Lingua   

Ο ίσκιος έπεσε βαρύς

Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης




Ti può interessare anche...

Hiroshima / Χιροσίμα
(Maria Farandouri / Mαρία Φαραντούρη)
Ὁ γιός μου εἶναι ἐννιά χρονῶν
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
Το εκκρεμές
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)


theodypografi
O ískios épese varýs
[1965]
Στίχοι: Γεράσιμος Σταύρου
Μουσική: Mikis Theodorakis
'Αλμπουμ: Η μπαλάντα του Μαουτχάουζεν - Κύκλος Φαραντούρη (1966)
Πρώτη εκτέλεση: Μαρία Φαραντούρη

Testo: Gerasimos Stavrou
Musica: Mikis Theodorakis
Album: Η μπαλάντα του Μαουτχάουζεν / The Ballad of Mauthausen - Six Songs (1966)
Prima interprete: Maria Farandouri

Lyrics: Yerasimos Stavrou
Music: Mikis Theodorakis
Album: Η μπαλάντα του Μαουτχάουζεν / La ballata di Mauthausen - Ciclo Farandouri (1966)
First recording: Maria Farandouri


mautball
mautball2




Η μπαλάντα του Μαουτχάουζεν - Κύκλος Φαραντούρη / The Ballad of Mauthausen - Six Songs (Farandouri Cycle) (1966)



Μίκης Θεοδωράκης / Mikis Theodorakis
Ιάκωβος Καμπανέλλης / Iakovos Kambanellis
Δημήτρης Χριστοδούλου / Dimitris Christodoulou
Γεράσιμος Σταύρου / Gerasimos Stavrou
Τάσος Λειβαδίτης / Tasos Livaditis
Νίκος Γκάτσος / Nikos Gatsos
Μαρία Φαραντούρη / Maria Farandouri


La ballata di Mauthausen è una storica composizione di Mikis Theodorakis (affidata nella registrazione originale del 1966 alla voce di Maria Farandouri comprendente, tra le altre cose, quattro celeberrimi testi di Iakovos Kambanellis. Si tratta dei quattro fondamentali testi tratti dalla “Tριλογία για Μαουτχάουζεν” (Trilogia di Mauthausen) del poeta e drammaturgo greco, musicati da Mikis Theodorakis, più altri sei testi di Nikos Gatsos, Gerasimos Stavrou, Dimitris Christoudoulou e Tasos Livaditis, già compresi nel "Ciclo Farandouri" inciso dalla cantante nel 1964. Senza nessun timore di esagerazione, la Ballata di Mauthausen contiene non solo tra le più celebri e toccanti canzoni in lingua greca (si pensi solo a Άσμα ασμάτων), ma anche tra quelle dedicate ai campi di sterminio a livello internazionale. Un album rimasto per sempre legato alla figura e alla voce di Maria Farandouri e un progetto importantissimo. che vede finalmente una luce definitiva in questo sito, dopo anni in cui è rimasto colpevolmente sparso tra vari autori e scollegato. Una sola cosa non può cambiare: la dedica che, a suo tempo, feci a mio nonno paterno, Bruno Venturi (1898-1978), che fu prigioniero e superstite di Mauthausen, la “Casa della dogana”. [RV]

