Lingua   

La ballata delle donne

Massimiliano D'Ambrosio


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Lettera dalla Palestina
(Massimiliano D'Ambrosio)
Teresa Batista
(Massimiliano D'Ambrosio)
An scathàn (Lo specchio)
(Massimiliano D'Ambrosio)


[1985]
Versi di Edoardo Sanguineti (1930-2010), nella raccolta “Il gatto lupesco. Poesie 1982-2001”, 2002.
Messa in musica anche da Margot Galante Garrone, nel suo album “Il vespero vermiglio” del 2013.

Il vespero vermiglio


Una poesia-canzone composta da Sanguineti nel 1985, in occasione di un evento al quale erano presenti donne che avevano partecipato alla Resistenza.



(Bernart Bartleby)
Quando ci penso, che il tempo è passato,
le vecchie madri che ci hanno portato,
poi le ragazze, che furono amore,
e poi le mogli e le figlie e le nuore,
femmina penso, se penso alla gioia
pensare al maschio, pensarci mi annoia.

Quando ci penso, che il tempo è venuto,
la partigiana che qui ha combattuto,
quella colpita, ferita una volta,
e quella morta, che abbiamo sepolta,
femmina penso, se penso alla pace
pensare al maschio, pensarci non piace.

Quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire.

Perché la donna non è cielo, è terra
carne di terra che non vuole guerra
ed è la terra, in cui fui seminato,
vita vissuta che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente.

Femmina penso, se penso l'umano
la mia compagna, la prendo per mano.

8/3/2010 - 14:07



Lingua: Francese

Version française – LA BALLADE DES FEMMES – Marco Valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – La ballata delle donne – Massimiliano D'Ambrosio
LA BALLADE DES FEMMES

Quand j'y pense, comme le temps a passé
Les mères vieilles qui nous ont portés,
Puis les amours, que furent les jeunes filles,
Et puis les femmes et les filles et les belles-filles
Femme je pense, çà je me réjouit
Penser au mâle, y penser m'ennuie.

Quand je pense que le temps est venu
La partisane qui là a combattu
Celle touchée, une fois blessée,
Et celle morte, que nous avons enterrée,
Femme je pense, si je pense à la paix
Penser au mâle, jamais ne me plaît.

Quand j'y pense, que le temps vient
Qu'arrive le jour, que le jour revient,
Une panse de femme est un berceau,
La maison est une panse tenue par un trousseau,
Et une panse est une caisse, qui s'en va finir,
Quand arrive le jour où l'on va dormir.

Car la femme n'est pas le ciel, elle est terre
Chair de terre qui ne veut pas la guerre
Et elle est la terre, dans laquelle je fus semé,
Vie vécue dans laquelle j'ai planté,
Je cherche ici la chaleur que le cœur y sent,
La longue nuit où je deviens néant.

Femme je pense, si je pense humain
Ma compagne, je la prends par la main.

inviata da Marco Valdo M.I. - 11/3/2010 - 19:36


Il cantautore lucchese Joe Natta musica una poesia di Edoardo Sanguineti contro la guerra.
Canzone tratta dal suo nuovo progetto “Musica e Poesia”

4/11/2018 - 17:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org