Lingua   

Tá sé ‘na lá

Eithne Ní Uallacháin




Ti può interessare anche...

Amhrán na bPrátaí Dubha
(Máire Ní Dhroma)
An Phailistín
(Sharon Shannon)
Cad é sin do'n té sin?
(anonimo)


"While reworking an old song 'Níl sé ‘na lá' or 'It is not yet the day' the sentiments of this song came to mind. The song thus evolved into Tá sé ‘ná Lá….It is the day, the time for many changes." - Eithne Ní Uallacháin

Eithne Ni Uallachain


An anti-famine song urging for unity among peoples and for action through compassion and the arts.
(From official website)
Song also recorded by:
Cathie Ryan
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Mná is leanaí an tSomáil
Ar fán le hocras ar na bóithr’
Anseo tá flúirse bia ar fáil
Is mithid suaimhneas roinnt le chéile?

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Briseadh croí is sileadh fol’
Sa tír bheag seo ó bhail’ go baile
Ar mhaithe lena nDéithe féin
Narbh aoibhinn suaimhneas measc a chéile?

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Fir is mná an chine daonna
‘choíche ‘g iomaíocht le chéile
Nach bhfuil na tréithe is deise
No na smaointe is éirimiúla

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Tá’n flamenco ins sa Spáinn
‘S fidiléirí binn sa tSualainn
Sean nós thiar in Indreabhán
Tá saibhreas cultúr againn uile

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Saibhreas croí ‘s saibhreas teanga
Saibhreas ceoil ‘s saibhreas damhsa
Fásaidh saibhreas grá dá chéilé
Ansin beidh saibhreas spioradálta

‘S tá sé n’lá a mhíle grá
‘S tá sé n’lá dhúinn theacht le chéile
‘S tá sé n’lá a mhíle grá
An uile dhuin’ ar fud na cruinne

Roinnimidne teas na gréine
‘S gile draíochtúil na gealaí
Leoithne aoibhinn mín na gaoithe
‘S ionann sin i spiorad na cruinne.

inviata da Robbi McMillen - 3/9/2015 - 23:04



Lingua: Inglese

English translation from the official website
IT IS THE DAY MY LOVE

It is the day my love,
the day for unity,
it is the day my love,
for the people of the Earth.

In Somalia women and children
wander the roads starving,
here we have plenty
we really should share.

Heartbreak and bloodshed
in our small country,
in the name of their Gods.
Wouldn’t peace be a fine thing.

Men and women of the human race
always in competition,
which has the finest characteristics
or the most intellectual ideas.

In Spain they dance flamenco,
Sweet fiddlers in Sweden,
Sean-nos singing in Indreabhán
We share rich cultures.

Richness of heart, richness of language
richness of music and dance,
when we grow in respect for each other
We will have spirit richness.

We share the heat of the sun,
the magic light of moon,
the gentle sweet breeze of the wind,
we are equal in the spirit of the Universe.

4/9/2015 - 14:08


Anche se personalemte ritengo la versione dei Clannad la migliore che sia mai stata registrata, sono particolarmente contento della scelta di questa perchè Eithne Ní Uallacháin era una cantante di rara grazia. L'ho conosciuta a Verona il 10 luglio del 1996, era estasiata dalla bellezza di Cortile Mercato Vecchio e lo volle sottolineatre all'inizio del concerto dei "Lá Lugh", il gruppo creato assieme a suo marito, il violinista Gerry O'Connor. Se n'era già andata meno di tre anni dopo ma il suo canto in "Brighid's Kiss" mi emoziona ancora oggi come allora.

Flavio Poltronieri - 4/9/2015 - 21:58


Flavio sei sicuro che si tratti della stessa canzone? Nella discografia ufficiale dei Clannad non risulta alcuna Tá sé ‘na Lá, ma Níl sé ina lá (Níl sé'n lá) che dai testi e dalle traduzioni su internet sembra essere tutt'altra canzone

Donquijote82 - 7/9/2015 - 19:53


Caro Donquijote82, il chiarimento ai tuoi legittimi dubbi è riportato da Eithne stessa nell'introduzione all'inizio di questa pagina: una canzone è l'evoluzione dell'altra. Un fraterno abbraccio

Flavio Poltronieri - 7/9/2015 - 20:51


Níl sé 'na lá
La canzone popolare originale. Contiene excursus.

