Lingua   



Lingue: Serbo, Romanes


Ti può interessare anche...

Train de vie
(Goran Bregović / Горан Бреговић)
AK-47
(Perduellio)
Ora lo so (Mostar)
(Emanuele Dabbono)


[1995]

Testo e musica di Goran Bregović
Dalla colonna sonora del film Underground di Emir Kusturica

Mikhail Kalashnikov
Mikhail Kalashnikov


Mikhail Kala­sh­ni­kov, inven­tore dell’arma che Libé­ra­tion defi­niva «l’invenzione più impor­tante del ’900», è morto il 22 dicembre scorso a 94 anni, a Izhe­vsk, Rus­sia. Nato in Sibe­ria, fami­glia ster­mi­nata da Sta­lin, quando fu ferito all’inizio della della II guerra mon­diale comin­ciò a lavo­rare su quello che nel 1947 diventerà l’AK-47. Da lì seguirà in prima per­sona la pro­du­zione (100mila pezzi l’anno) fino ai 92 anni, cosa che non gli impedì di appog­giare nel 2006 la cam­pa­gna mon­diale con­tro la pro­li­fe­ra­zione delle armi da fuoco. «Quando vedo che civili inermi ven­gono uccisi da quei mitra­glia­tori — ha detto una volta -, sono preso da ansia e rab­bia. Mi tranquillizzo ripe­tendo a me stesso che ho inven­tato l’Ak-47 per pro­teg­gere la mia patria».

L'arma a cui ha dato il nome è rinomata per la sua robustezza e semplicità d'uso ed è stata protagonista di praticamente tutte le guerre successive al secondo conflitto mondiale. Anche nei Balcani il Kalashnikov ha fatto il suo dovere e chissà quante delle vittime della guerra fratricida in Jugoslavia sono state falciate dal fucile d'assalto di fabbricazione sovietica.

Goran Bregovic


Allora questa famosa canzone di Bregović è solo una marcia balcanica che ironizza sull'utilizzo dell'arma da parte di una banda di serbi ubriachi? Non esattamente. Per capire esattamente cosa voglia dire questa canzone bisognerebbe capire bene tutte le parole del testo completo, che purtroppo è finora introvabile (i molti puntini segnano le varie parti incomprensibili) ma come vedremo in seguito il significato delle singole parole non è così importante. Cominciamo comunque dai primi versi. Cigani, cioè zingari, juriš cioè in serbocroato "all'attacco" - proprio come nella famosa canzone (slovena) della Resistenza jugoslava (Na juriš!).

underground cover


Ma con che cosa vanno all'attacco gli zingari? Gli zingari - rom o sinti che siano - sono un popolo di pace, un popolo che non ha mai fatto la guerra a nessuno, ma ha subito le persecuzioni, i pogrom e i lager organizzati da molti altri popoli di antica civiltà europea.
Le scariche più forti gli zingari le hanno fatte a colpi di fanfara. E' questa la chiave della canzone.

Nel "concerto di inizio millennio" quando l'orchestra di Bregović si esibì al Palasport di Firenze insieme ai CSI ricordo che allo squillo di tromba di Kalašnjikov il cantante invitò il publico ad andare all'attacco "per la pace". Penso che Bregović, bosniaco figlio di padre croato e madre serba, che per la sua musica deve così tanto alla tradizione zigana, abbia voluto con questa canzone omaggiare sia il popolo rom che il ricordo di una Jugoslavia ormai perduta in cui i vari popoli avevano vissuto pacificamente. E non è un caso che quelli che più rimpiangono la Jugolsavia di Tito siano proprio i rom. Con questo non vogliamo accodarci ai nostalgici che dipingono la Jugoslavia comunista come un paradiso - cosa che senz'altro non era. Va però riconosciuto che è stato sinora l'unico paese che ha concesso ai rom gli stessi diritti degli altri cittadini (nonché delle case - con buona pace del mito del popolo nomade) e la possibilità di avere un posto nella società. Naturalmente tutto queste conquiste sono state spazzate via a colpi di kalashnikov - insieme alla possibilità concreta di convivenza tra i popoli slavi del sud - dalla guerra e dai nazionalismi.

La canzone è stata scritta durante il periodo più feroce delle ultime guerre balcaniche, quando molti gruppi sia croati che serbi si prestarono a interpretare - spontaneamente o su commissione - canzoni patriottiche che incitavano all'odio contro i nemici di altre etnie, oppure canzoni folk che cercavano di recuperare in chiave nazionalista le presunte "tradizioni" fondanti. Queste canzoni venivano trasmesse in continuazione dalle TV e dalle radio, era un vero e proprio bombardamento di messaggi nazionalisti, anche in musica.

Kalašnjikov è una risposta, una reazione a queste canzoni. Per non prendere le parti nessuno Bregović ha scelto una terza lingua minoritaria, il romanes, e l'ha mescoltata a parole serbe croate e bosniache.

Per questo la canzone è contro la guerra: esalta il ballo, il vino, la grappa (sljivovica), la fratellanza (nomina vari piccoli paesini, Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac), l'allegria, i bicchieri rotti, e il tutto a ritmo zigano.

