Lingua   

Fascisti su Marte

Corrado Guzzanti


Lingua: Italiano

Guarda il video


Prima parte. Su You tube si trovano anche le altre (anche sul sito di RAITRE)


Cerca altri video su Youtube

Ti può interessare anche...

Die Mäuler auf!
(Kurt Tucholsky)
Rokko e i Suoi Fratelli: Sopravvoliamo
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Afro
(Modena City Ramblers)


da "Il caso Scafroglia"

Non è forse contro la guerra questa spassosissima parodia della retorica fascista guerrafondaia e colonialista? La domanda (pur retorica e dai noi stessi posta) può avere una sola risposta: certo che sì.

fascistisumarteArditi, com'altro nomare questi baldi fiori del regime che osarono porre un imperativo categorico tra le sabbie bolsceviche di Marte.

Vite segnate dalla gloria che arrivarono con l'azione dove la lassitudine borghese non avrebbe spinto neanche la fantasia.
Eroi, diciamo noi, e dileggiamo con lazzi e marziali risa chi offenda la memoria di queste fierissime schiere.

Essi donarono all'Italia un nuovo Impero e per esso e per essa perirono.
Fu vera gloria? La domanda pur retorica e da noi stessi posta egualmente ci indigna e ribolle il sangue nelle romanissime vene.

Lo dica il postero, erede di un mondo fiacco e globale privo del suo Duce, dove l'industria italiana è solo merceria e la camicia nera è indosso ad ossute indossatrici.

Bizzarra è la mente umana repentina dimentica ciò che solo ieri è stato, ma di fronte a grandi uomini e alle loro imprese eccola farsi granito e le parole scolpirla come col coltello romantici cuori nella corteccia d'albero.

Scolpiti lo siano per sempre questi nomi: Fecchia, Pini, Freghieri, Barbagli e Santodio; quell'albero è la storia, quel cuore è l'Italia il coltello ... non lo so!

Uomini di fato intrisi, che soli videro l'onore di sentir scoccare l'ora del destino: Marte era italiana, Marte era fascista.

Essi furono il braccio e la mano del Duce estendersi oltre le grigie barriere liberali del cosmo giolittiano, del Duce che mai lo seppe, ma che per certo lo intuì; la sua mente è come una di quelle prodigiose macchine calcolatrici di cui si attende l'invenzione.

Per quel che concerne noi fortissimamente affermiamo questo puro, mero, meraviglioso eppure incontestabile fatto storico, che intero s'annuncia e si rapprende in questa semplice eppur lapidaria frase:
"Alle ore 15:00 del 10 Maggio 1939 Marte è fascista!"
Sopra un prototipo di missile tedesco,
con sei gallette cadauno come desco,
i nostri eroi van dritti al cuor della marziana,
le verdi antenne al nostro Duce piegherai!

Fascisti su Marte,
rosso pianeta bolscevico e traditor,
fascisti su Marte,
con un moschetto e un "me ne frego" dentro al cuor.

Siamo incredibili,
siam sommergibili,
siamo gli ignifughi,
gli irrevocabili conquistador
del sangue con onor
ed anche a questi alieni ora le reni spezzerem.

Fascisti su Marte,
pianeta rosso aspetta che veniam da te,
fascisti su Marte,
noi ti daremo al nostro Duce al nostro Re.

Siamo incredibili,
siam sommergibili,
siamo gli ignifughi,
gli irrevocabili conquistador,
il mondo ha il nostro odor
ed anche a questi alieni ora le reni spezzerem.

Fascisti,
fascisti,
su Marte,
fascisti.

27/3/2006 - 12:41



Lingua: Francese

Version française – FASCISTES SUR MARS – Marco Valdo M.I. – 2012
Chanson italienne - Fascisti su Marte - Corrado Guzzanti

Après vous être bien marrés en écoutant"Fascistes sur Mars" du bon Guzzanti (fils), vous êtes prêts pour voir un film qui contient la vérité, jamais racontée à l'opinion publique italienne sur les horribles crimes de guerre dont s'est salie l'armée fasciste italienne pendant ses guerres coloniales en Afrique et dans les Balkans. Badoglio, Graziani, Roatta et des centaines de fascistes officiels auraient mérité un "Nuremberg" et - vu que nous ne sommes pas pour les échafauds - au moins de belles prisons à vie à régime dur... ils ne furent par contre jamais jugés : pourquoi ?
Comment encore aujourd'hui, avec les troupes italiennes qui occupent l'Irak et l'Afghanistan, droite et gauche essayent encore de nous faire croire que nous Italiens, nous sommes des occupants « au visage humain », de « braves gens » même en guerre ?

