Lingua   

… E sugnu 'talianu

anonimo


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

Il sentiero dei briganti
(La Tresca)
Lamentu pi la morti di Turiddu Carnivali
(Ciccio Busacca)
Suttaterra
(Pupi di Surfaro)


[Dopo la fantomatica “Unità d’Italia”]

Dal volume di Antonino Uccello intitolato “Risorgimento e società nei canti popolari siciliani”, edito per la prima volta nel 1961 in occasione del centenario dell’Unità d’Italia.
Ho trovato il testo sul sito della Regione Sicilia, dove viene attribuito senza riscontri (e nemmeno ne ho trovati in rete) a tal Giuseppe Cutello, per cui ho preferito attribuirla ad anonimo.

“Il canto, ad opera di Giuseppe Cutello, descrive lo stato di incertezza che le masse popolari si trovano ad affrontare con l'unificazione. Emerge con forza la convinzione che l'unità non abbia prodotto mutamenti sostanziali nelle condizioni del popolo. Lo stato di incertezza e di sbandamento creato dal nuovo stato di cose portano l'autore ad accettare a malincuore la sua condizione di "italiano"
Nun sacciu comu 'un mi vota la testa
Pinzannu a lu presenti e a lu passatu.
Viru a tanti pirsuni fari festa,
virdu a tant'àutri c'hannu lu filatu,
viru lu mari ca sempri è 'n timpista,
viru pirsuni ca mutanu statu,
viru a me stissu, e pari casu stranu:
nascii 'n Sigilia, e sugnu 'talianu.

Dicitamillu vui com'è stu munnu
E comu 'n 'un mumientu voto e sbota:
cu' sta supracqua è tuttu 'nziemi a funnu
e cu' sta 'nfunnu acciana 'n'atra vota.
Cgiddi ch'eranu primi, ora chi sunnu?
E ora lu schifìu fa tirrimota,
li cìu tinti cummannanu li festi?
Pi mia si puonnu rumpiri li testi.

Si dìcia prima ca d'ogni cent'anni
Lu munnu jìa mutannu a picca a picca,
e l'àiu ntisu di l'uomini ranni
ca 'un si cuntava mai stu 'nficca e sficca.

Ora si senti cad ogni deci anni
lu munnu sbota e ni 'cugna na sticca,
e l'uomu s'arriduci nuru e affrittu,
arsu di siti e muortu di pitittu!

Dunca a stu munnu nun c'è ciù chi fari:
siemmu 'mmienzu di tanti trarituri,
nun si sapi di cui si po' vardari,
nun c'è amici, un c'è firi, e nun c'è onuri;
dognunu penza comu po' arrubbari:
si persi di la faccia lu russuri...
E' beru c'ora c'è la fratellanza?
Ma, Cristu Santu!...la miseria avanza?!

inviata da Bartleby - 19/7/2011 - 15:50



Lingua: Italiano

Traduzione italiana dal sito della Regione Sicilia citato.
... E SONO ITALIANO

Non so come non mi rivolta la testa
pensando al presente ed al passato.
Vedo tante persone che fan festa,
ne vedo tante altre di cattivo umore,
vedo il mare ch'è sempre in tempesta,
vedo persone che cambiano condizione,
guardo me stesso, e mi pare strano:
nacqui in Sicilia, e sono italiano.

Ditemelo voi com'è questo mondo
e come in un momento gira e rigira:
chi galleggia d'un tratto va a fondo
e chi sta in fondo risale un'altra volta.
Quelli ch'erano primi, ora che sono?
Ora la feccia provoca sconquassi,
i peggiori stanno a comandare?
Per me possono rompersi le teste.

Si diceva una volta che ogni cento anni
Il mondo andava mutando a poco a poco,
e l'ho sentito dagli uomini anziani
che non s'eran mai intesi tali rivolgimenti.
Ora si sente che ad ogni dieci anni
il mondo cambia e ci mette nei guai,
e l'uomo si riduce nudo e afflitto,
arso di sete e morto di fame!

Dunque a questo mondo nulla c'è da fare:
siamo in mezzo a tanti traditori,
non si sa più da chi ci si deve guardare,
non ci sono amici, né fede né onore.
Ciascuno pensa al modo di rubare:
è scomparso dalla faccia ogni pudore?
E' vero che ora c'è la fratellanza?
Ma Cristo Santo!... la miseria avanza!!!

inviata da Bartleby - 19/7/2011 - 15:50


La canzone potrebbe non essere completa. Ecco la strofa finale mancante, spesso individuata come ottava autonoma dal titolo “Carzara”. Si fa riferimento al regolamento carcerario emesso dal Regno d’Italia nel 1891, che vietando “canti, grida e parole non corrette” di fatto impediva ai detenuti di comunicare direttamente con i loro cari…

Carcere dell’Ucciardone: interno di una cella nel 1983

Carzara fabbricata a l’Ucciarduni,
ca cu la fici la seppi ben fari;
attornu attornu cc’è lu bastiuni,
cci su’ li finistreddi pr’affacciari.
Tempu di stati ni coci lu suli,
tempu di ‘nvernu nun si cci po’ stari.
Su’ carzaratu ‘nta stu cammaruni,
mè matri veni e ‘un ci pozzu parrari.

Bernart Bartleby - 22/8/2014 - 14:03



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org