Lingua   

Mangia el carbon e tira l'ultim fiaa

Ivan Della Mea


Lingua: Italiano (Lombardo Milanese)


Ti può interessare anche...

La ragazza e la miniera
(Francesco De Gregori)
Il mio miglior inganno (Baghdad Baghdad)
(Assalti Frontali)
Lu trenu di lu suli
(Otello Profazio)


[1966]
Edizioni del Gallo, Milano 1966
Album: Io so che un giorno (I Dischi del Sole, DS122/124)
iosoke.

L'ultima ballata della serie di "Gioan" (Gianni Bosio). Fa riferimento al disastro della miniera di Marcinelle, nel 1956. - Il Deposito

marcisera




Canzoni correlate:
8 Agosto '56 - Marcinelle dei Kalàscima
Marcinelle
Marcinelle dei Terra e anima
Marcinelle dei Servi disobbedienti
La ragazza e la miniera di Francesco De Gregori
Mangia el carbon e tira l'ultim fiaa di Ivan Della Mea
Lu trenu di lu suli di Otello Profazio

Sont in vial Monza, visin a l'ABC
gh'è on cartelon della benzina Shell,
distributor, garage e gente in tuta,
l'è on gran vosà: sterza, inanz, indree
Gh'è vun che spèta e intant legg el giornal:
«Dusent vint mort» gh'è scritt «a Marcinelle».

'Sti chi lauren, quij là intant a moeuren;
sora dusent, cent trenta hinn italian,
gh'era el paes, el laurà e poeu la vita,
la famm col pan bagnà matina e sera:
ciapa el bigliett, teron, forsa, gh'è 'l treno!
e va a crepà ind el fumm de la minera...

Mangia el carbon e tira l'ultim fiaa
e sara i oeucc e slarga pian i man,
e spera sempre: Nenni e Saragat
s'hin incontraa, silensi a Pralognan...
Gh'è anmò speransa e fiada, fiada fort
e crepa svelt, che ti te set già mort.

inviata da DonQuijote82 - 13/5/2011 - 11:15



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Riccardo Venturi
5 dicembre 2014
MANGIA IL CARBONE E ESALA L'ULTIMO RESPIRO

Sono in viale Monza, vicino all'ABC,
c'è un cartellone della benzina Shell,
distributore, garage e gente in tutta,
è un gran vociare: sterza, avanti, indietro
c'è uno che aspetta e intanto legge il giornale:
“Duecentoventi morti”, c'è scritto, “a Marcinelle”.

Questi qua lavorano, e intanto quelli là muoiono;
su duecento, centotrenta sono italiani,
c'era il paese, il lavoro e poca vita,
la fame a pane e acqua mattina e sera.
Prendi il biglietto, terrone, forza, c'è il treno!
E vai a crepare in mezzo al fumo della miniera...

Mangia il carbone e esala l'ultimo respiro
e chiudi gli occhi, e apri piano le mani,
e spera sempre: Nenni e Saragat
si sono incontrati, silenzio, a Pralognan...
C'è ancora speranza, e respira, respira forte
e crepa alla svelta, ché tanto sei già morto.

5/12/2014 - 17:37



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org