Lingua   

Dalton Trumbo: Johnny Got His Gun / E Johnny prese il fucile. Page 250 / Pagina 250.

LA CCG NUMERO 10000 / AWS NUMBER 10000 - 6 dicembre 2009 - December 6, 2009


Lingua: Inglese

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

'Αριστοφάνους Λυσιστράτη / Aristofane: Lisistrata / Aristophanes: Lysistrata
(LA CCG NUMERO 25000 / AWS NUMBER 25000)
ARTE CONTRO LA GUERRA / ANTIWAR ART
(LA CCG NUMERO 5000 / AWS NUMBER 5000)
Murales contro la guerra e di lotta da tutto il mondo / Antiwar and Militant Murals Around the World
(LA CCG NUMERO 9000 / AWS NUMBER 9000)


[1939]
A novel by Dalton Trumbo
Romanzo di Dalton Trumbo

johnnypresefoto


Forse, per questa pagina assolutamente storica di questo sito, tutti si aspetterebbero gran discorsi, proclami, resoconti o quant'altro. Invece diremo soltanto poche parole, e molto semplici. A far da contraltare alla prima CCG, Le Déserteur, la più famosa canzone antimilitarista di ogni epoca, diecimila canzoni dopo abbiamo voluto inserire la chiusa finale di quello che è uno dei più famosi romanzi antimilitaristi e contro la guerra: E Johnny prese il fucile di Dalton Trumbo. Quasi a voler chiudere un cerchio durato diecimila canzoni e DIECIMILA NO. Proseguiremo fino a centomila, se necessario e se ne avremo le forze. Non cesseremo di stare qui ogni giorno a fare da spina nel fianco, per quel che possiamo esserlo. Senza nessuna tregua.. Può bastare, e leggete bene le parole di Dalton Trumbo, anche se già le conoscete. Sì, una pagina speciale, e talmente speciale da non aver bisogno che di un numero: 10000. Non abbiamo bisogno di raccontarvi ancora la nostra storia: la vedete tutti, ogni giorno, in ogni canzone. [CCG/AWS Staff]

immsfo

Lorenzo Masetti
Riccardo Venturi
Daniela "k.d."
Adriana La Marmottoska
Nicola Ruggiero
Marcia Rosati
Alessandro N.
Giorgio
Don Quijote 82
Renato Stecca
Gian Piero Testa
Kiocciolina
Daniel Bellucci
Marco Valdo M.I. & Lucien Lane


...e tutti gli atri 10000 delle CCG/AWS


For this definitely historic page of this website, everybody would maybe expect bombastic discourses, proclamations, reports and so on. Nothing of all this. Only few words, and very simple. As a counterpart to the first AWS, Le Déserteur, the best known antiwar song of all times, we include now here -10,000 songs later- the final part of one of the most celebrated antimilitarist and antiwar novels: Johnny Got His Gun by Dalton Trumbo. So, a circle of ten thousand songs and TEN THOUSAND NOS is going to be closed. But we will keep on up to 100,000, if need be and if we have the force. We will not give up being a thorn in your side, so far we can. Without a break. It's enough, and please carefully read Dalton Trumbo's words, even if you already know them. Yes, a special page, and so highly special, that it does not need anything but a number: 10,000. We do not need telling you our (hi)story again: everybody can see it, every day, in every song.

immsfo

Lorenzo Masetti
Riccardo Venturi
Daniela "k.d."
Adriana La Marmottoska
Nicola Ruggiero
Marcia Rosati
Alessandro N.
Giorgio
Don Quijote 82
Renato Stecca
Gian Piero Testa
Kiocciolina
Daniel Bellucci
Marco Valdo M.I. & Lucien Lane


