Lingua   

La vie est belle

Youssoupha


Lingua: Francese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Fin de siècle
(Noir Désir)
L'homme pressé
(Noir Désir)
Des armes
(Noir Désir)


Featuring: Kery James & LFDV
Album: Noir Désir (2012)

Noir Desir


Il testo della canzone è preso da Rapgenius.

nel sito sono presenti molte canzoni di Youssoupha.
[Couplet 1 : Youssoupha]
Entre vertige et dégoût, ici, on enferme les vieux
En espérant que le monde tourne toujours lorsque je ferme les yeux
Je refuse de voir les guerres ethniques à la machette
Les petits massacres en cachette, les organes humains qui s'achètent, check
Putain c'est grave, négro : faut pas roupiller
On n'est plus des putains d'esclaves, négro : ça faut pas l'oublier
Do not forget
On te baise avec un sourire, et c'est la sodomie sponsorisée par Colgate
J'guette le monde, pose ma colère sur des mots
Mais je fais semblant de n'pas voir des hommes d'Église en levrette sur des mômes
J'refuse de voir des génocides, la dernière nuit
La météo annonce ma mort comme si j'étais né de la dernière pluie

[Refrain : chœur LFDV]
Paraît qu'la vie est belle

[Couplet 2 : Youssoupha]
Faudrait qu'un jour, j'aie enfin les couilles d'annuler mon réveil pour de bon
Avec une balle dans la tête, je pourrais dormir d'un sommeil de plomb
Et si l'ivresse me racole
N'oublie jamais qu'aucun maître-nageur n'peut m’empêcher d'me noyer dans l'alcool
J'refuse de voir les fœtus avortés dans la contrainte
Le rire des soldats qui viennent d'éventrer des femmes enceintes
Il faut bien croire qu'la paix est impossible
Moi j'veux plus voir le nom d'Allah juste à côté d'une ceinture d'explosifs
J'veux pas croire que l'amour puisse faire si mal
J'veux pas voir les sidaïques squelettiques dans leur phase terminale
Est-ce que l'amour, c'est massacrer sa vie ?
Est-ce que c'est ça l'amour, un bon père de famille qui va baiser sa fille ?
Pourquoi les politiques me laissent indifférent ?
Demande aux ados de Bangkok ce qu'ils pensent de Frédéric Mitterrand
Quand c'est la canicule, les vieux ont leur destin
J'veux pas voir vos grands-parents que vous avez laissés crever comme des chiens
Moi j'veux pas voir les fascistes pédagogues
Qui font des croix sur le passé, et des croix gammées sur des synagogues
J'veux plus entendre ta douleur...
J'maudis vos décibels
Vends-moi du rêve, et dis-moi encore que la vie est belle

[Refrain : chœur LFDV]
Paraît qu'la vie est belle

[Couplet 3 : Kery James]
Nombreux sont les rappeurs, rares sont les lyricistes
Nombreux sont les interprètes, rares sont les artistes
Pourtant le rap doit continuer à dire des choses
À quoi sert notre musique si ce n'est à défendre des causes ?
Alors la vie n'est pas toujours belle
Mais en tous cas c'qui est sûr, c'est qu'elle est courte
On n'a plus l'temps pour les rimes creuses et sourdes
C'est pourquoi Youssoupha, donne-leur des mots qui éduquent
Des mots qui percutent, mais des mots qui ont un but
Car tant que l'autre rap existe, le nôtre ne doit pas mourir
C'est mon souhait, ce que j’espère : est-ce un Noir Désir ?

inviata da Silva - 17/1/2014 - 16:03



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
19 gennaio 2014

Si vedano le Note alla traduzione.
LA VITA È BELLA

[Strofa 1 : Youssoupha]
Tra la vertigine e il disgusto, qui si rinchiudono i vecchi
Sperando che giri sempre il mondo quando chiudo gli occhi
Mi rifiuto di vedere guerre etniche a base di machete
I piccoli massacri nascosti, gli organi umani in vendita, check
Cazzo, è grave, negro : non bisogna dormire,
Non si è più delle merde di schiavi, negro : non bisogna scordarlo
Do not forget
T'inculano con un sorriso, sodomia sponsorizzata da Colgate
Io scruto il mondo, poso la mia rabbia su delle parole
Ma faccio finta di non vedere uomini di Chiesa a pecorina su dei ragazzini
Mi rifiuto di vedere genocidi, l'ultima notte
Il meteo annuncerà la mia morte come se fossi nato dall'ultima pioggia

