Lingua   

Un riparo per noi

Nomadi


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Four-Minute Warning
(Peggy Seeger)
Nuclear Power? No Thanks
(Antidote)
La Coerenza
(Nomadi)


un riparo per noi

Una vecchia canzone dei Nomadi versione italiana di “With a girl like you” dei Troggs del 1966, retro del 45 giri “Noi non ci saremo” che è stato pubblicato anche con un altro retro, “Spegni quelle luce”.

Un testo un po’ datato al quale ho tolto i molti "la la la" tipici dell’epoca e che parla di una specie di corsa di un ragazzo e una ragazza sotto la pioggia, banale fino alle ultime strofe, dove la questione della guerra nucleare di quegli anni viene fuori a riproporre la paura dell’atomica allora ben presente e oggi forse un po’ meno, perché le paure sono diventate altre, anche se le bombe atomiche ci sono sempre, sono molte di più e sono state enormemente potenziate rispetto a quelle degli anni sessanta.

Il testo è presente anche in questa pagina di "La musica italiana e di protesta" - Anni '60 n°2. Riportiamo l'introduzione:

"Pensiamo di far cosa gradita all’autore dell’articolo ed ai suoi lettori, inserendo i testi di due canzoni "di protesta" dei Nomadi, una celeberrima (Noi non ci saremo) e l’altra quasi sconosciuta ma dall’impatto ancora più forte; si tratta della versione italiana di una canzoncina di grande successo dei Troggs, stravolta nel testo, che oseremmo definire "dylaniano" mai come ora di grande attualità: "Un riparo per noi", che, se non ricordiamo male, subì immediatamente gli strali della censura."
È già così tardi sai,
per questo dobbiamo cercar
un riparo per noi.
Pioverà vedrai,
poi se ti bagnerai
te ne pentirai.
Sta piovendo ormai
per questo dobbiamo cercar
un riparo per noi
un riparo per noi

un riparo per noi.
Tu lo vedi
nella strada
non possiamo
rimanere
non lo vedi
che la pioggia
ti ha già bagnata ormai.
È già così tardi sai
è piovuto ormai
E sei bagnata già
arrabbiata sei.
È piovuto sai
e noi dovremo cercar
un riparo per noi…
È già così tardi
sai sta piovendo ormai
E presto scenderà tutto coprirà
Una pioggia d’atomi,
per questo dobbiamo cercar
un riparo per noi.

inviata da i fermentivivi - 2/8/2005 - 10:40



Lingua: Inglese

Un raro caso in cui una canzone d'amore viene rifatta in italiano diventando una canzone "politica" di solito avveniva il contrario
WITH A GIRL LIKE YOU

I want to spend my life with a girl like you
Ba ba ba ba ba ba ba ba
And do all the things that you want me to
Ba ba ba ba ba ba ba ba

Till that time has come
That we might live as one
Can I dance with you
Ba ba ba ba ba ba ba ba
Ba ba ba ba ba ba ba ba

I tell by the way dress that you're so refined
Ba ba ba ba ba ba ba ba
And by the way you talk that you're just my kind
Ba ba ba ba ba ba ba ba

Girl why should it be
That you don't notice me
Can I dance with you
Ba ba ba ba ba ba ba ba
Ba ba ba ba ba ba ba ba

Baby baby is there no chance
I can take you for the last dance
All night long yeah I've been waiting
Now there'll be no hesitating

So before this dance has reached the end
Ba ba ba ba ba ba ba ba
To you across the floor my love I'll send
Ba ba ba ba ba ba ba ba
I just hope and pray that I'll find a way to say
Can I dance with you
Ba ba ba ba ba ba ba ba
Ba ba ba ba ba ba ba ba

inviata da DonQuijote82 - 28/11/2010 - 18:36


"Un riparo per noi"
La recensione di questo brano, non fa una grinza su quello che è il contenuto del relativo testo italiano,che ben ci sta tra la categoria delle (canzoni contro la guerra).
Ma volevo fare una considerazione e se mi permettete, anche una amichevole critica al sito:-

Come mai si è pensato di ricordare che questa canzone è un adattamento dell'originale "With a girl like you" e non si è invece pensato di ribadire e ricordare una grave omissione peché nel disco vengono dichiarati solamente due autori italiani e no quello della musica che è Reg Presley?
Vedi dati sul disco >http://www.45cat.com/record/scmq7021

Qualsiasi risposta, anche solo in maniera privata è da me gradita.

Distinti saluti
Ignazio Sulis

Ignazio - 16/5/2014 - 17:59


In quegli anni ,non c'era internet e le informazioni giravano a fatica,autori italiani andavano a Londra compravano un po' di 45 gg e nella speranza che quel gruppo o brano non arrivasse mai in Italia se lo accreditavano come proprio.Ricky Hianco ci ha fatto più' di una trasmissione sui plagi .questo è uno dei piu' eclatanti .Nel primo 33 giri dei Pooh c'è un brano che non ha autori ma mi pare fosse o dei KINKS O DEGLI WHO.

Daniele Pacchioni - 28/12/2014 - 11:26


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org