Lingua   

Il maggio di Belgrado

Les Anarchistes


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

X-Ray Sun
(Les Anarchistes)
Fuochi di parole
(Les Anarchistes)
L'intimità
(Marco Rovelli)


dall'album "La musica nelle strade" (2005)
La Musica nelle strade!

Testo di Erri De Luca e Marco Rovelli
Musica di Marco Rovelli, Massimo Guerrieri, Nicola Toscano e Mirko Sabatini


Ringrazio di cuore Marco Rovelli che mi ha spedito il testo di questa bellissima canzone e l'introduzione [LM].
Erri De Luca - Foto di Claudio Martinez
Erri De Luca - Foto di Claudio Martinez
"Qui devo parlare in prima persona. Ho conosciuto Erri anni fa, presentandomi a lui alla fine di un dibattito in una piccola libreria di Roma. Avevo letto i suoi libri, e mi avevano folgorato. In specie 'Aceto, arcobaleno': Dev'essere stato il fulmine a svegliarmi' Mi invitò a casa sua, ed io, che uscivo da una troppo lunga adolescenza, andai nella sua campagna romana.
Nel corso degli anni ho mantenuto i contatti con Erri soprattutto per lettera, con le mie 'invasioni di campo' (per rubargli un'espressione) in cerca di critiche ai miei scritti. Poi sono venuti Les Anarchistes, e ho pensato che sarebbe stato bello avere delle parole di Erri da musicare. Lui mi ha donato un testo su quando si è fatto cittadino di Belgrado, condividendo le bombe della NATO (le nostre bombe) con chi là abitava da prima di lui.
A far da ritornello alla canzone, la traduzione fatta da Erri del terzo e quarto verso della poesia di Hölderlin Patmos. (Prossimo è / il dio, difficile ad afferrarsi...).
Poi abbiamo messo in musica questo testo. Mi sono permesso qualche piccola interpolazione qua e là. Ho aggiunto una coda, che è una glossa (in margine alla dialettica tra memoria e oblio nella storia, a partire da Nietzsche). E a far da ritornello alla canzone si è imposto il verso di Hölderlin.
Il titolo è venuto da sé. Il maggio di Belgrado.

Una nota ancora: e questo, che c'entra con il campo? C'entra eccome. Come si sarà compreso, la forma campo è uno stato di eccezione permanente. Questo stato di eccezione permanente si dispiega con ogni e totale evidenza nella sospensione di ogni diritto per i migranti reclusi nei Cpt (ma anche, in forma diversa, nella progressiva precarizzazione dei rapporti di lavoro, nel rafforzamento totalitario della bioeconomia) all'interno, e nella sospensione di ogni diritto internazionale all'esterno. La 'guerra sulla Serbia' è stata l'apertura integrale di questo campo globale."
(Marco Rovelli)

(dalle note dell'album)

bombardamento di Belgrado
bombardamento di Belgrado
gli "aerei d'occidente" partono dalla base di Aviano, Italia
gli "aerei d'occidente" partono dalla base di Aviano, Italia

Nel mese di maggio del '99
i cittadini di Belgrado erano tutti astronomi
guardavano per aria, per aria guardavano
l'arrivo degli aerei d'occidente.
A terra tremavano, le pietre tremavano
più dei vecchi, dei cani e dei bambini tremavano.
Le bombe alla grafite tagliavano
l'elettricità, non la fraternità.

Quando cresce il pericolo
aumenta pure tutto ciò che salva.

Lo ha scritto un poeta
che non era a Belgrado
nel mese di maggio del '99.
Era morto da un secolo e mezzo
ma stava con me, dentro una tasca
E mi sono salvato
con la contraerea dei poeti.

Quando cresce il pericolo
aumenta pure tutto ciò che salva.