Bregović si è sempre rifiutato di fornire una traduzione esatta di questa canzone, dicendo che non esistendo più la lingua serbocroata non saprebbe proprio in quale lingua tradurla.

Si veda però qui
Please see here
a. Il testo nella esatta grafia serba e romanes
a. Lyrics in the right Serbian and Romany spelling


Cigani...
Juriš!!!

Bum, bum, bum, bum, bum
Kuc, kuc, ehi, ja
Bum, bum, bum, bum, bum
Kana hi naj kuc, kuc, ehi, ja
Devla, Devla , Devla
Devla, mi džav te mange ando for?
Jek baro Kalašnjikov!
Kalašnjikov!
Kalašnjikov!
Kalašnjikov, Kalašnjikov!
Eeeeeeh...

Bum, bum, bum, bum, bum

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,
Čhaje šužje, ajde, hopaaaaa

Bum, bum, bum, bum, bum
Vov del ka čudel?
Vov del ka čudel? Kana hi naj pala idir?

Zvončići , zvončići, čhavro, pištoljčići
Čhaje šužje, ajde, hopaaaaa

Bum, bum....

Zoki, Zorice, čhavro, bobonice
Čhaje šužje, ajde, hopaaaaa

Bum, bum....

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,
Čhaje šužje, ajde, hopaaaaa

Bum, bum....

Zoki, Zorice, čhavro, bobonice
Čhaje šužje, ajde, hopaaaaa
Bum, bum....

Cigani ! Stoj !

b. Il testo nella grafia scorretta generalmente presente in Rete
a. Lyrics in the incorrect spelling generally available on the Web


Cigani...
juriš!

Boom, boom, boom, boom, boom
................. kutz, kutz ehy ja
Boom, boom, boom, boom, boom
Kana hi naj kutz, kutz ehy ja
Devla, .....................
Devla, ....................
Devla, mi dzav te mange ando for?
Jek bar? kalašnjikov
Kalašnjikov
Kalašnjikov
Kalašnjikov, Kalašnjikov
Eeeeeeh...

Boom, boom, boom, boom, boom

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,
Caje, suje, ajde, hopaaaaa

Boom, boom, boom, boom, boom
Vov dil ka ciudel?
Vov dil ka ciudel? kana hi naj pala idir?

Zvoncici, zvoncici, cavro pistolcici
Caje, suje, ajde, hopaaaaa

Boom, boom....

Zoki, zorice, cavro bobonice
Caje, suje, ajde, hopaaaaa

Boom, boom....

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,
Čaje, šuje, ajde, hopaaaaa

Boom, boom....

Zoki, zorice, cavro bobonice
Caje, suje, ajde, hopaaaaa
Boom, boom....

Cigani ! Stoj !

inviata da Lorenzo Masetti & donquijote82 - 24/12/2013 - 18:42




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
12 febbraio 2014

shlivo

Ed ecco la traduzione, con tutta la probabilità la prima in una qualsiasi lingua. È stata fornita di note esplicative e linguistiche che fanno riferimento anche al testo originale. Ad una prima impressione, l'interpretazione come "esplosione di gioia" è confermata; essendo stato in Jugoslavia durante la guerra, e più volte, mi viene a mente in modo preciso la banda jazz di vicino Knin, che si era portata dietro gli strumenti musicali e con la quale mi feci fotografare assieme, appunto, a otto bei Kalashnikov. E qui il Kalashnikov sembra praticmente,anhe lui, uno strumento musicale, assieme ai "campanelli" e ai proiettili. Impressioni, ma alquanto vive. [RV]
KALASHNIKOV

Zingari...
All'attacco!

Bum, bum, bum, bum, bum
Quattrini, quattrini, ehi, ja 1
Bum, bum, bum, bum, bum
Quando non ci sono quattrini, ehi, ja 2
Dio, Dio, Dio, 3
Dio, devo andare a cercare in città? 4
Un grosso Kalashnikov! 5
Kalashnikov!
Kalashnikov!
Kalashnikov, Kalashnikov!
Eeeeeeh...

Bum, bum, bum, bum, bum

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac, 6
Belle ragazze, su forza, hopaaaaa 7

Bum, bum, bum, bum, bum
Lui è pazzo quando tira roba? 8
Lui è pazzo quando tira roba? Quando non ne ha voglia? 9

Campanelli, campanelli 10, ragazzi, pistole 11
Belle ragazze, su forza, hopaaaaa

Bum, bum....

Zoki, Zorice 12, ragazzi, caramelline 13
Belle ragazze, su forza, hopaaaaa

Bum, bum...

Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,
Belle ragazze, su forza, hopaaaaa

Bum, bum....

Zoki, Zorice, ragazzi, caramelline
Belle ragazze, su forza, hopaaaaa
Bum, bum....

Zingari ! Fermi !
NOTE alla traduzione

[1] Kuc (trascritto nella “vulgata” come kutz) è l'interiezione serba per “toc toc” (ha dato anche il verbo kucati “bussare, picchiare, fare toc toc”). Ma significa gergalmente anche “quattrini, denaro”: što kuc, to muc “quanti quattrini piglia, tanti ne spende”. Ho tradotto in questo senso alla luce del testo, ma chiaramente c'è anche il senso del “pestare” (vedi “bum bum”).

