Lingua   

Patriot Game

Dominic Behan / Doiminic Ó Beacháin


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

Through The Barricades
(Spandau Ballet)
Before Ireland Can Go Free
(Tri Yann)
Back Home In Derry
(Christy Moore)


[1957]
Lyrics by Dominic Behan
Music: sung to the tune of "The Merry Month of May"
Album: Posterity Be Damned [1959]

39687803

"The Patriot Game" is an Irish ballad about an incident during the Border Campaign launched by the Irish Republican Army during the 1950s to bring about the reunification of Northern Ireland with the Republic of Ireland. It was written by Dominic Behan, younger brother of playwright Brendan Behan, to the tune of an earlier folksong, "The Merry Month of May". It tells the story of Fergal O'Hanlon, an IRA Volunteer from Ballybay, County Monaghan who tried to abolish the border between the Six Counties and the Republic, killed at the age of 17 in an attack on Brookeborough Royal Ulster Constabulary barracks in County Fermanagh on 1 January 1957. The operation was devised and led by Sean Garland, an IRA man from Dublin. Another volunteer, Seán South from Limerick, was also killed during the raid.Behan later became close friends with Sean Garland, officiating as the best man at Garland's wedding. Garland gave the eulogy at Behan's funeral in 1989.
Undoubtedly one of the best ballads ever to come out of the Irish struggles has been immensely popular amongst the IRA, as well as other groups. "The Patriot Game" has been recorded by numerous artists, including the Kingston Trio, The Bluebells, The Dubliners and The Clancy Brothers.

Bob Dylan allegedly used the tune when writing his song "With God On Our Side" Behan called Dylan a plagiarist and a thief by claiming the melody as an original composition, in an attempt to goad him into a lawsuit. Behan's argument has some merit, especially when one compares the structure of the song's lyrics; it becomes clear that Dylan lifted the structure of Behan's song to make the song relevant in America during the Vietnam War era. Dylan's refusal to credit Behan's work (particularly the lyrical structure) was the main issue at stake and, in response, Behan took the view that the provenance of Dylan's entire body of work must be questioned.

Behan also took issue with the Clancy Brothers, who chose not to sing the verses which sanctioned the murders of Irish police officers or which criticized Éamon de Valera:

This Ireland of mine has for long been half free,
Six counties are under John Bull's tyranny.
And still de Valera is greatly to blame
For shirking his part in the patriot game.

Behan's contempt of the Clancy Brothers was exacerbated by what he saw as their political shallowness which tended to render the traditional message of the Irish ballad somewhat less powerful in their hands.
Tom Clancy's 1987 novel "Patriot Games" and the 1992 film based on the novel are named for the song.
The song features heavily in Martin McDonagh's play "The Lieutenant of Inishmore", where it is used to comment on the character's misunderstanding of IRA splinter groups.
The song "Colony" by Damien Dempsey references the title of the song:

Katie she came from down Townsend street
Ten in a bed and no shoes on their feet
1916 came
They played the patriot's game

The title was also used as the title of a 1986 book "The Patriot Game" on Canada by Canadian author Peter Brimelow. The book evokes the same cynicism about nationalism, but in a Canadian context..
Come all ye young rebels, and list while I sing,
For the love of one's country is a terrible thing.
It banishes fear with the speed of a flame,
And it makes us all part of the patriot game..

My name is O'Hanlon, and I've just turned sixteen.
My home is in Monaghan, and where I was weaned
I learned all my life cruel England's to blame,
So now I am part of the patriot game..

This Ireland of ours has too long been half free.
Six counties lie under John Bull's tyranny.
But still De Valera is greatly to blame
For shirking his part in the Patriot game..

They told me how Connolly was shot in his chair,
His wounds from the fighting all bloody and bare.
His fine body twisted, all battered and lame
They soon made me part of the patriot game.

It's nearly two years since I wandered away
With the local battalion of the bold IRA,
For I read of our heroes, and wanted the same
To play out my part in the patriot game.

inviata da giorgio - 17/12/2010 - 15:02



Lingua: Italiano

Versione italiana di Cattia Salto (versione dei Dubliners)

“The Patriot Game” è una irish rebel song scritta da Dominic Behan e dedicata a Fergal O’Hanlon un giovanissimo soldato dell’IRA morto durante l’operazione militare -o l’attacco terroristico per altri- (lui e i suoi compagni cercarono di far saltare con le bombe una caserma della Royal Ulster Constabulary nel villaggio di Brookeborough – contea Fermanang) nella notte di inizio del nuovo 1957. I “martiri” di quella notte furono in realtà due, ma più che commemorare l’azione militare in sè, Behan voleva riportare sulla bocca di tutti la questione irlandese e mettersi dal punto di vista dei combattenti dell’IRA che avevano continuato la loro lotta dopo il Trattato del 1921.

(tratto da Terre Celtiche)
IL GIOCO DEL POTERE

Venite giovani ribelli e ascoltatemi mentre canto
l’amore per la patria è terribile,
scaccia la paura come il divampare di un incendio
e coinvolge tutti nel gioco del potere (1)

Mi chiamo O’ Hanlon e ho appena 16 anni (2),
vengo da Monaghan e lì sono cresciuto,
mi hanno sempre insegnato a maledire la crudele Inghilterra
per questo sono parte del gioco del potere

Appena due anni fa me ne sono andato via
con il battaglione dell’IRA,
ho letto dei nostri eroi e ho voluto anch’io
avere la mia parte nel gioco del potere (3)

Questa nostra Irlanda è da tempo libera solo a metà (4)
sei regioni sono sotto la tirannia di John Bull (5)
eppure De Valera(6) è responsabile
per avere evitato la sua parte nel gioco del potere