Cantano i poeti la dimenticanza
Cantano il sangue cantano l'erranza
Cantano i poeti e non hanno memoria
Dell'inutilità e del danno della storia

Cantano i poeti la dimenticanza
Cantano il sangue cantano l'erranza
Cantano i poeti e si fanno memoria
Dell'inutilità e del danno della storia

inviata da Marco Rovelli - 1/6/2006 - 18:31




Lingua: Serbo

Versione serba di Monia Verardi

Mi scuso per eventuali traduzioni troppo letterali
(Monia)
BEOGRADSKI MAJ

U mesecu Maju 1999.
bili su svi stanovnici Beograda astronomi
gledali su u zrak, u zrak su gledali
dolazak aviona sa Zapada.
Na zemlji se kamenje trslo
trsalo se više nego starci, psi i deca
grafitne bombe su rezale
elektricitet pa nisu bratstvo

Kad raste opaznost
poveća i što spasi

napisao je to jedan pisac
koji nije bio u Beogradu
u mesecu Maju 1999.
Umro je već dugo hiljadu i pol
pa bio je sa mnom, unutar jednoga džepa
I spasio sam se
s protivavionom pesnika

Kad raste opaznost
poveća i što spasi

Pevaju pesnici zaborav
pevaju krv, pevaju lutanje
pevaju pesnici i nemaju pamćenje
beskrisnost i štetu historije

Pevaju pesnici zaborav
pevaju krv, pevaju lutanje
pevaju pesnici i nemaju pamćenje
beskrisnost i štetu historije

inviata da monia - 22/6/2006 - 15:56




Lingua: Serbo

Versione serba di Monia Verardi (trascrizione in alfabeto cirillico)
БЕОГРАДСКИ МАЈ

У месецу Мају 1999.
били су сви становници Београда астрономи
гледали су у зрак, у зрак су гледали
долазак авиона са Запада.
На земљи се камење трсло
трсало се више него старци, пси и деца
графитне бомбе су резале
електрицитет па нису братство

Кад расте опазност
повеђа и што спаси

написао је то један писац
који није био у Београду
у месецу Мају 1999.
Умро је већ дуго хиљаду и пол
па био је са мном, унутар једнога џепа
И спасио сам се
с противавионом песника

Кад расте опазност
повећа и што спаси

Певају песници заборав
певају крв, певају лутање
певају песници и немају памђење
бескрисност и штету хисторије

Певају песници заборав
певају крв, певају лутање
певају песници и немају памћење
бескрисност и штету хисторије

22/6/2006 - 18:20




Lingua: Tedesco

Versione tedesca di Riccardo Venturi
Deutsche Fassung von Riccardo Venturi
3 agosto 2007 / 3. August 2007

I versi dal Patmos di Hölderlin sono stati riportati nell'originale.
BELGRADER MAI

Im Monat Mai des Jahres neunundneunzig
waren all die Belgrader zu Astronomen geworden
sie schauten in die Luft, in die Luft schauten sie
die Ankunft der westlichen Flugzeuge.
Am Boden zitterten sie, die Steine zitterten
stärker als die Greise, die Hunde und die Kinder.
Die Graphitbomben unterbrachen
den Strom, nicht die Bruderschaft.

Wo aber Gefahr ist, wächst
das Rettende auch

Dies hat ein Dichter geschrieben,
der nicht in Belgrad war
im Monat Mai '99.
Er war seit einem anderthalben Jahrhundert tot
er aber war mit mir, in einer Tasche
und ich habe mich gerettet
mit der Flakartillerie der Dichter.

Wo aber Gefahr ist, wächst
das Rettende auch

Singen die Dichter das Vergessen
singen das Blut singen das Wandern
singen die Dichter und haben kein Andenken
an das Unnütze und den Schaden der Geschichte

Singen die Dichter das Vergessen
singen das Blut singen das Wandern
singen die Dichter und werden zu Andenken
an das Unnütze und den Schaden der Geschichte

3/8/2007 - 17:25




Lingua: Francese

Version française – Le mai de Belgrade – Marco Valdo M.I. a – 2008
Chanson italienne – Il maggio di Belgrado - Erri de Luca et Marco Rovelli – 2005