1.Mαουτχάουζεν (The Ballad of Mauthausen) ονομάστηκε ο κύκλος τραγουδιών του Μίκη Θεοδωράκη, τα οποία αποτελούν μελοποίηση -κατά κύριο λόγο- του αφηγηματικού έργου Μαουτχάουζεν του Ιάκωβου Καμπανέλλη, στο οποίο περιγράφεται ο έρωτας δύο κρατουμένων στο ομώνυμο στρατόπεδο συγκέντρωσης. Κατά τη διάρκεια του Β' Παγκοσμίου Πολέμου ο ποιητής Ιάκωβος Καμπανέλλης φυλακίστηκε στο στρατόπεδο συγκέντρωσης του Μαουτχάουζεν. Το 1965 έγραψε τέσσερα ποιήματα που αφορούσαν εκείνη την περίοδο και ζήτησε από τον καλό του φίλο και συνθέτη Μίκη Θεοδωράκη να τα μελοποιήσει. Ο Θεοδωράκης, ο οποίος είχε φυλακιστεί και ο ίδιος κατή τη διάρκεια της Γερμανικής κατοχής σε γερμανικές και ιταλικές φυλακές, δημιούργησε όμορφες και αξέχαστες μελωδίες που αναδεικνύουν τα συγκινητικά ποιήματα του Καμπανέλλη. Εκείνα τα ποιήματα έγιναν έκτοτε παγκοσμίως γνωστά ως η τριλογία του Μαουτχάουζεν. Η συμβολή της τραγουδίστριας Μαρίας Φαραντούρη ήταν καθοριστική. Στην αρχική ελληνική έκδοση του έργου, που ηχογραφήθηκε το 1966, περιλαμβάνονται τέσσερα μελοποιημένα ποιήματα του Καμπανέλλη («Άσμα ασμάτων», «Ο Αντώνης», «Ο δραπέτης» και «Όταν τελειώσει ο πόλεμος») καθώς και άλλων ποιητών («Κουράστηκα να σε κρατώ» του Δημήτρη Χριστοδούλου, «Ο ίσκιος έπεσε βαρύς» του Γεράσιμου Σταύρου, «Πήρα τους δρόμους του ουρανού» του Τάσου Λειβαδίτη, και «Στου κόσμου την ανηφοριά», «Το εκκρεμές» και «Τ' όνειρο καπνός» του Νίκου Γκάτσου). Τραγουδάει η Μαρία Φαραντούρη.

2.Κατά τη διάρκεια του Β' Παγκοσμίου Πολέμου ο ποιητής Ιάκωβος Καμπανέλλης φυλακίστηκε στο στρατόπεδο συγκέντρωσης του Μαουτχάουζεν. Το 1965 έγραψε τέσσερα ποιήματα που αφορούσαν εκείνη την περίοδο και ζήτησε από τον καλό του φίλο και συνθέτη Μίκη Θεοδωράκη να τα μελοποιήσει. Ο Θεοδωράκης, ο οποίος είχε φυλακιστεί και ο ίδιος κατή τη διάρκεια της Γερμανικής κατοχής σε γερμανικές και ιταλικές φυλακές, δημιούργησε όμορφες και αξέχαστες μελωδίες που αναδεικνύουν τα συγκινητικά ποιήματα του Καμπανέλλη. Εκείνα τα ποιήματα έγιναν έκτοτε παγκοσμίως γνωστά ως η τριλογία του Μαουτχάουζεν. Η συμβολή της τραγουδίστριας Μαρίας Φαραντούρη ήταν καθοριστική. Στην αρχική ελληνική έκδοση του έργου, που ηχογραφήθηκε το 1966, περιλαμβάνονται τέσσερα μελοποιημένα ποιήματα του Καμπανέλλη («Άσμα ασμάτων», Ο Αντώνης, Ο δραπέτης και 'Αμα τελειώσει ο πόλεμος) καθώς και άλλων ποιητών (Κουράστηκα να σε κρατώ του Δημήτρη Χριστοδούλου, «Ο ίσκιος έπεσε βαρύς» του Γεράσιμου Σταύρου, Πήρα τους δρόμους τ’ ουρανού του Τάσου Λειβαδίτη, και Στου κόσμου την ανηφοριά, Το εκκρεμές και Τ’όνειρο καπνός του Νίκου Γκάτσου). Τραγουδάει η Μαρία Φαραντούρη.