...and all other 10,000 of AWS/CCG



johnnycover


Dalton Trumbo (December 9, 1905 – September 10, 1976) was an American screenwriter and novelist, and one of the Hollywood Ten, a group of film professionals who testified before the House Un-American Activities Committee (HUAC) in 1947 during the committee's investigation of Communist influences in the motion picture industry. Trumbo was born in Montrose, Colorado, and graduated from Grand Junction High School. While still in high school, he worked as a cub reporter for the Grand Junction Daily Sentinel, covering courts, the high school, the mortuary and civic organizations. He attended the University of Colorado for two years (the central fountain at the University was named the Dalton Trumbo Free Speech Fountain in his honor in the mid-1990s), working as a reporter for the Boulder Daily Camera and contributing to the campus humor magazine, the yearbook and the campus newspaper. He got his start working for Vogue magazine. His first published novel, "Eclipse" was about a town and its people, written in the social realist style, and drew on his years in Grand Junction. He started in movies in 1937; by the 1940s, he was one of Hollywood's highest paid writers for work on such films as Thirty Seconds Over Tokyo (1944), and Our Vines Have Tender Grapes (1945), and Kitty Foyle (1940), for which he was nominated for an Academy Award for Writing Adapted Screenplay. Trumbo's 1939 anti-war novel, Johnny Got His Gun, won a National Book Award (then known as an American Book Sellers Award) that year. The novel was inspired by an article Trumbo read about a soldier who was horribly disfigured during World War I. Trumbo aligned himself with the Communist Party USA before the 1940s, although he did not join the party until later. After the outbreak of World War II in 1939, American communists argued that the United States should not get involved in the war on the side of Great Britain, since the Molotov-Ribbentrop Pact of nonaggression meant that the Soviet Union was at peace with Germany. In 1941, Trumbo wrote a novel The Remarkable Andrew, in which, in one scene, the ghost of Andrew Jackson appears in order to caution the United States not to get involved in the war. In a review of the book, Time Magazine sarcastically wrote, "General Jackson's opinions need surprise no one who has observed George Washington and Abraham Lincoln zealously following the Communist Party Line in recent years." Shortly after the 1941 German invasion of the Soviet Union, Trumbo and his publishers decided to suspend reprinting of Johnny Got His Gun until the end of the war. After receiving letters from individuals, including pacifists, isolationists, as well as those with apparent ties to Nazis requesting copies of the book, Trumbo contacted the FBI and turned these letters over to them. Thus did Trumbo, in effect, "named names", something that would come back to haunt him years later when others would name him before the House Un-American Committee. Trumbo regretted this decision, which he called "foolish", after two FBI agents showed up at his home and it became clear that "their interest lay not in the letters but in me." Trumbo was a member of the Communist Party USA from 1943 until 1948. He bragged in The Daily Worker that among the films that communist influence in Hollywood had quashed were adaptations of Arthur Koestler's anti-communist works Darkness at Noon and The Yogi and the Commissar. In 1947, Trumbo, along with nine other writers and directors, was called before the House Un-American Activities Committee as an unfriendly witness to testify on the presence of communist influence in Hollywood. Trumbo refused to give information. After conviction for contempt of Congress, he was blacklisted, and in 1950, spent 11 months in prison in the federal penitentiary in Ashland, Kentucky. After Trumbo was blacklisted, some Hollywood actors and directors, such as Elia Kazan and Clifford Odets, agreed to testify and to provide names of fellow communist party members to Congress. Many of those who testified were immediately ostracized and shunned by their former friends and associates. However, Trumbo always maintained that those who testified under pressure from HUAC and the studios were equally victims of the Red Scare, an opinion for which he was criticized. After he completed his sentence, Trumbo and his family moved to Mexico with Hugo Butler and his wife Jean Rouverol, who had also been blacklisted. There, Trumbo wrote thirty scripts under pseudonyms, such as the co-written Gun Crazy (1950) (Millard Kaufman acted as a "front" for Trumbo). He won an Oscar for The Brave One (1956), written under the name Robert Rich. With the support of Otto Preminger, he received credit for the 1960 film Exodus. Shortly thereafter, Kirk Douglas made public Trumbo's credit for the screenplay for Spartacus. This was the beginning of the end of the blacklist. Trumbo was reinstated in the Writers Guild of America, West, and was credited on all subsequent scripts. In 1971, Trumbo directed the film adaptation of Johnny Got His Gun, which starred Timothy Bottoms, Diane Varsi and Jason Robards. One of his last films, Executive Action, was based on various conspiracy theories about the Kennedy assassination. His account and analysis of the Smith Act trials is entitled The Devil in the Book. In 1993, Trumbo was awarded the Academy Award posthumously for writing Roman Holiday (1953). The screen credit and award were previously given to Ian McLellan Hunter, who had been a "front" for Trumbo. He died on September 10, 1976 from a heart attack in Los Angeles. He was 70 years old. Trumbo had three children: one son, filmmaker Christopher; and two daughters, photographer Melissa, known as Mitzi, and psychotherapist Nikola. Mitzi once had a relationship with actor/comedian Steve Martin; Martin later confessed that, at that time in his "tunnel-visioned life," he had never heard of her father. In his memoir, Born Standing Up, Martin credits his time spent with the Trumbo family as having aroused his interest in politics and art. - en:wikipedia