« J'ai connu Erri de Luca il y a des années, en me présentant à lui à la fin d'un débat dans une petite librairie de Rome. J'avais lu ses livres et ils m'avaient foudroyé. En particulier « Aceto, arcobaleno ». Ce fut l'éclair qui me réveilla ». Il m'invita chez lui...
Au cours des années, j'ai maintenu les contacts avec Erri De Luca, surtout par lettre, avec « mes invasions de champ » (pour lui voler une expression) à la recherche de critiques de mes écrits. Puis sont venus Les Anarchistes et j'ai pensé qu'il serait bien d'avoir des mots d'Erri à mettre en musique. Il m'a donné un texte sur le moment où il s'était fat citoyen de Belgrade en partageant les bombes de l'OTAN (nos bombes) avec ceux qui habitaient là avant lui.
Comme refrain à la chanson, il y a la traduction faite par Erri du troisième et quatrième vers de la poésie de Hölderlin PATMOS :
« Proche est
le dieu difficile à saisir... »

Puis nous avons mis en musique ce texte. Je me suis permis l'une ou l'autre petite interpolation. J'ai ajouté une coda qui est une citation (en marge de la dialectique entre mémoire et oubli de l'histoire, à partir de Nietzsche) et comme refrain à la chanson s'est imposé le vers de Hölderlin. Le tire est venu tout seul : Le mai de Belgrade.
Une note encore: et ceci, qu'est-ce que ça a à voir avec le camp? Évidemment, et voici... Comme on aura compris, la forme du camp est un état d'exception permanente. Cet état d'exception permanente se déploie avec une évidence totale dans la suspension de tout droit pour les émigrants enfermés dans les camps (mais aussi, de façon différente dans la progressive précarisation des rapports de travail, dans le renforcement totalitaire de la bioéconomie) à l'intérieur et la suspension de tout droit international à l'extérieur. La « guerre sur la Serbie » a été l'ouverture intégrale de ce camp global ».
Marco Rovelli
LE MAI DE BELGRADE

Au mois de mai 1999
Les citoyens de Belgrade
étaient tous des astronomes.
Ils regardaient en l'air
Ils regardaient en l'air
l'arrivée des avions de l'Occident.
La terre tremblait
Les pierres tremblaient
Les vieux, les chiens et les enfants tremblaient.
Les bombes au graphite coupaient
L'électricité, pas la fraternité.

Quand croît le péril
s'accroît aussi tout ce qui sauve

Ainsi écrivait un poète
qui n'était pas à Belgrade
au mois de mai 1999.
Il était mort depuis un siècle et demi:
Mais il était avec moi, dans ma poche
et je me suis sauvé
par l'antiaérienne des poètes.

Quand croît le péril
s'accroît aussi tout ce qui sauve

Les poètes chantent l'oubliance (1)
Ils chantent le sang, ils chantent l'errance
Ils chantent les poètes et ils se font la mémoire
de l'inutilité et des dégâts de l'histoire.

Les poètes chantent l'oubliance
Ils chantent le sang, ils chantent l'errance
Ils chantent les poètes et ils se font la mémoire
de l'inutilité et des dégâts de l'histoire.
(1) Petit hommage rimbaldien par un antonyme néologique des remembrances.

inviata da Marco Valdo M.I. - 14/11/2008 - 21:11


UNA PACE A DUE FACCE E DUE FACCIATE?

Riportiamo questo post del 15 febbraio 2003 di Babsy Jones. Tra i nomi dei "pochi che c'erano" ci permettiamo di aggiungere Erri De Luca.


15 febbraio 2003: lettera aperta ai 'pacifisti'

dal blog di Babsy Jones

C’è un signore che a voi che oggi siete a Roma vi ha dato dei farabutti. Intendo, l’elefantiaco messere in questione l’ha scritto con più garbo, ma a voi che oggi siete a Roma con le bandiere colorate vi ha detto, modaioli. Vi ha chiamato burattini fra le mani dei movimenti che - come passerelle della moda popolare, come operazioni di travolgente propaganda - obbediscono alle multinazionali della pace col culetto al caldo e la pancia piena: questo, vi ha detto. Quel signore con me non può parlare, perché io oggi a Roma non ci sto, e perché se vuole farsi due chiacchiere sull’etica della guerra lo invito a prendersi una tazza di caffè (turco) a Gnjilane e vediamo se la panza (la sua, non meno piena della vostra) non gli trema almeno un poco e non si caca nelle brache. Però un sospetto m’è venuto. Che quel signore, un minimo di ragione - forse per caso - l’abbia pure trovata. Magari ci è inciampato passeggiando, nella ragione, come fosse un sasso, senza sapere di cosa si trattasse. Perché voi - tre milioni, trenta milioni, trecento milioni di bandierine multicolor che oggi cantate gli inni dei vostri padri davanti a Saigon - un po’ farabutti dovete esserlo per forza. E se non siete farabutti, può darsi siate dei bugiardi smemorati, o niente meno un minimo confusi.

