Lingua   

'U 5 di lugliu dû '60

Lorenzo Peritore


Lingua: Siciliano


Ti può interessare anche...

I matri
(Jaka)
Chi lassi quannu mori?
(anonimo)


"Il 5 di luglio del 1960 è una data che ha segnato a lutto la città di Licata, e soprattutto i familiari di Vincenzo Napoli, che all’età di soli 25 anni ha cessato di vivere. È per questo che con un racconto in versi dialettali desidero raccontare a tutti quelli che allora non c’erano, e ricordare invece a tutti coloro che c’erano, ciò che è successo in quel “caldissimo” e ormai lontanissimo 5 luglio del 1960, e come si sia potuto verificare che un giovane di 25 anni, per rivendicare i propri diritti e quelli di una intera popolazione di quarantamila abitanti esasperata da una infinita quantità di problemi, ci ha rimesso la sua giovane vita.
Sono trascorsi ormai 50 anni (mezzo secolo) dallo sciopero in cui sono rimasti feriti 5 nostri concittadini, mentre un ragazzo di 25 anni ci ha rimesso la vita. Molti giovani non conoscono questa triste e tragica pagina della nostra storia, che sarebbe bene ogni tanto ricordare..."
M'arricordu ca era carusèddu,
tri misi menu di quattordici anni,
quannu a Licata successi un fattu gravi
cu un mortu, feriti e un saccu 'i danni.

N'avìvinu prumisu 'na cintrali
ca pani a tanta genti avìa a dari,
ma i politici, comu sempri furistera
'st'occasioni nâ ficiru scappari.

Chiddi ca cumannàvinu a 'ddi tempi,
tutti di fora, e mancu un licatisi,
arriniscèru a purtarla nî so parti
abbunnànnu di travagliu i maranisi (*).

C'è cu dicìa però ca 'sta centrali
a Licata 'unn era propriu distinata,
ni mbrugliaru i politici di tannu
p'aggarràrisi i voti di Licata.

Ccà travagliu ci nn'era picca e nenti
e c'era cu 'unn avìa chi mangiari,
pi chissu tanti patri di famiglia
pâ Germania accuminciàvinu a scappari.

Era 'u cincu di lugliu dû sissanta
e ci l'haiu davanti comu si fussi ora,
ca pu sciòpiru di 'sta centrali elettrica
tanta genti dâ so casa scasa' fora.

Fu priparata infatti 'na protesta
in ogni particulari organizzata,
pi circari d'attiràri l'attenzioni
dintra un paisi di genti dispirata.

D'apprima i scioperanti foru carmi
e 'a forza pubblica ci potti dari mmesta,
ma 'u suli forti di ddu cincu i lugliu.
a tanti licatisi piglia' n testa.

Dittu fattu 'un si capìa cjù nenti
e successi di tuttu mmenzu i strati,
ci foru scontri contru 'a polizia
ca ebbi puru machini abbrusciati.

'U ponti ca c'era supra 'u sciumi
tuttu di lignu, fattu di surdati,
fu smantillatu di 'na punta all'àutra
di 'na cricca di picciotti esagitati.

Ma i cosi gravi succèssiru â stazioni
unni i genti si nn'jeru a protestari.
Supra i binari bloccaru tutti i trena,
e chi successa ? 'U Signuri nn'hâ scanzari!!

Chi petri ca c'erinu nâ linia
ficiru 'a fuia contru a polizia,
ca p'addifennisi e scuraggiari a tutti
chî lacrimògini a corpu arrispunnìa.

'Sta mossa però fici a cio' dannu
e i cosi accuminciaru a peggiorari,
a genti cuntinua' a tirari petri
e a polizia accumuncia' a sparari.

Cincu feriti si cuntaru ô cincu 'i lugliu
comu succedi quannu c'è 'na guerra,
mentri un picciottu di vinticinc'anni
hava di tannu c'arriposa sutta terra.

Napoli Vicenzu si ciamava
e scioperava pi solidarietà,
ma pi 'na causa c'arriguardava a tutti
'ddu picciuttèddu a vita ci appizza'.

Di tannu menzu seculu ha passatu,
a Licata 'unn ha canciatu nenti
e i picciotti pi truvarisi 'u travagliu
hannu a scappari pi jiri 'n cuntinenti.

È difficili putiri addigìriri
ca 'sti carùsi a Licata su' 'mpristati,
e carchi postu ca c'è a disposizioni
è riservatu pî raccumannàti.

Doppu tant'anni i cosi vannu peggiu
e i nostri figli ormai su' tutti sdati,
oltri ê mpiegati e quattro cummircianti,
stamu arristànu sulu i pinziunati.

Sinatùra e diputati licatisi
ô putiri n'ammu avutu picca e nenti,
e cu ha avutu a furtuna d'accianàri
ha pinsatu pi d'iddu e i so parenti.

Cu ni ciama "babbi licatisi"
dicìa 'na cosa sacrusanta e vera,
babbi comu a nuàtri 'un ci nni sunnu
ca spàrtinu tutti i voti ê furistera

Si 'un mittèmmu tanticcia di judiziu
'unn havi sensu ca ni lamintàmmu,
si ni passammu 'a manu 'nâ cuscenza,
avemmu chiddu ca ni miritàmmu.

inviata da giorgio - 10/5/2010 - 08:28


Note

(*) maranìsi = maranesi, abitanti di Porto Empedocle.

giorgio - 10/5/2010 - 08:31


Sono l'autore della poesia "U 5 lugliu du 60" che si trova già in un mio libro dal titolo "Rimaniamo in rima" pubblicato a maggio del 2009 con la Casa Editrice A&B di Acireale. Mi piacerebbe che toglieste dalla poesia la voce "Anonimo" per inserire il mio nome e cognome : Lorenzo Peritore, via dei Carrubi 47 - 92027 Licata AG Indirizzo E-mail : lorenzoperitore@alice.it
Rinfraziandovi anticipatamente porgo distinti saluti

- 10/7/2010 - 21:40


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org