Lingua   

Lino Straulino: Nicolò, lassi alfin l'Amor tiran

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG


Lingua: Friulano


Ti può interessare anche...

Diarsera posi un giglio, ovvero E cinquecento catenelle d'oro
(anonimo)
L'ombre
(Juliette Gréco)
Lungo la strada
(Lino Straulino)


[1996]
Ottave di Ermes di Colloredo (1622-1692)
Musica di Lino Straulino
Album: Lino Straulino cjante Ermes

ermes



Oggi, 7 di maggi o dell'anno del Signore 2012, 'e fu una di quelle belle "giornate da CCG" come non me ne capitavano da tempo: profittando dello scarso lavoro, condizione invidiabile che mi permette senz'altro il grande privilegio di non guadagnare un bajocco e di avviarmi verso una sana ma indigente vecchiaja, ho cominciato la giornata con le canzoni greche per terminarla a trascriver canti friulani all'orecchio. Nel mentre che lo facevo, bellamente coadïuvato dalla gentile Adriana nel recesso delle "Chiacchiere", costei, gran scrutatrice di Tubeschi vìdei, m'ha ammannito quello del canto che qui si presenta, anch'esso originato da quell'alte e aspre montagne delle marche Cragnoline e delle piane furlane, e che consta d'alcune ottave opra del nobil'huomo Ermes di Colloredo, ch'e' fu per alcun tempo paggio di corte del gran Duca di Toscana Ferdinando de' Medici. L'ottave le furon poi armomizzate dal musico Lino Straulino, anch'egli nativo di quelle lontane plaghe, che non ostante abbia inteso accorciare un po' il lungo componimento originale, ha compiuto grand'opera e meritoria ponendo la sua musica suave e delizïosa e la sua voce al servizio di quella poesia che resulta in notabili gioje per l'animo con tutto ch'ella sia redatta nel peculiar idioma di quelle contrade e che tratti di negre pene d'amore. La si propone adunque qui, con la speranza che alcun l'ascolti e ne tragga il medesmo giovamento che ne abbiam tratto noialtri; e se così non fosse, credete che sete in per davvero degl'insensibili pezzi di diaccio, e che meritate la fustigazione. [Messer Riccardo Venturi].
Nicolò, lassi al fin l' Amor tiran
Di cujè, che tant timp mi ha tormentat,
Reste il cuur culì, va il pid lontan
Da chel mostro crudel d' infedeltat;
Memorabil al mond sarà l' ingian
A la presint e a la future etat;
Ognun racontarà cun gran stupor
La so incostanze e il miò tradit amor.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Oh Dio! Che almanco podess fa vedè
Chel che hai patìt par un ecess d' amor,
E il dolor che penand l' anime me
Prove par cause di un injust rigor;
Fuars che pietose tornaress cujè,
E mudaress dal miò destin tenor;
E se no impietosiss chel cuur audaz,
Nature no ' l fasè d' amor capaz.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Pur sint che la rason cussì mi dis:
Donchie tu vus amà cui cu ti sprezze?
E consumà penand oris e dis
par fati sclaf di rigide belezze?
No, no schiampà lontan,che par to avìs
porà fuars radolcì la to amarezze;
che la Done ben giold, simpri incostant,
Di tormentà, ma no piardi l'amant.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Su su donchie, o miò cuur, a la partenze,
Alìn sot altri cil pur a murì,
Che ches stelis par no' non han clemenze,
Nè ju nestris lamenz uelin sintì.
Biele Elise ti lassi e chiol licenze,
E oh me bëat! se chì podess finì
La vite, spirand l' anime ai siei pis,
Par contemplà murind il paradìs.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Ma almanco, crudel! dimi l' eror
Cu mi condane ad un chiastic sì grand,
Che ben è di fortune un reo tenor
Dovè vivi o murì simpri penand.
Ah! che il miò mal proven dal trop amor,
Che jò il donai a chel to umor sprezzand;
Cumò 'l cognoss, e tra me dìs ben spess
Jò seguitand altrui, piardi me stess.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Sì che piardi me stess, e sòi piardut,
Se 'o resti dal so amor abandonat;
Ma il miò torment al è, che 'o sòi chiadùt
Dal paradìs senze d' avè pechiat.
Justizie, amor; no volè tu in chest mût,
Che un inocent par reo sei condanat;
E se tu no ripàris al miò dan,
Tu no ses Dio d' amor, ma un Dio tiran.