[Ritornello : coro LFDV]
Sembra che la vita è bella

[Strofa 2 : Youssoupha]
Bisognerebbe che un giorno avessi finalmente le palle di annullare davvero il risveglio
Con una pallottola in testa potrei dormire un sonno spiombato
E se l'ubriachezza mi attira
Non scordare mai che nessun maestro di nuoto potrà impedirmi di affogare nell'alcool
Mi rifiuto di vedere i feti abortiti su costrizione
Le risate dei soldati che hanno appena sventrato donne incinte
Bisogna ben credere che la pace è impossibile
E io non voglio più vedere il nome di Allah su una cintura imbottita di esplosivi
Non voglio credere che l'amore possa fare tanto male
Non voglio vedere gli ammalati di AIDS scheletriti in fase terminale
L'amore è massacrare la propria vita ?
L'amore è un buon padre di famiglia che si scopa sua figlia ?
Perché i politici mi lasciano indifferenti ?
Domanda ai ragazzi di Bangkok cosa pensano di Frédéric Mitterrand 1
Quando arriva la canicola, la sorte dei vecchi è segnata 2
Io non voglio vedere i nostri nonni che avete lasciato crepare come cani
Non voglio vedere i fascisti pedagoghi
Che mettono croci sul passato e croci uncinate sulle sinagoghe
Non voglio più sentire il tuo dolore...
Maledico i vostri decibel,
Vendimi sogno, e dimmi ancora che la vita è bella

[Ritornello : coro LFDV]
Sembra che la vita è bella

[Strofa 3 : Kery James]
Tanti sono i rappers, rari i lirici
Tanti gli interpreti, rari gli artisti
Tuttavia il rap deve continuare a dire delle cose,
A cosa serve la nostra musica se non a difendere delle cause ?
Allora la vita non è sempre bella
Ma ogni caso, quel che è certo è che è breve
Non si ha più il tempo per rime vuote e sorde
Quindi, Youssoupha, dà loro parole educative
Parole che scuotano, ma parole che abbiano uno scopo
Anche se l'altro rap esiste, il nostro non deve morire
È quel che mi auguro e spero : è un Nero Desiderio ? 3
NOTE alla traduzione

[1] Frédéric Mitterrand, nato nel 1947, è un noto uomo di cultura (giornalista, scrittore, regista) francese; è nipote dell'ex presidente François Mitterrand. È stato ministro della cultura nei governi Fillon I e Fillon II sotto il mandato presidenziale di Nicolas Sarkozy. Rimandando all'articolo Wikipedia (qui anche l'articolo francese), l'episodio al quale si riferisce il verso della canzone (si veda ad esempio questo articolo Adnkronos) è la pubblicazione del suo libro autobiografico La mauvaise vie nel quale Frédéric Mitterrand, omosessuale dichiarato, parla della sua “passione per i giovani ragazzi” e sembra ammettere di aver viaggiato all'estero soprattutto per frequentarli. Riportiamo qui il seguito dell'articolo Adnkronos:

Frédéric Mitterrand.
Frédéric Mitterrand.
"Non è un'apologia del turismo sessuale" e nemmeno "un'apologia della pedofilia". Così il ministro della Cultura francese, Frédéric Mitterrand nel corso del telegiornale delle 20 di TF1, tenta di smorzare le polemiche scoppiate sul contenuto della sua autobiografia 'La Mauvaise Vie' in cui parla della sua passione per i ''giovani ragazzi''. A sua difesa afferma che il libro "non è completamente autobiografico" e che il presidente Nicolas Sarkozy gli ha "confermato la fiducia". Poi ammette: "E' vero, ho avuto delle relazioni a pagamento con dei ragazzi ma non bisogna confondere la pedofilia con l'omosessualità". Forse, aggiunge, "sono relazioni sbagliate ma non crimini".
Sul caso Mitterrand è scoppiata la bufera. Da parte sua, il ministro della Cultura francese ha bollato come ''vergognoso'' il tentativo di essere ''trascinato nel fango'' dal portavoce del Partito socialista, Benoit Hamon, e dalla figlia del leader del Fronte nazionale, Marine Le Pen, che ne ha chiesto le dimissioni.
La bordata contro il ministro è arrivata lunedì sera durante la trasmissione televisiva 'Mots croisés', dedicata alla recidiva in materia di crimini sessuali. Marine Le Pen ha letto un estratto del libro del nipote dell'ex presidente socialista francese in una trasmissione televisiva lunedì scorso, dopo che Mitterrand, insieme al ministro degli Esteri, Bernard Kouchner, avevano reso pubblico il loro sostegno per il regista Roman Polanski, detenuto in Svizzera con l'accusa di aver stuprato una ragazzina di 13 anni nel 1986.
''E' davvero un peccato immaginare che le persone elette nelle fila della sinistra si mettano sulle stesse posizioni del Fronte Nazionale. Devo dire che mi cascano le braccia. Se il Fronte Nazionale mi trascina nel fango, è un onore. Se lo fa un deputato della sinistra, è una vergogna per lui'', ha aggiunto.
Hamon ha definito ''scioccante'' il libro di Mitterrand, e che ''un uomo possa giustificare, al riparo di un racconto letterario, il turismo sessuale''. Più cauta la segretaria del partito socialista, Martine Aubry, che ha detto di non riuscire a immaginare che il ministro si sia lasciato andare a una ''apologia del turismo sessuale'', pur precisando di non aver letto il libro.


