Lingua   

Lo avrai camerata Kesselring

Piero Calamandrei


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

La nostra città
(Gianmaria Testa)
Canzone della marcia della pace
(Cantacronache)
Il monumento
(Enzo Jannacci)


Interpretata come canzone da Emanuele Dabbono
piero-calamandrei
Kesselring processato a Venezia da un tribunale britannico
Kesselring processato a Venezia da un tribunale britannico


Processato nel 1947 per crimini di Guerra (Fosse Ardeatine, Marzabotto e altre orrende stragi di innocenti), Albert Kesselring, comandante in capo delle forze armate di occupazione tedesche in Italia, fu condannato a morte. La condanna fu commutata nel carcere a vita. Ma già nel 1952, in considerazione delle sue "gravissime" condizioni di salute, egli fu messo in libertà. Tornato in patria fu accolto come un eroe e un trionfatore dai circoli neonazisti bavaresi, di cui per altri 8 anni fu attivo sostenitore. Pochi giorni dopo il suo rientro a casa Kesselring ebbe l'impudenza di dichiarare pubblicamente che non aveva proprio nulla da rimproverarsi, ma che - anzi - gli italiani dovevano essergli grati per il suo comportamento durante i 18 mesi di occupazione, tanto che avrebbero fatto bene a erigergli... un monumento.

Epigrafe Calamandrei


A tale affermazione rispose Piero Calamandrei, con una famosa epigrafe (recante la data del 4.12.1952, ottavo anniversario del sacrificio di Duccio Galimberti), dettata per una lapide "ad ignominia", collocata nell'atrio del Palazzo Comunale di Cuneo in segno di imperitura protesta per l'avvenuta scarcerazione del criminale nazista. L’epigrafe afferma:
Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.

Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità
non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA

inviata da DonQuijote82 - 31/8/2011 - 19:54




Lingua: Italiano

Versione interpretata da Emanuele Dabbono
LO AVRAI CAMERATA KESSELRING

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.

Non coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
non colla terra dei cimiteri
dove i nostri compagni giovinetti
riposano in serenità

non colla neve inviolata delle montagne
che per due inverni ti sfidarono
non colla primavera di queste valli
che ti videro fuggire.

Ma soltanto col silenzio del torturati
più duro d'ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato fra uomini liberi

che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA
ora e sempre
RESISTENZA

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si costruirà
a deciderlo tocca a noi.

Su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ora e sempre
RESISTENZA
ora e sempre
RESISTENZA

inviata da DonQuijote82 - 31/8/2011 - 20:06


per Marco Valdo M.I., visto che la "scusa" per inserire Calamandrei con una sua canzone l'ho trovata? Spero che ti sia cosa gradita

DonQuijote82 - 31/8/2011 - 20:13




Lingua: Francese

Version française – ODE À KESSELRING – Marco Valdo M. I. – 2011
ODE À KESSELRING

Tu l'auras
Kamerad Kesselring
le monument que tu exiges de nous italiens,
mais avec quelle pierre on le construira
c'est à nous de le décider

Pas avec les pierres enfumées
des bourgs sans défense ravagés par ton carnage
pas avec la terre des cimetières
où nos compagnons tout jeunes encore
reposent en sérénité
pas avec la neige inviolée de nos montagnes
qui durant deux hivers te défièrent
pas avec le printemps de ces vallées qui te vit fuir

Mais seulement avec le silence des torturés
plus dur que tout rocher
seulement avec la roche de ce serment
juré entre des hommes libres
qui s'assemblèrent volontairement
par dignité et non par haine
décidés à racheter
la honte et la terreur du monde.

Si tu voulais un jour revenir sur ces routes
tu nous trouverais à nos postes
morts et vivants avec le même engagement
peuple serré autour du monument
qui s'appelle
aujourd'hui et pour toujours
RÉSISTANCE

1/9/2011 - 00:00




Lingua: Inglese

Versione inglese da andreagaddini.it
Ode to Kesselring

You will get it
kamerad Kesselring
the monument you demand of us Italians
but it’s our turn to decide
the stone it will be built with.
Not with the charred stones
of the defenseless villages racked by your slaughter
not with the ground of the cemeteries
where our young comrades
rest in serenity
not with the untouched snow of the mountains
which for two winters defied you
nor with the spring of these valleys
which saw you run away.
But just with the silence of the tortured
Harder than any stone
just with the rock of this pact
sworn amongst free men
who of their free will gathered
for dignity and not for hatred
determined to redeem
the shame and the terror of the world.
If you wish to return on these roads,
you will find us in our places
dead and alive with the same commitment
a people serried around the monument
that is called
now and forever
RESISTANCE