The Ballad of Mauthausen is an historical composition by Mikis Theodorakis (originally recorded 1966 by Maria Farandouri including, four celebrated poems by the Greek poet and playwright Iakovos Kambanellis, drawn from his “Tριλογία για Μαουτχάουζεν” (Mauthausen Trilogy), and other six poems by Nikos Gatsos, Gerasimos Stavrou, Dimitris Christoudoulou and Tasos Livaditis, already recorded 1964 in the so-called "Farandouri Cycle". The Ballad of Mauthausen includes, with no fear of exaggeration, not only some among the most famous and touching songs in the Greek language, but also among those dedicated to the extermination camps in any language. This album, indissolubly associated with Maria Farandouri's figure and voice, is a most important project of our website, now totally reshaped and restructured after years during which its songs have been scattered among various authors. One thing cannot change, however: the dedication I made to my grandfather, Bruno Venturi (1898-1978), who was a prisoner in and a survivor of Mauthausen, the “Customs House”. [RV]

Ο Μίκης Θεοδωράκης κι η Μαρία Φαραντούρη. Mikis Theodorakis e Maria Farandouri.
Ο Μίκης Θεοδωράκης κι η Μαρία Φαραντούρη. Mikis Theodorakis e Maria Farandouri.


a. Η μπαλάντα του Μαουτχάουζεν / The Ballad of Mauthausen

'Αμα τελειώσει ο πόλεμος
Άσμα ασμάτων
Ο Αντώνης
Ο δραπέτης

b. Κύκλος Φαραντούρη / Six Songs (Farandouri Cycle)

Κουράστηκα να σε κρατώ
Ο ίσκιος έπεσε βαρύς
Πήρα τους δρόμους τ’ ουρανού
Στου κόσμου την ανηφοριά
Τ’όνειρο καπνός
Το εκκρεμές


O ίσκιος έπεσε βαρύς
στο κάθε μας δρομάκι
να τραγουδήσεις δεν μπορείς
σε πνίγει το μεράκι

Κλειστά τα σπίτια σκοτεινά
οι τοίχοι ραγισμένοι
μα η καρδιά που αγρυπνά
χωρίς χαρά δε μένει

Μαράθηκε το γιασεμί
και στέρεψε η βρύση
πικρό για όλους το ψωμί
κι ο ήλιος πάει να σβήσει

Κλειστά τα σπίτια σκοτεινά
οι τοίχοι ραγισμένοι
μα η καρδιά που αγρυπνά
χωρίς χαρά δε μένει

inviata da Riccardo Venturi - 19/7/2014 - 00:25



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
19 luglio 2014


Sembra quasi che, per la Ballata di Mauthausen, Theodorakis sia ricorso ad una specie di ventaglio della società e della cultura greca, quasi a voler segnare l'insieme di un popolo. Dopo il matematico poeta, Dimitris Christodoulou, qui è all'opera un celebre attore e scenografo, Gerasimos Stavrou, autore di questo piccolo ma bellissimo testo che ci porta in un paese, o forse in un quartiere, “visitato” dalla guerra, dall'invasore, dalla deportazione: tutto sembra parlare di morte dove “l'ombra è caduta pesante”. Ma il cuore, ovvero il sentimento della vita e del suo pulsare, si rifiuta di morire anche quando “il sole sta per spegnersi”: senza gioia non può rimanere, perché la morte della gioia di vivere è la fine della vita. Ed è con questa semplice e bellissima cosa, del tutto "mediterranea" e solare, che torno dopo parecchio tempo a tradurre qualcosa dal greco (nell'ambito della ristrutturazione e sistemazione definitiva della Ballata di Mauthausen theodorakiana: una cosa che mi rende molto felice. [RV]
Cadde pesante l'ombra
su ogni nostra viuzza,
cantare no non puoi,
ti soffoca il magone 1

Chiuse le case buie,
i muri mezzi barati, 2
ma il cuore che resta sveglio
senza gioia non ci rimane

Il gelsomino è appassito
e si è seccata la fonte,
amaro per tutti il pane
e il sole sta per spegnersi

Chiuse le case buie,
i muri mezzi barati,
ma il cuore che resta sveglio
senza gioia non ci rimane.

19/7/2014 - 00:42


NOTE alla traduzione

[1] Il termine popolare μεράκι ha tutta una gamma di significati, da "voglia" ("μου έφυγε το μεράκι", "mi son cavata la voglia") a "desiderio", da "passione" a "sfizio". Qui ho tradotto "magone" in modo parecchio arbitrario sì, ma che mi sembra corrispondere abbastanza bene al senso particolare della parola in questo contesto.

