Lingua   

Vinni cu vinni

anonimo
Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Storia di Jachinu Letu
(anonimo)
Vittoriu Emanueli
(Mario Incudine)
Cantu di carcirati
(Taberna Mylaensis)


[dopo il 1861]
Canto popolare della Sicilia post-unitaria, dove il sogno della liberazione dalla dominazione borbonica si era già miseramente infranto.
Interpretata dalla Taberna Mylaensis, da Mimmo Mollica, da Mario Incudine e altri artisti. Anche i Cantunovu ne offrono una loro versione ma “edulcorata”, che la seconda ottava – quella più bella - è sostituita con una quartina in onore di Garibaldi…
Vinni cu vinni e c’è lu triculuri,
vinniru milli famusi guirreri
vinni Canibardu lu libiraturi:
nta lu so cori paura nun teni.
Ora si ca finiu ciccu Burbuni,
la terra si cci apriu sutta li pedi:
fu pri chist’omu ccu la fatciumi,
ca la Sicilia fu libira arreri.

Parru ppi lu Sissanta, o mei signuri:
su’ tutti virità, nun su’ palori
si isau la bannera a tri culuri
cu ccuntintizza alligria di cori;
ma non è longa è quatra a mmuccaturi
cu la cruci Savoia e autri decori
e la sustennu novi rrapaturi:
chistu è lu munnu: cu nasci e cu mori.

inviata da Bernart Bartleby - 22/8/2014 - 14:16



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org