Se hai amat, se hai penat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri fin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

7/5/2012 - 23:55




Lingua: Friulano

Il testo originale completo di Ermes da Colloredo
dai "Capolavori della Letteratura" della Biblioteca Braidense

Il complesso della Villa Mainardi di Colloredo, dove Ermes risiedette e scrisse le sue liriche in friulano.
Il complesso della Villa Mainardi di Colloredo, dove Ermes risiedette e scrisse le sue liriche in friulano.
Donna ingrata e crudele abbandonata dall' amante, che poi pentito prega Amore che introduca la pace fra loro.

Al Sig. Nicolò N.N

OTTAVE

Nicolò, lassi al fin l' Amor tiran
Di cuje, che tant timp mi ha tormentat,
Al rese il cuur culì, va il pid lontan
Da chel mostro crudel d' infedeltat;
Memorabil al mond sarà l' ingian
A la presint e a la future etat;
Ognun racontarà cun gran stupor
La so incostanze e il miò tradit amor.

Se hai amat, se hai pensat, se hai suspirat,
Lu sa il cil, lu sa je, lu sa il miò cuur;
E pur mai une glozze di pietat
Issude è di chel pet spietat e dûr;
Ma ognore mal gradìt e disprezzat
E cussì sarà simpri sin che 'o muur;
Ne viod al miò torment altri confuart,
Che disperat butami in braz de' muart.

Oh Dio! Che almanco podess fa vedè
Chel che hai patìt par un ecess d' amor,
E il dolor che penand l' anime me
Prove par cause di un injust rigor;
Fuars che pietose tornaress cujè,
E mudaress dal miò destin tenor;
E se no impietosiss chel cuur audaz,
Nature no ' l fasè d' amor capaz.

Ti zuri Nicolò pa 'l dio Cupido,
Che hai credut che l' amor sei zuuc di spass,
E in altri timp ne men la Dee di Gnido
Varess vidut la me speranze al bass;
Ma ben cumò jò crod de ' fame al grido,
Che amor si vinz sciampand, ma no di pass;
Voress sciampà, ma soi inchiadenat,
Che un biel sen, un crin d' aur mi ten lëat.

Pur sint che la rason cussì mi dis:
Donchie tu vus amà cui cu ti sprezze?
E consumà penand oris e dis
par fati sclaf di rigide belezze?
No, no schiampà lontan,che par to avìs
porà fuars radolcì la to amarezze;
che la Done ben giold, simpri incostant,
Di tormentà, ma no piardi l'amant.

Su su donchie, o miò cuur, a la partenze,
Alìn sot altri cil pur a murì,
Che ches stelis par no' non han clemenze,
Nè ju nestris lamenz uelin sintì.
Biele Elise ti lassi e chiol licenze,
E oh me bëat! se chì podess finì
La vite, spirand l' anime ai siei pis,
Par contemplà murind il paradìs.

Ma almanco, crudel! dimi l' eror
Cu mi condane ad un chiastic sì grand,
Che ben è di fortune un reo tenor
Dovè vivi o murì simpri penand.
Ah! che il miò mal proven dal trop amor,
Che jò il donai a chel to umor sprezzand;
Cumò 'l cognoss, e tra me dìs ben spess
Jò seguitand altrui, piardi me stess.

Sì che piardi me stess, e sòi piardut,
Se 'o resti dal so amor abandonat;
Ma il miò torment al è, che 'o sòi chiadùt
Dal paradìs senze d' avè pechiat.
Justizie, amor; no volè tu in chest mût,
Che un inocent par reo sei condanat;
E se tu no ripàris al miò dan,
Tu no ses Dio d' amor, ma un Dio tiran.

Amoliss tu chel cuur di diamant;
Torne tu la pietat in chel biel sen,
E rinove in chel pet un cuur costant,
Che da l' odi bandissi ogni velen:
Fai che 'o mi viodi un dì feliz amant
Intortëat e stret cul chiar miò ben;
E ti promet che 'o ti uei dì tra i Dei,
Che tu ses il plui grand, tu ses il miei.

Veh! no ti torne cont a disgustami,
Nè tu nè je, lu savès ben parcè;
Che se a chiapìtul lis rasons jò clami,
Vo sarès intrigaz plui no cu me:
Tant timp che 'o spind e spand, tant timp che 'o t' ami,
Nè mai sint un bon dì, nè un gramarcè.
Ce crostu, Amor, che par tignìle strete
Mi basti nome il fäi di barete?

Ma sint, Amor, ven cà, vignìn a paz:
Ce ustu che mi costi a fa ste pas?
Ma sore il dut jò no uei plui strapaz,
Nè di chel ch' è passat si fasi cas.
Fasìn un libri gnuf o un scartafaz,
Met chei capitai cu ti par e plas;
Che ti promet di sta e al ben e al mal,
Pur che jò giavi il pro dal chiavedal.