Mi dissero di Connolly legato alla sedia e fucilato (7)
le sue ferite di battaglia aperte e sanguinanti
il suo corpo sfregiato mutilato e contuso:
questo mi ha fatto entrare nel gioco del potere

Ma ora che giaccio qui crivellato di colpi
penso a quei traditori che hanno patteggiato(8) e venduto
e mi dispiace che il mio fucile non abbia fatto lo stesso
con i collaborazionisti che hanno venduto il gioco del potere
NOTE

(1) letteralmente “gioco patriottico, gioco del Patriota” ma in italiano suona meglio il “gioco del potere” anche se patriot aggiunge una connotazione più viscerale

(2) O’Hanlon non è morto a 16 anni, ma a 19 anni

(3) il verso sulla polizia (RUC ) è spesso censurato, soprattutto nelle versioni “ufficiali”
I don’t mind a bit if I shoot down police
They are lackeys for war never guardians of peace
And yet at deserters I’m never let aim
The rebels who sold out the patriot game
(traduzione italiano:
Non mi dispiace affatto uccidere la polizia,
sono scagnozzi della guerra, mai guardiani di pace .
e fino ad ora ai disertori non ho mai mirato,
ai ribelli che hanno venduto il gioco del potere)


(4) l’Irlanda del Nord nata nel 1921 sotto la protezione del governo britannico a seguito del trattato con cui si chiudeva la guerra d’indipendenza

(5) John Bull è la personificazione nazionale del Regno di Gran Bretagna, il nomigliolo nasce nel 1700 a rappresentare il tipo del gentiluomo di campagna, uomo d’affari capace e onesto ma collerico e di umore variabile, amante dello scherzo e della buona tavola.(Treccani)

(6) La strofa nella versione dei Clancy viene molto diplomaticamente censurata e sostituita con

So I gave up my Bible, to drill and to train
To play my own part in the patriot game.
(Traduzione italiano: Così ho rinunciato alla Bibbia per addestrarmi e fare la mia parte nel gioco del potere)


Eamonn de Valera anch’egli tra i leader della Rivolta di Pasqua durante la trattativa con il governo inglese per sancire la fine della guerra d’indipendenza era a capo del governo provvisorio: gli irlandesi chiedevano la repubblica, gli inglesi erano disposti a concedere lo statuto di Dominion. De Valera alla fine lascia prendere il suo posto al tavolo delle trattative a Michael Collins e Arthur Griffith. De Valera nel 26 fonda il partito Fianna Fail che diventa il primo partito di opposizione ed il principale referente politico dell’I.R.A., anch’essa ormai in rotta con il Sinn Fein.
“Alle successive elezioni legislative del 1932 il Fianna Fail è ormai stabilmente il primo partito; De Valera diventa primo ministro. Come ringraziamento per l’opera prestata alla nazione e come sprone alle nuove generazioni, De Valera offre una pensione a tutti i reduci dell’I.R.A. irregolare che avevano combattuto durante la guerra civile; offre invece ai membri del gruppo armato clandestino la possibilità di venire inquadrati nell’esercito dello Stato Libero d’Irlanda. La situazione nello Stato Libero peggiora drasticamente. Buona parte dei sostenitori della linea estremista di De Valera premono perché il loro leader si faccia promotore di una campagna per la liberazione del nord occupato e ottenga l’appoggio del governo. In particolare l’I.R.A. cerca di far valere il sostegno dato al Fianna Fail per vincere le elezioni del ’32. Nel 1936, dopo aver tentato una linea di conciliazione che però non porta a risultati positivi, De Valera dichiara l’I.R.A. illegale in tutto lo Stato Libero d’Irlanda; l’esercito repubblicano intanto avvia una poco efficace campagna di bombing in Inghilterra (1939). Il governo lavora per costruire i presupposti di una convivenza civile che garantisca rispetto ed equità a tutti i cittadini. Nel 1937 vede la luce la Costituzione Irlandese: lo Stato Libero d’Irlanda diviene Eire (nome gaelico dell’isola); negli articoli 2 e 3 si fa riferimento all’intera superficie dell’isola come territorio naturale, compreso il nord.” (tratto da qui)

(7) James Connolly era uno dei leader della Rivolta di Pasqua del 1916, per eseguire la sua sentenza di morte, gli inglesi lo legarono ad una sedia, essendo le condizioni delle sue ferite riportate nella battaglia così gravi che non riusciva a restare in piedi.

(8) L’assemblea irlandese di Dublino approvò le clausole del trattato negoziato con gli inglesi (con una maggioranza risicata). L’IRA prese la decisione di combattere, così ebbe inizio la guerra civile, fratello contro fratello, con Michael Collins e Arthur Griffith considerati gli arcitraditori. Pare che il governo dello stato libero abbia fucilato più irlandesi degli inglesi stessi.

inviata da Cattia Salto - 23/2/2016 - 09:30


[extra verse I found]

I don't mind a bit if I shoot down police
They are lackeys for war never guardians of peace
And yet at deserters I'm never let aim
The rebels who sold out the patriot game.

And now as I lie here, my body all holes
I think of those traitors who bargained in souls
And I wish that my rifle had given the same
To those Quislings who sold out the patriot game.

giorgio - 17/12/2010 - 15:26


Avete ascoltato la versione di Tony Coe, contenuta in "Les Voix d'Itxassou"? Se non lo conoscete, procuratevi questo meraviglioso disco militante, credo che ben difficilmente avrete sentito i canti rivoluzionari del mondo suonati così, ve lo garantisco!

Flavio Poltronieri - 23/5/2014 - 19:55


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org