Lingua   

L'atomica cinese

Francesco Guccini


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

L'uomo di Monaco
(Nomadi)
Canzone di notte n°2
(Francesco Guccini)
Allora il mondo finirà
(Francesco Guccini)


it.fan.musica.guccini

da "Folk Beat n. 1" (1967)
originariamente cantata dai Nomadi

Ricantata da Guccini, insieme ai Nomadi nell'Album Concerto del 1979 (con il titolo "Atomica")

Folk Beat n°1. Francesco (Guccini), 1967.Francesco-Guccini-and-I-Nomadi-Album-Concerto


Interpretata anche dai Modena City Ramblers nel "Tributo ad Augusto". La versione dei MCR è cantata da Albertone Morselli e Cisco. Nella versione tratta dal tour teatrale di "Raccolti" le voci sono di Cisco e Albertino Cottica.

"Campionamento" musicale: strum. iniziale: tradizionale di origine sconosciuta, ripreso sia dagli Amazing Blondel, con un pezzo senza nome, che dai Pentangle con "A Maid That's Deep In Love"; strum. finale: frammento di un'aria di origine sconosciuta ma probabilmente bretone.
Si è levata dai deserti in Mongolia occidentale
una nuvola di morte, una nuvola spettrale che va,
Che va, che va!

Sopra i campi della Cina,sopra il tempio e la risaia,
oltrepassa il Fiume Giallo, oltrepassa la muraglia e va,
e va, e va!

Sopra il bufalo che rumina, su una civiltà di secoli,
sopra le bandiere rosse, sui ritratti dei profeti,
sui ritratti dei signori,
sopra le tombe impassibili degli antichi imperatori.

Sta coprendo un continente, sta correndo verso il mare,
copre il cielo fino al punto dove l'occhio può guardare, e va,
e va, e va!

Sopra il volo dei gabbiani che precipitano in acqua,
sopra i pesci che galleggiano e ricoprono la spiaggia, e va,
e va, e va!

Alzan gli occhi i pescatori verso il cielo così livido:
le onde sembra che si fermino, non si sente che il silenzio
e le reti sono piene di cadaveri d'argento.

Poi le nuvole si rompono e la pioggia lenta cade
sopra i tetti delle case, sulle pietre delle strade,
sopra gli alberi che muoiono, sopra i campi che si seccano,
sopra i cuccioli degli uomini, sulle mandrie che la bevono.
Sulle spiagge abbandonate una pioggia che è veleno
e che uccide lentamente, pioggia senza arcobaleno, che va,
che va, che va!



Lingua: Inglese

Versione inglese di Riccardo Venturi
THE CHINESE H-BOMB

From the wild and rocky deserts of Western Mongolia
a ghostly, letal cloud has soared and it goes,
it goes, it goes!

All over the countryside, over temples and rice fields,
Passing over the Yellow River, over the Great Wall it goes,
it goes, it goes!

Over chewing buffalos, over a century-old civilization
Over the red flags, over the portraits of prophetes,
Over the portraits of Mandarines,
Over the motionless tombs of ancient emperors.

It's covering a continent, it's running to the seashore,
it covers all the sky within human eyesight and goes,
it goes, it goes!

Over the seagulls flying that fall down into the waters,
Over the fish floating that cover all of the shore, it goes,
it goes, it goes!

The fishermen cast an eye to the livid, livid sky:
the waves seem to stand still, only silence can be heard
and the nets are full of silver-grey dead bodies.

Then the clouds open and the rain slowly falls out
Over the house roofs, over the stone-layed roads,
Over the dying trees, over the drying fields,
Over the children, over the herds that drink of it,
Over the deserted shores, a poisonous rain
that kills slowly, a rain without a rainbow, and it goes,
it goes, it goes!



Lingua: Italiano (Lombardo Brianzolo)

Versione nel dialetto brianzolo di Casatenovo (LC) di Lele de Casanöv
L’ATOMICA CINÉSA

La s’è valzàda di desèrt in Mungòlia ucidentàl
una nüvera de mòrt, una nüvera fùsca fuschìscia che la và,
che la và, che la và!