inviata da DonQuijote82 - 7/9/2011 - 11:45




Lingua: Spagnolo

Lo obtendrás
camarada Kesselring
el monumento que reclamas desde nosotros los italianos
pero con cuál piedra se edificará
toca a nosotros decidirlo.
No con las piedras ahumadas
de los burgos inermes destrozados por tu exterminio
no con la tierra de los cementerios
donde nuestros compañeros jovencitos
descansan en serenidad
no con la nieve inviolada de las montañas
que por dos inviernos te desafiaron
no con la primavera de estos valles
que te vieron huir.
Sino sólo con el silencio de los torturados
Más duro de cualquiera piedra
solamente con la roca de este pacto
jurado entre hombres libres
que voluntarios se juntaron
por dignidad y no por odio
resueltos a redimir
la vergüenza y el terror del mundo.
En estos caminos si querrás regresar
a nuestros puestos nos hallaras
muertos y vivos con el mismo compromiso
pueblo cerrado alrededor del monumento
que se llama
ahora y siempre
RESISTENCIA

inviata da DonQuijote82 - 7/9/2011 - 11:46




Lingua: Portoghese

Obterás-o
camarada Kesselring
o monumento que pretendes de nós italianos
mais com que pedra construirá-se
toca a nós decidir-o.
Nem com as pedras defumadas
dos burgos inermes martirizados pelo tuo extermínio
nem com a terra dos cemitérios
onde os nossos camaradas mocinhos
descansam em serenidade
nem com a neve inviolada das montanhas
que por dois invernos desafiaram-te
nem com a Primavera destos vales
que viram-te fugir.
Mas só com o silêncio dos torturados
Mais duro de qualquer pedra
somente com a rocha deste pacto
jurado entre homens livres
que como voluntários juntaram-se
por dignidade e não por ódio
decididos a resgatar
a vergonha e o terror do mundo.
Nessas estradas se quererás regressar
aos nossos lugares acharás-nos
mortos e vivos com o mesmo compromisso
povo cerrado em redor do monumento
que chama-se
agora e sempre
RESISTÊNCIA

inviata da DonQuijote82 - 7/9/2011 - 11:46




Lingua: Italiano (Piemontese)

Versione piemontese da Wikipedia
It ël l’avras, cambrada Kesselring...

It ël l’avras
cambrada Kesselring
ël monument ch’it pretende da nojàutri italian
ma la pera dont as costruv-rà
i la decidroma nojàutri.
Nen con le pere anfumà
dij borgh dzarmà sagrinà da tò stermini
nen con la tèra dij camposanto
andova ij nòstr compagn giovinòt
a arpòso seren
nen con la fiòca nen tocà dle montagne
ch’a l’han dësfidate për doi invern
nen con la primavera ‘d coste valade-sì
ch’a l’han vardate scapé.
Ma mach con ël silensi dij torturà
Pi gorègn ëd minca prassa
mach con ël ròch ëd cost pat-sì
giurà antra òmo lìber
che volontari as son giuntasse
për dignità e nen për ghignon
decis a riscaté
la vërgògna e l’afr dël mond.
Për coste stra-sì s’it vorëras torné
a nòstr pòst it ën artrovëras
mòrt e viv con ël midem angagg
pòpol sarà dantorn al monument
ch’a së s-ciama
aora e sempe
RESISTENSA

inviata da DonQuijote82 - 27/11/2011 - 15:49




Lingua: Esperanto

Versione in esperanto di Nicola Ruggiero

Sanon kaj tradukon Nicola
da questa pagina
VI JA HAVOS, NAZIKAMARAD' KESSELRING

Vi ja havos,
nazikamarad' Kesselring,
la monumenton kiun vi pretendas de ni italianoj*
sed per kia ŝtono oni konstruos ĝin,
la decido estos de ni.
Ne per la ŝtonoj fumigitaj
el vilaĝoj senarmaj turmentigitaj de via amasbuĉado.
Ne per la tombeja tereno
kie niaj junaj kamaradoj
ripozas en sereneco
ne per la neĝo netuŝita en la montoj
kiuj dum du vintroj vin defiis,
ne per la printempo de ĉi valoj
kiu vidis vin forfuĝi.
Sed nur per la silento de la torturitaj
pli dura** ol ĉiu ajn ŝtonego
nur per la roko de ĉi interkonsento
ĵurita inter liberaj homoj
kiuj volontule kunvenis
por digno ne por malamo,
kaj intencis elaĉeti
la honton kaj la timego de l' mondo.
Sur ĉi stratojn se volos reveni
ĉe niaj lokoj vi trovos nin,
mortintajn aŭ vivajn kun la sama tasko
popolo densigata ĉirkaŭ l' monumento
kiu nomiĝas
nun kaj ĉiam
REZISTADO
* ebbene sì! credo che in questo contesto vada meglio italianoj
piuttosto che italoj
** sono già condannato all'inferno :-D ma questa non la cambio :-P

inviata da DonQuijote82 - 27/11/2011 - 15:57


Ricorderai!
di Moni Ovadia

in “l'Unità” del 26 aprile 2008

La celeberrima epigrafe che Primo Levi pose in apertura della sua opera più famosa Se questo è un uomo recita così: Voi che vivete sicuri / Nelle vostre tiepide case, / voi che trovate tornando a sera / il cibo caldo e visi amici: / considerate se questo è un uomo / che lavora nel fango / che non conosce pace / che lotta per un pezzo di pane / che muore per un sì o per un no. / Considerate se questa è una
donna, / senza capelli e senza nome / senza più forza di ricordare / vuoti gli occhi e freddo il grembo / come una rana d’inverno. / Meditate che questo è stato. / Vi comando queste parole: / scolpitele nel vostro cuore / stando in casa andando per via, / coricandovi alzandovi; / ripetetele ai vostri figli / o vi si sfaccia la casa, / la malattia vi impedisca, / i vostri nati torcano il viso da voi.