[2] Ραγισμἐνοι è alla lettera "incrinati". Però qui sono ricorso a un termine dialettale elbano, "barati". Un muro "barato" non è del tutto crollato ma nemmeno semplicemente pieno di crepe. Avrei potuto tradurre "sbrecciati" o "crepati" (o, ancora, "crettati"), ma il termine àvito dialettale è il primo che mi è venuto in testa, in modo naturale, e ce l'ho lasciato.

Riccardo Venturi - 19/7/2014 - 00:50


Secondo il volume da me stracitato Μελοποιημένη Ποιήση, di M. Theodorakis, questa canzone apparterrebbe al disco "Κύκλος Φαραντούρη", che uscì in una prima incisione con Maria Farandouri nel 1964, e in una seconda del 1965 con Grigoris Bithikotsis. Il disco comprendeva: Το όνειρο καπνός Στου κόσμου την ανηφοριά, Το εκκρεμές su testi di Nikos Gatsos; Κουράστικα να σε κρατώ (testo di Dimitris Christodoulou) , Ο ίσκιος έπεσε βαρύς (testo di Gerasimos Stavrpu) , Πήρα τους δρόμους τ'ουρανού (testo di Tasos Livaditis). "Η μπαλάδα του Μαουχτάουζεν", su 4 testi di Iakovos Kambanellis, uscì nel 1965 per la voce di Maria Farandouri. Naturalmente, diversi pezzi dei due dischi, ciascun gruppo di numero insufficiente a fare un classico LP, riapparvero in altre edizioni combinati in varia forma, così da indurre sovente la convinzione che sotto il titolo di "Ballata di Mauthausen" si possano ricondurre pezzi che all'inizio non vi erano compresi: p. es. l'edizione di Mauthausen in mio possesso è completata da pezzi del "Fratello Morto" (Τραγούδι του νεκρού αδελφού).

Gian Piero Testa - 19/7/2014 - 03:11


La cosa sembra essere più complessa ancora e dovrò ricorreggere le indicazioni discografiche nelle varie canzoni. Nell'edizione del '66, quella su cui mi sto basando (perché su qualcosa, in casi complicati del genere, ci si deve pur basare...) c'è la "Ballata di Mauthausen" propriamente detta (su testi di Kambanellis) più "Six songs" che, evidentemente, erano già state registrate in precedenza dalla stessa Farandouri. Del resto, la cosa è riportata chiaramente anche nel testo presente nell'introduzione: Στην αρχική ελληνική έκδοση του έργου, που ηχογραφήθηκε το 1966, περιλαμβάνονται τέσσερα μελοποιημένα ποιήματα του Καμπανέλλη («Άσμα ασμάτων», «Ο Αντώνης», «Ο δραπέτης» και «Όταν τελειώσει ο πόλεμος») καθώς και άλλων ποιητών («Κουράστηκα να σε κρατώ» του Δημήτρη Χριστοδούλου, «Ο ίσκιος έπεσε βαρύς» του Γεράσιμου Σταύρου, «Πήρα τους δρόμους του ουρανού» του Τάσου Λειβαδίτη, και «Στου κόσμου την ανηφοριά», «Το εκκρεμές» και «Τ' όνειρο καπνός» του Νίκου Γκάτσου).

Si può vedere la cosa, ad esempio, anche qui o qui. Stixoi.info, come δίσκος του 1966, riporta tutte e dieci le canzoni (le 4 di Mauthausen più le altre sei). A questo ho deciso di attenermi, naturalmente riportando tutte le altre indicazioni comprese quelle da te fornite. Sono ben cosciente del fatto che si tratta di "combinazioni" e di canzoni che hanno sovente "trasmigrato" da un disco all'altro, ma nel caso di Theodorakis mi sa che è una cosa parecchio comune. Come si può vedere da una delle due immagini nell'introduzione (dove la cosa appare chiaramente), il disco del 1966 comprende il Mauthausen e il Κύκλος Φαραντούρη.