Desuravìa di lögh de la Cina, a sùra ul tèmpi e la riséra,
la pasa via ul Fiömm Giàlt, la pàsa via la müràja e la và,
e la và, e la và!

Desuravìa del bö che ‘l remìa, a sùra una civiltaa de sécul,
desuravìa di bandér róss, söi quàder di pruféta,
söi quàder di sciuràzz,
a sùra di tùmbi mai scènch di antìgh imperadùr.
L’è adree a quatà via un cuntinènt, l’è adree a córr in vèrs ul mâr,
la quàta via ul cêl fìna in d’e che l’oecc el poe vardà, e la và,
e la và, e la và!

Desuravìa del vulà di carìgul che bórlen dènt in de l’aqua,
a sùra i pès che galégen e che quàten gió la spiàgia, e la và,
e la và, e la và!

E vàlzsèn i oecc i pescadùr in vèrs ul cêl inscee mai scüür:
i ùndi el pàr che se fèrmen, se sènt negótt via del silènzi
e i rétt hinn pièn de cadàver d’argènt.

Poe i nüver e se rsĉépen e l’àqua adàsi la vègn gió
desuravìa di tècc di cà, söi prèj di stràd,
desuravìa di piànt che mören, a sùra i lögh che se sèchen,
desuravìa di piscinétt di òmen, a sùra i bèsti che le béven.
Sö i spiàgi abandunaa, un piöf che l’è un tósigh
e che ‘l cùpa dàsi dàsi, piöf sènza l’archincêl, che ‘l và,
che ‘l và, che ‘l và!

inviata da Lele de Casanöf in Brianza (Lècch) . Lele di Casatenovo - 29/3/2006 - 21:23




Lingua: Francese

Version française – LA BOMBE CHINOISE – Marco Valdo M.I. – 2015
Chanson italienne – L'atomica cinese – Francesco Guccini – 1967
LA BOMBE CHINOISE

En Mongolie occidentale est montée dans le désert ;
Une nuée de mort, un nuage spectral qui va,
Qui va, qui va !

Sur les champs de Chine, les temples et les rizières,
Elle survole le Fleuve Jaune, passe la muraille et va,
Et va, et va !

Sur les buffles qui ruminent, une civilisation séculaire,
Sur les drapeaux rouges, les portraits des prophètes,
Sur les portraits des seigneurs,
Sur les impassibles tombes des anciens empereurs.

Elle couvre un continent, court vers la mer,
Couvre le ciel aussi loin que l’œil peut voir, et va,
Et va, et va !

Sur le vol des mouettes qui tombent à la mer,
Sur les poissons qui flottent et couvrent la plage, et va,
Et va, et va !

Les pêcheurs lèvent les yeux vers le ciel si livide :
Les vagues semblent s'arrêter, on n'entend que le silence
Et de cadavres d'argent, les filets s'emplissent.

Puis les nues se cassent et la pluie lente tombe
Sur les toits des maisons, sur les pierres des routes,
Sur les arbres qui meurent, sur les champs qui se dessèchent,
Sur les petits des hommes, sur les troupeaux qui la boivent.
Sur les plages abandonnées, une pluie qui empoisonne,
Qui tue lentement, une pluie sans arc-en-ciel, qui va,
Qui va, qui va !

inviata da Marco Valdo M.I. - 3/6/2015 - 20:05


significato della canzone?

bruno - 2/6/2015 - 16:46


Leggi bene il testo e fai un po' tu...

B.B. - 2/6/2015 - 23:33


Bruno, nel 1964 la Repubblica popolare cinese aveva fatto esplodere la sua prima bomba atomica; la canzone si riferisce a quello (l’album di Guccini è del ’67, ma L’atomica cinese dovrebbe essere stata scritta un po’ prima). Erano gli anni delle tensioni tra URSS e Cina, tra l’altro.

L.L. - 3/6/2015 - 09:55


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org