Sono passati solo quattro anni. Era un’anticamera di primavera come questa, con qualche margherituccia sifilitica a fare capolino nelle aiuole delle vostre piazze. Era una primavera come questa, e i signori della guerra si giocavano a Risiko e a tavolino il destino di Belgrado. Raccontavano le cazzate madornali che i signori prepotenti devono raccontare per tenervi buoni come lumache storte o come tortellini in brodo: che a capo della cattiva Serbia c’era un feroce dittatore, un duce, un satrapo, un pericoloso criminale che minava l’ordine mondiale. Vi proiettavano le facce maciullate dei poveretti kosovari sugli schermi della sera, fra un telequiz e una ballerina colle tettine turgide, e voi (come i cagnetti memorabili che nei favolosi anni ‘70 facevano capolino dal lunotto delle Fiat in coda verso Rimini) facevate SI’ SI’ SI’ con la testa. Un movimento oscillatorio dall’alto verso il basso. E in basso, sinistrini e sinistrorsi, Diessini in fila all’Esselunga, cristianucci col crocefisso stilizzato, c’eravate caduti molto facilmente. D'AlemaCosì in basso che il vostro Presidente del Consiglio fece un ingresso mesto in Parlamento e - dopo aver affisso l’articolo 11 della Costituzione nei cessi di Palazzo Chigi -, senza vergogna alcuna disse: signori miei, portino pazienza Marx e Che Guevara, Ho Chi Mihn e il Comandante Marcos, ma questa guerra s’ha da fare e la faremo. Più che l’amor potè una poltrona cremisi sotto le chiappe? O forse, ci sono guerre meno guerre delle altre, e le bandiere multicolor le avevate mandate tutte in tintoria. E disse proprio, il vostro lider maximo che oggi sfila con la faccia scarna di un John Lennon sfortunatamente ancora vivo:

"...Ho ascoltato con rispetto le argomentazioni di quanti hanno scorto nell’azione militare della NATO il pericolo che si possa determinare un effetto opposto, e dunque un inasprimento della guerra e un aumento del numero delle vittime. Personalmente non è uno scenario che considero realistico. Risponderò comunque a questa preoccupazione e lo farò sulla base delle informazioni in nostro possesso. Ma con la stessa sincerità chiedo al Parlamento di non sacrificare in un passaggio tanto cruciale il valore di una coesione politica nazionale; la consapevolezza - trasversale ai diversi schieramenti - di una comune responsabilità verso gli interessi superiori del paese. Credo sia essenziale, in momenti come questi, la ricerca della più larga unità intorno all’azione e al ruolo internazionale dell’Italia. Solo un alto senso di responsabilità nazionale può rafforzare l’iniziativa diplomatica e l’efficacia delle scelte che siamo chiamati a compiere. La prima questione che è giusto affrontare riguarda la necessità dell’intervento armato. Se cioè esistevano, al punto cui si era giunti dopo la partenza dei mediatori, soluzioni alternative ed efficaci che non implicassero l’uso della forza...”

