Lingua   

Tramonto d'Africa

P.G.R.


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

P.G.G.G.R.
(P.G.R.)
La Badoglieide
(Nuto Revelli)
Linea gotica
(C.S.I.)


da "Per Grazia Ricevuta" (2001)

 Tramonto d'Africa


Forse la migliore canzone dei PGR, all'altezza dei migliori pezzi dei CSI. Molta fatica per trovare il testo, alla fine l'ho scovato nell'unica pagina che contiene i testi di tutto l'album dei PGR, ho corretto però qualche particolare.

Una delle poche canzoni italiane in cui si affromta il tema del colonialismo italiano in Africa Orientale.
Nel 1935, durante la seconda guerra italo-abissina il comando fu affidato al generale Pietro Badoglio, la cui condotta della guerra provocò sensazione e riprovazione in tutto il mondo, a causa dell'utilizzo del terribile gas iprite, che venniva irrorato dagli aerei in volo a bassa quota, sia sui soldati che sui civili: in totale vennero impegate tra le 300 e le 500 tonnellate di questo gas.

(Lorenzo Masetti)
Sotto questo cielo
azzurrro arcobaleno nero
sopra questa terra
d'ogni colore
canta la mia bocca
canta il mio cuore
la meraviglia dell'Africa intera
le sue mille culture

canta un incontenibile dolore.

Muore di sete, di guerra,
muore di fame
la cerca dei rifiuti
chi ne ha
non se ne cura

(senza speranza
la miseria nera
assedia le città
le scandaglia le rigira)


Muore di sete, di guerra,
muore di fame
la cerca dei rifiuti
chi ne ha
non se ne cura

(senza speranza
la miseria nera
assedia le città
le scandaglia le rigira)

Straziante incredula
violenza nera

nera nera nero nero...

un arco arcaico
frecce di veleno
bastoni, fucili coloniali a pallettoni
bombe kalashnikov
di prima o quarta selezione

Il terrore vuoto
negli occhi
la morte nella mano

Nessuna compassione
nessuna redenzione
orrore quotidiano

Nero nero nera nera
Nero nero nera nera
Nero nero nera nera
Nero nero nera nera
Nero nero nera nera

Africa bella da morire e muore
meraviglia d'Africa
vive d'ogni colore
bella la bellezza, la bellezza nera
tutte le sfumature d'una sfera

brilla l'incandescenza del sole
riflette la luce della luna
è l'arcobaleno la fortuna

Caro Clemente in Africa Orientale
l'Etiopia, la Somalia,
bella Abissina
aspetta, spera, l'ora s'avvicina

T'hanno fregato prima durante e dopo
un paese in ginocchio col gas e il fuoco
ti porteremo a Makallé
Roma, l'Impero, il Papa, il Duce e il Re
caro Clemente non è rimasto niente
di tanto poco
t'hanno fregato prima, durante e dopo

Sulle bandiere sventola Haile Selassie
imperatore copto cristiano Re dei Re
gran protettore del reggae giamaicano
passa una canna di mano in mano

Africa bella da morire e muore
meraviglia d'Africa
vive d'ogni colore
bella la bellezza, la bellezza nera
tutte le sfumature d'una sfera

brilla l'incandescenza del sole
riflette la luce della luna
è l'arcobaleno la fortuna

Sulle bandiere sventola Haile Selassie
imperatore copto cristiano Re dei Re
gran protettore del reggae giamaicano
passa una canna di mano in mano

Il leone di Giuda da Saba, Salomone
ha un regno inattaccabile in espansione
sudditi devoti
cantori di canzoni

rastaman vibration eia rastaman...

rastaman vibration eia rastaman...

rastaman vibration eia rastaman...

rastaman vibration eia rastaman

inviata da Lorenzo Masetti - 23/3/2006 - 11:22


Chi è il Clemente citato da Ferretti?

20/7/2018 - 13:48


Visto quanto piacciono i papi a Ferretti, forse sarà Clemente VII :-PP

Riccardo Venturi - 21/7/2018 - 10:39



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org