Lingua   

Gwerz ar vezhinerien

Denez Abernot


Lingua: Bretone


Ti può interessare anche...

El Salustiano
(Carlos Cano)
Gwerz marv Jorj Jackson
(Storlok)


[1979]
Testo e musica: Denez Abernot
Paroles et musique: Denez Abernot
Album: Storlok, Stok ha stok
Interpretata praticamente da tutti in Bretagna,
tra gli altri da Denez Prigent
Interprétée pratiquement par tous en Bretagne,
entre les autres par Denez Prigent


Gli Storlok alla fine degli anni '70. Denez Abernot è al centro.
Gli Storlok alla fine degli anni '70. Denez Abernot è al centro.


Prima di parlare di questa canzone, devo parlare delle isole di Ouessant e Molène (Enez Eusa, Molenez), e del porto di Le Conquet dal quale ci si va.
Ci sono stato, in quei posti, un solo giorno: il 2 agosto 2002. Dieci anni fa esatti. Molène l'ho girata a piedi, perché è piccola; Ouessant me la feci tutta in bicicletta. Probabilmente l'ultima grande pedalata della mia vita, allora ne ero ancora capace.
Era una giornata bellissima, una delle poche in un'estate che, da quelle parti, fu orrenda.
Mi è bastato un solo giorno in quelle isole per considerarle una parte di me.

Ouessant (Enez Eusa)
Ouessant (Enez Eusa)
Le scogliere di Ouessant e il mare abbastanza calmo.
Le scogliere di Ouessant e il mare abbastanza calmo.



Al porto di Le Conquet conobbi una ragazza bretone, completamente cieca. Si chiamava Gwenaëlle Rempart. Non l'ho mai più rivista; per un periodo ci siamo scritti. Conosceva bene la sua lingua e, caso parecchio particolare che non ha mai voluto spiegarmi, anche l'italiano. Per qualche tempo ha inviato delle traduzioni per questo sito, sia dal bretone in italiano che viceversa.
Poi c'imbarcammo sul battello Enez Eusa. Giornata bella e calda, sì, ma un mare come le montagne. Il braccio di mare che separa Le Conquet dalle isole si chiama Fromveur, che significa qualcosa come “Spaventoso”. Mentre stavo terrorizzato in un angolo del battello, un marinaio mi disse che quel giorno il mare era calmo. Capii in un attimo il detto: Qui voit Ouessant, voit son sang (“Chi vede Ouessant, vede il suo sangue”).
Chissà se mai ci ritornerò.

Molène (Molenez).
Molène (Molenez).
Le Conquet (Konk-Leon)
Le Conquet (Konk-Leon)




Denez Abernot, l'autore di questa canzone, per un certo periodo ha fatto il marinaio, e poi anche il capitano, su uno dei battelli che vanno da Le Conquet a Ouessant, facendo scalo a Molène. L'ho saputo questa notte stessa, da Wikipedia. E' stato il “leader” di un trio, gli Storlok, al quale forse dovebbe essere attribuita questa canzone; ma nella sua versione originale è cantata a cappella dal solo autore. Gli Storlok, erano comunque un gruppo militante, come un po' tutti nella Bretagna degli anni '70; scrissero anche una canzone, rigorosamente in bretone, per George Jackson e le Black Panthers, Gwerz maro Jorj Jackson (“Canzone per la morte di George Jackson”).

stokhastok


E' una canzone che, in Bretagna e fuori di essa, molti credono “tradizionale”. E' talmente conosciuta in Bretagna da poter essere considerata, senz'altro, una canzone popolare; praticamente tutti la hanno interpretata, compreso il “mostro sacro” Denez Prigent.
Invece l'ha scritta, nel 1979, l'ex marinaio Denez Abernot. Anche questo l'ho saputo stasera. Conoscevo la canzone, ma la credevo un'antica canzone popolare eccetera. E chissà come mai non mi era venuto di inserirla prima. Ma si vede che le canzoni aspettano sempre la nottata giusta.
Parla dei goémoniers. Non saprei bene come rendere questa parola. Il goémon (in bretone: gouemon o bezhin, in francese anche varech) è una strana cosa. E' un miscuglio compatto di alghe. Alghe marroni, rosse e verdi che formano una massa indeterminata, che l'oceano deposita con le maree sulle scogliere bretoni, a tonnellate. E' un fertilizzante naturale formidabile, ma in Bretagna lo usano da secoli anche come combustibile. Un termine italiano non esiste; lo chiamerò quindi goémon.