Níl sé ‘na lá, níl a ghrá,
níl sé ‘na lá, ná baoil go maidin,
Níl sé ‘na lá, ní bheidh go fóill,
solas ard atá sa ghealaigh

Chuaigh mé isteach i dteach aréir,
‘s d’iarr mé cáirt ar bhean a’ leanna,
‘Sé dúirt sí liom, “Ní bhfaighfidh tú deor,
buail an bóthair a’s gabh abhaile!”

Níl sé ‘na lá, níl a ghrá,
níl sé ‘na lá, ná baoil go maidin,
Níl sé ‘na lá, ní bheidh go fóill,
solas ard atá sa ghealaigh

Chuir mé féin mo lámh ‘mo phóc’,
is d’iarr mé briseadh coróin’ uirthi,
‘S é dúirt sí liom “Buail a’ bord,
A’s bí ag ól anseo go maidin”

Níl sé ‘na lá, níl a ghrá,
níl sé ‘na lá, ná baoil go maidin,
Níl sé ‘na lá, ní bheidh go fóill,
solas ard atá sa ghealaigh

“Éirigh ‘do shuí, a fhir a’ tí,
cuir ort do bhríste a’s do hata,
Go gcoinní tú ceol leis a’ duine chóir,
‘ bheas ag ól anseo go maidin”.

Níl sé ‘na lá, níl a ghrá,
níl sé ‘na lá, ná baoil go maidin,
Níl sé ‘na lá, ní bheidh go fóill,
solas ard atá sa ghealaigh

Nach mise féin an fear gan chéill,
a d’fhág mo chíos i mo scórnaigh?
D’fhág me léan orm féin,
is d’fhág mé séan ar dhaoine eile?

Níl sé ‘na lá, níl a ghrá,
níl sé ‘na lá, ná baoil go maidin,
Níl sé ‘na lá, ní bheidh go fóill,
solas ard atá sa ghealaigh.

Traduzione italiana di Kay Mc Carthy, da Terre celtiche:

NON E' ANCORA GIORNO

Non è ancora giorno,
l’alba è ancora lontana,
Quella è la luce della luna,
che é ancora molto forte.

Entrai in una taverna
e chiesi un goccio alla locandiera,
E lei mi disse ” Non avrai neanche una lacrima,
cammina, va a casa!”

Non è ancora giorno,
l’alba è ancora lontana,
Quella è la luce della luna,
che é ancora molto forte.

Misi la mano nella tasca
e le chiesi il resto di una corona
E lei mi disse “Vieni al tavolo,
bevi fino all’alba”.

Non è ancora giorno,
l’alba è ancora lontana,
Quella è la luce della luna,
che é ancora molto forte.

“Alzati, padrone di casa,
mettiti pantaloni e cappello,
Vieni giù e suona per questo signore,
che resterà a bere fino all’alba”

Non è ancora giorno,
l’alba è ancora lontana,
Quella è la luce della luna,
che é ancora molto forte.

Che sciocco sono stato
a tracannare i soldi dell’affitto,
Ad imparare una dura lezione,
a lasciare la mia ricchezza ad altri.

Non è ancora giorno,
l’alba è ancora lontana,
Quella è la luce della luna,
che é ancora molto forte.