Fami chest aplasè, chiar curisin,
Che se tu il fàs fuars che tu l' indovinis;
Ti uei donà un miluz o un armelin,
Se tu fàs che cun Lise 'o torni in buinis:
Ma sint, no mi burlà, chiar fantulin,
Che par Giove ti mandi a fa fassinis;
E se viod che di me no vebis dûl,
Us sclafagni par Giò dug doi sul cûl.

inviata da Riccardo Venturi - 8/5/2012 - 00:25




Lingua: Italiano

Versione italiana corrente di Riccardo Venturi
8 maggio 2012

Guardate un po' che ora ci ho fatto sulle pene d'amore del signor Nicolò per la bella Elisa; la quale, a dire la verità, magari ci avrà anche avuto i suoi bravi motivi per mandarlo allo spirto mefitico delle paludi (= al gas). Forse che la trascurava? Andava, la domenica, a vedere le partite dell'Udinese? Passava il tempo a chattare sul Faciarum Liber? Chissà; però, accidenti, quell'Ermes di Colloredo il suo friulano lo sapeva maneggiare da dio; e lo Straulino ci ha messo su una melodia assassina. Buona notte!

Nell'immagine: come mi sono più immaginato la bella Elisa. Di Nicolò, fondamentalmente, m'importasega!

elisa
Nicolò, lascio alfin l'amor tiranno
di colei, che a lungo mi ha tormentato,
il cuor resta qui, e il piede scappa via
da quel mostro crudele d'infedeltà;
e il mondo ricorderà l'inganno
alla presente e alla futura età;
ognun racconterà con gran stupore
le sue incostanze e il mio tradito amore.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

Oh Dio! Se almeno potessi mostrare
quel che hai patito per eccesso d'amore,
e il dolor che, penando, l'anima mia
prova a causa d'ingiusto rigore;
forse, pietosa, ella tornerebbe
e cambierebbe al mio destin tenore;
e se non prova pietà quel cuore audace,
la natura non lo fece d'amare capace.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

Eppur sento che la ragion così mi dice:
dunque tu vuoi amare chi ti sprezza?
E consumar penando le ore e i giorni
per farti schiavo d'una dura bellezza?
No, no, scappa lontano, della tua sorte
potrai forse addolcire l'amarezza;
ché la Donna gode, sempre incostante,
a tormentae più che a perder l'amante.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

Su, su, dunque, cuor mio, dobbiam partire,
andiamo sotto altri cieli a morire,
ché queste stelle per noi non han clemenza
né intendono ascoltar i nostri lamenti.
Bella Elisa, ti lascio e prendo licenza,
beato me se qui potesse finire
la mia vita, spirando ai suoi piedi
per contemplar morendo il paradiso.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

Ma almeno, o crudele, dimmi quale errore
mi condanna a un castigo sì grande,
ché è proprio una gran cattiva sorte
dover vivere e morir sempre soffrendo.
Ah, ché il mio male proviene dal troppo amore
che io donai a quel tuo umore sprezzante;
lo conosco bene, e tra me e me dico assai spesso
che seguendo un'altra perdo me stesso.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

Sí che perdo me stesso, e son perduto
se resto dal suo amore abbandonato;
ma la mia pena è che son caduto
dal paradiso senz'aver peccato.
Giustizia, o Amore! Non volere in questo modo
che un innocente per reo sia condannato;
e se tu non ripari al mio danno
tu non sei Dio d'amor, ma Dio tiranno.

Se hai amato, penato e sospirato
lo sa il ciel, lo sa lei, lo sa il mio cuore;
e giammai che una goccia di pietà
sia uscita da quel petto spietato e duro;
ma ognora rifiutato e disprezzato,
e così sarà sempre finché morirò;
non vedo per le mie pene altro conforto
che disperato gettarmi in braccio alla morte.

8/5/2012 - 01:18


in realtà parla dell'amore del conte Ermes di ( e non da!) Colloredo, per la contadina Maddalena Salvadori, da cui ebbe tre figli. La traduzione è sbagliata: se ho, non se hai. Come ricorda il Dizionario Biografico degli Italiani, s.v.:

Ed è finalmente con lui accondiscendente, anzi amante appassionata e devota Maddalena Salvadori , una giovane di Colloredo che tanto in passato l'ha fatto soffrire.

Se ai amat, se ai penat, se ai suspirat, lu sa il cil, lu sa je, lu sa il mio cur.