Goémon secco.
Goémon secco.
Un vecchio goémonier con la gilhotinn
Un vecchio goémonier con la gilhotinn



Il goémon deve essere raccolto. Le isole di Ouessant e Molène ne sono particolarmente ricche sulle loro scogliere pericolosissime; e a cadere in mare, non lo si racconta. Uomini e donne partivano a raccogliere il goémon, che è un lavoro durissimo, massacrante; il goémon doveva essere tagliato con una speciale e micidiale falce a lama e a manico lunghi, una specie di frullana che veniva chiamata significativamente gilhotinn, ovvero “ghigliottina”. E, infatti, ghigliottinava letteralmente le mani dei raccoglitori. Bastava un colpo dato male per ferirsi seriamente.
La raccolta del goémon si faceva a partire dalle tempeste del mese d'aprile, e il lavoro durava giorno e notte fino alla fine dell'estate. Nelle altre stagioni, andare sulle scogliere avrebbe significato morte sicura. Il goémon, certo, si trovava anche sulle spiagge; ma misto alla sabbia era di qualità molto peggiore.
Una volta raccolto, il goémon veniva messo a seccare. Una volta ben secco, veniva bruciato ad alta temperatura; si depositava allora, nei fossi creati appositamente per l'operazione, una specie di “lava minerale” e lo iodio contenuto in grande quantità nel goémon evaporava. Quel che restava veniva poi formato in “pani” (i cosiddetti pains de la mer) che, in pratica, erano soda. La si usava un po' per tutto, anche per fare la tintura di iodio. Dopo che il famoso Daguerre scoprì la sensibilità dello ioduro d'argento alla luce, si servì del prodotto per le prime fotografie della storia; e lo ioduro d'argento era fatto col goémon.

Fosso per la combustione del goémon.
Fosso per la combustione del goémon.
Goémon essiccato.
Goémon essiccato.



Se ne accorse persino Giulio Verne: nella sua Isola misteriosa, che noialtri ragazzi di qualche tempo fa leggevamo ancora, Cyrus Smith e Pencroff bruciano alghe per ottenere “soda naturale” con la quale fabbricano del vetro. E, infatti, la soda ottenuta dal goémon serviva anche a quello.
Insomma, una ricchezza naturale che rappresentava, in Bretagna, l'unica alternativa reale alla pesca. Un'alternativa che costava, esattamente come la pesca, lacrime e sangue; anche perché in mare le donne non andavano, mentre a raccogliere il goémon sì. Come in questa canzone, il cui titolo contiene la forma “mutata” (vezhinerien) del termine bezhin. Le “mutazioni” sono una strana cosa delle lingue celtiche che non vi sto a spiegare.

La raccolta del goémon in Bretagna. La foto è degli anni '70.
La raccolta del goémon in Bretagna. La foto è degli anni '70.


Questa canzone è un omaggio al durissimo lavoro di chi andava a raccogliere quella specie di bendiddio fornito dal mare. Lo si fa ancora, ma sempre di meno. Specialmente da quando sulle coste del Finistère (Penn Ar Bed in bretone, ovvero “Capo del Mondo”) si raccoglie più spesso il petrolio delle maree nere. Sulle coste si trovano comunque ancora i fours à goémon e i fossi per la combustione.

Terminando questa introduzione, ho ben presente che cosa dovesse voler dire fare quel lavoro terribile, e non ci trovo nulla di “idilliaco”, neppure lontanamente. Proprio per questo motivo inserisco questa canzone nel sito.