Fascist Legacy (L'eredità del fascismo)

L'héritage du fascisme, Grande-Bretagne1989.
2x50 minutes.
Régie: Ken Kirby; conseiller historique: Michael Palumbo;
photographie: Nigel Walters; assemblage: George Farley;
voix : Michael Bryant.

Un documentaire présenté par la BBC en deux épisodes, le 1 et 8 novembre 1989, suscitant une protestation de l'ambassade d'Italie à Londres, une interpellation parlementaire et des articles dans les plus grands quotidiens italiens. Il a par la suite été acheté par la RAI qui en a produit une version italienne qui n'a jamais été présentée.Fascist Legacy, L'héritage du fascisme, Fascist Legacy,

Le film affronte le sujet du refoulement des crimes systématiquement commis par l'Italie fasciste dans la construction de son empire, au nom de la « civilisation supérieure italienne » et de sa « mission civilisatrice », en Afrique (Libye – Ethiopie – Somalie) et dans les Balkans (Albanie – Yougoslavie – Grèce). Massacres de civils, destruction de villages entiers, élimination des élites intellectuelles et politiques, usage d'armes chimiques, destruction des cultures et du bétail pour réduire par la faim la population, déportations et camps de concentration avec une mortalité qui atteignit même 50% des internés.
Une série d'horreurs, avec un bilan de morts, arrondi par défaut, de 300.000 Éthiopiens, 100.000 Libyens, 100.000 Grecs et 250.000 Yougoslaves.


N'est-elle pas contre la guerre peut-être cette parodie amusante de la rhétorique fasciste belliciste de et colonialiste ? La question (tout-à-fait rhétorique et posée par nous) ne peut avoir qu'une seule réponse: certainement OUI.

*


Arditi, comment nommer autrement ces vaillantes fleurs du régime qui osèrent mettre un impératif catégorique dans les sables bolcheviques de Mars.
Des vies marquées par la gloire qui arrivèrent par l'action là où la mollesse bourgeoise n'aurait pas même poussé l'imagination.
Héros, disons-nous, et nous raillons avec des plaisanteries et rires martiaux ceux qui moquent la mémoire de ces fières bandes.
Ils donnèrent à l'Italie un nouvel Empire et pour lui et pour elle ils périrent.
Fut-ce vraie gloire? La question (tout-à-fait rhétorique et posée par nous) nous indigne également et fait bouillir notre sang dans nos veines ultraromaines.

Le dit le descendant, héritier d'un monde fatigué et global privé de son Duce, où l'industrie italienne est réduite à la mercerie et la chemise noire mise à des mannequins ossus.

Bizarre est l'esprit humain soudain oublieux de ce qui hier encore était, mais devant de grands hommes et face à leurs entreprises la voilà qui se fait granit et les mots la gravent comme le couteau des cœurs romantiques dans l'écorce d'arbre. Ils sont gravés pour toujours ces noms : Fecchia, Pini, Freghieri, Barbagli et Santodio; cet arbre, c'est l'histoire, ce cœur, c'est l'Italie, ce couteau, c'est ... je ne sais pas !

Des hommes marqués par le sort, qui seuls connurent l'honneur d'entendre sonner l'heure de la destinée : Mars était italienne, Mars était fasciste.

Ils furent le bras et la main du Duce s'étendant au-delà des grises barrières libérales du cosmos, du Duce qui ne le sut jamais, mais qui le pressentit avec certitude ; son esprit est comme une de ces machines calculatrices prodigieuses dont on attend l'invention.

En ce qui nous concerne nous affirmons avec la plus grande vigueur ce fait historique pur, net, merveilleux et pourtant incontestable, qui s'annonce et se fige dans cette phrase simple et lapidaire :
« À l'heure 15:00 du 10 Mai 1939. Mars est fasciste ! »
FASCISTES SUR MARS

Sur un prototype de fusée allemande,
Avec six galettes chacun comme provende,
Nos héros disent à la martienne sans embarras,
Tes antennes vertes devant notre Duce, tu plieras !

Fascistes sur Mars,
Planète bolchevique rouge et traître,
Des fascistes sur Mars,
Avec un mousqueton et au cœur un « j'en ai rien à foutre »

Nous sommes incroyables
Nous sommes submersibles,
Nous sommes les ignifuges,
Les conquistadors irrévocables
Du sang avec de l'honneur
Et nous briserons les reins à ces extraterrestres.

Fascistes sur Mars,
planète rouge attend que nous venions à toi,
Fascistes sur Mars,
Nous te donnerons à notre Duce à notre Roi.

