Lingua   

S’i’ fosse foco

Fabrizio De André


Lingua: Italiano (Toscano senese antico )


Ti può interessare anche...

Madame la Misère
(Léo Ferré)
Strina d'u judeo
(Massimo Ferrante)
Ballata degli impiccati
(Fabrizio De André)


Versi di Cecco Angiolieri (1260 ca-1312), poeta ‎senese
Musica di Fabrizio De André, dall’album “Volume III” del 1968‎

Cecco ‎Angiolieri immaginato dallo xilografo Pietro Parigi (1892-1990)‎
Cecco ‎Angiolieri immaginato dallo xilografo Pietro Parigi (1892-1990)‎
vol3 b



Qui ce n’è per tutti, non oso nemmeno lanciarmi nell’interpretazione di questo strafamoso sonetto ‎ripreso in musica da Faber…‎
Lo propongo per la sua descrizione di una devastazione purificatrice che non risparmia nessuno ‎‎(solo la bellezza), a partire dai potenti e delle principali istituzioni di sempre, le “vecchie e laide” (o ‎‎“zo[p]pe e vecchie”, secondo un’altra trascrizione) Patria, Chiesa e Famiglia.‎
S’i’ fosse foco, ardereï ’l mondo;
s’i’ fosse vento, lo tempestarei;
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i’ fosse Dio, mandereil’ en profondo.

S’i’ fosse papa, sarei allor giocondo,
tutti cristïani imbrigarei;
s’i’ fosse ’mperator, sa’ che farei?
A tutti mozzerei lo capo a tondo

S’i’ fosse morte, andarei a mi’ padre;
s’i’ fosse vita, fuggirei da lui;
similemente faria da mi’ madre

S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre
e vecchie e laide lasserei altrui.‎

S’i’ fosse foco, ardereï ’l mondo;
s’i’ fosse vento, lo tempestarei;
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i’ fosse Dio, mandereil’ en profondo.

inviata da Bernart - 29/3/2013 - 13:58




Lingua: Italiano (Toscano senese antico)

Il sonetto originale secondo la versione accolta nell’ “Antologia della poesia italiana” di Einaudi.‎

S’I’ FOSSE FUOCO

S’i’ fosse fuoco, ardereï ’l mondo;
s’i’ fosse vento, lo tempestarei;
s’i’ fosse acqua, i’ l’annegherei;
s’i’ fosse Dio, mandereil’ en profondo;

s’i’ fosse papa, allor serei giocondo,
ché tutti cristïani imbrigarei;
s’i’ fosse ’mperator, ben lo farei:
a tutti tagliarei lo capo a tondo.

S’i’ fosse morte, andarei a mi’ padre;
s’i’ fosse vita, non starei con lui:
similemente faria da mi’ madre.

S’i’ fosse Cecco, com’i’ sono e fui,
torrei le donne giovani e leggiadre:
le zop[p]e e vecchie lasserei altrui.‎

inviata da Bernart - 29/3/2013 - 14:00





La versione in Inglese medio (ca. XII secolo) di Riccardo Venturi
Eseguita nel 1999, con mutamenti (23.2.2016)
A Translation into Middle English (ca. 12th century) by Riccardo Venturi
1999, with adjustments (23.2.2016)


La versione originale del 1999 è conservata da Via del Campo (il famoso sito di Walter Pistarini). Avendola a lungo considerata persa chissà dove in Rete, ho pensato di riproporla qui con qualche aggiustamento per renderla (sic) cantabile, o recitabile. L'inglese medio, per convenzione, si legge praticamente come si scrive; comunque sia, non provate nemmeno minimamente a leggerlo come l'inglese moderno. In quei tempi lontanissimi, le diecimila grafie diverse che esistevano riproducevano comunque la pronuncia effettiva. Quando feci la traduzione, peraltro, utilizzai la grafia "standardizzata", e assai arcaizzante, del dizionario dello Stratmann; la quale, più o meno, corrisponde alle grafie più antiche quali ad esempio quella della Ancrene Riwle. Per dire che, eventualmente, chi avesse presente la grafia dei Canterbury Tales di Chaucer, non vi si ritroverebbe molto. Gli aggiustamenti odierni seguono comunque gli stessi criteri. [RV]
WǢRE IC ÞE FȲR

Wǣre ic þe fȳr, þe wēoreld wolde ic brennen,
Wǣre ic þe wind, wið stōrmes him wolde ic swēpen,
Wǣre ic þe water, him wolde ic yerne drounen
Wǣre ic Gōd, to hēlle him wolde ic senden.