Ma continuo anche ad avere negli occhi Le Conquet, Molène, Ouessant e la Bretagna intera. [RV]
Na pa 'moa klevet ar c'heleir
E ranke mond kuit va mestrez
Da vezhinañ d'an enezeier
Trielen ha Molenez
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Na pa 'moa klevet ar c'heloù
E ranke mond kuit mintin mad
Kerkent ha ma save ar gouloù
E save ad dour en va daoulagad
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Kar ar vuhez en enezennoù
'Zo ur vuhez trist ha kalet
Bemdez, bemnoz e-kreiz ar poanioù
Ar vezhinerien 'zo tud daonet
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

En o bagoù, abred diouzh ar mintin
E lakont ar c'herreg en noazh
Faoutet o daouarn gabd ar c'hilhotinn
Ha torret o c'hein gand ar gravazh
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Ar beleg kozh er gador a lavar
Ez eus un Doue war ar mor
Hag un Doue all c'hoazh war an douar
Evid ar re a chom er goudor
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

An hini en-deus savet ar ganouenn
En-deus bet klevet alies
Kerent, mignoned hag amezeien
O kontañ buhez an enezeienn
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

E dad kozh en-deus bet graet ar vicher
Da drouc'hañ an tali moan
A-hed e vuhez war ar reier
Etre Plouguerne ha Kerlouan.
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

inviata da Riccardo Venturi - 31/5/2012 - 01:18




Lingua: Francese

Versione francese
da Textes de chansons de marins
Version française
d'après Textes de chansons de marins


gwymon
goe

Quand j’ai entendu la nouvelle
Que ma maîtresse devait partir
Faire le goémon sur les îles
Trielen et Molène
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Quand j’ai entendu la nouvelle
Qu’elle devait partir de bon matin
Dès le lever du jour
Des larmes me montaient aux yeux
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Car la vie sur les îles
Est triste et dure
Toutes les nuits tous les jours dans la peine
Les goémoniers sont des gens damnés
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Dans leur bateau tôt le matin
Ils mettent les roches à nu
Leurs mains fendues par le « gilhotin »
Et leurs dos cassés par la civière
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

En chaire le vieux prêtre dit
Qu’il y a un Dieu sur la mer
Et un autre sur la terre
Pour ceux qui sont restés à l’abri
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Celui qui a fait la chanson
A souvent entendu
Des parents amis ou voisins
Raconter la vie des îles
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Son grand-père a fait le métier
A couper le goémon fin
Toute sa vie sur les rochers
Entre Plouguerneau et Kerlouan.
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

inviata da Riccardo Venturi - 31/5/2012 - 15:06




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
(dalla versione francese)
31 maggio 2012
CANTO DEI GOÉMONIERS

Quando ho sentito la notizia
che la mia donna doveva partire
per la raccolta del goémon sulle isole
di Trielen e Molène
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Quando ho sentito la notizia
che doveva partire al mattino presto,
fino dall'alba
mi ero messo a piangere
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Perché la vita sulle isole
è triste e dura,
ogni notte, ogni giorno nel dolore,
i goémoniers sono gente dannata
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Montano in barca la mattina presto,
mettono gli scogli a nudo
con le mani spaccate dal gilhotinn
e spezzandosi la schiena con la carriola
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Dal pulpito il vecchio prete dice
che c'è un Dio sul mare
e un altro in terraferma
per chi è rimasto al riparo
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

L'autore di questa canzone
ha sentito molte volte
parenti, amici o vicini
raccontare della vita sulle isole
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Suo nonno ha fatto quel mestiere
tagliando il goémon fine,
tutta la vita sulle scogliere
fra Plouguerneau e Kerlouan
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

31/5/2012 - 15:26




Lingua: Inglese

English translation from This page
Traduzione inglese da Questa pagina

Nota. Il traduttore non conosceva l'esatto significato del termine gilhotinn (che nel testo ha una forma "mutata", quindi non facilmente riconoscibile a chi non abbia almeno qualche rudimento di lingua bretone). Il termine è stato integrato nella traduzione ("seaweed scythe").[CCG/AWS Staff]
SONG OF SEAWEED GATHERERS