Già dura e inaccessibile, senza pur mai una glozze di pietat, ora è sua proprietà, suo quotidiano godimento. Il delirio agitato dell'innamoramento - ha rischiato d'uscir di senno: no torni in me, aveva confessato al conte Giuseppe della Porta - si placa in voluttuosa dolcezza, si stempera in rassicurante appagamento. È questa la felicità. Non sa e non vuole farne a meno. Purtroppo i parenti e gli amici non l'approvano, ritengono la relazione disdicevole, dannosa alle possibilità di carriera. Assordato dall'insistere di parinc e amis, Ermes accondiscende: contando sull'appoggio del conte Gian Ferdinando di Porcia, suo zio materno, al quale deve l'onorificenza imperiale di Cameriere delle chiavi d'oro, si reca, nell'aprile del 1659, alla corte viennese.
Vi si trova malissimo: quello del cortigiano è un mistir insoffribile per lui che ha sempre professato d'essere in ogni cont e pur e sclet. Occorre sopportare gente antipatica, mentire, simulare.
Non c'è nemmeno la consolazione della mensa: cibo pessimo, vino scadente. Peggio, dunque, che a Firenze dove, se i pranzi valevano poco, erano almeno compensati dal trebbiano e da l'odoroso vino montalcinese.
Perché sobbarcarsi chest mistir? nol sarà mai!. La corte è adatta ai mincions, ai stitics d'inzen, ai durs d'intelet.
E poi lo manda in bestia che nelle corti ci si prenda gioco dei soldati, e lui, che ha combattuto in Germania, Boemia e Dalmazia, e che continua a sentirsi un ufficiale, fratello di ufficiali, nipote di generali, non lo digerisce, come dimostrano i versi seguenti, che ricordano le imprese belliche dei Colloredo nella guerra dei Trent’Anni ed in quella di Candia dove è caduto da eroe il fratello:

Lis sentinelis, rondis, lu squadron
Lis pichis, lu tambur e lu moschet,
Lis minis, lu canon e il mortalet
Ven stimat un mistir di bon minchion.

Oh ! quant, oh ! quant diviarse da sè stesse
Si viod, ohime! se dai siei biei princìpis
Incontrà pa' l' onor ju precipìzis
Fo dai bogn viei stimat tant che une vesse.

Lu sa la Fiandre cu la basse Olande ,
Lu Svedès, lu Todesc pur trop lu sàn,
Che vidut a plovè dal bon Furlan
Han lu sanc glorïos par ogni bande.

Deh ! raviòditi omai, su al gran acquist,
Su su, si eclissi omai l' arme Otomane
A l' arme, a l' arme a plui podè ti clame
La patrie, l' onor to, l' onor di Crist.

Nel dicembre 1659, al più tardi, Ermes è di nuovo a Gorizzo, dove l'attende l'amata che nel luglio gli ha dato un figlio, Alessandro Antonio, che diventerà prete, e dalla quale avrà - nel luglio del 1660 e nell'agosto del 1663 - anche due figlie, Annamaria e Caterina. Solo Alessandro, però, vivrà a lungo tant'e vero che risulta padrino di battesimo nel 1732: morirà nel 1743 a Villa Orba di Basiliano, venendo sepolto nella chiesa di Gorizzo, mentre le due sorelle è presumibile siano presto scomparse mancando ogni ulteriore indizio della loro presenza. Pure Maddalena Salvadori, la madre, muore alla fine del 1663, l'anno stesso in cui il Colloredo abbandona definitivamente ogni velleità di sistemazione viennese.

Pierluigi R. di (e non da!) Colloredo - 24/2/2013 - 20:02


Ringrazio (anche a nome di tutto il sito) Pierluigi di Colloredo per le preziosissime informazioni; lo avrei fatto prima, ma confesso di essermi accorto solo stasera del suo commento (può succedere in un sito di queste dimensioni). Naturalmente sono state effettuate le opportune correzioni, sia nei commenti che nella traduzione. Un solo ulteriore commento: è probabile che la culinaria del tempo fosse differente, e che ciò cui era abituato a Colloredo e dintorni fosse necessariamente diverso da quel che si preparava e mangiava a Firenze. Però, secondo me, di cibo non ci capiva veramente un accidente che se lo portasse, nei secoli de' secoli e amen. Restando con tutto ciò un gran poeta, degno della maggiore ammirazione che gli ho voluto tributare con questa pagina.

Riccardo Venturi - 20/4/2013 - 23:26


lu sa je -> "lo sa lei", non "lo so io"
scusate la pignolaggine

roberto di san denêl - 25/1/2015 - 16:38


Anche in questo caso, mi accorgo della correzione gentilmente fatta da Roberto di San Denêl due anni e mezzo fa (!!). Ringraziandolo, sperando che ancora ci legga, mi scuso con un banale, ma sincero "meglio tardi che mai"... (Naturalmente la traduzione è stata corretta di conseguenza).

Riccardo Venturi - 9/6/2017 - 19:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org