Per tradurvi in gergo da mercato il politichese standard, vi disse che non dovevate fare tante storie, che la NATO richiedeva le basi militari di Ghedi e Aviano per sganciare due, tre, quattrocento tonnellate di uranio sulla Serbia, che era una guerra nuova (umanitaria, santa, legittima, preventiva, sbrigativa, intelligente) e dunque non vi venisse in mente di scendere in piazza a fare i girotondi e a canticchiare slogan perditempo. Perdio, era una guerra di sinistra liberale, la prima della storia: dovevate avere un aspetto responsabile e il silenzio sclerotico degli omertosi. E voi - tre, tredici, trentatrè, trecentomila farabutti -, ammutoliti come ammutolisce una finestra chiusa, un incosciente o una bertuccia in gabbia, rimaneste a casa a far la calza, a far l’amore, a farvi i fatti vostri. Anime morte di sinistra, vi chiamammo. Sinistra di sciacalli, cristiani col muso delle iene. Erano pochi quelli col TARGET (più brutto, in bianco-e-nero, di carta in fotocopia, un gadget meno azzeccato delle bandiere arcobaleno: ora lo capisco, che c'entrava anche il marketing) che presidiavano i ponti nella notte chiedendo che non cominciasse la mattanza. E gli argomenti erano buoni, erano sacrosanti, erano veri, ed erano gli stessi che oggi vi riempiono le bocche come se fossero caramelle mou: che la guerra è la guerra dell’Impero, che con le bombe la democrazia non c’entra niente, che la convenzione di Ginevra e l’articolo 11 dovevano essere la sola nostra storia. Com’eravate sordi. Io scrivevo le mie tonnellate di parole perse, ve le scrivevo da Kragujevac e da Aleksinac, le ripetevo come ipnotizzata dagli ospedali di Belgrado fatti a pezzi e dalle piazze di Leskovac e di Pančevo, ve le spedivo dai ponti pronti a diventar macerie di Novi Sad. E vi dicevo: guardate cosa state bombardando, mettete i vostri nomi sulle bombe che sganciate, e ricordatevi la Serbia del ‘99: perché verrà il giorno in cui io tornerò a chiedervene conto, e a ricordarvi tutte le vostre colpe. QUEL GIORNO E’ OGGI, sinistrini sinistrati e sinistrorsi che sfilate con gli sfilatini al crudo nello zainetto e con le facce sorridenti fra le stelle filanti. Dov’eravate, portatori di pace e beati di giustizia, mentre l’Impero massacrava i belgradesi? I nomi di chi c’era, a far la ronda su una briciola di pace, a pitturare i NO sulle facciate delle case e sulle guance, me li ricordo tutti. Erano pochi. c’era Il Manifesto, c’era Rifondazione Comunista. C’era quello stesso Gino Strada che oggi state cristallizzando in un’icona (ma era solo, senza un gregge alle spalle a far da coro greco). C’era Peter Handke, coraggioso, c’era Fulvio Grimaldi. C’erano Nichi Vendola e Umberto Galimberti. E c’era Santoro, che c’era così tanto che trasmetteva da Belgrado. Voialtri, signorini della pace quattro stagioni, eravate a casa a fissare come beoti baciapile il videogame degli F16 in volo sui Balcani: zitti come zanzare secche. Vorrei tanto domandarvi perché la vostra pace-Giano ha due facce e facciate, come le medaglie e le monete, come gli strappi di carta igienica morbida morbida. Vorrei sapere perché questa pace, che domandiamo oggi accusando i generali di alto tradimento della giustizia e della libertà degli uomini non aveva ragione d’essere strillata come belle Cassandre anche per difendere Belgrado. Vorrei sapere perché in una primavera uguale a questa vi trangugiaste con disciplina filo-governativa la propaganda dei maiali bellici, e ora correte come pazzi a invocare il diritto internazionale e la tolleranza: gli stessi di cui vi siete fatti beffe quando a bombardare era la sinistra degli avvoltoi e dei venduti. Esiste una pace di serie A ed una di serie B, esiste una pace che deve andar di moda e una che deve essere lasciata nelle ragnatele dei sottoscala? La vostra pace a corrente alternata, oggi c’è domani non c’è più, la vostra pace a cottimo e a percentuale non mi piace affatto. E' quel genere di pace farabutta che ha tutta l’aria di essere organizzata per vendere tonnellate di bandierine colorate, o per tesserarvi nel branco degli obbedienti. La vostra pace è la pace delle marionette che si muovono al comando di un Mangiafuoco: avete il coraggio di adoprare il cuore e il cervello solo quando vi autorizzano a schiacciare il tasto “start, my life in function”. Sfilate oggi a Roma sull’attenti, pronti a mostrare una coscienza civile presa a noleggio, seguendo la voce dei guru gandhiani, e non vi accorgete che siete credibili quanto può esserlo un ubriaco la notte di Capodanno. Sinistrini e sinistrorsi, girotondini e giubilanti, avete perso il treno per Belgrado nella primavera insanguinata del ‘99, e oggi i vostri canti di giustizia hanno il valore e il peso delle filastrocche deficienti. Un giorno sarete vecchi e stanchi, e capirete che se la pace è un’intermittenza come le luci in sfilza degli alberi a Natale, allora la vostra pace è un’impostura, è una crosta fragile e purulenta, non meno disgustosa e mercenaria di quanto lo sia la guerra, ogni guerra in ogni tempo.