[2] Qui comincia il testo in romanes: “quando non c'è kuc (= denaro). Annotazione importante: nel romanes balcanico le parole delle varie lingue vengono mischiate liberamente, e quindi è comunissimo che, ad esempio, un rom serbo usi tutte le parole serbe che vuole, e che vengono capite. La stessa lingua romanes è in sé un miscuglio inestricabile di varie lingue (particolarmente numerose quelle turche e greche).

[3] Una delle più note parole di tale lingua: Devla, “Dio”. E' anche comune interiezione e esclamazione.

[4] Interamente in romanes. Alla lettera: “Dio, che forse [mi, particella interrogativa] io cerchi [te mange, congiuntivo del verbo mangel “cercare, questuare, caritare”] nella città [ando for; for è dal greco φόρος]?”

[5] Ancora in romanes. Jek “uno” e baro “grande” sono antichissime parole di origine indiana (pracrita); tuttora in hindi “uno” si dice yek.

[6] Nomi di villaggi e paesi serbi. Dalakovac non l'ho individuato; Markovac è il nome di almeno tre villaggi serbi, di cui uno nella Serbia centrale presso Mladenovac; Mala Krsna è presso Smederevo, ed è famoso per i cerchi bianchi tracciati per le sue strade, che si dice siano un rimedio magico contro dolori e malattie; Lajkovac è una cittadina di 17.000 abitanti circa nella Serbia centrale (distretto di Kolubara).

[7] Romanes. Čhaj “ragazza” (pl. čhaje); šužjo “bello, grazioso” (pl. f. šužje). Ajde, di origine turca ((h)ayde), è un'interiezione “panbalcanica”: è comune, oltre che in turco, in serbo (ajde), in rumeno (aide, haide), in albanese (ajde) e in greco ((χ)άιντε).

[8] Romanes. Il verbo čudel (scritto anche čhudel, chudel) ha una miriade di significati, ma tutti attinenti al “tirare”, “gettare”, “buttare”. Attenendomi all'interpretazione del “tirare” (bicchieri, piatti ecc.) ho tradotto con un generico “tirare roba”.

[9] Alla lettera: “Quando non c'è su di lui [kada hi naj pala] voglia [idir]”.

[10] Serbo. Zvončić (diminutivo di zvonce) significa “campanello”, ma è anche il fiore della “campanula”. Ho tradotto “campanelli” in quanto strumenti di suono e, possibilmente, di baldoria; ma non escludo qualche altro significato gergale che non conosco.

[11] Romanes e serbo assieme. Čhavro è il comune termine romanes per “ragazzo, bambino” (il plurale è invariato; normalmente la grafia è čhavoro); pištoljčići, tradotto qui semplicemente “pistole”, sono le “pistole giocattolo, pistoline” (diminutivo). Dubito comunque fortemente che all'epoca e nelle circostanze della canzone, i “ragazzi” andassero in giro con le pistole giocattolo.

[12] Altri villaggi serbi. Zoki non so dove sia; Zorice è un villaggio in Bosnia.

[13] Bobonice è la resa romanes del serbo bombonice “caramelline” (da bombon). Ma gergalmente significa, come può accadere anche in italiano, “pallottole, proiettili”.

12/2/2014 - 15:13


450px-AK-guitar Escopetarra



Escopetarra



Buone Feste :)

krzyś - 26/12/2013 - 07:24


Certo é triste e contemporaneamente avvilente sentire il pistolotto propugnato dalle varie tv di stato e parastato, all'indomani della morte di questo fulgido esempio di "umanità, altruismo e coerenza". Sembrava fosse venuto a mancare l'inventore dell'elisir dell'eterna giovinezza. Pensate che non solo non si é mai sentito responsabile dell'uso improprio della sua invenzione, che nelle intenzioni sarebbe servito solo per motivi difensivi, ma il "generale gentiluomo" non avrebbe mai nemmeno brevettato il marchingegno, devolvendo l' intero ricavato, in pallottole ovvio, all'umanità. Peccato che a velare l'immagine di questo gigante della bontà no-profit ,ci fosse il divieto di capitalizzare i proventi da parte dell' allora Unione Soviética. Ingiustizia esplicita, quasi un affronto alla figura di questo Sant'uomo, che a Natale, ha oscurato la figura di Fleming, anche lui altruista, ma aveva inventato solo la penicellina. Per fortuna ci consoliamo alla notizia dell'aumento di stipendio agli operai di questa fabbrica di utensili per la salute pubblica, che ha visto aumentare le vendite di un altro 80%. Voltiamo pagina, ora si parla del discorso dell'Angelus di Papa Bergoglio....Buone Feste a tutti voi

Raf - 26/12/2013 - 15:43


Grazie a Raf che ci segnala questo commento di Nicole tratto da Forum Libri, che - in un italiano ammirabile per una non madrelingua (le scuserete alcune incertezze) - spiega la canzone in maniera egregia. Abbiamo riportato parte del commento di Nicole direttamente nell'introduzione.