Ieri, di ritorno dalla manifestazione per il 25 aprile, "giorno della Liberazione" e dopo avere ascoltato in televisione le parole inequivocabili del nostro presidente Giorgio Napolitano, mi sono persuaso che il vibrante monito e il terribile anatema contenuti nell’epigrafe di Primo Levi non siano da riferire in modo "ristretto" all’inferno del lager, ma si debbano estendere a tutta la violenza messa in campo dalla barbarie nazifascista nel tempo della sua esistenza criminale, omicida e genocida. Sono più che mai convinto che l’anatema sia rivolto anche contro coloro che non compiranno il dovere di ricordare e che vogliono far calare l’oblio o, peggio ancora, la calunnia contro la lotta antifascista che si chiama Resistenza. Le operazioni revisioniste miranti a graduare e ad attenuare la natura brutale e violenta in sé del fascismo per separare l’episodio ingiustificabile delle leggi razziali dal resto degli spaventosi crimini fascisti, rientrano nella fattispecie dell’avvelenamento dei pozzi della memoria. Chi coltiva e diffonde la profonda consapevolezza che, nell’Europa odierna, democrazia ed antifascismo siano consustanziali ed appartengano a tutti gli europei democratici a prescindere dalla loro collocazione politica, devono chiedere con fermezza che chi rifiuta il valore della lotta partigiana di liberazione dal nazifascismo, chi non riconosce la differenza fra "i morti per odio e i morti per amore" - per dirla con le parole del grande sacerdote cattolico e partigiano David Maria Turoldo -, si astenga dal celebrare il Giorno della Memoria, perché la sua presenza arrecherebbe un’offesa inaccettabile alle vittime e ai loro cari. Oggi, alla
manifestazione del 25 aprile, fra le varie bandiere rosse e multicolori dell’Anpi, degli ex deportati, di Giustizia e Libertà, del Pd, dei sindacati laici e cattolici, della sinistra oggi extra-parlamentare, sventolavano anche le bandiere bianche con le strisce azzurre e la stella di Davide che è l’attuale bandiera dello Stato d’Israele ma che alla manifestazione di ieri rappresentavano la jewish brigade, la brigata ebraica di Sua Maestà britannica che combattè in Italia contro i nazifascisti. È bene che tutti ricordino che Israele nacque come nazione moderna in conseguenza della vittoria sul nazifascismo e della liberazione. Le comunità ebraiche imparino dunque a diffidare dei consensi alla politica dell’attuale governo israeliano da parte di coloro che sputano sulla memoria della Resistenza perché quei consensi sono falsi e ipocriti. Noi siamo chiamati al dovere sacrale di ricordare la Shoà, ma lo stesso sacrale dovere ci chiama a ricordare lo sterminio di rom e sinti, di menomati, omosessuali, deportati politici, testimoni di Jehovah, di tutte le vittime degli stermini nazifascisti e dei caduti della Resistenza. Tramandiamo ai nostri figli, nipoti e pronipoti le memorabili parole di Piero Calamandrei, partigiano e padre della Costituzione perché le imparino a memoria e siano pronti a ripeterle in ogni circostanza in cui venga messa in pericolo la nostra libertà.

DoNQuijote82 - 27/11/2011 - 16:04


Da segnalare la versione dei Contratto Sociale GNU Folk
2013
R_Evoluzione
feat Elena Giuliani
R_Evoluzione

Ora e sempre Resistenza

DoNQuijote82 - 7/4/2014 - 13:26


La versione di Giulio Stocchi, scritta - credo - nel 2008, quando Alemanno blaterava di fascismo come “male relativo” (giusto per rimarcare quanto lui fosse tanto più a destra di quel Fini che nel 2003 a Gerusalemme il fascismo lo aveva definito “male assoluto”) e La Russa esaltava l’innocenza e l’eroismo dei giovani di Salò…

Ignazio La Russa


LO AVRAI CAMERATA KESSELRING

“Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani”

esulta La Russa

“ma con che pietra si farà
a deciderlo tocca a noi”

mentre il sangue
gli imbratta il grugno

Coi sassi affumicati
dei borghi inermi straziati dal tuo sterminio
colla terra dei cimiteri
dove i nostri camerati giovinetti
riposano in serenità

e gli cola
fra i fili della barba

la merda

degli eroi di Salò

Bernart Bartleby - 29/10/2015 - 10:28


Lo avrai camerata Kesselring - interpretazione di Mirco Garzone

8/9/2016 - 23:10


La versione di Giulio De Paola

dq82 - 1/2/2017 - 16:52


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org