Dalton Trumbo mentre scrive nella sua vasca da bagno. Dalton Trumbo writing in his bathtub.
Dalton Trumbo mentre scrive nella sua vasca da bagno. Dalton Trumbo writing in his bathtub.


Dalton Trumbo (Montrose, 9 dicembre 1905 – Los Angeles, 10 settembre 1976) è stato uno sceneggiatore, regista e scrittore statunitense. Membro della Hollywood Ten, un gruppo di professionisti del cinema che si rifiutarono di testimoniare davanti alla Commissione per la attività anti-americane (House Committee on Un-American Activities) nel 1947 su una sua presunta adesione al comunismo, fu comunque condannato soltanto per resistenza all'operato del Congresso, venne inserito nella lista nera e nel 1950 fu condannato ad 11 mesi di prigione. Trumbo iniziò la sua carriera cinematografica nel 1937; già negli anni Quaranta era uno degli sceneggiatori più pagati di Hollywood, grazie ad alcuni film fortunati e celebri come Kitty Foyle (Kitty Foyle: The Natural History of a Woman) (1940) di Sam Wood, per il quale ottenne una nomination al premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, Missione segreta (Thirty Seconds Over Tokyo) (1944) di Mervyn LeRoy e Il sole spunta domani (1945) di Roy Rowland. Dopo la sua iscrizione nella lista nera del governo si trasferì in Messico con Hugo Butler e sua moglie, Jean Rouverol, anch'essi iscritti nella lista. Qui Trumbo scrisse più di trenta sceneggiature sotto diversi pseudonimi, come Robert Cole e Jack Davis, tra i quali La sanguinaria (Deadly Is the Female) (1949) di Joseph H. Lewis, co-sceneggiato sotto il nome di Millard Kaufman. Vinse un Oscar per La più grande corrida (The Brave One) (1956) di Irving Rapper, firmata come Robert Rich. Nel 1960, con i due film epici Exodus di Otto Preminger e Spartacus di Stanley Kubrick ottenne un grande successo e molti riconoscimenti; venne reintrodotto "ufficialmente" nell'ambiente del cinema, senza più bisogno di firmarsi sotto falso nome, e venne anche reiscritto alla Writers Guild of America. Il romanzo contro la guerra E Johnny prese il fucile vinse il National Book Award (allora noto come American Book Sellers Award) nel 1939. Nel 1971 Trumbo stesso diresse l'adattamento cinematografico del romanzo, con Timothy Bottoms, Diane Varsi e Jason Robards. L'ispirazione per il romanzo venne a Trumbo quando lesse un articolo un ufficiale britannico che era stato orribilmente sfigurato durante la Prima Guerra Mondiale. Questo film venne in parte ripreso dal gruppo americano Metallica per la realizzazione del videoclip della loro canzone One. Uno dei suoi ultimi film, Azione esecutiva (Executive Action) (1973) di David Miller, si basa su diverse teorie del complotto sull'assassinio di John Fitzgerald Kennedy. Non è molto noto, ma Trumbo amava scrivere nella vasca da bagno. Nel 2008 è stato prodotto un documentario sulla sua vita, intitolato "Trumbo" che contiene interviste con vari attori e personaggi che hanno avuto modo di conoscerlo. - it:wikipedia

Lo snapshot di Dalton Trumbo in carcere. Dalton Trumbo's jail snapshot.. 1950.
Lo snapshot di Dalton Trumbo in carcere. Dalton Trumbo's jail snapshot.. 1950.