When I heard the news
That my mistress must leave
To gather seaweed on the islands
Of Trielen and Molenez
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

When I heard the news
That she must leave early in the morning
At the dawning of the day
Tears rose into my eyes
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

For life on the islands
Is troubled and hard
In pain all day and all night
The seaweed-gatherers are cursed folk
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

Early in the morning in their boat
They strip the rocks bare
Their hands shredded by the seaweed scythe
And their backs broken by the stretchers
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

The old priest tells us
There is one God on the sea
And another on the land
For those who shelter there
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

He who made this song
Did often hear
Parents friends and neighbours
Tell of their life on the islands
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

His grandfather had the job
Of cutting the fine seaweed
All the years of his life on the rocks
Of Plouguerneau and Kerlouan
O landi lan dilo,
o landi lan dilo,
o landi lan dilo.

inviata da Riccardo Venturi - 31/5/2012 - 15:33


Mi spiace enormemente fare questa parte di "correttore" e ancor di più puntualizzare un intervento del mio unico, incomparabile "fratello bretone", ma nella sua versione originale sul mitico ellepì degli Storlok dell'ottobre 1979, Stok Ha Stok, la canzone di Denez Abernot non è cantata a cappella dal solo autore, bensì in versione acustica (cosa effettivamente insolita in quel disco) con accompagnamento di chitarra e violino. A riproporla a cappella sarà invero il sommo Denez Prigent nel 1993 all'interno del suo primo disco Ar Gouriz Koar, La Cintura di Cera, titolo simbolico che troviamo in un gwerz del XVI secolo denominato Ur Vag A Vontroulez (Un battello a Morlaix) nel quale una donna promette a St. Jean un tale cintura se lui salverà il di lei figlio dal naufragio. Vorrei ricordare che la Cintura di Cera che troviamo nel Barzaz Breiz, fa tre volte il giro di un campo di terra ed è sempre la ricompensa per un favore particolarmente importante.

Un altro particolare degno di nota è rappresentato dal fatto che in questo esordio discografico di D. P. sia inserito pure un altro brano composto da un antico membro degli Storlok ovvero Plac'h Landelo di Bernez Tangi, a mio avviso ancora biù bello. Il disco,uscito per la Silex e destinato unicamente a scopi promozionali, conobbe un insperato, imprevedibile e misterioso successo commerciale e vendette circa 50.000 copie, fatto piuttosto insolito per un disco di un esordiente, comprendente solo kan ha diskan e gwerz aritmici cantati tutti in solo, a cappella. In seguito il cantante firmerà per la Barclay e reinciderà quasi tutte le canzoni per una seconda edizione che vedrà la luce tre anni più tardi, con qualche variazione nella scaletta e tre brani sostituiti da altrettanti tradizionali. Il brano di Tangi godrà di un occasionale accompagnamento al clarinetto di Bernard Subert che lo renderà per me, se possibile, ancora più emozionante....ascoltatelo se potete e capirete sicuramente perchè Riccardino Nostro ha inserito quelle foto e scritto col cuore in mano le parole qui sopra...la Bretagna non si dimentica!!! Kenavo. F.

Flavio Poltronieri - 17/2/2017 - 11:21


Non ti deve, Flavio, né creare problemi e né dispiaceri correggermi o puntualizzare. Tutte le pagine di questo sito, "mie" o di altri, sono fatte per ricostruire in modo preciso la storia di una data canzone, di un dato brano musicale, e di tutto ciò che "c'è dietro"; quindi, in ultima analisi, per creare e ricevere conoscenza. Se ho scritto delle inesattezze, non solo sollecito che mi vengano emendate, ma mi rende felice: significa che ho imparato qualcosa di nuovo, che non conoscevo, e lo dico con la più totale umiltà. Non ho mai pensato di essere una specie di "autorità somma" in nessuna delle cose che faccio, anche perché dalle cosiddette sommità si cade facilmente e rovinosamente. Quindi ben venga ogni sorta di correzione, puntualizzazione e quant'altro, da parte tua e di chiunque. Saluti carissimi!

