Lingua   

Alle fronde dei salici

Salvatore Quasimodo


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Va, pensiero
(Giuseppe Verdi)
Uomo del mio tempo
(Salvatore Quasimodo)
La guera di inbezell
(Malnàtt)


‎[1945]‎
Versi di Salvatore Quasimodo, dalla raccolta “Giorno dopo giorno” pubblicata nel 1947.‎
Musica di Bruno Belli, direttore artistico del coro InCanto di Cassina ‎de' Pecchi, Milano.‎
Nel repertorio del coro InCanto con il titolo “Come potevamo cantare”.‎

quasimodo
E come potevamo noi cantare
con il piede straniero sopra il cuore,
fra i morti abbandonati nelle piazze
sull’erba dura di ghiaccio, al lamento
d’agnello dei fanciulli, all’urlo nero
della madre che andava incontro al figlio
crocifisso sul palo del telegrafo?
Alle fronde dei salici, per voto,
anche le nostre cetre erano appese,
oscillavano lievi al triste vento.‎

inviata da Bernart - 14/5/2013 - 15:35




Lingua: Francese

Version française – AUX FRONDES DES SAULES – Marco Valdo M.I. A – 2013
Chanson italienne – Alle fronde dei salici – Salvatore Quasimodo – 1945
Musique dei Bruno Belli, directeur artistique du choeur InCanto de Cassina ‎de' Pecchi, Milano.‎
Au répertoire du choeur InCanto sous le titre “Come potevamo cantare”.‎


saules
AUX FRONDES DES SAULES

Et comment pouvions-nous chanter
Avec le pied étranger sur le coeur,
Au milieu des morts abandonnés sur les places
Sur l'herbe dure de glace,
Au sanglot d'agneau des enfants,
Au noir hurlement
De la mère qui allait à la rencontre de son fils
Crucifié sur le poteau télégraphique ?
Aux frondes des saules, ex voto,
Nos cithares aussi étaient accrochées,
Elles oscillaient légères au triste vent.

inviata da Marco Valdo M.I. - 15/5/2013 - 20:53




Lingua: Italiano (Emiliano Bolognese)

Versione in dialetto bolognese di Porz dei Malnàtt, molto particolare metal band emiliana (da non confondersi con i Malnatt, skinhead milanesi di estrema destra)

E CUM L'ERA PUSÉBBIL CANTÈR

E cum l'era pusébbil cantèr
con al pà furastîr såura al cor
stra i murt abandunè
in mèz a la strè
in vatta a l'érba dura e d giâz
e al lamänt d'agnèl di fangén
al vêrs naigher d'la mèder
c l'andèva da so fiôl inpalè
int al pèl dal telegraf?
d såtta a i alber, par våut
i nûster strumént i èren atachè
e alziri i sdundleven al vant

inviata da Bernart Bartleby - 3/1/2014 - 10:19


Per chi legge questi versi di Salvatore Quasimodo, vorrei ricordare che sono ripresi dal Salmo 137 (136) "Lungo i fiumi di Babilonia", lamentazione degli ebrei esuli lungo i canali di Babilonia, dopo la distruzione di Gerusalemme del 586 a.C. e che sempre ad esso è riferita la canzone di Leonard Cohen "By the rivers dark".

Flavio Poltronieri

Flavio Poltronieri - 12/6/2014 - 16:59




Lingua: Inglese

Versione inglese Yarikh
TO THE BRANCHES OF WILLOWS

And how could we sing
with the stranger foot on our heart,
among the dead abandoned in the squares
on the grass hard as ice, to the lamb-like cry
of the children, to the black scream
of a mother who was going to his son
crucified on a telegraph pole?
To the branches of willows, as vow,
also our harps were hung,
they slightly swing in the sad wind.

1/7/2016 - 16:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org