Lingua   

Vanini

Friedrich Hölderlin


Lingua: Tedesco


Ti può interessare anche...

Over Yonder (Jonathan's Song)‎
(Steve Earle)
Apua natìa
(Apuamater Indiesfolk)
Gira e fai la rota
(anonimo)


[1798]
Versi del grande poeta tedesco Friedrich Hölderlin (1770-1843), nella raccolta “Gedichte 1784-1800”.
Musica del compositore austriaco Josef Matthias Hauer (1883-1959) nella sua opera “Fünf Lieder”, 1914.

Poesia dedicata a Giulio Cesare Vanini (1585-1619), filosofo, teologo, naturalista libero pensatore originario del Salento.

Giulio Cesare Vanini


Ordinato frate carmelitano, poi transitato all’anglicanesimo e quindi tornato al cattolicesimo, spirito inquieto, profondamente critico verso il papato e convinto della necessità del superamento di una teologia d’impianto ancora medievale, razionalista radicale propugnatore dell’autonomia della ragione e della natura, innovatore della tradizione cristiana considerato eversore dai tradizionalisti, Giulio Cesare Vanini visse tra Inghilterra, Francia e Italia sempre spiato e braccato dagli sgherri dell’Inquisizione, fino a quando si decisero ad arrestarlo a Tolosa nel 1618.
Vanini fu condannato come ateo e bestemmiatore. Il 9 febbraio 1619 fu giustiziato: il supplizio consistette nell’estirpazione della lingua, strangolamento e quindi rogo del cadavere.

“Prima di bruciare vivo Vanini, un pensatore acuto e profondo, gli strapparono la lingua, con la quale, dicevano, aveva bestemmiato Dio. Confesso che, quando leggo cose del genere, mi vien voglia di bestemmiare quel dio.”

Arthur Schopenhauer (1788-1860)

Su Vanini ed il suo pensiero si legga Morire allegramente da filosofi

“Le [...] religioni non erano se non finzioni ed illusioni. Queste poi [...] sono state escogitate dai prìncipi per ammaestrare i sudditi e in seguito sono state dai sacerdoti sacrificatori, sempre a caccia di onori e di oro, confermate non con i miracoli, ma con la sacra scrittura, il cui testo originale non si trova in alcun luogo. I libri sacri, d’altro canto, narrano di miracoli compiuti e promettono le giuste ricompense per le buone e cattive azioni, non in questa, ma nella vita futura affinché la frode non possa essere scoperta. Infatti, chi mai fece ritorno dall’altro mondo? Così il rozzo popolino è costretto all’obbedienza per il timore del Supremo Nume che tutto vede e compensa ogni azione con castighi e premi eterni. Perciò l’epicureo Lucrezio cantò che: «Il timore introdusse nel mondo i primi dèi

Giulio Cesare Vanini, “De admirandis Naturae Reginae Deaeque mortalium arcanis libri quatuor”, 1616.
Den Gottverächter schalten sie dich? mit Fluch
Beschwerten sie dein Herz dir und banden dich
Und übergaben dich den Flammen,
Heiliger Mann! o warum nicht kamst du

Vom Himmel her in Flammen zurück, das Haupt
Der Lästerer zu treffen und riefst dem Sturm;
Daß er die Asche der Barbaren
Fort aus der Erd, aus der Heimat werfe!

Doch die du lebend liebtest, die dich empfing,
Den Sterbenden, die heilge Natur vergißt
Der Menschen Tun und deine Feinde
Kehrten, wie du, in den alten Frieden.

inviata da Bernart Bartleby - 3/6/2015 - 10:11



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da it.wikipedia. Penso si tratti della traduzione di Enzo Mandruzzato da “Friedrich Hölderlin. Le liriche”, Adelphi, 1977.
VANINI

Empio osarono dirti e d'anatemi
oppressero il tuo cuore e ti legarono
e alle fiamme ti diedero. O uomo
sacro! perché non discendesti in fiamme
dal cielo, il capo a colpire ai blasfemi
e la tempesta tu non invocasti
che spazzasse le ceneri dei barbari
dalla patria lontano e dalla terra!
Ma pur colei che tu già vivo amasti,
sacra Natura te morente accolse,
del loro agire dimentica i nemici
con te raccolse nell'antica pace.

inviata da Bernart Bartleby - 3/6/2015 - 10:12


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org