas CS.
Consigliere dei Verdi alla circoscrizione 3 (San Pio X) dal 2003 al 2007, insieme a Francesco Pavin fu tra i primi a denunciare i progetti di un nuova base statunitense (di cui nessuno sentiva la mancanza) a Vicenza.
Portavoce e “anima” del Movimento “No-Dal Molin”, quando il Presidio decise di dotarsi di un mensile, fu lui a chiedermi di fare da direttore responsabile. Dopo una iniziale perplessità (magari ogni tanto uno anche ci pensa alla “carriera”...) ne fui onorato.
Tra i suoi numerosi meriti conquistati sul campo, le molteplici denunce e la condanna nel 2013 per l'occupazione della prefettura del 16 gennaio 2008. Data infausta della dichiarazione di Romano Prodi a favore della realizzazione del Dal Molin.
Un padre veterano del Vietnam, gli avrebbe consentito di richiedere la cittadinanza statunitense, ma la rifiutò in quanto, come disse “son già cittadino del mondo”. Una scelta di campo, comunque.


Dalla madre, scomparsa recentemente e già impegnata nell'associazionismo, presumibilmente gli derivava la passione politica e quel suo indiscutibile “carisma ai cortei che ci faceva sentire protetti” come ricordava affettuosamente Cinzia Bottene.
Una dote di famiglia. Una volta mi aveva parlato di un nonno, dirigente politico e militante dell'opposizione in Somalia. Ora rimpiango di non aver approfondito. E la sua militanza non si esauriva certo qui: l'antifascismo militante, la lotta contro gli sfratti e più recentemente l'impegno quotidiano nel sindacato di base Adl Cobas.
Concludo. Ai funerali dei compagni ci si conta, ma si contano anche i vuoti. Sia per defezione, sia per decesso. Prima era toccato a quelli, pochi, delle Brigate Internazionali, poi ai partigiani. Ora forse tocca alla mia generazione (quella del cosiddetto “68”) di prendere commiato. Anche se, va detto, in molti tra quelli del “77”, più giovani, ci hanno già preceduto. Magari per l'eroina elargita dallo stato o per malanni successivi.

Ma Olol era già di un'altra generazione. Nato 48 anni fa, era nel pieno del vigore e dell'impegno. Non aveva particolari magagne o trascorsi a rischio.
E allora? Allora niente. La vita è notoriamente una puttana che ti afferra, ti trascina in alto e poi ti molla giù, a schiantarti sul cemento.

“La terra ci reclama” recitava la poesia di un prigioniero politico basco. Ci reclama sempre, anche prima del tempo. Conviene farsene una ragione, era il saggio sottinteso.

E noi invece sempre lì a stendere progetti, a cercar simboli, orizzonti...a illuderci che ci sia qualche significato recondito in questo perenne annaspare, nel vuoto in direzione del nulla. Magari in tondo.

Anche la Storia ci siamo inventati per dare un senso al nostro incedere precario in questa valle di lacrime.

Ma tuttavia “...ci sono quelli che lottano tutta la vita...” . Ci sono appunto quelli come Olol Jackson.
Ed è a loro che dobbiamo quel poco di dignità con cui ci è dato di vivere a testa alta. Nonostante tutto.
Gianni Sartori

gianni sartori - 3/10/2017 - 18:39


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org