“Johnny got his gun”, scritto nel 1938, fu pubblicato il 3 settembre 1939, due giorni dopo l’inizio della Seconda Guerra Mondiale. Le vicissitudini che interessarono il romanzo e la storia privata di Dalton Trumbo sono da lui coerentemente spiegate nella particolare prefazione che appare oggi una dichiarazione fuori dai denti di chi evidentemente ha patito censure da ogni fronte per i suoi scritti. Trumbo dichiara che, all’epoca, l’argomento pacifista, tema centrale e costante del romanzo, era un anatema per la sinistra americana nonché per gran parte del centro. Tant’è che fin dalla pubblicazione venne prima dileggiato e poi completamente oscurato (leggasi bandito) per via dell’attacco a Pearl Harbour. Contemporaneamente fu la destra a prenderlo come esempio per reclamare le libertà civili. Per l’accanimento e la controversia che ne derivarono lo stesso Trumbo chiese all’editore il fermo delle ristampe, almeno fino alla fine della guerra. In effetti è proprio nel 1945 che il libro venne rimesso in circolazione, questa volta accolto favorevolmente dalla sinistra, sotto il silenzio della destra. Purtroppo Trumbo compì l’errore di lamentarsi di certi attacchi ricevuti proprio con l’FBI che iniziò ad interessarsi a lui fino al suo alienante coinvolgimento nella lista nera del Maccartismo. In quella scellerata caccia alle streghe, Trumbo subì il carcere e dovette rinunciare al brillante impiego di sceneggiatore salvo poi firmare i suoi lavori con diversi pseudonimi. Il suo libro appariva di volta in volta, ad ogni guerra, riprendendo fuoco in quella di Corea e divampando, successivamente, in quella del Vietnam. Ed è a questa fase che risale l’ultima revisione del romanzo, ambientato in quella che Trumbo definisce “l’ultima guerra romantica”, ossia la Prima Guerra Mondiale.

Johnny è un giovane diciannovenne che vive in Colorado, lavora in un panificio ed ha una ragazza quando si trova tra le file dei combattenti in Europa. Aveva perso il padre in guerra, ma non sa spiegarsi perché si trova tra giovani come lui ad affrontare pericoli di morte. Un giorno si sveglia e, progressivamente, scopre di esser terribilmente mutilato. A causa dell’esplosione di una bomba ora si ritrova senza gambe, braccia, udito, occhi, naso e bocca. Scopre di esser un troncone umano a cui hanno agganciato un bavaglio che dalla gola viene legato alla fronte per coprire un volto che ormai non c’è più.