Da dire, ovviamente, che Frédéric Mitterrand non ha ricevuto nessuna incriminazione per le affermazioni contenute nel suo libro.

[2] Il riferimento è all'ondata di caldo dell'estate 2003, che colpì tutta l'Europa occidentale con temperature canicolari anche in paesi che normalmente non ne sono certo toccati. Nell'agosto del 2003, l'intera Francia e la città di Parigi furono interessati da temperature che arrivarono a toccare e a superare i 40°: questo provocò la morte di migliaia di persone anziane. La “canicule” del 2003, secondo le stime, provocò circa 45000 morti in Europa, sebbene i criteri siano abbastanza evanescenti: sicuramente, però, il grande caldo acuì le patologie dovute all'età avanzata unitamente ai tassi di inquinamento (diossido di azoto) presenti nell'aria. I giorni più letali furono l'11 e il 12 agosto. Sui problemi e sulle polemiche seguite alla canicola del 2003, si legga qui l' articolo di fr.wikipedia, particolarmente ben documentato. La canicola del 2003 ebbe in Francia risvolti importanti: coi suoi circa 12.000 morti, le polemiche riguardarono soprattutto l'insufficiente prevenzione, la mancanza di strutture e le disparità sociali (prezzi insostenibili degli impianti di condizionamento, anche in luoghi come case di riposo, ecc.). Un dato: a Parigi, 57 persone morte nell'agosto 2003 non ebbero le loro salme reclamate da nessuno, e furono seppellite collettivamente al cimitero di Rungis alla presenza del sindaco.

Le temperature massime in Francia il 12 agosto 2003.
Le temperature massime in Francia il 12 agosto 2003.


[3] Si afferma che “i Noir Désir non c'entrano niente”, ma secondo me c'entrano eccome, anche per il fatto che nel testo l'espressione è scritta con le iniziali maiuscole, esprimendo così un nome proprio. In che modo c'entrano, ci sarebbe casomai da chiedersi? L'episodio di Cantat? I tentativi di rientro in attività del gruppo (che sono falliti)?

19/1/2014 - 12:52


ancora con Noir Désir?
(krzyś)

Ancora, e perché no? I Noir Désir, tanto, oramai si sono definitivamente sciolti; inoltre non ne faceva parte solo Bertrand Cantat che ha ammazzato la compagna. Che dici, sennò, questioniamo anche sulle canzoni, che so io, prodotte da Phil Spector che attualmente sta scontando l'ergastolo per avere ammazzato una pornostar...? Oppure, meglio, teniamo quelle di Noa, la "pacifista" cui piacciono i bombardamenti su Gaza...? E le canzoncine di quel lurido pezzo di mota di Enrico Macias...? Ci sono tutte, ci possono stare anche i Noir Désir. Salud! [RV]

18/1/2014 - 04:50


Detto che qui i Noir Désir di Cantat non c'entrano proprio nulla...

Comunque, quel che penso di Cantat (che è ancora in pista come se nulla fosse stato) l'ho già espresso a commento di Des armes (che - ci tengo a precisarlo - non è sua o dei Noir Désir ma di Léo Ferré...)
Penso che chi si è macchiato ci certe nefandezze dovrebbe soltanto avere il buon senso di scomparire... Ma qui stiamo parlando di uno psicopatico, per cui non resta altro che sperare non faccia altre vittime e altri danni...