Riccardo Venturi - 17/2/2017 - 20:57


PLAC'H LANDELO
Bernez Tangi



Denez Prigent, Ar Gouriz Koar, 1993

Bez'zo ur plac'h e Landelo
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Bez'zo ur plac'h e Landelo
Kant gwech 'neus karet
Kant gwech bet gloazet

Freget he c'halon e pilhoù
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Freget he c'halon e pilhoù
'barzh 'vefe kavet
Ur prad alaouret

Kleier hanternoz ga't o sko
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Kleier hanternoz ga't o sko
Ez a kuit diarc'hen
Gant he sae saotret

Ur puñs e-kichen a zo
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Ur puñs e-kichen a zo
D'ar veol hi zo aet
He divronn 'neus glebiet

Al loar a luc'h tro-war-dro
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Al loar a luc'h tro-war-dro
En dour trankilaet
'zegas dezhi he c'hened

Met galv' 'ra 'nezhi ar c'hav
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Met galv' 'ra 'nezhi ar c'hav
Va c'hoantig karet
Amañ 'vo ankouaet

'Kichen 'kresk ur bod iliav
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
'Kichen 'kresk ur bod iliav
Mar plij, me ho ped
Kemerit un tamm

Hag an tamm-se c'hwi a daolo
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Hag an tamm-se c'hwi a daolo
'lec'h 'mañ-hi kousket
'N he bez-dour da viken.



Traduzione italiana di Richard Gwenndour
17 febbraio 2017


LA FANCIULLA DI LANDELEAU

C'è una fanciulla a Landeleau
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
C'è una fanciulla a Landeleau
Cento volte si è innamorata
Cento volte è stata ferita

Il suo cuore lacerato
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Il suo cuore lacerato
Prima che avesse trovato
Un prato dorato

Le campane suonano a mezzanotte
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Le campane suonano a mezzanotte
E se ne parte a piedi nudi
Col suo vestito macchiato

C'è un pozzo là vicino
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
C'è un pozzo là vicino
Alla cisterna lei è andata
Bagnandosi i seni

Tutt'attorno brilla la luna
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Tutt'attorno brilla la luna
Nell'acqua tranquilla
Recandole la sua bellezza

Ma quel buco la chiama,
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Ma quel buco la chiama,
Mio tesoro, mia amata
Qui sarai dimenticata

Qua vicino cresce un cespo d'edera
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
Qua vicino cresce un cespo d'edera
Per favore, ve ne prego
Prendetene un ciuffo

E quel ciuffo lo getterete
Landandeli di landandandeli di lan dan dan deli deli do
E quel ciuffo lo getterete
Là dentro dove lei giace per sempre
Addormentata nella sua tomba d'acqua.

Richard Gwenndour - 18/2/2017 - 00:26


Grazie infinite Biała Wodo

Kris Bran - 18/2/2017 - 01:37


Fine anni settanta.La fantastica invasione pirata nel mondo folk ben ordinato e melodioso di questo gruppo sedusse non poco, la prova tangibile che poteva resistere un rock bretone. Personalmente non ho mai amato troppo la musica rock, ma amavo invece visceralmente l'opera di ogni singola persona della Cooperativa NEVENOE e se questo 45 giri del giugno 1978(una versione in studio quindi un po' differente da quella live del 33 giri, di Gwerz Maro Jorj Jackson e sul retro il lungo Gwerz An Dilabour - Il Lamento Della Disoccupazione) e questo LP dalla meravigliosa copertina dell'anno seguente, erano usciti presso di loro, dovevo assolutamente scoprirne il motivo. Era una musica per l'epoca, molto contemporanea, gli strumenti elettrificati, che non rinnegava però il kan ha diskan, una canzone cantata in bretone, esistenziale e anche politica che contestava i poteri ufficiali o paralleli del denaro:

....'Vit kaount an arc'hant hag ar galloud
lazhan breudeur er brezeloù
tap un tortad, c'hoari domino
ha bemnoz, bemdez, bepred boud
mat ar jeu, mat ar jeu
met ar jeu-se n'eo ket 'vidout....