Wǣre ic þe Pope, so wold' ic in myrþe lēven,
Alle Christiantë wolde ic so bigīlen,
Wǣre ic Emperoure, wīstu hwæt ic dōn wolde?
Allen wolde ic þe hēafod yerne sliten.

Wǣre ic deað, wold' ic gōn tō mine faðer,
Wǣre ic in life, frām him wolde ic flēon,
And al þe līce wolde ic dōn fram mi moðer;

Wǣre ic Franssys, ās ic eam and ic wæs
Þe fayre maydenes wolde ic yerne kepen,
And ōðren olde and foule wolde ic yeven!

23/2/2016 - 08:53




Lingua: Inglese

Versione inglese cantabile e introduzione di Simon Evnine , Professore Associato di Filosofia all'Università di Miami.

Cecco Angiolieri and "S'i fosse foco".

Cecco Angiolieri (1260-c.1312) was a Sienese poet. He is best remembered for his wonderful sonnet "S'i fosse foco". The poem is interesting from a philosophical point of view. It is a series of nine subjunctive conditionals. While the first eight have false (in most cases, necessarily false) antecedents ("if I were fire," "if I were death," etc.) the final conditional has a true, indeed a necessarily true, antecedent ("if I were Cecco"). The strangeness of a subjunctive conditional with a true antecedenct is emphasized because Cecco inserts after it the only verbs (literally, "as I am and was") in the poem that are not subjunctives or conditionals.
IF I WERE FIRE

If I were fire, I would consume the world;
If I were wind, then I would blow it down;
If I were water, I would make it drown;
If I were God, t'would to the depths be hurled.

If I were Pope, I'd have a lot of fun
with how I'd make all Christians work for me;
If I were emperor, then you'd really see -
I'd have the head cut off of everyone.

If I were death, then I'd go to my father;
If I were life, I'd not abide with him;
And so, and so, would I do to my mother.

If I were Cecco - as in fact I am -
I'd chase the young and pretty girls; to others
Would I leave the lame or wrinkled dam.

inviata da Maria Cristina Costantini - 30/3/2013 - 09:38




Lingua: Inglese

La versione inglese di Dennis Criteser [2014]
Dal blog Fabrizio De André in English

While De André took inspiration and drew from poetry, "S'i' fosse foco, arderei 'l mondo" is the only poem he ever set to music. The Siennese Cecco Angiolieri was a contemporary of Dante and this sonnet is well known in Italian literature. At the time, the dominant style was Dolce Stil Novo, which emphasized an introspective approach to female beauty and divine love. The "take no prisoners" invective of Angiolieri's poem shows clearly that he rejected the Sweet New Style that was associated with Dante, its main exponent. - Dennis Criteser
IF I WERE FIRE

If I were fire, I’d burn the world down.
If I were wind, I would batter it with storm.
If I were water, I would drown it.
If I were God, I’d cast it into the depths.

If I were Pope, I would be jolly,
I'd get all the Christians in trouble.
If I were Emperor, you know that I would
chop off heads all around.

If I were death, I'd go to my father’s.
If I were life I would flee him,
as similarly would I do from my mother.
If I were Cecco, as I am and as I was,
I would take the young, graceful women
and leave the foul, older ones to others.

If I were fire, I’d burn the world down.
If I were wind, I would batter it with storm.
If I were water, I would drown it.
If I were God, I’d cast it into the depths.

inviata da Riccardo Venturi - 23/2/2016 - 10:13




Lingua: Francese

La traduction française de Léo Ferré (dans L'opéra des rats, 1983)
Traduzione francese di Léo Ferré (da L'opera des rats, 1983)

oprats
SI J'ÉTAIS LE FEU

Si j’étais le feu je foutrais le feu au monde
Si j’étais le vent j’y foutrais la tempête
Si j’étais l’eau je le noierais
Si j’étais Dieu je l’enverrais au plus profond

Si j’étais le Pape je serais alors très joyeux
Car je me taperais tous les chrétiens
Si j’étais empereur tu sais ce que je ferais ?
À tous je couperais la tête

Si j’étais la mort j’irais chez mon père
Si j’étais la vie je foutrais le camp de chez lui
Je ferais pareil avec ma mère
Si j’étais moi comme je suis et comme je fus
Je prendrais les femmes jeunes et chouettes
Et je laisserais les vieilles et les laides aux autres.

inviata da MR - 9/4/2013 - 09:04





Una versione greca (di Vasilis Nottas)
Dal blog Βασίλης Νόττας: Το Ιστολογοφόρο

La pagina riporta la canzone di Fabrizio De André in ascolto audio. Pure disponibile una lettura della poesia nella traduzione greca.

