Lingua   

Futura

Lucio Dalla


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

La casa in riva al mare
(Lucio Dalla)
Berlin
(Wolf Biermann)
After Berlin
(Neil Young)


(1980)

Checkpoint Charlie, 1983
Checkpoint Charlie, 1983

«Il testo di Futura nacque come una sceneggiatura, poi divenuta canzone. La scrissi una volta che andai a Berlino. Non avevo mai visto il Muro e mi feci portare da un taxi al Check Point Charlie, punto di passaggio tra Berlino Est e Berlino Ovest. Chiesi al tassista di aspettare qualche minuto. Mi sedetti su una panchina e mi accesi una sigaretta. Poco dopo si fermò un altro taxi. Ne discese Phil Collins che si sedette nella panchina accanto alla mia e anche lui si mise a fumare una sigaretta. In quei giorni a Berlino c'era un concerto dei Genesis, che erano un mio mito. Tanto che mi venne la tentazione di avvicinarmi a Collins per conoscerlo, per dirgli che anch'io ero un musicista. Ma non volli spezzare la magia di quel momento. Rimanemmo mezz'ora in silenzio, ognuno per gli affari suoi. In quella mezz'ora scrissi il testo di Futura, la storia di questi due amanti, uno di Berlino Est, l'altro di Berlino Ovest che progettano di fare una figlia che si chiamerà Futura.»
(Intervista a Lucio Dalla)
Chissà chissà domani
su che cosa metteremo le mani
se si potrà contare ancora le onde del mare
e alzare la testa
non esser così seria, rimani
i russi, i russi gli americani
no lacrime non fermarti fino a domani
sarà stato forse un tuono
non mi meraviglio
è una notte di fuoco
dove sono le tue mani
nascerà e non avrà paura nostro figlio

e chissà come sarà lui domani
su quali strade camminerà
cosa avrà nelle sue mani, le sue mani
si muoverà e potrà volare
nuoterà su una stella
come sei bella
e se è una femmina si chiamerà
Futura.
Il suo nome detto questa notte
mette già paura
sarà diversa bella come una stella
sarai tu in miniatura

ma non fermarti voglio ancora baciarti
chiudi i tuoi occhi non voltarti indietro
qui tutto il mondo sembra fatto di vetro
e sta cadendo a pezzi come un vecchio presepio.

Di più, muoviti più fretta di più, benedetta
più su, nel silenzio tra le nuvole, più su
che si arriva alla luna, sì la luna
ma non è bella come te questa luna
è una sottana americana
Allora su mettendoci di fianco, più su
guida tu che sono stanco, più su
in mezzo ai razzi e a un batticuore, più su
son sicuro che c'è il sole
ma che sole è un cappello di ghiaccio questo sole
è una catena di ferro senza amore,
amore, amore, amore.

Lento lento adesso batte più lento
ciao, come stai
il tuo cuore lo sento
i tuoi occhi così belli non li ho visti mai
ma adesso non voltarti
voglio ancora guardarti
non girare la testa
dove sono le tue mani
aspettiamo che ritorni la luce
di sentire una voce
aspettiamo senza avere paura,
domani.


Lingua: Francese

Traduzione francese di Marianne Comtell
dal libretto dell'LP "Cosa sarà" distribuito in Francia.
FUTURA

Qui sait, qui sait, demain,
sur quelles chose nous mettrons les mains
Si l'on saura encore raconter les vagues de la mer
Et relever la tête
— Ne sois pas aussi grave, reste-là —
Les Russes, les Russes, les Américains,
n'en pleurons pas ne t’arrête pas jusqu’à demain
C’était peut-être le tonnerre,
Je n'en suis pas surpris
C'est une nuit de feu
Mais ou sont donc tes belles mains ?
Notre fits verra bientot le jour, et il n'aura pas peur.

Et qui sait comment il sera lui, demain
Sur quelles routes il cheminera
Ce qu'il aura entre ses mains, ses propres mains ?
Il bougera et pourra s'envoler
Il nagera sur une étoile,
comme tu es belle !
Et si c'est une fille, elle s'appellera
FUTURA
Son prénom évoqué cette nuit
peut faire déjà trembler
Elle sera différente, belle comme une étoile
Comme toi, en miniature

Mais ne t’arrête pas, je veux encore t'embrasser
Ferme les yeux, ne te retourne pas
Ici le monde entier semble fait de verre
Et s’écroule en morceaux comme les vieux tableaux

Encore, bouge donc plus vite, encore, tu es si forte !
Plus haut, vers le silence, vers les nuages, plus haut.
On peut atteindre la lune, oui la lune,
mais elle est moins belle que toi cette lune
C'est une soutane américaine
Alors plus haut, serrons nous contre l'autre, plus haut
Conduis, toi, je suis épuisé, plus haut
Au milieu des éclairs et des battements de cœur, plus haut
Je suis sur qu'on y volt le soleil
Mais quel soleil
C'est un vrai chapeau de glace ce soleil
C'est une chaîne de fer forgé sans amour
Amour... Amour... Amour...

Calme, calme, voila qu'il bat plus calme !
— Ciao, tu vas mieux ?
Ton cœur, je le sens, tu sais !
Et tes yeux, tes yeux, je ne les ai jamais vus aussi beaux
Pourtant ne te retourne pas,
je veux encore te regarder
Ne tourne pas la tête
Mais où sont donc tes belles mains
Attendons que revienne la lumière
Qu'une voix nous parvienne
Attendons sans que la peur nous prenne
Demain.

10/9/2017 - 21:42


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org