....Per avere denaro e potere
uccidere dei fratelli nelle guerre
prendere una sbornia, giocare a domino
e tutte le notti, tutti i giorni sbronzo
il gioco è perfetto
ma questo gioco non è per te....

Flavio Poltronieri - 18/2/2017 - 08:39


pardon, devo rettificare il mio precedente intervento:la versione del gwerz di George Jackson apparsa sul 45 giri è effettivamente differente da quella seguente dell'ellepi, ma sono entrambe state registrate in studio. A generare confusione è stato il fatto che nella riedizione in cd della Coop Breizh è stata aggiunta una versione live.

P.S. Riccardo, lo sapevi che il nonno di Denez Abernot era un goémonier ed è in suo omaggio che il brano fu composto?

Flavio Poltronieri - 18/2/2017 - 09:14


Non lo sapevo affatto, ma mi ero come ammascato una cosa del genere. Nella canzone se ne parla non solo con troppa partecipazione, ma anche con troppa competenza per non sospettare qualcosa "di famiglia"... Piuttosto, avrei una domanda da farti sulla Plac'h Landelo: ne sai qualcosa sulla sua origine? A me ha fatto venire in mente una cosa abbastanza frequente in Bretagna, vale a dire un fatto di cronaca realmente avvenuto e poi trasposto "alla bretone" in atmosfere lunari, mitiche, fiabesche, quello che vuoi. Mutatis mutandis, un po' come dalla tragica morte della prostituta che fu gettata nel Tanaro (o si gettò, non ricordo) De André trasse la "Canzone di Marinella". Sei a conoscenza di qualcosa, per caso...?

Richard Gwenndour - 18/2/2017 - 09:47


Mi spiace Richard, non conosco niente della genesi della canzone, so solo che Bernez Tangi incontrò Denez Abernot nel 1976 e quello fu l'embrione del gruppo. Il pezzo non fu inserito nel disco, quindi si può ipotizzare che venne composto dopo quell'anno...

La prostituta, De André disse di aver letto nel 1955 su "La Provincia di Asti", fu gettata....ma una puntigliosa verifica delle annate fino al 1958 dette esito negativo: nessuna traccia di una notizia del genere. Però nel 1953, una prostituta trentatrenne, tale Maria Boccuzzi, fu rinvenuta cadavere nel fiume Olona, nei pressi di Milano, crivellata di colpi e rapinata. In seguito si venne a sapere che inizialmente aveva tentato una carriera di ballerina col nome d'arte di Mary Pirimpò e che di recente aveva manifestato l'intenzione di uscire dal giro, grazie ai risparmi messi da parte......Fabrizio, tredicenne, all'epoca avrebbe potuto anche averla sentita da qualcuno, sennò vorrà dire che si è inventato tutto, canzone e ispirazione e poi lo divertiva raccontare questo antefatto di aver letto la notizia, adolescente, sul giornale.

Flavio Poltronieri - 18/2/2017 - 12:37


Richard Gwenndour, una curiosità: Wig A Wag che tu hai citato nel Sergent Major è anche sinonimo di Storlok, ovvero il sinistro cigolìo dell'asse del carretto dell'Ankou che viene a cercar prede da portare nell'aldilà......ahi, ahi temo che mi stia proprio facendo male soggiornare in questa corsia!!!........

"Muzik Zeppelin strink ha stirlink/Komzoù Abernot stok ha storlok/O Jesus evelato, 'lar Chan ar C'hanig/Ur c'han hag e ziskan, etre Grall hag a Millig" sono le prime parole di un disco del 2003 a nome dell'allora quarantenne Dom Duff che ancora dieci anni dopo evocherà l'universo fantasmagorico del poeta Bernez Tangi in una epica traversata su una bagnarola, in compagnia di personaggi recanti i nomi dei santi bretoni.