6/2/2007 - 10:57


Raccapricciante passaggio del discorso di Walter Veltroni per la costituzione del Partito Democratico:

In quegli anni assumemmo anche, con Massimo D’Alema, il compito di interpretare un ruolo attivo dell’Italia nei momenti più aspri delle violazioni dei diritti umani nei Balcani. Un’Italia che non voltava lo sguardo dall’altra parte. Un’Italia che accettava e sosteneva la lotta, riuscita, per sconfiggere la logica della superiorità etnica che stava riportando il cuore dell’Europa nel baratro delle fosse comuni. Per sostenere che la pace, dove non c’è, non può essere difesa, ma va ricostruita. Dalla comunità internazionale, lasciando da parte inerzie colpevoli e presunzioni di unilateralismo. Ponendosi agli antipodi di quella aberrazione concettuale che è la “guerra preventiva” e di quella follia che è stato l’intervento in Iraq.


Per un commento rimandiamo al solito, ottimo, blog di Babsi Jones.

Lorenzo Masetti - 7/8/2007 - 09:59


Durante la guerra del 1999 avevo scritto una serie di poesie... la prima che scrissi è a tratti simile alla canzone che avete aggiunto in questo sito. ve la invio:

Primavera a Belgrado

primavera, a Belgrado,
da tre giorni.
Da tre giorni in cielo niente stelle:
nelle tristi serate jugoslave
il naso all’insù
verso gli stormi.

primavera, a Belgrado
da tre giorni.
La gente non riversa nelle strade:
sempre più vuote
sono le contrade
c’è voglia di normalità.

primavera, a Belgrado
ormai da un mese.
L’aria odorosa
è piena di sorprese:
sono le uova
della Pasqua insanguinata

Speriamo finisca presto,
questa primavera
d’inferno.

[Ceron Andrea]
andrea83mir.spaces.live.com

Andrea - 19/6/2008 - 09:45


SETTE ANNI DI GALERA A CHI SI OPPOSE ALLA GUERRA



Siamo anche noi pienamente convint* che alla firma di appelli sia sempre da preferire l'azione diretta. Ma neppure ce la sentiremmo mai di non aderire a questo particolare appello, e per una miriade di motivi. Invito quindi tutti coloro che capitino su questo blog, per una ragione o per l'altra, oppure semplicemente per caso, a dare un'occhiata a quanto segue e eventualmente a sottoscrivere l'appello in questione.

APPELLO - Giustizia ed equità per chi manifestò contro la guerra.



Il 5 novembre 2010 comincerà il processo di appello per i fatti avvenuti oltre dieci anni fa, il 13 maggio 1999, nei pressi del consolato statunitense di Firenze. Quel giorno migliaia di persone parteciparono a una manifestazione contro la guerra in Jugoslavia, che si concluse appunto sotto il consolato. Vi fu un breve concitato contatto fra le forze dell'ordine e i manifestanti, per fortuna senza conseguenze troppo gravi, se non alcuni manifestanti contusi, fra cui una ragazza che dovette essere operata ad un occhio.

Nessuno, sul momento, fu fermato o arrestato, ma in seguito vi furono identificazioni e denunce. Si è arrivati così alle condanne di primo grado, molto pesanti per i 13 imputati: ben sette anni, per le accuse di resistenza aggravata a pubblico ufficiale. Nel dibattimento si sono confrontate le tesi - molto divergenti – delle forze dell'ordine e dei manifestanti.

Non intendiamo sindacare le procedure legali, né esprimere giudizi tecnico-giuridici sulla sentenza, ma ci pare che le pene inflitte in primo grado e le loro conseguenze sulla vita delle persone imputate, siano del tutto sproporzionate rispetto alla reale portata dei fatti.

