Lingua   

Modlitba pro Martu

Marta Kubišová


Lingua: Ceco

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Au Chili comme à Prague
(Serge Lama)
Primavera di Praga
(Francesco Guccini)
Where Have all the Flowers Gone
(Pete Seeger)


(1968)

Modlitba pro Martu (La preghiera per Marta) divenne simbolo della resistenza all'invasione sovietica della Cecoslovacchia del 1968. Fu composta nel periodo immediatamente precedente questo avvenimento. L'autore del testo è Jindřich Brabec, la musica fu composta da Petr Rada.

 Marta Kubišová


Il giorno che fu programmata la registrazione della canzone, Brabec portava il testo nello studio dove lo stava aspettando Marta Kubišová, ma durante il tragitto la sua auto fu danneggiata dai soldati sovietici e non gli fu possibile raggiungere il posto. Dettò quindi il testo alla cantante per telefono. Marta riuscì a trasportare la registrazione nella sede della radio cecoslovacca. Originariamente la canzone fu destinata per una puntata della serie televisiva Píseň pro Rudolfa III. (Una canzone per Rodolfo III). La puntata però andò in onda solo un anno dopo, e durante la scena conclusiva accompagnata dalla canzone dovette apparire un sottotitolo con la spiegazione che essa non avesse nulla a che vedere con i fatti di attualità. Negli anni 70, nel periodo della cosiddetta normalizzazione, la canzone fu del tutto vietata, come anche l'attività artistica della sua interprete.
Nel 1989, con la caduta del regime totalitario, la canzone ancora una volta accompagnò le vicende politiche e divenne simbolo della rivoluzione di velluto. Marta che in quei giorni tornò subito attiva, la cantò dal vivo a Praga, nella piana di Letná, davanti a centinaia di migliaia di spettatori.
Ať mír dál zůstává s touto krajinou.
Zloba, závist, zášt, strach a svár,
ty ať pominou, ať už pominou.
Teď když tvá ztracená vláda věcí tvých
zpět se k tobě navrátí, lide, navrátí.

Z oblohy mrak zvolna odplouvá
a každý sklízí setbu svou.
Modlitba má ta ať promlouvá k srdcím,
která zloby čas nespálil
jak květy mráz, jak mráz.

Ať mír dál zůstává s touto krajinou.
Zloba, závist, zášt, strach a svár,
ty ať pominou, ať už pominou.
Teď když tvá ztracená vláda věcí tvých
zpět se k tobě navrátí, lide, navrátí.

inviata da Stanislava - 25/7/2013 - 20:09



Lingua: Italiano

Versione italiana di Stanislava
LA PREGHIERA PER MARTA

La pace resti d'ora in avanti con questa terra.
L'ira, l'invidia, il rancore, la paura e la discordia –
– essi svaniscano, ormai svaniscano
ora che il tuo perduto potere sui tuoi affari
ritornerà da te, popolo, ritornerà da te.

Adagio dal cielo se ne sta andando la nuvola
e ognuno raccoglie la propria semina.
La mia preghiera parli
ai cuori che il tempo di ira
non ha bruciato come il gelo brucia i fiori, come il gelo.

La pace resti d'ora in avanti con questa terra.
L'ira, l'invidia, il rancore, la paura e la discordia –
– essi svaniscano, ormai svaniscano
ora che il tuo perduto potere sui tuoi affari
ritornerà da te, popolo, ritornerà da te.

inviata da Stanislava - 25/7/2013 - 20:11


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org