Lingua   

When The Tigers Broke Free

Pink Floyd


Lingua: Inglese


Ti può interessare anche...

The Hero's Return
(Pink Floyd)
Run Like Hell
(Pink Floyd)
In Any Tongue
(David Gilmour)


[1982]
Dal film "The Wall" di Alan Parker
From the movie "The Wall" by Alan Parker

Lo sbarco ad Anzio.
Lo sbarco ad Anzio.


La canzone, intitolata When the Tigers Broke Free, venne pubblicata come singolo su vinile nell’estate del 1982 in occasione dell’uscita del film The Wall dove figurava tra i brani della colonna sonora (mentre non era inclusa nell'album originale). Curiosamente il brano non fu incluso nel disco live del film, Is Anybody Out There, pubblicato nello stesso anno

La vicenda della battaglia di Anzio, in cui morì il padre di Roger Waters, ricorre anche in Us And Them. Alla memoria del padre Roger Waters ha dedicato l'intero album "The Final Cut" ed in particolare The Fletcher Memorial Home.

Per un'introduzione all'album "The Wall" , vedi Another Brick In The Wall Part I
For an introduction to the album "The Wall", see Another Brick In The Wall Part I


The song describes the death of Roger Waters' father, Eric Fletcher Waters, in World War II. The song was written specifically for the 1982 movie version of Pink Floyd's album The Wall and first released as a 7" single on July 26, 1982 before appearing in The Wall film.

As Waters tells it, the forward commander had asked to withdraw his forces from a German Tiger tanks assault but the generals refused and the line was held for the cost of a "few hundred ordinary lives". Eventually though the Tigers broke through the British defences and killed most of C Company including Water's father.

In the second verse of the song (which makes up the reprise later in The Wall film), Waters describes how he found the death certificate from the British government among some old photographs, described as a note from King George in the form of a gold leaf scroll. Waters shows his resentment towards the British High Command ("That's how the High Command took my daddy from me!") when the lyrics mention the note had been marked with the King's "rubber stamp".
(from Wikipedia)



Canzoni contro la guerra da "The Wall":
Antiwar songs from "The Wall"

Another Brick In The Wall Part I
The Happiest Days of Our Lives / Another Brick in the Wall Part II
Mother
Goodbye Blue Sky
Run Like Hell
Bring The Boys Back Home
Waiting For The Worms

When The Tigers Broke Free (dal film, non presente nell'album/ from the movie, not included in the original album)


It was just before dawn
One miserable morning in black 'forty four'
When the forward commander
Was told to sit tight
When he asked that his men be withdrawn
And the Generals gave thanks
As the other ranks held back
The enemy tanks for a while
And the Anzio bridgehead
Was held for the price
Of a few hundred ordinary lives
And old King George sent mother a note
When he heard that father was gone
It was I recall in the form of a scroll
With gold leaf and all
And I found it one day
In a drawer of old photographs hidden away
And my eyes still grow damp to remember
His Majesty signed
With his own rubber stamp
It was dark all around
There was frost in the ground
When the tigers broke free
And no one survived
From the Royal Fusiliers Company C
They were all left behind
Most of them dead
The rest of them dying
And that's how the High Command
Took my daddy from me



Lingua: Italiano

Versione italiana
Non così letterale come quella che segue...
QUANDO LE TIGRI IRRUPPERO ARDITE

Era poco prima dell'alba
un miserabile mattino dell'oscuro '44
quando al comandante in capo
fu detto di mantenere le posizioni
Quando chiese che i suoi uomini fossero richiamati
E i generali ringraziarono
per come le altre file trattennero
i carri armati del nemico per un po'
e il caposaldo di Anzio
fu tenuto al prezzo
di alcune centinaia di vite comuni
E il vecchio Re Giorgio mandò alla mamma una lettera
quando seppe che papà era morto
era, ricordo, sotto forma di pergamena,
con la foglia d'oro e altro
ed io la trovai un giorno
nascosta in un cassetto di vecchie fotografie
ed i miei occhi si inumidiscono ancora a ricordare
Sua Maestà firmò
con il suo sigillo di gomma
L'oscurità avvolgeva tutto
quando le tigri irruppero ardite
e nessuno della Compagnia Reale Fucilieri C sopravvisse
furono tutti abbandonati
la maggior parte di loro morti
gli altri morenti
ed è così che l'alto comando
portò il mio papà via da me

inviata da Laureluin - 16/12/2004 - 14:39




Lingua: Italiano

Versione italiana graziosamente fornita da Exebor, grazie a pinkfloydsound.
QUANDO LE TIGRI IRRUPPERO ARDITE

Era poco prima dell' alba
Una misera mattina in un tetro quarantaquattro
Quando al comandante in capo
Fu detto di mantenere le posizioni
Quando lui chiese che i suoi uomini fossero richiamati
Ed il Generale ringraziò
Come contennero di nuovo le altre file
I carri armati del nemico per un tempo
E il caposaldo dell'Anzio
Fu tenuto per il prezzo
Di alcune centinaia di vite ordinarie
E il vecchio Re Giorgio mandò alla mamma una lettera
Quando lui sentì che il padre era morto
Era, ricordo, sotto forma di un rotolo di carta
Con foglia d' oro e altro
Ed io lo trovai un giorno
In un cassetto di vecchie fotografie nascosto via
Ed i miei occhi ancora s'inumidiscono a ricordare
Sua Maestà firmò
Con il suo sigillo di gomma
Era buio tutto intorno
C'era gelo nella terra
Quando le tigri irruppero ardite
E nessuno sopravvisse
Della Reale Compagnia Fucilieri C
Erano tutti stati dimenticati
La maggior parte di loro morti
Il resto di loro che muore
E quello era quanto l' Alto Comando
Portò il mio papà via da me



Lingua: Italiano

Versione italiana di Paolo
Quando si scatenarono le tigri

Accadde poco prima dell'alba
una miserabile mattina del nero 1944
quando al comandante della prima linea
fu detto di tener duro
mentre chiedeva di far ritirare i suoi uomini
E i generali resero grazie
che altre truppe trattenessero
i carri armati nemici per un breve tempo
E la testa di ponte di Anzio
fu difesa al prezzo
di poche centinaia di vite ordinarie.

E il buon vecchio Re Giorgio
mandò un biglietto a mia madre
quando seppe che mio padre se n'era andato
mi ricordo che aveva l'aspetto
di un rotolo di pergamena
con foglia d'oro e tutto il resto.
E lo trovai un giorno
ben nascosto in fondo a un cassetto di vecchie fotografie
e i miei occhi ancora si inumidiscono
nel ricordare che Sua Maestà firmò personalmente
col suo timbro di gomma.

Tutt'intorno era scuro
e il terreno era gelato
quando si scatenarono i Tigre
e della Compagnia "C" dei Fucilieri Reali
non sopravvisse nessuno.
Furono tutti lasciati indietro,
perlopiù morti, gli altri morenti.
Fu così che l'Alto Comando
mi portò via papà.

inviata da Paolo - 1/7/2009 - 13:48


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org