"Ο Cecco Angiolieri υπήρξε ένας ενδιαφέρων τύπος, ποιητής και ιππότης, που έζησε στην Τοσκάνη (Σιένα, από το 1260 ως περίπου το 1312) την ίδια πάνω κάτω εποχή με τον Δάντη. Το σονέτο του ¨Αν ήμουν φωτιά¨ τραγουδάει εδώ ο Fabrizio de Andre. Έκανα μια πρώτη προσπάθεια απόδοσης του κειμένου στα ελληνικά, αλλά για καλό και για κακό σας παραθέτω και το πρωτότυπο."
ΦΩΤΙΑ ΑΝ ΗΜΟΥΝ

Φωτιά αν ήμουν, θα ’καιγα την Πλάση,
νερό αν ήμουν θα ’πνιγα τη Γη
κι αν ήμουν άνεμος με ίδια οργή,
Θεούς κι ανθρώπους θα ’στελνα στη Χάση

Αν ήμουν Πάπας, τότε θα ’χα κέφια
και θα κορόιδευα όλους τους πιστούς
και βασιλιάς αν ήμουνα αδέλφια
κεφάλια θα ’χα κόψει σε αρκετούς.

Χαμός αν ήμουν, πρώτα τον πατέρα
θα είχα πάει να επισκεφτώ,
το ίδιο θα ’κανα και στη μητέρα
που με ξεφούρνισε στον κόσμο αυτό.

Αλλά αφού ’μαι αυτός (κι αυτός θα μείνω)
τις νιες και όμορφες μονάχα κυνηγώ
και γριές και άσχημες στους άλλους τις αφήνω.

inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" - 23/2/2016 - 12:25




Lingua: Spagnolo

Versione spagnola di Santiago
SI FUERA FUEGO

Si fuera fuego, quemaría el mundo;
si fuera viento, lo tempestaría;
si fuera agua, yo lo anegaría;
si fuera Dios, lo arrojaría a las profundidades.

Si fuera Papa, sería jocoso,
a todos los cristianos molestaría;
si fuera emperador, ¿sabes que haría?
a todos cortaría la cabeza a mi alrededor.

Si fuera la muerte, iría por mi padre;
si fuera vida, huiría de él,
la misma cosa haría con mi madre.

Si fuera Cecco, como soy y fui,
tomaría las mujeres jóvenes y bellas
y las viejas y feas dejaría a los otros.

Si fuera fuego, quemaría el mundo;
si fuera viento, lo tempestaría;
si fuera agua, yo lo anegaría;
si fuera Dios, lo arrojaría a las profundidades.

inviata da Santiago - 30/6/2016 - 02:28


Versi di composti da Indarno Da Tempo nel maggio del 2010, dal blog ‎‎Moltinpoesia di Ennio Abate (“Sotto il sibillino pseudonimo di ‎Indarno Da Tempo si nasconde comunque una persona realmente esistente”. Questa ‎l'autopresentazione dettata dall'autore a Ennio Abate, ideatore e curatore del blog citato)‎

A CECCO ANGIOLIERI

‎«S’i’ fussi papa allor lieto sarei»‎
Cantava in altri dì Cecco Angiolieri
‎«Ché tutti li cristiani ingannerei».‎
Quello che accadde dir non è mestieri
All’altro Cecco, d’Ascoli nomato,‎
Che mentre il primo, almen, salvò la pelle
Finì sul rogo e lì morì bruciato.‎
Ce ne han fatte vedere delle belle
Con Arnaldo, Jan Hus, Savonarola
E quei che grazie ad Ettore Ferrari,‎
Che non ultimo fu tra gli scultori
Ed eminente inoltre fu massone,‎
Ancor ci guarda da Campo de’ Fiori
E ci ammaestra con la sua parola
Quando per tanti secol fu questione
‎(Oh! Paradossi della vera fede)‎
Di spegnere i reati d’opinione
E incutere timore a chi non crede
Con il controllo della combustione,‎
Rimedio contro i rischi della Scuola
E ai cervelli balzan giusta mercede.‎