Tranne le prime e l'ultime parole, "Cigani! Juris!!!!" ("Zigani! All'attaco!!!!!) e "Cigani! Stoj!" ("Zigani! Alt!"), tutte le altre parole sono solo un mucchio di parole zigane, serbe, croate, bosniache, senza alcun senso....

Dietro questa canzone c'è tutta una storia, che, se vi interessa, vi la racconterò un po' più tardi, ma vorrei prima sentire le vostre opinioni, non influenzate dai miei commenti....
Unica raccomandazione per ascolto è: volume max....!!!!



Questa canzone è un protesto, un rivolto…. È stata scritta nel più feroce periodo della ultima guerra balcanica, verso ’93 (o giù per lì), specialmente in Bosnia, quando tanti musicisti (rock, pop, folk ed altri), scrivevano numerose canzoni ‘patriottiche’, sia quelle sull’ordinazione, che quelle ‘spontanee’…
I radio, la Tv pullulava delle canzoni che lodavano i croati, l’odio verso i nemici serbi, contro i musulmani…. (in Croazia; in Serbia stessa storia, ma contro i croati e musulmani)… o anche solo tornavano verso le radici, alla tradizione… ad es. una delle più grandi gruppi rock di Zagabria, Prljavo Kazalište, ha scritto una canzone folk (per richiamare la gente verso i loro origini)

- ma c'erano anche di peggio, questa è una delle 'migliori'...!!!!()

Per questo, come la sua risposta, Bregovic si era girato alla lingua dei gitani… per non prendere la parte di nessuno, e di unire tutte due lingue insieme, ha scelto una terza lingua, mischiandole tutte tre insieme… Bregovic è un nostalgico, ancora oggi, rimpiange i tempi quando tutti prima vivevamo insieme, la sua famiglia è una famiglia mista (padre – croato, madre – serba), come numerose altre famiglie nel territorio del ex Jugoslavia (specialmente in Bosnia), e non può mettersi da una parte, negando l’altra…
In altre parole è una canzone anti-guerra: richiama al ballo, al vino, alla grappa (sljivovica!!! ), alla fratellanza (nomina vari piccoli paesini), all’allegria, ai bicchieri rotti (ricordatevi del Dostoevskij, e i bicchieri rotti)…. E tutto con le noti zigane, il loro ritmo…
Bregovic stesso rifiuta di dare una traduzione esatta di questa canzone, dicendo che, visto che non esiste più la lingua serbo – croata, lui non conosce la lingua a quale tradurla (non riconosce la lingua serba, o quella croata)….

‘Kalasnikov’ appartiene al periodo che non è tra i miei preferiti di Bregovic, ed è una delle poche che ascolto da quel periodo…
Le mie preferite sono quelle dei anni ’70 e ’80, di quali lui è un mito, insieme con il suo gruppo Bijelo Dugme (Bottone Bianco)…. Sono nata, cresciuta e vissuta per più di vent’anni con le sue canzoni (mio padre ancora oggi conserva tutti i loro LP originali)…. il suo gruppo era uno dei primi gruppi rock in Jugoslavia (scena Sarajevo)….

26/12/2013 - 17:00


È cominciata la ristrutturazione di questa (impervia) pagina. Poiché sono oltremodo convinto che tale testo un senso ce lo abbia eccome, anche al di là di quello riconosciuto e già abbondantemente spiegato, lo ho sottoposto ad una vera e propria analisi testuale e linguistica servendomi di materiale in mio possesso.

Si tratta in primis di ricostruire l'esatto testo nella grafia serba e romanes; cosa che è stata fatta servendomi soprattutto del Romsko-český a česko-romský kapesní slovník (Dizionario tascabile romanes-ceco e ceco-romanes) di Milena Hübschmannová, Hana Šebková e Anna Žigová, pubblicato dalla Štátní Pedagogické Nakladatelství (Casa editrice pedagogica statale) di Praga nel 1991. Tale dizionario, in realtà tutt'altro che "tascabile" e fornito di un'amplissima appendice contenente un'estesa grammatica normativa del romanes, si basa ovviamente sul romanes in uso nell'allora Cecoslovacchia; ma esso non differisce sostanzialmente da quello balcanico, ed ha fornito una chiave esatta per il testo della canzone.

Per il serbocroato si è utilizzato il classico Hrvatsko ili Srpsko-Talijanski Rječnik / Vocabolario croato o serbo-italiano di Deanović e Jernej (Zagreb 1975).

Si procederà in seguito alla traduzione precisa del testo, sul quale lo stesso autore ha evidentemente alimentato una leggenda che lo vuole "intraducibile", "miscuglio di parole" eccetera. Indi per cui, sembra che questa pagina conterrà la prima traduzione integrale di "Kalašnjikov" in una qualsiasi lingua. Seguiranno nelle note testuali volte a chiarire i vari punti del testo.