Níl sé 'na lá, o Níl sé'n lá (“Non è ancora giorno”) è una vecchia drinking song, probabilmente settecentesca come la stragrande maggioranza delle canzoni popolari irlandesi che ci sono pervenute (quelle più antiche sono veramente una manciata). Con tutto il rispetto sia per il détournement di Eithne Ní Uallacháin, sia per la versione dei Clannad, io rimango attaccato alla versione “nuda e cruda” data da un'attempata e bravissima signora irlandese che vive da una vita in Italia, a Viterbo: Kay Mc Carthy (che è l'autrice anche della traduzione italiana qui presente). Probabilmente, se si vogliono sentire le antiche canzoni irlandesi senza fronzoli, senza arrangiamenti rockeggianti né assoli jazzaroli e senza voci troppo gorgheggianti, bisogna ricorrere proprio a questa signora di estrema periferia, la quale se la canta e se la suona da trent'anni e rotti. La sua versione di Níl sé 'na lá è, a mio parere, la migliore e la più autentica, tenendo presente il battere delle mani sui tavoli di qualche bettola, che dev'essere stato l'unico accompagnamento reale della canzone. Kay Mc Carthy fu incaricata, nel 1995, di un CD introvabile e storico dedicato all'Irlanda, pubblicato dalla defunta rivista “Avvenimenti”: CD che, ohimé, avevo, che è andato perso in uno dei miei tanti traslochi, e che era aperto proprio da Níl sé 'na lá. Fortunatamente, in un video di un concerto tenuto assieme a Maria Laura Ronzoni proprio a Viterbo, Kay Mc Carthy ci fa sentire il brano (in una versione dal vivo praticamente identica a quella del CD di vent'anni fa), assieme a tante altre canzoni che consiglio a tutti di ascoltare. Nel video, Níl sé 'na lá comincia a 16"50'''; e altro che Clannad, secondo me.



Excursus I. In concerto (a 1'11"42''') Kay Mc Carthy fa anche A Gentleman Was Walking By, lunga, cupissima e infernale ballata già presente nel CD di Avvenimenti. In questo caso si va nella notte dei tempi: si tratta della versione irlandese della ballata nota in Gran Bretagna come The Maid and the Palmer (Child #21). Storia di incesti, bambini ammazzati e seppelliti sotto un pozzo e sotto la cucina di casa, con addentellati biblici ma dalla quale si evince che il Gentleman altro non può essere che il Diavolo in persona.

Excursus II. Il termine gaelico irlandese per giorno, , ha una valenza del tutto particolare in Irlanda per entrare nel famosissimo slogan Tiocfaidh ár lá "Verrà il nostro giorno", quello dell'indipendenza e della libertà. Fu creato da tale Bobby Sands ed è stato il motto del Provisional Irish Republican Army. dev'essere una delle tre o quattro parole gaeliche che si pronunciano come si scrivono; però i Provisionals venivano detti "Chucky", che è più o meno l'esatta pronuncia di "Tiocfaidh", tanto per dare un esempio di quanto poco la pronuncia sia legata alla grafia nella lingua gaelica. (genitivo: lae, irlandese antico lathe da un protoceltico *lasio- "il luminoso"), è comunque antichissima parola indoeuropea: è la radice LAS- "risplendere" che ha dato, ad esempio, il sanscrito lásati "risplende" e il greco λάω "guardo il sole che splende" (< *λά-σ-ω).

Riccardo Venturi - 9/9/2015 - 02:04


La signora in questione tra l'altro non è stata benissimo ultimamente, a lei, se dovesse mai passare da queste parti, gli auguri di una pronta guarigione

dq82 - 9/9/2015 - 23:50


Non sapevo proprio che Kay Mc Carthy avesse avuto problemi di salute e mi unisco anche io ai più grandi auguri di pronta guarigione, con l'affetto che deriva dai ricordi. Anche se ho perso il CD, rimane legato a mille cose. Quando lo avevo comprato assieme alla rivista, abitavo in una enorme e vecchissima casa mezza cadente in piena campagna, dalle parti di Siena; ci aveva, quella casa, pure la torre con un orologio fermo alle 8,15 di chissà quale lontanissimo giorno. La mia stanza era, manco a dirlo, proprio nella torre alla quale si accedeva con una scala a chiocciola massiccia e rugginosa. Siccome sono stato sempre un tipo notturno, ci rimanevo a volte fino all'alba; spegnendo completamente la luce si vedeva il castello di Monteriggioni illuminato. Orbene, non di rado, al buio totale, prendevo e mettevo su il CD andando proprio su "A Gentleman Was Walking By" eseguito da Kay Mc Carthy, che nella versione del disco ha un accompagnamento musicale molto bello e, in alcuni punti, terrificante. Una vera e propria antica canzone horror dalla terra che è quella, fra gli altri, di Sheridan Le Fanu. Posso assicurare che l'effetto era da brividi puri, specie quando la torre scricchiolava o veniva squassata dai venti di caduta del vicino Monte Maggio.