Nous sommes incroyables
Nous sommes submersibles,
Nous sommes les ignifuges,
Les conquistadors irrévocables
Du sang avec de l'honneur
Et nous briserons les reins à ces extraterrestres.

Fascistes,
Fascistes,
Sur Mars,
Fascistes.

inviata da Marco Valdo M.I. - 7/12/2012 - 22:50


Tanto che ci siamo, mandiamo su Marte il paparino di Corrado Guzzanti, noto fascistone...

X - 28/3/2006 - 00:13


Paolo Guzzanti su Marte ce lo spedirei volentieri anch'io. Ma non imputiamo ai figli le colpe dei padri. Come ha risposto Sabina a non mi ricordo quale deputato di Forza Italia che le diceva: "Ma anche suo padre ha detto che...", "Io ho ormai ho una certa età e non vado a chiedere a mio padre cosa fare e non fare"

Lorenzo - 28/3/2006 - 09:41


Dopo esservi fatti una bella risata nell'ascoltare "Fascisti su Marte" del buon Guzzanti (figlio), ora siete pronti alla visione di un film che contiene la verità, mai del tutto raccontata all'opinione pubblica italiana, sugli orrendi crimini di guerra di cui si è macchiato l'esercito fascista italiano durante le sue guerre coloniali in Africa e Balcani. Badoglio, Graziani, Roatta e altre centinaia di ufficiali fascisti avrebbero meritato una "Norimberga" e - visto che non siamo per i patiboli - almeno dei begli ergastoli a regime duro... invece non furono mai nemmeno processati: come mai?
Come mai ancora oggi, con le truppe italiane ad occupare Iraq ed Afghanistan, destra e sinistra riescono ancora a farci credere che noi italiani siamo occupanti "dal volto umano", italiani "brava gente" anche in guerra?

Guardatevi il documentario "Fascist Legacy" di Ken Kirby: è del 1989 e in Italia fu acquistato dalla RAI che ne curò un'edizione che non trasmise mai. Il film è stato proposto solo un paio di anni fa da LA7 all'interno del programma "L'Altra Storia":

Fascist Legacy (L'eredità del fascismo)

Fascist Legacy (L'eredità del fascismo)
Gran Bretagna 1989.
2x50 minuti.
Regia: Ken Kirby; consulenza storica: Michael Palumbo;
fotografia: Nigel Walters; montaggio: George Farley;
voce narrante: Michael Bryant.

Documentario prodotto e trasmesso dalla BBC in due puntate, l'1 e 8 novembre 1989, suscitando una protesta da parte dell'ambasciatore italiano a Londra, un'interpellanza parlamentare e articoli apparsi su tutti i maggiori quotidiani italiani. Successivamente è stato acquistato dalla RAI che ne ha prodotto una versione italiana che non è mai stata trasmessa.

Il film affronta il tema della rimozione dei crimini sistematicamente commessi dall'Italia fascista nella costruzione del suo impero, in nome della "superiore civiltà italica" e della sua "missione civilizzatrice", in Africa (Libia, Etiopia, Somalia) e nei Balcani (Albania, Jugoslavia e Grecia). Massacri di civili, distruzione di interi villaggi, eliminazione delle élite intellettuali e politiche, uso di armi chimiche, distruzione delle colture e del bestiame per ridurre alla fame la popolazione, deportazioni e campi di concentramento con una mortalità che arrivò sino al 50% degli internati.
Una serie di orrori, con un bilancio di morti, arrotondato per difetto, di 300.000 etiopi, 100.000 libici, 100.000 greci e 250.000 jugoslavi.

Qui per ulteriori approfondimenti:
Storie Italiane - Fascist Legacy

Alessandro - 23/10/2006 - 08:37


La genialità della comicità di Guzzanti non la scopro certo io, l'unico dispiacere è che per riuscire a vedere il film mi dovrò affidare a qualche copia su dvd magari tra 2 o 3 anni.

eros - 29/10/2006 - 14:32


La canzone è molto bella ma il film... da dimenticare

federico - 20/11/2006 - 17:45


Guzzanti è un genio,che,ha rivoluzionato la comicità italiana,io ho apprezzato pure il film

Adriano - 3/6/2008 - 13:26


"La giustizia penale e' una patologia nel nostro sistema."

"I giudici hanno deciso il contrario della verità, perchè sono estremisti di sinistra"

"Il Presidente del Consiglio non ha nessun potere perchè la Costituzione è stata scritta dopo il ventennio fascista e quindi tutti i poteri sono stati dati al Parlamento e non al premier"

Silvio Berlusconi davanti alla platea di Confindustria, il 21 maggio 2009, anno II della Nuova Era Fascista.