In quest'unico caso, il testo ricostruito filologicamente secondo le norme linguistiche degli idiomi di appartenenza è stato inserito assieme al testo inesatto che generalmente si trova in Rete, a mo' di confronto. In tale versione "vulgata" anche la punteggiatura è alquanto inesatta e, si direbbe, messa a casaccio.

Riccardo Venturi - 12/2/2014 - 14:32


La pagina è adesso terminata. Che cosa ne appare?

A mio parere, tutt'altro che un' "accozzaglia di parole serbe, bosniache, croate e romane senza alcun senso"; in questo non posso essere d'accordo con nessuno che ha scritto queste cose.

Peraltro, il commento di Nicole mi sembra pertinente: la canzone sembra raccontare una specie di "spedizione zingaresca" sia per questuare (cercare soldi) sia per fare casino in città, per bere e per procurarsi armi. Probabilmente senza fare distinzioni tra serbi, zingari e quant'altri. Quanto alle armi, e in particolare al "Kalashnikov", mi sembra che lo si debba intendere più come un modo per fare detto casino, che per ammazzare. E' la funzione dell'arma per vari popoli balcanici e orientali: spesso si sparano raffiche di mitra in aria ai matrimoni o alle feste, ad esempio. Molti anni fa nello Yemen mi è capitato di vedere di persona praticamente tutti i maschi al di sopra dei 14 anni girare tranquillamente col mitra a tracolla; ad una stazione di servizio mi volevano vendere liberamente un bel Kalashnikov usato a 50 dollari. Al ragazzo che entra nell'età virile (verso i 14 anni, appunto), il padre regala un'arma. Potrò sbagliarmi, ma nella canzone e nel suo casino immane vedo tutte queste cose; si va a cercare soldi, alcool, belle ragazze e armi per divertirsi e fare casino, non per fare la guerra.

Ad ogni modo, torno a dirlo, il testo un senso ce l'ha eccome. Paiono, certo, le frasi colte qua e là in una "spedizione in città" (o nei vari paesini), con gente che "dà di balta", briachi come tegoli e magari con gli strumenti musicali. Tutti assieme, accomunati dalla voglia di divertirsi come matti; ad un certo punto sembra che sia più pazzo chi non ne ha voglia, che chi tira roba. Chi non ha voglia di far canaio, forse ha voglia di sparare e di ammazzare; e mi sembra questo il vero significato della canzone.

Riccardo Venturi - 12/2/2014 - 16:51


Un omaggio e un ricordo

Non avrei potuto fare mai questa pagina senza il "Dizionario rom-ceco e ceco-rom" di cui ho parlato:

ceskorom


ceskoromfront


Mi fu regalato molti anni fa, assieme a tanti altri libri incredibili, da un caro amico, il prof. Pier Francesco Poli. Il prof. Poli, importante slavista e lettore di ceco e slovacco alla facoltà di lettere dell'Università di Firenze, è morto all'improvviso nel 1998.

Il prof. Poli è stato co-autore, tra le altre cose, anche di un importante dizionario italiano-ceco. Parlava perfettamente il russo, il ceco e lo slovacco (sua moglie era slovacca di Bratislava; ella stessa parlava correntemente otto lingue). Della stessa collana del dizionario rom-ceco, mi regalò anche un dizionario ceco-mongolo e mongolo-ceco. È una delle persone a cui ho voluto più bene in vita mia.

Anni fa ebbi a ricordarlo, assieme alla nostra comune passione per le lingue, in una cosa che scrissi. E penso che, in fondo, anche questa pagina, la traduzione di "Kalašnjikov" e molte altre cose ancora, abbiano a che fare con le "traiettorie dei gatti".

Riccardo Venturi - 12/2/2014 - 17:15


Grande! Riccardo. Nel caso delle pistole non escluderei un'allusione erotica (tipo "pistolino" o "la pistola fumante"), che comunque non guasta, vista l'atmosfera del brano : D

Krzysiek Wrona - 12/2/2014 - 18:45


Ci avevo pensato anche io, Krzysiu; però sinceramente non so se la metafora vale anche in serbo. Certo che ci sarebbe stata bene la cosa...!