Ad maiora. Kenavo. Flavio Poltronieri

Flavio Poltronieri - 22/2/2017 - 15:33


Caro Richard, sempre all'epoca delle mie frequentazioni bretoni, fui incuriosito dalla figura di questo affascinante contrabbassista di jazz dai grandi baffi e dalla folta barba e che aveva un forte legame familiare con la regione. Il suo nome era Henri Texier e si dilettava anche con strumenti tipo oud e bombarda, subito naturalmente mi venne in mente il suono di Ahmed Abdul-Malik che adoravo e quindi cercai i dischi. Il primo era Amir e conteneva un brano dal titolo significativo Les Korrigans, il secondo invece si intitola per l'appunto Varech.....ora è anziano e ha comunque compiuto una carriera luminosissima, senza mai dimenticare il lato etnico del jazz che a me piace tanto, per qualche anno siamo stati in contatto epistolare, a fine 1997 ha registarato a Saint-Nazaire addirittura un intero cd, pieno di foto meravigliose, insieme alla Bagad Men Ha Tan.

Flavio Poltronieri - 23/2/2017 - 22:52


Caro Riccardo, aggiungo che l'autore Bernez Tangi aveva cantato Plac'h Landelo nel 1990 nella cassetta audio intitolata KEST AL LEC'H e in seguito l'ha riproposta nel 2009 nel cd LAPOUS AN TAN.

Flavio Poltronieri - 28/2/2017 - 04:37


Riccardo, mi sono ricordato dove incappai per la prima volta in Denez Abernot: aveva inciso un 45 giri collettivo dal titolo Kanaouennoù Evit Ar Vugale, probabilmente prima di Storlok come supporto per le prime scuole dell'infanzia Diwan (uniche ad insegnare il bretone), assieme a Dan Ar Braz, Fañch Bernard, Yvon Gouez, Bernard Sever e Gweltaz Ar Fur che era il presidente. Mi trovavo a Fouenant o a Lokournan....e ricordo anche di avere da qualche parte anche un testo inedito di Gweltaz, una canzone che doveva essere pubblicata ma poi non ne ho saputo più niente e che trattava dell'allora dialogo fra sordi tra Francia e Bretagna....ci torneremo sopra, prima o poi......forse...mah!

Flavio Poltronieri - 5/3/2017 - 22:09


A proposito di goémons:
si narra che sull'isoletta di Sein, le donne che possiedono il cosidetto “dono di confidare” per recarsi ai “sabba del mare” con gli spiriti maligni delle acque, utilizzino come imbarcazioni proprio i cesti di vimini con cui si usa raccogliere solitamente goémons.
Questi cesti hanno la parte inferiore rientrante come il fondo di una bottiglia e per trattenere il carico vi si conficca una bacchetta (che in bretone sui chiama bâ bédina) che le vecchie usano appunto come remo e timone stando accovacciate sui calcagni.
I cesti così diventano Bag-Sorcéres, ovvero barche della stregoneria.
Quest'isola che si trova ad ovest della Pointe du Raz, alcuni sostengono fosse l'Insula Sena dei Romani (dove officiavano nove sacerdotesse), altri che si tratti invece dell'Isola dei Sette Sonni, dove venivano sepolti di druidi defunti.
Leggende narrano che sia proprio da quelle parti che si aggirino le anaon, ovvero le anime dei trapassati, quei spiriti malefici destinati ad errare senza sosta....

Flavio Poltronieri - 10/5/2017 - 19:35


Il gruppo bretone Gwalarn nel 2000 nel loro disco A-Raok Mont Pelloc'h oltre che questa canzone, omaggiano Denez Abernot interpretandone anche un altro gwerz, quello sulla disoccupazione (dilabour) che viene vista come il peggiore dei mali.Il testo ad orecchio, più o meno dice: Quest'anno in Bassa Bretagna, quando l'Ankou è arrivata con il suo rastrello, ha trovato la porta aperta. Aperte la porta e le finestre e i vecchi tutti vestiti a lutto. Nei cuori davanti alla casa né canti né grida, né urla, solo i ratti che giocano fin che possono...in francese. E pertanto in Bassa Bretagna non c'è né rivolta né epidemia, né epidemia, né rumore di guerra e a Elliant neppure la peste...

Flavio Poltronieri - 26/9/2017 - 19:47


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org