Eppur…«La verità ci rende liberi»‎
Era ben stato un giorno proclamato!‎
Valeva per i Galli, pei Celtiberi,‎
L’Arabo, il Parto, il Siro ed il Romano,‎
Pur se non tutti ne hanno approfittato.‎
Era valido pur per l’Egiziano
All’epoca più o meno ellenizzato?‎
Il massacro d’Ipazia aprì la via
Ed invocar quel Morto sulla croce
Per metter le pastoie all’eresia
Era proprio conforme alla Sua voce?‎
È di buon gusto cercare il potere
Ed abusar di mezzi coercitivi
Pur appellando socio fondatore
Un messo a morte manu militari
A maggior gloria di preti retrivi?‎
Anzi, farsi chiamar continuatore
Di quell’impero e di quei luminari
Allora e sempre del tutto corrivi
A mandar sulla forca un innocente
Sol che avesse un pensiero indipendente?‎

Pompa magna, ricchezza, cattedrali,‎
Edifici di certo fra i più belli,‎
Tele di pregio altissimo, messali
Minïati e dorati, e pur prebende
Per preti secolari e regolari
Dimentichi degli aghi e dei cammelli,‎
Dediti al culto e a ben altre faccende
E sempre sitibondi di denari,‎
Promettendo le cose più stupende
Ed altre ancora, pagando, s’intende.‎
‎«Die Seele», lo sappiam, «nach Himmel springt »‎
Se la buona moneta « im Kasten klingt».‎
Quella volta, però, finì a schifio
E scatenarono un’iradiddio.‎
I tedeschi, si sa, son gente seria.‎
Un monaco dei loro, agostiniano,‎
Ferrato in quella nobile materia,‎
Sfidò la Chiesa et eziandio il sovrano.‎
In uno scontro di giganti invero
Combattuto con odio più che umano
Il papa perse metà del suo impero.‎

Ora le cose si mettevan male:‎
l’Illuminismo e la Massoneria
Minavano la base dottrinale.‎
Dura la vita nella sacrestia!‎
Poi ci si mise anche la ghigliottina,‎
Coi sanculotti e con la Marsigliese.‎
Ma lì venne il soccorso materiale:‎
Politica non bada alla dottrina
Ma a gestire il suffragio universale
Dai pulpiti che stavan nelle chiese.‎
Non lo facevan gratis, no di certo!‎
Però il servizio valeva le spese.‎
Così, tutto sommato, si vivacchia.‎
Fra un espediente e l’altro? Eh, che pretese!‎
L’otto per mille è piuttosto una pacchia.‎
Però non son più i tempi luminosi
Quando fra gli spettacoli all’aperto
I roghi risplendevano gloriosi!‎
Ora poi la parola che il Maestro ‎
Disse a suo tempo con opposta fè
Ha offerto a certi sacerdoti il destro:‎
‎«Sinite parvulos venire ad me».‎

[Congedo]

O Cecco, tu che ne’ secoli bui
Tenesti acceso il lume di ragione
A beneficio degli amici tui,‎
Quei che il riso non rende, no, felici
Però difende da sottomissione,‎
Dovunque ora tu sia, tu benedici!‎

Bernart - 29/3/2013 - 14:02


Perché "S'i' fosse foco" negli extra ?
Questa canzone è una "dichiarazione di guerra" dalla prima parola all'ultima.

Rodolfo - 30/3/2013 - 17:06


Io l'ho contribuita come Extra perchè, forse inconsciamente aderendo all'interpretazione da sempre più in voga, ho pensato che questo di Cecco Angiolieri fosse più che altro un "Vaffanculo a tutti quanti, io voglio solo godermela!", una bella piattaforma programmatica ma un pò privata per poterla proporla come CCG...
Però, leggendola e rileggendola, come tradisce anche il mio commento introduttivo, ora sono d'accordo con te, Rodolfo: questa mi sembra sempre di più una dichiarazione di guerra ai potenti di allora travestita da poesia goliardica...

Se gli Admins condividono, la si potrebbe anche trasferire tra le "strictly" CCG/AWS.

Bernart - 30/3/2013 - 21:20


Accogliendo dopo un paio d'anni le proposte di Rodolfo e di Bernart, la poesia (e la relativa canzone, attribuita a De André "in proprio") viene tolta dagli "Extra" nell'ambito della ristrutturazione completa della sezione dedicata a Fabrizio De André. Però, va detto, la decisione definitiva ha molto più a che fare con gli intenti di De André stesso, dato che il carattere di invettiva contro i potenti e, in generale, contro il mondo intero è maggiormente una visione "vulgata" moderna piuttosto che l'ambito originale del componimento di Cecco Angiolieri. La visione di Angiolieri come "poète maudit" ante litteram è sorta con il Romanticismo, che lo rivendicò con forza ai suoi ideali e che è responsabile dell'immagine che, in ultima analisi, è passata anche alla canzone di De André. Cecco Angiolieri visse sì una vita abbastanza avventurosa, ma con tutta probabilità fu assai meno ribelle di come poi è stato presentato e immaginato.

