Lingua   

The Story You Tell Yourself

The Orphan Brigade
Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

I've Seen the Elephant
(The Orphan Brigade)
Good Old Flag
(The Orphan Brigade)
Paddy's Lament (By the hush)
(Sinéad O’Connor)


2015
Soundtrack To a Ghost Story
(B.Glover/N.Hubbard/J.Britt)
Soundtrack To a Ghost Story


L'intreccio fra storia americana e folk music si fa strettissimo in questo progetto discografico a nome The Orphan Brigade, che l'italiana Appaloosa snida con intelligenza dalla miriade di uscite indipendenti, per offrirlo nell'edizione con testi tradotti a fronte (lavoro meritevole, vista la centralità delle vicende umane cantate). Non è una sorpresa dell'ultima ora la sensibilità di alcuni musicisti di area roots per questo tipo di narrazioni in musica: sembra semmai un tratto distintivo - quello cioè di utilizzare il passato e le intersezioni fra cronaca e mito - per questa generazione perduta di songwriters. Vi appartengono di dirittto Neilson Hubbard, Ben Glover e Joshua Britt, qui i tre attori protagonisti ai quali si aggiungono le voci di Kim Richey, Gretchen Peters, Heather Donegan e un altro manipolo di strumentisti di area Americana, sottolineando così la natura corale dell'album.

The Orphan Brigade era l'appellativo di un contingente di soldati del Kentucky (ufficialmente "First Kentucky Brigade") che combatterono durante la Guerra Civile Americana sotto le bandiere della Confederazione. Furono presenti anche nella famosa battaglia di Shiloh, immortalata spesso dalla tradizione folk. Soundtrack to a Ghost Story, il disco e il corrispondente documentario che lo accompagna, si sviluppa dunque intorno alla vita e alle leggende di questa brigata, a poesie e testimonianze dirette, raccolte dai tre autori, cogliendone letteralmente lo spirito in una registrazione tenutasi presso l'Octagon Hall di Franklin, Kentuycky. Edificio misterioso quest'ultimo, ammantato da un'aura inquietante e, la vulgata racconta, infestato dai fantasmi, al centro di un'antica piantagione che fu teatro di quella guerra e delle tante vite soffocate nella violenza tra unionisti e confederati. L'esito non poteva che essere un disco di affascinante e dilatata Americana, dove sentori di irish music e fragranze sudiste, country rurale e folk rock d'assalto si incontrano nel suono rarefatto, diremmo ambientale, offerto dall'ottimo Neilson Hubbard, produttore che pare avere studiato tanto alla scuola di T Bone Burnett quanto a quella di Daniel Lanois.

Dovremmo parlare di quattordici capitoli di un romanzo più che di singole canzoni, dalla sparsa introduzione pianistica di Octagon Hall Prelude all'affascinante chiusura di The Orphans, crescendo di voci dai toni celestiali per fiati e banjo. Nel mezzo un susseguirsi di incanti che abbracciano la roots music più gotica e oscura in Trouble My Heart (Oh Harriett), lettera d'amore disperata e scelta come video promozionale, e I've Seen the Elephant, resoconto degli orrori sul campo di battaglia, passando all'afflato gospel di Sweetheart e attraversando marcette stranianti (il fischiettio di Whistling Walk) e veri e propri arrembaggi (l'unisono attacco folk di Cused be the Wanderer). Ciò che colpisce della musicalità di Soundtrack to a Ghost Story è quel suo dipanarsi tra inferno e paradiso, tra armonia e riverberi delle voci (Good Old Flag, Pale Horse), colmo di quel senso di mistero che è proprio soltanto della migliore "american music", un po' come se la nostra Orphan Brigade avesse fatto tesoro della lezione di The Band.

Dolcissime le melodie di Last June Light, la guerra vista attraverso gli occhi dell'innocenza di un bambino, e Goodnight Mary, bozzetti roots avvolti in mandolini e fiddle; perfette le dinamiche country soul di The Story You Tell Yourself, dove l'intepretazione di Kim Richey ricorda da vicino l'ultima Rosanne Cash; intense le parole e la voce spezzata di Ben Glover (un talento da tenere d'occhio) che nell'asciutta Paddy's Lamentation riversa la delusione di un immigrato irlandese venuto a cercare fortuna in America e si ritrova gettato sul campo di battaglia.

Storie di uomini, storie di fantasmi, una casa, le sue mura, la terra che la circonda intrisa di vita e di morte: Soundtrack to a Ghost Story è la loro colonna sonora.

www.rootshighway.it

You're fighting for your blood
You're fighting for your mother
You're fighting for yourself
For your sister and your brother
You're fighting for your heroes
You're fighting for your anthem
You're fighting for the living
And the dying and the phantoms

That's the story
That's the story you tell yourself
That's the story you tell yourself

You're marching for a land
You're marching for a freedom
You're marching to a death
To your father til you meet him
You're marching for what's right
You're marching for what's well
You're marching for the weakest
Who can't march for themselves

That's the story
That's the story you tell yourself
That's the story you tell yourself

You believe in the bullets
You believe in the preacher
You believe in the footsteps
That you follow of your leader
You believe in salvation
You believe the believers
You believe the accuser
The liar, the deceiver

That's the story
That's the story you tell yourself
That's the story you tell yourself

inviata da dq82 - 16/12/2015 - 09:52



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org