Alessandro - 21/5/2009 - 17:04


La Corte Costituzionale sbugiarda il Kaiser sul Lodo Alfano, e il Führer reagisce scompostamente:

"Il Capo dello Stato sapete voi da che parte sta."

"Abbiamo giudici della Corte Costituzionale eletti da tre Capi di Stato di sinistra, che fanno della Corte non un organo di garanzia, ma un organo politico."

Che ti scoppi la bile, fascista carogna!!!

Alessandro - 7/10/2009 - 22:24


"Queste cose qua a me mi caricano, agli italiani gli caricano. Viva l'Italia! Viva Berlusconi!"
Silvio Berlusconi, in merito alla bocciatura del Lodo Alfano da parte della Consulta (7 ottobre 2009, giorno memorabile chè il fascistone carognone se l'è preso nel tortello - si dice così a Livorno, vero Riccardo?)

Vatla'piè 'ntal gnau! - 8/10/2009 - 09:25


Porta a Porta, 8 ottobre 2009



In studio, Rosy Bindi con Casini, Alfano, Castelli, Barenghi e naturalmente Vespa...
In collegamento telefonico, la faccia di Kaiser, Sivio Berlusconi, attacca ancora Napolitano:

"Il presidente della Repubblica aveva garantito con la sua firma che la legge sarebbe stata approvata dalla Consulta, posta la sua nota influenza sui giudici di sinistra della Corte"

Rosy Bindi, vice presidente della Camera, interviene dicendo:

E' gravissimo... quello che dice è gravissimo"

Il Führer risponde stizzito:

"Lei è più bella che intelligente. Non mi interessa nulla di ciò che eccepisce"

Nessuno dei maschioni presenti in studio interviene a difesa della Bindi, pesantemente insultata dall'eversore mentecatto. Solo la stessa Bindi risponde al testa di cazzo:

"Evidentemente io sono una donna che non è a sua disposizione"

Sono davvero allibito...

Vatla'piè 'ntal gnau! - 8/10/2009 - 09:41


Quando leggo commenti di gente come voi, mi vergogno di essere italiano.

Anzi, no, non mi vergogno di me stesso; mi vergogno che voi siate italiani.

Martino - 8/8/2010 - 13:08


Ecco, o bravo Martino. Allora tanto che ci sei, e che ti vergogni tanto, potresti, che so io...emigrare su Marte. Così fai Martino su Marte, te ne stai lì bel bello, e non scassi la minchia al prossimo con le tue vergogne e le tue banalissime cazzate.

Gatta Pampalea - 8/8/2010 - 14:36


Olandesi su Marte! Mars One offre un viaggio di sola andata a dieci arditi esploratori che però verranno ripresi 24 ore su 24 e mandati in onda in un reality show spaziale i cui proventi finanzieranno la missione (inequivocabilmente questo particolare è il segno della decadenza di questi tempi moderni...). Secondo me è chiaramente una bufala, ma costruita molto bene...

L. - 7/12/2012 - 17:15


E vinceremo!

Date un'occhiata allo slogan che appare sulla pagina facebook del nostro ggiovanissimo presidente del consiglio.

Vincere

Lorenzo - 2/4/2014 - 10:53


Bernart Bartleby - 2/4/2014 - 11:48


Bene non dimenticare le imprese del colonialismo italiano fascista e pre-fascista; sarebbe interessante visionare il documentario della bbc sull'eredità del fascismo, presumo in Africa giacché quella in Italia e in Europa è maggiormente nota. Certo che sarebbe interessante indagare anche sui crimini del colonialismo inglese non solo in Africa ma nell'intero globo. Dallo sterminio degli aborigeni in Tasmania ai campi di sterminio contro i boeri alla repressione delle insurrezioni anticoloniali in Kenia passando per infiniti episodi di brutalità ed aggressione e razzismo con cui gli inglesi hanno costruito il loro impero e con cui cercano ancora di mantenerne le residue vestigia assieme all'egemonia a cui certo non hanno rinunciato. Magari si scoprirebbe che in fatto di colonialismo e razzismo contro i non europei il fascismo ha avuto solo da imparare dagli inglesi come uno studentello da un professore emerito.

xavier - 18/1/2016 - 10:25


Ciao Xavier, hai fatto bene a ricordare il documentario "Fascist Legacy", censuratissimo in Italia... Ne abbiamo parlato più volte su queste pagine e anche su questa, nel commento di Alessandro del 23/10/2006 che puoi leggere sopra.
Saluti

Bernart Bartleby - 18/1/2016 - 11:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org