Lingua   

Se da diecimila anni

Collettivo del Contropotere
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Ma non riusciranno
(Collettivo del Contropotere)
E allora sai
(Collettivo del Contropotere)
Individuare il nemico da battere
(Collettivo del Contropotere)


[1976]
L'estate dei poveri
Dal foglio ciclostilato allegato alla musicassetta de "L'estate dei poveri".
Riprodotto da "La musica dell'altra Italia".
"Cantare, Anarchia, Lottare"
(Canzoniere anarchico e libertario
Da Pietro Gori a Léo Ferré, pp. 40-42)


L'estate dei poveri


estapov


"Il 33 giri "L'estate dei poveri - Dalla realtà di classe al progetto libertario" del Collettivo del Contropotere, edito dal Circolo di Cultura Popolare di Massa nel 1976, fu il primo LP prodotto e realizzato da gruppi del Movimento anarchico. Dello stesso lavoro pubblichiamo anche due canzoni che seguono, senza titolo nel disco, impostate come un tutt'uno in continuità."

- Cantare, Anarchia Lottare. Canzoniere anarchico e libertario da Pietro Gori a Léo Ferré, p. 42. Edizioni La Fiaccola, a cura del Gruppo Anarchico di Ragusa, 1986. Collana "Anteo - La Rivolta", n° 23.

- Il nostro maggio
- Individuare il nemico da battere
- Se da diecimila anni
- Andare avanti sempre
- Vi canteremo la favola
- Coi comunisti nel governo
- Anche lo Stato
- E allora sai
- Ma non riusciranno
- Avanza senza sosta
- Dove nel maggio splendono
Se da diecimila anni
il terrore, la notte, il buio del padrone
ci hanno ricoperto come un manto lungo i tempi,
ora la fiaccola dell'anarchia illumina la via.

Se per millenni ci hanno incatenati,
se curvi in ginocchio non abbiam mai visto il sole,
ora questa umanità divisa ha detto basta:
basta con padroni e stati, solleviam la testa.

Se mille voci son diventate grido,
quando dentro ai pugni tieni questo nuovo fuoco,
chi teneva la testa bassa e la schiena chinata
ora si è levato in piedi e ha sollevato il volto.

Basta col freddo e la miseria, basta con la paura:
è una giustizia proletaria quella che avanza ora;
basta coi burocratici, i capi, i governatori,
lottiamo solo per il potere dei lavoratori.

Divideremo tutto quanto sarà necessario
in ogni quartiere e in tutte le scuole, in tutte le officine
nelle campagne il palpito del sole e del lavoro
sopra i cantieri sventoleranno bandiere rosse e nere.

Recitato:

"Se quelli che stanno in alto
ti dicono che devi pazientare
nel loro cuore ti hanno già tradito.
Allora ergi barricate nelle strade
occupa le fabbriche e le officine
e milioni di uomini ti seguiranno.

Non temere mai per la libertà
se essa risplende nel tuo cuore,
non temere mai per la tua vita
se essa è affidata alla canna di un fucile.

Non temere mai per il futuro del mondo
se esso riposa nelle sue mani
e soprattutto non aver paura di uccidere
gli ultimi corvi:

L'umanità li ha uditi troppo a lungo
gracchiare.
Avanti, dunque, compagno!
I poveri aspettano la loro estate."

Renzo Vanni.


Dove si lavora, dove si è lottato, lì c'è il contropotere
là dove ci stanno schiere proletarie c'è un solo dovere:
lavorare e organizzare autonomamente
senza stati, governi e chiese, capi e dirigenti.

Andremo sempre avanti, sempre verso la vittoria,
questa vittoria schiude il comunismo libertario:
autogestione popolare diretta e assembleare,
divideremo in parti uguali pane, lavoro e potere.

inviata da Riccardo Venturi - 9/1/2014 - 19:21



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org