Lingua   

Strazzuni e patruni

I musicanti del vento


Lingua: Italiano (Calabrese)


Ti può interessare anche...

U patrunnu du munnu
(Kalamu)
Fuga dallo zoo
(I musicanti del vento)
Croci senza tempo
(I musicanti del vento)


[2009]

Album : Anime deserte
Quattru strazzi nu coppinu pochi spicci ntra la sacca
e la voglia e la voglia de cangiar'u munn sanu
crisciutu ad acqua e pane puzu strittu e faccia ianca
e l'occhi stanchi l'occhi stanchi de chi sta pe gridà

Era tempu de vinnitta e lu ventu già fiscava
na canzune na canzune ch' i pezzenti arrisbiglio'
l'occhi stanchi ed affannati si ficeru de focu
e na vampata fice luce alla libertà

Allu tempu de dulure tutt'appressu lu strazzune
assitati de giustizia ammazzaru lu patrune

Faccia ncutta panza china nu cappellu tutt'argentu
lu strazzune lu strazzune è diventatu lu patrune
cap'azata nasca tisa nun canuscia chiù a nessunu
lu pezzente arricchisciutu di cumpagni se scurdatu

Chilla voglia de giustizia chilla forza de gridare
pe ricchizza e pe dinaru lu pezzente se scurdaru
ca lu sangue della guerra l'ingiustizia nun la lava
pe ogni cangiu de patrune c'è nu chiantu de strazzune
é na storia già sentuta è la canzuna de lu munnu
fin' a che ca se respira c'è chi chiangia e c'è chi rida

inviata da adriana - 17/8/2012 - 10:54



Lingua: Italiano

Versione italiana di luca
STRACCIONI E PADRONI

Quattro stracci, un mestolo, pochi soldi in tasca
e la voglia e la voglia di cambiare il mondo intero
cresciuto ad acqua e pane, polso stretto e faccia bianca
e gli occhi stanchi, gli occhi stanchi di chi sta per gridare

Era tempo di vendetta e il vento già fischiava
una canzone, una canzone che risvegliò il pezzente
gli occhi stanchi ed affannati, diventarono di fuoco
ed una vampata, fece luce alla libertà

Al tempo del dolore, tutti a seguire lo Straccione
assetati di giustizia ammazzarono il Padrone

Faccia gonfia, pancia piena, un cappello d'argento lucido
lo straccione, lo straccione, è diventato Padrone
testa alzata, naso teso, non conosce più nessuno
il pezzente diventato ricco, s'è dimenticato dei compagni

Quella voglia di giustizia, quella forza di gridare
per la ricchezza e per il denaro, il pezzente se l'è dimenticata
poichè col sangue della guerra, non si lava l'ingiustizia
per ogni cambio di Padrone, c'è un pianto di Straccione
é una storia già sentita, è la canzone del mondo
finchè si respira, c'è chi piange e c'è chi ride!

inviata da luca - 29/11/2012 - 16:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org