Avvicinarsi al romanzo di Trumbo significa affrontare un’esperienza di autenticità e meraviglia per appropriarsi, in un naturale transfert, di quella solitaria sofferenza che si presta a divenire universale.
Appositamente privo di punteggiatura, se si escludono i punti che chiudono i paragrafi, si presenta come un continuo, inarrestabile, straordinario, umano flusso di coscienza dei pensieri di Johnny.
È questa una scelta di Trumbo per donare ad ogni lettore il potere di leggerne i contenuti con l’intensità e le inflessioni che gli vengono spontanee o che più gli aggradano, senza sue interferenze.
La grande bellezza del romanzo è proprio qui, nel suo esser privo di una trama convenzionale se non quella ricostruita, di volta in volta, dai ricordi di Johnny che tenta di sopravvivere con se stesso, in pieno isolamento, in completa solitudine. Non vi si ravvisa alcuna ideologia politica, ma un umano e quanto mai doloroso grido di orrore verso l’irrazionalità della guerra, verso tutte le guerre del mondo, in qualsiasi tempo e luogo: un manifesto assoluto e sincero che si interroga sulla scienza e sulla fede, dunque, in un radioso mix di dolore e dolcezza, senza scadere mai nel patetico. Trumbo non si compiace del trauma fisico di Johnny, evitando il più possibile le descrizioni, lasciandone il compito alle intuizioni e preferendo fissarsi sulla psicologia tormentata del ferito. Impossibile sollevare lo sguardo dal romanzo, da quelle fitte pagine che si calano come una scure sul mistero della vita e sulla capacità di un troncone umano di continuare a sopravvivere attaccandosi a qualsiasi cosa, una vibrazione, il cambio della biancheria, un raggio di sole che scalda la fronte, per poter recuperare la dignità dell’essere umano: il sentirsi ancora vivo, la voglia di gustare i piatti della madre, l’andare a pesca con il padre, il sorridere agli amici, il pronunciare parole d’amore verso la donna amata, sentire l’odore dell’aria durante le stagioni, percepire il trascorrere del tempo, distinguere i sogni dalla realtà. Sono questi i suoi semplici desideri e a questi torna, nella fase di lucidità dopo i sedativi e quei rapidi passaggi della sua mente, in flashback, in cui rivive la sua vita di prima, i singoli momenti gioiosi, tristi, lieti che aveva percorso da “vivo”.
Un grandissimo lavoro, quello di Trumbo, nel creare un pathos in crescendo verso la scoperta della completa mutilazione. La disperazione della rivelazione a se stesso, ogni qualvolta comprende che gli manca “un pezzo”, la rabbia verso i dottori che stanno sperimentando su di lui, lasciano il posto alla dolcezza dei ricordi e alla volontà di poter continuare in qualche modo, con la speranza che vince sempre sull’annullamento di sé originato da quelle inutili parole che lo hanno portato alla guerra.
Perché lui è diverso da tutti, anche Cristo che gli appare nei sogni non riesce a dargli una visione del suo stato e del futuro, e così spiega la sua immensa solitudine: “sono morti con un solo unico pensiero in testa che voglio vivere voglio vivere voglio vivere. Lui lo sapeva bene. Lui era la cosa più vicina a un morto che ci fosse sulla terra. Lui era un uomo morto con una mente che sapeva ancora pensare. Lui sapeva tutte le risposte che sapevano i morti ma loro non potevano più pensarle. Lui poteva parlare per i morti perché era uno di loro. Lui era il primo soldato tra tutti quelli morti dall’inizio dei tempi che avesse ancora una mente con la quale pensare. Nessuno poteva avere qualcosa da ribattere. Nessuno poteva dimostrare che si sbagliava perché nessuno sapeva tranne lui. Lui poteva dire a tutti quei magniloquenti figli di puttana assetati di sangue quale fosse esattamente il loro sbaglio. Lui poteva dire caro signore non c’è niente per cui valga la pena di morire io lo so perché io sono morto. Non c’è una parola che valga la vita. Preferirei piuttosto lavorare in una miniera di carbone profonda sotto terra e non vedere mai la luce del sole e mangiare pane ed acqua e lavorare venti ore al giorno. Preferirei quello piuttosto che morire. Io tradirei la democrazia per avere salva la vita. Io tradirei l’indipendenza e l’onore e la liberazione e la dignità per avere salva la vita. Io do a lei tutte queste cose e lei dà a me il potere di camminare e vedere e sentire e respirare l’aria e assaporare il cibo. Lei si prenda le parole. Mi ridia indietro la mia vita. Ormai io non chiedo nemmeno più una vita felice. Non chiedo una vita decente o una vita onorevole o una vita libera. Io sono al di là di tutto questo. Io sono morto e perciò chiedo semplicemente la vita. Vivere. Sentire. Essere qualcosa che si muove sulla terra e che non è morto. Io so cos’è che è la morte e voi che ciarlate tanto di morire per delle parole non sapete nemmeno che cosa sia la vita” (pagg.130 e 131).

Trumbo tralascia per buona metà del romanzo la parte dell’ambiente che circonda Johnny. Non gli interessa, non interessa ancora all’esperienza di Johnny. Preferisce prima renderlo cosciente, dallo stato di sonno – veglia di cui non comprende più il ritmo, dopo innumerevoli e fallimentari tentativi di carpire il tempo, dopo aver cercato invano di concentrarsi su qualcosa che potesse occupargli la mente, come la letteratura di cui ricordava a malapena alcuni argomenti, o la storia della nascita di Gesù. E poi inizia a fissarsi sulle vibrazioni dei passi di persone che entrano nella stanza in cui è segregato. E ricorda il codice Morse e, con la sola testa, sbatte sul cuscino per cercare di farsi capire. Chiede aiuto nel più classico ed universale dei movimenti: S.O.S…S.O.S….ma nessuno comprende quel battere incessante. Lo sedano senza che lui possa opporsi. Non può comunicare. La sua solitudine è assoluta, completa, fino a che una nuova infermiera che lui riconosce dal passo leggero gli batte sul petto le parole BUON NATALE. Per lui è una festa davvero, la resurrezione dello spirito e della carne. È talmente felice che i suoi pensieri scorrono inarrestabili per pagine e pagine. Finalmente qualcuno ha capito; finalmente può comunicare i suoi pensieri, può parlare con qualcuno e chiede di poter uscire per sentire l’aria, il sole, la pioggia, il vento sulla pelle. Sono trascorsi 7 o 8 anni dall’ultima volta, non lo sa con precisione. In tutto quel tempo è stato sempre solo, chiuso, sotto le lenzuola. Ha bisogno di trovare un nuovo contatto con il mondo; vuole uscire e farsi vedere dalla gente, immaginandosi in una teca di vetro che gira per le città, dietro ad un circo. Può mantenersi così e, allo stesso tempo, mostrare al mondo cos’è una guerra, come un nuovo messia venuto a rivelare il futuro a tutti. Non sarà come la donna barbuta, o l’uomo più alto del mondo, sarà diverso da tutti, sarà un troncone d’uomo pensante, ma gli negano il permesso di uscire. È contrario ai regolamenti: “lui era il futuro l’immagine perfetta del futuro e avevano paura che qualcuno vedendolo scoprisse questo futuro” (pag.248).
E viene lasciato ancora una volta solo, segregato in una stanza a battere inarrestabile…S.O.S., S.O.S, S.O.S.