"S'i' fosse foco" è, in gran parte, uno sberleffo al "dolce stil novo", che rappresentava l'amore con immagini di grande delicatezza e ricercata eleganza, l'irriverente Cecco Angiolieri compose versi di forte provocazione e che tessevano l'elogio delle passioni terrene. Il sonetto appartiene a una secolare tradizione letteraria goliardica improntata all'improperio e alla dissacrazione delle convenzioni. L'Angiolieri si colloca all'interno, e sulla vetta di una "scuola" poetica parodistica che è quella dei poeti giocosi; fra i quali si annoverano Rustico di Filippo [1], Meo de' Tolomei, Folgore da San Gimignano, Pieraccio Tedaldi, Pietro dei Faitinelli. Lo stile "giocoso" lascia spazio in questo componimento a una disperazione immortale.

Lo si deve situare anche nel celebre scambio di sonetti tra Cecco Angiolieri stesso e Dante Alighieri, sorta di "tenzone" in versi quale era abbastanza comune all'epoca. In definitiva, il suo carattere di invettiva reale non appartiene all'epoca, bensì alla visione che se ne è voluta dare a partire dalla critica ottocentesca.
[1] Per dare un'idea di un componimento giocoso, si prenda il famoso sonetto di Rustico Filippi (o Rustico di Filippo), poeta fiorentino duecentesco:

Dovunque vai conteco porti il cesso,
oi buggeressa vecchia puzzolente,
che quale-unque persona ti sta presso
si tura il naso e fugge inmantenente.

Li dent’i•le gengìe tue ménar gresso,
ché li taseva l’alito putente;
le selle paion legna d’alcipresso
inver’ lo tuo fragor, tant’è repente.

Ch’e’ par che s’apran mille monimenta
quand’apri il ceffo: perché non ti spolpe
o ti rinchiude, sì ch’om non ti senta?

Però che tutto ’l mondo ti paventa
in corpo credo figlinti le volpe,
ta•lezzo n’esce fuor, sozza giomenta.

Riccardo Venturi - 23/2/2016 - 07:39




Lingua: Italiano

Omaggio a Cecco Angiolieri de Quelli di Anarres
La donna, la taverna, il dado (2015)
La donna, la taverna, il dado

LA DONNA, LA TAVERNA, IL DADO

La storia narra di un senese vissuto in corti, lusso ed agio più totale,
morto di fame, senza un soldo, ma questo, beh,lasciamo stare.
Guelfo di stirpe, tra i suoi amici spicca pure Dante, il sommo poeta,
anche se più di questo contano i nemici e proprio non gli danno tregua.
Non c’era festa o lunedì che non prendesse la notte per il dì.

Con una penna lui sovverte tutti i canoni di quel mondo borghese,
non più cortese a quelle genti che ad ora ne pagano le spese.
Canta di bettole, donnacce, vizi, vino, oziosità e gioco d’azzardo,
onora il popolo, la plebe, la marmaglia, ne diviene poi un baluardo.
E a chi chiedeva: “Ma perche?”. Lui rispondeva quasi sempre:” Beh!

Di tutto il mondo farei un falò, che possa andare assieme bruciato,
tre cose solo, quelle no: la donna, la taverna e il dado”.

Al padre colmo di danari e parsimonia dedica rime di morte,
non poi diversa della madre è il vaticinio, beh, per sua sorte,
Povero cristo la consorte, ancora in bara maledice la Becchina,
amante spudorata, ignobile, carnale, senzacuore, in più meschina.
Non c’era festa o martedì che non prendesse la notte per il dì.

Di preti, papi e cardinali lui distima e poi deride il loro credo
con la teoria: “Per me è importante ciò che tocco, annuso, poi assaporo e vedo”.
Se fosse a capo della Chiesa ai già suddetti priverebbe di oro e vesti,
se fosse poi l’imperatore mozzerebbe a quasi ognuno anche le teste.
E a chi chiedeva: “Ma perche?”. Lui rispondeva quasi sempre: “Beh!

“Di tutto il mondo farei un falò, che possa andare assieme bruciato.
tre cose solo, quelle no: la donna, la taverna e il dado.

“Di tutto il mondo farei un falò, che possaandare assieme bruciato.
tre cose solo, quelle no: la donna, la taverna e il dado”.

inviata da Dq82 - 2/12/2018 - 15:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org