E se per caso Kay Mc Carthy passasse per questi lidi, magari le farà bene anche una risata. Stasera, davanti al Circolo Anarchico di Borgo Pinti, mi sono messo a cantare Níl sé 'na lá usando come tamburello la mia pancia. Per due minuti ho fatto gente.

Riccardo Venturi - 10/9/2015 - 01:06


"Las" è anche una delle più belle parole in polacco, secondo me. Da noi significa "foresta", "selva", "bosco". La vita, insomma. Lunga vita alla signora Kay Mc Carthy, che sento quasi una paesana, visto che cinque anni della mia vita ho passato vicino a poco distante Orvieto.
Un concerto bellissimo questo segnalato da Riccardo, grazie.
Salud!

Krzysiek Wrona - 12/9/2015 - 18:20


Non ci sono solo stupende parole da quelle parti, dei giovani a Cracovia nel 2010 hanno prodotto e stampato "Vestito per amare", il mio terzo omaggio a Leonard Cohen e in Polonia ho trovato strepitosi tributi a Vysotskij (che in polacco si traduce Wysocki) oltre che a Brel, Brassens,Brecht e splendidi interpreti come la mia amica Justyna Bacz. Grazie della vostre arte, amici

Flavio Poltronieri - 13/9/2015 - 11:40


Bella Flavio. Grazie
Un abbraccio forte dalla Bolanda

Krzysiek Wrona - 17/9/2015 - 22:49


Perché non amiamo i vivi e così tanto adoriamo i morti, perché viviamo

Krzysiek - 18/9/2015 - 00:29


Il gruppo Tarujen Saari ha inciso una (pimpante) versione della canzone,tradotta in finlandese da Tapio Mattlar, col titolo "Yö vielä on" nel loro disco "Hepsankeikka" nel 2000.

Flavio Poltronieri - 4/1/2016 - 18:37


Toh, chi si rivede: i Tarujen Saari! Quelli di "Sota kirottu" (Maledetta la guerra!) con versioni in finlandese pure dai Malicorne (Viimeinen suudelma, vale a dire "Pierre de Grenoble"...). Davvero una vecchia conoscenza; a suo tempo scrissi a Kaisa Saari, la cantante, che gentilissimamente mi mandò dei testi (Da notare che la signora fa "Saari" di cognome, vale a dire "Isola"; e il gruppo si chiamava "Tarujen Saari", ovvero "L'isola dei misteri"). Quasi quasi per una volta "faccio il krzysiek" e metto anch'io un video: quello dei Tarujen Saari, appunto, che cantano e interpretano (da far scompisciare) le "Kaksitoista noitaa", vale a dire le "Dodici streghe", rivestiti di tappezzeria simil-nordica e carabattole varie. "Un video costato 100 euro con il quale ci siamo diveriti parecchio", disse la Kaisa (che è la prosperosa signora che canta nel video).

Riccardo Venturi - 4/1/2016 - 20:45


Ho cercato una volta il disco Sota kirottu (la cui copertina ricorda i Malicorne di Le Bestiaire: cambia solo l'animale) ma inutilmente, il sito pare irraggiungibile, forse mi puoi aiutare dandomi un contatto con qualcuno di loro, grazie

Flavio Poltronieri - 4/1/2016 - 22:15


E' vero: il sito dei Tarujen Saari è scomparso da anni, e credo (putroppo) anche il gruppo. Peccato che se ne sia andato Juha Rämö: forse lui davvero poteva fare qualcosa di meglio. La scomparsa del sito ha comportato anche l'eliminazione degli mp3 che vi erano contenuti: si trova ancora solo qualcosa sul Tubo. Però a suo tempo la Kaisa mi aveva mandato il Sota Kirottu: se vuoi te lo doppio. Ti parlo del 2005/2006 quando ancora stavo in Svizzera: io le avevo scritto all'indirizzo mail del sito, e quindi "contatto kaputt". Sota kirottu era un album dedicato specificamente alle antiche canzoni contro la guerra (la stessa canzone Sota kirottu è una traduzione da Le prince d'Orange...quello è un album veramente "malicornuto") e ai cavalli. Infatti, in copertina c'è un cavallo.

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 02:57


Cari Flavio e Riccardo, vi ricordo che è spesso possibile visualizzare il contenuto di un sito "morto" attraverso la Way Back Machine.