Riccardo Venturi - 12/2/2014 - 23:15


Incredibile, Riccardo, questa tua traduzione! Complimenti! Pensare che ti sei servito anche di un dizionario rom-ceco... è vero, di questa collana dei “tascabili” ne sono usciti tanti per tante lingue e sono fatti bene. Mia madre ne ha diversi in casa ma di sicuro quello rom-ceco e mongolo-ceco non c'è nella sua collezione :)
Tra l'altro, ho notato che nell'introduzione si dice che la Jugoslavia comunista è stata l'unico paese in cui i rom hanno avuto gli stessi diritti degli altri cittadini ed hanno avuto il proprio posto nella società. Non è che questa affermazione può valere anche per gli altri paesi dell'ex-blocco comunista? So che in Cecoslovacchia era così e continua ad esserlo anche oggi nella Repubblica Ceca. È stato uno dei pochi effetti positivi che il regime ha avuto sulla società. Io quell'epoca l'ho vissuta poco ma ho avuto abbastanza possibilità di valutarla da testimonianze e racconti di persone che l'hanno provata sulla propria pelle, e per rispetto di loro non ne posso parlare bene. Comunque guardando oggettivamente, qualche rara conseguenza positiva c'è stata (come ad esempio anche il miglioramento della posizione sociale della donna, tanto per citarne un'altra). A livello dei diritti sociali i rom infatti erano (e sono) pienamente integrati, godono degli stessi diritti per quanto riguarda la casa, il lavoro, la sanità, l'istruzione, i contributi dallo stato ecc. Peggio è se si considera l'integrazione effettiva; si riscontrano manifestazioni di razzismo ma soprattutto barriere nella mentalità. Spesso i rom sono tra i primi a subire disagi sociali, specialmente in alcune zone dove il tasso di disoccupazione è più alto. Mi ricordo che quando eravamo bambini non ci ponevamo nessun problema. Crescevamo insieme, frequentavamo la stessa scuola, si giocava insieme. Parlavamo ceco, lingua che tutti i rom conoscevano alla perfezione, da madrelingua, ho il ricordo che lo parlavano anche tra di sé e in famiglia. Oltre a quello conoscevano anche la lingua rom (ma forse ormai nemmeno tutti). Mi ricordo che alle elementari una mia compagna mi ha insegnato due canzoni in lingua rom: non le ho mai più risentite e mai cercate ma delle volte mi tornano in mente senza alcun motivo particolare. E scopro che sono ancora in grado di cantarne l'intero testo che a quei tempi ho imparato a memoria, senza minimamente sapere cosa vuol dire...

Stanislava - 13/2/2014 - 00:33


Prima di tutto, Stanislava, devo dire che se c'è una cosa incredibile è il modo perfetto in cui scrivi in italiano; e lo vedo principalmente dal modo del tutto naturale in cui piazzi gli articoli. Per un* parlante di una lingua slava (bulgaro a parte), è la discriminante (mi ricordo del famoso allenatore jugoslavo Vujadin Boškov, che parlava bene l'italiano, ma senza gli articoli: Testa di calciatore buona per portare cappello; rigore è quando arbitro fischia. Davvero complimenti enormi da parte di italiano! :-P

Il tuo intervento, poi, è davvero interessante come testimonianza e mette in luce, in fondo, quanto poco si sapesse "al di qua" delle situazioni della società nei vari paesi socialisti. Della Jugoslavia forse qua si sapeva un po' di più per questioni di vicinanza, e anche perché per molti italiani (io compreso) era il "paese delle vacanze a buon mercato" (anche se non molti si spingevano nelle zone interne, e ancor meno erano interessati un po' a osservare quel che li circondava); da qui, comunque, un po' di coscienza della situazione dei cigani, che a rigore erano indistinguibili dal resto della popolazione. E le guerre jugoslave hanno portato, in generale, alla distruzione di tale situazione.

Per tramite tuo ora si ha una testimonianza anche di come andavano le cose in Cecoslovacchia, e sono belle e importanti parole che vanno a onore sia dell'ex Cecoslovacchia, sia della Repubblica Ceca. A dire il vero, proprio da quel dizionario che mi sono ritrovato ad avere qualche cosa l'avevo intuita; ad esempio, le autrici sono tre rom (una delle quali con un cognome tedesco, Hübschmannová) che nelle brevi schede biografiche appaiono come plurilaureate e titolari di un dipartimento universitario di linguistica romanes. Solo immaginare in Italia un dipartimento universitario del genere è pura fantascienza, tuttora. In Italia, credo che l'unico rom che abbia assunto una certa importanza e notorietà sia un calciatore, Andrea Pirlo (che è un sinti bresciano).

Concludo dicendo che la lingua romanes, in Italia, è pressoché ignorata. Esiste un dizionario italiano-rom e rom-italiano, introvabile e pubblicato peraltro nella ex Jugoslavia, a Bitola in Macedonia; ho la fortuna non di averne una copia personale, ma di averlo a disposizione -non so davvero come!- nella Biblioteca Comunale dell'Isolotto, a pochi passi da casa mia. Ma, forse, è perché a pochi passi da casa ho anche il campo del Poderaccio. L'unica descrizione della lingua romanes che conosco è stata fatta in uno "speciale" (molto ben fatto, devo dire) di "A", la rivista anarchica. Insomma, manca praticamente tutto.

Concludo dicendoti se vuoi per caso farmi avere il testo di quelle canzoni che conosci, magari trascrivendole come te le ricordi, in grafia ceca (che sicuramente le renderebbe più comprensibili); potrei vedere un po' che cosa vogliono dire (e chissà che non ci scappi pure qualcosa per il sito...! :-P)

Saluti cari!

Riccardo Venturi - 13/2/2014 - 10:12


Ad onor del vero bisogna dire che anche in Italia ci sono casi del genere, come il dott. Santino Spinelli, rom e anche musicista con l'Alexian Group, che e' professore universitario e a Trieste teneva un "Corso di Lingua e Cultura Romaní", almeno alcuni anni fa. Naturalmente in Italia questi sono purtroppo casi isolati...