Non vi furono, il 13 maggio 1999, reali pericoli per l'ordine pubblico o per l’incolumità delle persone, e non è giusto - in nessun caso – infliggere pene pesanti, in grado di condizionare e stravolgere l'esistenza di una persona, per episodi minimi: perciò esprimiamo la nostra pubblica preoccupazione in vista del processo d'appello, convinti come siamo che la giustizia non possa mai essere sinonimo di vendetta e nemmeno strumento per mandare messaggi "esemplari" a chicchessia.

Seguiremo il processo e invitiamo la cittadinanza a fare altrettanto, perché questa non è una storia che riguarda solo 13 persone imputate, ma un passaggio significativo per la vita cittadina e per il senso di parole e concetti che ci sono cari, come democrazia, giustizia, equità.


*** Primi firmatari: Alessandro Santoro, Comunità delle Piagge | Andrea Calò, consigliere provinciale | Andrea Satta, musicista, Tete de bois | Angela Staude Terzani, scrittrice | Beatrice Montini, Giornalisti contro il razzismo | Carlo Bartoli, giornalista | Catia di Sabato, rappresentante studenti universitari | Chiara Brilli, giornalista | Christian De Vito, ricercatore | Corrado Mauceri, Comitato per la difesa della Costituzione | Cristiano Lucchi, giornalista | Domenico Guarino, giornalista | Emiliano Gucci, scrittore | Enrico Fink, musicista | Enzo Mazzi, Comunità dell'Isolotto | Filippo Zolesi, Sinistra unita e plurale | Folco Terzani, scrittore | Francesca Chiavacci, consigliera comunale | Francesco di Giacomo, musicista Banco del Mutuo Soccorso | Francesco Pardi, senatore | Giuliano Giuliani e Haidi Gaggio Giuliani, genitori di Carlo Giuliani | John Gilbert, Statunitensi contro la guerra | Lisa Clark, Beati i costruttori di pace | Lorenzo Guadagnucci, Comitato verità e giustizia su Genova | Luigi Ciotti, prete | Mauro Banchini, giornalista | Mauro Socini, presidenza Anpi Firenze | Marcello Buiatti, biologo | Marco Vichi, scrittore | Maria Grazia Campus, Comitato bioetica Regione Toscana | Maurizio De Zordo, Lista di cittadinanza perUnaltracittà | Miriam Giovanzana, Terre di mezzo | Moreno Biagioni Rete Antirazzista fiorentina | Ornella De Zordo, consigliera comunale | Paolo Ciampi, giornalista e scrittore | Paolo Solimeno, Giuristi democratici | Petra Magoni, musicista | Pietro Garlatti, rappresentante studenti universitari | Raffaele Palumbo, giornalista | Riccardo Torregiani Comitato fermiamo la guerra Firenze | Sandra Carpilapi, Sinistra unita e plurale | Sandro Targetti, Comitato No Tav | Sandro Veronesi, scrittore | Sara Vegni, Comitato 3 e 32 | Sergio Staino, vignettista | Simona Baldanzi, scrittrice | Ulderico Pesce, attore e regista | Vincenzo Striano, referente associazionismo.



Altri comunicati di solidarietà con gli imputati sono visibili sul sito del CPA - Centro Popolare Autogestito Firenze Sud.



CCG/AWS Staff - 30/10/2010 - 00:04


LIBERI TUTTI!

Cari/e tutti/e,
Grazie per aver sottoscritto il nostro appello:

Stamane la sentenza d'appello ha riconosciuto le attenuanti, che non erano state concesse in primo grado, e pertanto il reato di resistenza è andato in prescrizione.
Continuiamo a pensare che manifestare contro la guerra non sia reato, così come il subire una immotivata carica da parte delle forze dell'ordine.
In ogni caso l'importante è che per i 13 imputati è finito un incubo!

Grazie per l'adesione all'appello, che ha raggiunto le duemila firme, ed è stato portato in aula dagli avvocati difensori.

Il Comitato 13 maggio 1999

CCG/AWS Staff - 5/11/2010 - 16:52


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org