Nulla muore mai del tutto sul WEB e l'uso della WBM è un'operazione "paleontologica" che può dare delle soddisfazioni.

Nel caso dei Tarujen Saari visualizzo molte pagine del loro sito, tra il 2006 ed il febbraio 2015.

... per esempio, mi pare che qui siano visibili diversi dei loro testi...

Saluti

B.B. - 5/1/2016 - 11:44


Fantastico... si può anche vedere la primissima versione delle CCG online da pochi giorni...

Lorenzo - 5/1/2016 - 11:51


Scusa Riccardo, ma perchè Juha Rämö se n'è andato?

B.B. - 5/1/2016 - 11:52


Ciao Lorenzo, incredibol bat trù!
Ci vorrebbe un post adeguato in Novità con tanto di screenshot!
Saluti

B.B. - 5/1/2016 - 11:54


da notare "L'archivio contiene 514 canzoni di 261 autori diversi e 296 versioni, traduzioni e commenti". Ne abbiamo fatta di strada...

5/1/2016 - 11:57


Roba da matti....la primissima versione del sito forse non la avevo vista mai nemmeno io, dato che terminata la raccolta primitiva del 2003 me ne ero stato uccel di bosco per un anno e rotti anche se Lorenzo mi aveva fatto subito l'account...

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 13:29


Ha ragione BB....magari non nelle Gnus ma di sicuro sul blog...

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 13:30


Proprio non saprei dirti perche Juha Rämö se ne è andato, un giorno ha pubblicato un commento dicendo che aveva finito di mettere nel sito quel che voleva mettere...spero che non si sia offeso di qualche cosa, ma non so davvero cosa dirti...

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 13:31


Notevolmente ammirato dalle vostre perizie informatiche, perché io notoriamente non ci capisco una saga (come dicono in Islanda), mi sto guardano la pagina Wayback del sito dei Tarujen Saari, proprio lui! Peccato che è la seconda versione, perché gli mp3 stavano nella primissima (a un certo punto modificarono il sito e tolsero gli mp3). Però a suo tempo non mi ero accorto che ci sono ancora Malicorne fra i testi: "Koululaismurhaaja" è la versione finlandese de L'écolier assassin, pensate un po'...Richardus extasiatus!

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 13:40


Dear B.B.,

There really is a reason why I finished contributing to antiwarsongs. It’s a long story, but if you want to know, please contact me at juha.i.ramo@gmail.com.

Yours sincerelly

Juha Rämö

Juha Rämö - 5/1/2016 - 14:42


B.B. - 5/1/2016 - 15:19


Ciao J.R., felice di sentirti.

A parte il fatto che faccio un po' di fatica a corrispondere in inglese, non c'è ragione di contattarti privatamente: se le ragioni sono personali, sono tue, non mi interessa. Se invece riguardassero in qualche modo le CCG /AWS tanto vale renderle pubbliche.

Un caro saluto

Bernart Bartleby - 5/1/2016 - 15:28


Caro Riccardo, mi ricollego al messaggio del 5/1/2016 - 02:57 perchè poi gli interventi hanno preso una strada tutta loro. Gradirò senz'altro una copia duplicata di Sota Kirottu in un prossimo futuro e fin d'ora ti ringrazio, intanto visto il tema conduttore che mi hai testè svelato, mi viene in mente un trittico fenomenale di canzoni cavalline da proporre:
Ballad of the Absent Mare - Leonard Cohen
Rosenfole - Agnes Buen Garnas/Jan Garbarek
El alazán - Atahualpa Yupanqui

Flavio Poltronieri - 5/1/2016 - 17:45


Davvero felice di constatare che gli mp3 dei Tarujen Saari esistono ancora...! In particolare, inviterei proprio a sentire la bellissima versione che hanno fatto di Pierre de Grenoble, Viimeinen suudelma. La ripristino anche nella relativa pagina.

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 18:42


Senz'altro, Flavio, ti doppio il CD e poi mi farai sapere come mandartelo. Quanto alle canzoni cavalline ci aggiungerei anche "Le petit cheval" di Brassens, dalla poesia di Paul Fort, così tanto per fare il poker:

Riccardo Venturi - 5/1/2016 - 19:56



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org