Bernart Bartleby - 18/1/2014 - 09:18


Credo che il titolo dell'album non abbia nulla a che vedere con il gruppo rock "Noir Désir", ma che anzi ci sia stato un contenzioso, come mi sembra di capire leggendo questa pagina.

Silva - 18/1/2014 - 14:21


Devo ammettere la mia ignoranza e il fatto che non capisco questo testo non conoscendo il francese. Ho reagito in maniera impulsiva perché in questo specifico caso, cioé nel riguardo al ex cantante dei Noir Désir, condivido l'opinione di Bernart. Ma è giusta pure la nota di Riccardo che ci ricordi i principii guida del sito. Nei confronti di Salvador Dalì, devo dire che il parere espresso da Riccardo è più che azzeccatissimo, secondo me. Salud!

krzyś - 19/1/2014 - 01:01


Secondo me il "Noir Désir" che dà anche il titolo all'album è un riferimento alle origini congolesi del cantante che ha più volte ribadito l'orgoglio per la sua ascendenza africana. Il prossimo album si chiamerà "Négritude" e sarà il secondo capitolo di una "trilogia" nera. Ciò non toglie che ci possa essere anche un riferimento al gruppo di Cantat...

Lorenzo - 21/1/2014 - 23:46


Sarei propenso per la seconda ipotesi... ma, tutto sommato, mi accorgo adesso che so troppo poco della faccenda per poter giustificare una reazione di rigetto immediato. In questi giorni ho rifletuto, tra altro, alla triste vicenda della morte di Krzysztof Komeda. Fu un avvenimento tragico che coinvolse i due grandi artisti polacchi.

Marek Hłasko

Krzysztof Komeda

Krzysztof Wrona - 22/1/2014 - 00:24


Stavo dimenticando di ringraziare Riccardo, per il contributo con cui ha cercato di sbrogliare la matassa, fornendo anche la traduzione in italiano adeguata al caso. Salud !

22/1/2014 - 00:28


Me lo ricordo l'estate del 2003, e come...

22/1/2014 - 00:29


Prego, Krzysiek. Si tratta di un testo francese parecchio difficile e esplicito; a proposito di questo, ma non si potrebbe trovare un'immagine della copertina senza quella maledetta stronzata del "Parental Advisory" inventato, se non erro, dalla mogliettina del senatore ultraconservatore americano Newt Gingrich (e che, per questo, fu letteralmente massacrata da Frank Zappa)? A rivoluzione terminata, quando sarò re, uno dei miei primi provvedimenti riguarderà l'immediata abolizione delle "Associazioni di genitori"; specialmente per quelle americane, sarà prevista la pubblica & spietata fustigazione. Sic statui.

Riccardo Venturi - 22/1/2014 - 01:47


E se me la ricordo pure io, l'estate del 2003! Ero tornato il 7 maggio dalla Francia e mi ricordo che alla stazione di Milano, appena sceso fui preso da una vampata di caldo. Quell'estate me la passai quasi tutta all'Elba, fino ai primi d'ottobre, ma con frequenti puntate a Firenze: una di queste fu proprio ai primi d'agosto, e il 5 del mese mi beccai i 41,1° gradi che sembra siano stati il record italiano di quell'estate. Le temperature in Italia furono in genere minori che in Francia, solo che in Francia durarono la prima quindicina di agosto e basta, mentre in Italia durarono da giugno a settembre. All'Elba, andavo a fare il bagno in Galenzana e sembrava di entrare in una pentola di brodo, mai sentito un mare così caldo; se non trovavi da metterti all'ombra, ti ammazzavi. A Firenze, i primi di agosto, dovevo cercare di dormire buttandomi un asciugamano bagnato in testa...pensare che l'estate prima, nel 2002, ero nelle Ardenne in Francia e beccai una specie di "estate" da stare col maglione a collo alto, mentre nel 2003 nelle Ardenne c'erano 37 gradi....

Riccardo Venturi - 22/1/2014 - 02:01


attento...sta arivando la glaciazione mondiale...a stare senti Loro ....che spasso!

krzyś - 22/1/2014 - 02:19


un po' hipertensionato, muy frustratto

krzyś - 22/1/2014 - 07:57


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org