Lingua   

Κορόιδο Μουσολίνι

Sofia Vembo / Σοφία Βέμπο




Ti può interessare anche...

Δυο αγάπες
(Sofia Vembo / Σοφία Βέμπο)
Στου αιώνα την παράγκα
(Thanos Mikroutsikos / Θάνος Μικρούτσικος)
Πω πω τι έπαθε ο Μουσολίνι
(Sofia Vembo / Σοφία Βέμπο)


Koróido Mousolíni
Στίχοι: Γιώργος Οικονομίδης
Μουσική: Eldo Di Lazzaro
Πρώτη εκτέλεση: Νίκος Γούναρης (Κουρνάζος)
Άλλες ερμηνείες:
Σοφία Βέμπο

Testo di Yorgos Ikonomidis
Musica di Eldo Di Lazzaro
Prima esecuzione di Nikos Gounaris (Kournazos)
Altra interpretazione di Sofia Vembo
1940

Sofia Vembo


Particolarmente pungente per l'orgoglio fascista dovette risultare "Κορόιδο Μουσολίνι/ Mussolini buffone", perché utilizzava non un successso greco, ma un motivo italiano in voga: quella "Reginella campagnola" di Eldo Di Lazzaro apparsa con altre in Italia nel 1938 a fiancheggiare la politica rurale del regime, ma ben accolto anche in Grecia nell'interpretazione di Rena Vlahopoulou con il titolo solo traslitterato di "Καμπανιόλα Μπέλα". Ne rifece il testo tal Γιώργος Οικονομίδης/Yorgos Ikonomidis (1916 - 1985), che si trovava sotto le armi, e che, come paroliere, sceneggiatore e presentatore avrebbe occupato un discreto spazio nell'intrattenimento radiofonico, per finire con l' essere mal ricordato non tanto come l'autore dell'Inno del Panathinaikòs, e passi, ma - cosa assai peggiore - di quello della Giunta dei Colonnelli: il repellente "Inno del 21 Aprile"(chi proprio lo voglia sentire, vada qui) su musica di Yorgos Katsaros.
Κορόϊδο Οικονομίδης! (gpt)
Με το χαμόγελο στα χείλη,
πάν' οι φαντάροι μας μπροστά
και γίνανε οι Ιταλοί ρεζίλι,
γιατ' η καρδιά τους δεν βαστά.

Κορόιδο Μουσολίνι,
κανείς σας δεν θα μείνει,
εσύ και η Ιταλία,
η πατρίδα σου η γελοία,
τρέμετε όλοι το χακί.

Δεν έχει διόλου μπέσα
κι όταν θα μπούμε μέσα,
ακόμη και στη Ρώμη γαλανόλευκη
θα υψώσουμε σημαία ελληνική.

Βρέχει και κάτω από την τέντα,
δεν κάνουν βήμα προς τα μπρος
και γράφουν τ' ανακοινωθέντα,
φταίει ο κακός καιρός.

Κορόιδο Μουσολίνι,
κανείς σας δεν θα μείνει,
εσύ και η Ιταλία,
η πατρίδα σου η γελοία,
τρέμετε όλοι το χακί.

Δεν έχει διόλου μπέσα
κι όταν θα μπούμε μέσα,
ακόμη και στη Ρώμη γαλανόλευκη
θα υψώσουμε σημαία ελληνική

inviata da Gian Piero Testa - 1/1/2012 - 18:34




Lingua: Italiano

Versione italiana di Gian Piero Testa
MUSSOLINI BUFFONE

Col sorriso sulle labbra,
avanzano i nostri fanti
e gli Italiani hanno la coda tra le gambe
perché il cuore non gli regge.

Mussolini buffone,
di voi nessuno resterà
tu e l'Italia
la tua patria ridicola,
tutti temete i nostri colori.

Non c'è parola che tenga
e quando entreremo nel ballo,
persino a Roma, bianco-azzurra
alzeremo una bandiera greca.

Piove anche dentro la tenda,
un passo avanti non lo fanno
e i bollettini scrivono
è colpa del maltempo.

Mussolini buffone,
di voi nessuno resterà
tu e l'Italia
la tua patria ridicola,
tutti temete i nostri colori.

Non c'è parola che tenga
e quando entreremo nel ballo,
persino a Roma, bianco-azzurra
alzeremo una bandiera greca.

inviata da Gian Piero Testa - 1/1/2012 - 18:35


Questo Ikonomidis me lo ritrovo anche come autore dei versi di Ψωμí, una delle Τραγούδια της κατοχής cantate (ed alcune anche scritte) dal partigiano comunista Panos Tzavellas. L'album è del 1980, quindi ben dopo la composizione dell' "inno del 21 aprile" (l'ho ascoltato: ributtante e non solo, l'eroico fascistazzo greco che lo ha messo su YouTube ha disattivato i commenti che immagino in gran parte di un certo tenore). Ψωμί sembra essere una canzonetta al tempo stesso tragica e ironica dove si dice che, sotto l'occupazione, la cosa più preziosa e ricercata, ancor più dei gioielli, era il pane; ci può quindi anche stare in un album come quello, per "restituire l'atmosfera". Certo vedere uno che ha scritto tutta 'sto popo' di infiammata presa di culo di Mussolini e dei fascisti italiani finire con lo scrivere l'inno dei fascisti greci e della giunta militare che aiutò non poco anche i neofascisti italiani, mi dà da pensare parecchio...

Riccardo Venturi - 4/1/2012 - 04:16




Lingua: Inglese

Traduzione inglese da lyricstranslate.com
MUSSOLINI, YOU FOOL

With a smile on their lips,
Our soldiers march forward
And the Italians have become a ridicule
Because their hearts aren't brave enough

Mussolini, you fool
None of you will be left standing
You and Italy,
Your ridiculous country,
Are all afraid of the khaki color

You have no honor
And when we march in,
Even in Rome, we will raise,
The Greek, blue and white flag

It's raining and they're under the tent
They're not taking a step forward
And they are announcing,
That the weather is to blame

Mussolini, you fool
None of you will be left standing
You and Italy,
Your ridiculous country,
Are all afraid of the khaki color

You have no honor
And when we march in,
Even in Rome, we will raise,
The Greek, blue and white flag

inviata da Dq82 - 23/4/2017 - 23:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org