Lorenzo - 13/2/2014 - 10:21


Da..."sempre", nel centro di Salò (Bs) campeggia l'insegna della "Farmacia del dr. Pirlo". Quando ci passavo, sorridevo di quel cognome bellamente esibito in oro su nero: ma non mi sarei mai immaginato che il titolare-fondatore fosse un rom-sinti. Quando poi diventò famoso il calciatore, pensai che semplicemente portasse un cognome gardesano. Ma guarda un po'.

Gian Piero Testa - 13/2/2014 - 11:07


Ma anche i Casamonica a Roma : )

Krzysiek Wrona - 13/2/2014 - 19:43


Grazie Riccardo.. Hai ragione, gli articoli che noi non usiamo praticamente mai se non per rafforzare un sostantivo, possono essere il nostro punto debole, come lo sono nella pronuncia le consonanti doppie. Se tu mi senti parlare, ancora adesso dopo anni a Firenze, sentirai un misto tra l'accento fiorentino e un accento strano, contraddistinto da qualche consonante semplice più del dovuto :)

Mi pare comprensibile che certe informazioni sulla vita nei paesi socialisti non fossero di pubblico dominio oltre la cortina di ferro. Per questo trovo assolutamente importante e bella l'esistenza di un sito come questo dove ogni realtà del mondo, sia del presente che del passato, può trovare il proprio spazio e possibilità di esprimersi, confrontarsi, e dove tutti sempre troviamo cose nuove.

Tra l'altro, la situazione nella Jugoslavia di Tito era per certi aspetti differente rispetto agli altri paesi socialisti. Basta vedere che per gli abitanti della Cecoslovacchia era più difficile visitare la Jugoslavia quanto non gli altri paesi. La vacanza al mare in Jugoslavia era una specie di “premio” concesso a chi non era “diffidato”, cioè spesso alle famiglie dei dirigenti o funzionari i quali di regola dovevano essere tutti membri del partito al potere (chi per convinzione – più raro – e chi per convenienza – molto comune) e di cui quindi non si sospettava una possibile fuga. Per un cittadino comune che volesse andare al mare, ad esempio, era più facile ottenere il permesso per andare in Bulgaria che, pur essendo geograficamente più distante, apparteneva alla stessa linea politica.

Ritornando alla lingua romanes, facendo una piccola ricerca su internet ho visto che in Repubblica Ceca vengono fatti dei corsi e sono anche stati pubblicati dei libri di grammatica e insegnamento, uno dei quali è stato scritto da Milena Hübschmannová, co-autrice del tuo dizionario. È interessante anche vedere i cognomi delle tre autrici: solo una di loro ha un cognome che può far pensare alla nazionalità rom, l'altra, credo per puro caso, ha il cognome stesso mio che è un cognome ceco (anche se non tra i più comuni), la terza infine ha un cognome tedesco – i cognomi tedeschi sono molto diffusi in tutto il paese per motivi geografici e storici. Anche questo è una testimonianza che la convivenza storica abbia portato a varie mescolazioni.

Qua ci sono i due testi brevi in romanes che mi ricordo. Ne faccio una trascrizione fonetica con la grafia ceca. Non so dove siano i confini delle parole, magari ci sarà da dividere delle parole o riunirne altre... Vediamo cosa viene fuori. Ad ogni modo mi sa che sarà più facile che tradurre “televisione” in ebraico biblico :)P

La prima canzone (i titoli non me li ricordo):
Džau dromeha džau
mi roji jo tu ke dau
au tu čaje ke mande
au tu čaje ke mande

Me dža ole bare dromeha
me naši zasova
me naši zasova.

La seconda:
A ka na šu so pena va
a ka na šu so pena va
au kema pale
kema kema pale
me tu ha na do dži va va.

Questa seconda canzone aveva anche una seconda strofa in ceco, non so se è la traduzione o un seguito, o magari non c'entra nulla:

Teď poslouchej, co povídám,
až se jednou vrátíš tou cestou, kterou dobře znáš.
(Adesso ascolta quello che sto dicendo,
quando una volta tornerai per quella strada che ben conosci.)

Stanislava - 13/2/2014 - 21:38


Alla faccia di don Al Bano oggi a breslavia...i zottici di tutto il mondo unitevi...ma Goran?... scusate ironia intrinseca

krzyś - 14/2/2014 - 02:05


Bellissima pagina, complimenti per la traduzione.
Bregovic è tra i pochi artisti che non si vergognano di criticare e prendere in giro i responsabili della disgregazione della Jugoslavia, inoltre ha sempre rifiutato una qualsiasi etichetta etnica.

Ognjen - 24/7/2014 - 02:01


Un grosso ringraziamento a Miguel Martínez, che in mezzo agli usuali 3500 commenti ad ogni post che scrive ha individuato la corretta lezione jek baro Kalašnjikov che è stata immediatamente corretta nel testo.

Riccardo Venturi - 31/10/2014 - 00:35




Lingua: Serbo

Hi I'm Jacopo Belluz from Italy.
I carefully read the page related to this song and I want to truly help.
These are the words and.... YES, there's a meaning.. truly sad, ironic and sarcastic as Gypsies always are..
At the same time it wants people to react lively and wildly in joy against stupid "macho wars"!...