Riccardo Venturi - 19/7/2014 - 08:28


Ho provveduto a cambiare (anzi integrare) le indicazioni discografiche presenti in ogni singola canzone e, nell'elenco dei link alle canzoni, ho staccato visibilmente le quattro canzoni della Ballata di Mauthausen dalle altre sei del Ciclo Farandouri (o "Six Songs"). Con questo spero di aver dato esatto conto del disco del 1966 (che ha avuto tra l'altro una riedizione in questa forma tra il 1995 e il 1999).

Riccardo Venturi - 19/7/2014 - 09:34


Temo di averti "regalato" un'altra nottataccia...D'altra parte, si sa come vanno le cose nella produzione discografica, specialmente quando il periodo di riferimento è quello in cui ancora c'erano di 78 giri, i 45 giri, i 33 giri piccoli e i "grandi" LP. E inoltre le musicassette, quando hanno incominciato a circolare.
Se per varare un nuovo LP mancavano pezzi nuovi, lo si integrava con qualcuno già "usato". Questo richiederebbe che noi si diventasse del filologi nel campo. Siccome io non lo sono, faccio come scrivi bene tu: mi scelgo un criterio di riferimento (spesso dipendo da stixoi.info, altre volte dalle date che mi risultano da Music Bazaar, altre dalle informazioni di Kithara, altre - se esistono e se sono ben fatti - dai siti degli artisti, altre dai dischi che mi ritrovo in casa).
Nel caso di Theodorakis - e fino al 1996 - io uso come riferimento il volume che ho citato, compilazione utilissima, che è passata al vaglio ed è firmata dal compositore. Ho passato allo scanner le prime quattro pagine dell'indice (che coprono il periodo dal 1960 al 1974) e te le invio per e-mail, sperando che ti giungano leggibili (dimmi per favore se lo sono). Nel corpo del volume, ciascuna opera è integrata da una scheda relativa alla data e al luogo di composizione, alla data, al luogo e alla casa produttrice dell'incisione, agli interpreti, agli organici ecc.. Sembra perciò assai accurata: ma tu stesso potrai constatare (se quanto ti invio è leggibile) che neppure lì tutti i conti sempre tornano: per es. le Arcadie, sulle quali abbiamo (hai) sudato assai, ma non solo. Oppure, la Canzone di Sotiris Petroulas, che nell'indice è indicata da sola: e quando mai una canzone è uscita da sola? Cosa c'era sull'altra faccia del disco, 78 giri o 45 giri che fosse? Il gioco degli "accoppiamenti" editoriali ci toglie pur sempre il piacere di scrivere cose definitive. Per questo è utile che chi è in condizione di rettificare, puntualizzare, precisare, lo faccia a buon pro di tutti. (gpt)

Gian Piero Testa - 19/7/2014 - 10:19


A mio parere, nella redazione di pagine (o di serie di pagine) del genere, occorre fissarsi su un punto di riferimento e attenervisi: in questo caso, appunto, l'album "composito" del 1966 che raccoglie sia il Mauthausen, sia il "Ciclo Farandouri". Tra le altre cose, tale criterio dà un po' di unitarietà ad una produzione veramente sparsa, anche se ha comportato (e me ne dispiace) l'eliminazione di Iakovos Kambanellis dagli autori di questo sito. Sto cominciando seriamente a credere che Theodorakis abbia musicato anche l'elenco del telefono di Atene, e che nella sua produzione musicale si sia totalmente perso pure lui. Tra le altre cose, queste pagine (quelle del Mauthausen/Ciclo Farandouri, dico) sono in alcuni casi "antichissime" in questo sito, certe appartengono alla sua preistoria e ai famosi e eroici contributi originali della Dilillo e non avevano mai avuto una loro sistemazione. Si tratta probabilmente anche tra le poche in cui lo "zoccolo duro" del "Greek Team", come lo chiama Bartleby, è all'opera insieme (Dilillo/Venturi/Testa/Miranda), e quindi ci tengo oltremodo. Ad ogni modo, non temere: questa notte l'ho passata in compagnia della Daniela e me la sto prendendo comoda. Tu piuttosto che ci facevi in piedi alle 3,11 della notte...?!? :-PP

Riccardo Venturi - 19/7/2014 - 11:31



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org