... and YES... it has sexually explicit metaphors in "candies", "kalasnikov", "blue tulips" and so on..
because sex is the dance of life, in that culture.. and in mine (not italian) too

I leave to you the translation... it's a discovery...
Cigani! Juris!!!

Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) kutz, kutz ehy ja

Boom, boom, boom, boom, boom

Kana hi naj kutz, kutz ehy ja


Devla, eh lakashov i kangeri

Devla, ke poparov ke me oko hi

Devla, mi dzav te mange an(S) for(O)

Jek bar(O) kalashnikov

Kalashnikov
! Kalashnikov
! Kalashnikov, kalashnikov
! Eeeeeeh...


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) la kune la
.. Vov dil(O) la kune la

Kenelah poi avisah


Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,

(SH)Caje, suje, (P)ajde(RA), hopaaaaa


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) kutz, kutz ehy ja

Boom, boom, boom, boom, boom

Kana hi naj kutz, kutz ehy ja


Devla, devla ken tuta molina

Devla, a ko vaja ni ke kriah

Devla, mi dzav te mange an(S) for(O)

Jek bar(O) kalashnikov

Kalashnikov
! Kalashnikov! 
Kalashnikov, kalashnikov! 
Eeeeeeh...


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) ka cudel(A)
.. Vov dil(O) ka cudel(A)
kana hi naj pala idir(A)?


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) ka cudel(A)
.. Vov dil(O) ka cudel(A)
kana hi naj pala idir(A)?


Zvoncici, zvoncici, cavro pistol-

cici (SH)Caje, suje, (P)ajde(RA), hopaaaaa


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) ka cudel(A)
.. Vov dil(O) ka cudel(A)
kana hi naj pala idir(A)?


Dalakovac, Markovac, Mala Krsna, Lajkovac,

(SH)Caje, suje, (P)ajde(RA), hopaaaaa


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) ka cudel(A)
.. Vov dil(O) ka cudel(A)
kana hi naj pala idir(A)?


Zoki, zorice, cavro bobonice

(SH)Caje, suje, (P)ajde(RA), hopaaaaa


Boom, boom, boom, boom, boom

Vov dil(O) ka cudel(A)
.. Vov dil(O) ka cudel(A)
kana hi naj pala idir(A)?


Cigani! Stoj!

inviata da Jacopo - 5/8/2017 - 15:19




Lingua: Serbo

Could someone please verify the Cyrilic lyrics. I drafted it based on Jacopo's version and assumed diacritics from the version in the top. I also wonder what do those parentheses used by Jacopo mean.
As a Russian, I can only transcribe the Latin text to Cyrilic but cannot verify the language.
Цигани! Јуриш!!!

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило куц, куц ехи ја
Бум, бум, бум, бум, бум
Кана хи нај куц, куц ехи ја

Девла, ех лакашов и канџери
Девла, ке попаров ке ме око хи
Девла, ми џав те манге ан(С) форо
Јек баро Калашњиков!
Калашњиков! Калашњиков!
Калашњиков, Калашњиков!
Еееееех...

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ла куне ла. Вов дило ла куне ла
Кенелах пои ависах

Далаковац, Марковац, Мала Крсна, Лајковац,
Чхаје шужје, (П)ајде(РА), хопааааа

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило куц, куц ехи ја
Бум, бум, бум, бум, бум
Кана хи нај куц, куц ехи ја

Девла, девла кен тута молина
Девла, а ко ваја ни ке криах
Девла, ми џав те манге ан(С) форо
Јек баро Калашњиков!
Калашњиков! Калашњиков!
Калашњиков, Калашњиков!
Еееееех...

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило куц, куц ехи ја
Бум, бум, бум, бум, бум
Кана хи нај куц, куц ехи ја

Девла, ех лакашов и канџери
Девла, ке попаров ке ме око хи
Девла, ми џав те манге ан(С) форо
Јек баро Калашњиков!
Калашњиков! Калашњиков!
Калашњиков, Калашњиков!
Еееееех...

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Звончићи, звончићи, чхавро, пиштољчићи
Чхаје шужје, (П)ајде(РА), хопааааа

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Зоки, Зорице, чхавро, бобонице
Чхаје шужје, (П)ајде(РА), хопааааа

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Далаковац, Марковац, Мала Крсна, Лајковац,
Чхаје шужје, (П)ајде(РА), хопааааа

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Зоки, Зорице, чхавро, бобонице
Чхаје шужје, (П)ајде(РА), хопааааа

Бум, бум, бум, бум, бум
Вов дило ка чудел(А). Вов дило ка чудел(А)
Кана хи нај пала идир(А)?

Цигани! Стој!
Dalakovac seems to be wrong (non-existent) place name. The other three really exist. Some other Cyrilic versions of the lyrics have Despotovac instead.
Words of particular concern: ehy / ехи; (SH)Caje / Čhaje / caje / чхаје; suje / šužje / шужје; čhavro / cavro / чхавро.

inviata da Šurik - 13/8/2017 - 02:23


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org