“Saremo vivi e cammineremo e parleremo e mangeremo e canteremo e rideremo e sentiremo e ameremo e partoriremo i nostri figli nella tranquillità nella sicurezza nella dignità nella pace. Voi progettate pure le guerre voi padroni di uomini progettate le guerre e puntate il dito e noi punteremo i fucili” (pag.250). - lankelot.eu


johnnygotjohnnyprese



1971
Un film di Dalton Trumbo
A motion picture by Dalton Trumbo

Johnny s'en va-t-en guerre
E Deram-lhe Uma Espingarda
Johnny Vai à Guerra
Johnny cogió su fusil
Johnny poszedł na wojne
Johnny zieht in den Krieg
Ο Δζόννυ πήρε τον όπλο του
Sotilaspoika


Tratto dall'omonimo romanzo del 1939 dello sceneggiatore Dalton Trumbo e diretto sempre da quest'ultimo (che girò il suo primo e unico film a 65 anni, dopo aver per 30 anni cercato invano un regista interessato al progetto), "E Johnny prese il fucile" è uno dei più riusciti film anti-militaristi della storia del cinema.
Ci sono tanti modi nel cinema per esprimere la propria avversione alla guerra; Trumbo sceglie di mostrarne i dolori (fisici, psicologici ed emotivi), gli orrori, le atrocità a cui l'uomo viene (inutilmente) sottoposto.
Il protagonista infatti, dopo essere stato colpito da un proiettile di mortaio, giace in una nascosta camera d'ospedale, senza braccia, senza gambe, senza poter vedere, sentire o parlare, ridotto ad un tronco d'uomo che può solo interagire con lo spettatore attraverso i suoi pensieri, palesati dalla sua voce interiore.
La narrazione alterna le angoscianti scene ambientate nel presente con Joe ferito (in bianco e nero) che piano piano prende coscienza di sé, della propria condizione e dei dottori e infermiere attorno a lui, a diversi flash-back (a colori) che mostrano allo spettatore il giovane prima della guerra: il rapporto col padre (con lui ha un eloquentissimo dialogo su guerra e democrazia), con Kareen, la sua fidanzata, con alcuni amici e coi compagni di battaglia. Alcuni di questi flash-back sono azzeccatissimi e molto significativi (strane, discutibili ma interessanti le apparizioni di stampo surrealista), altri sono abbastanza fini a sé stessi e rovinano il ritmo del film. Quelli che però riescono ad essere ben inseriti nella narrazione non mancano di sollevare profonde riflessioni politiche, sociali ed anche religiose.
Ma se la rappresentazione delle terribili condizioni di Joe toglie il respiro a chi guarda sin dai primi minuti, c'è ancora da citare il finale, addirittura più scioccante di quanto non lo sia tutto il resto della pellicola: se infatti Joe, condannato, intrappolato in quella vita non-vita, vorrebbe mostrarsi al mondo per far vedere le conseguenze della guerra o, in alternativa, morire, è terribile quando, rifiutate le sue proposte (esplicitate agli ufficiali usando dei movimenti della testa come codice Morse), lo vediamo nell'ultima lunga inquadratura al buio, nel suo letto, mentre mormora continuamente «SOS, aiuto».
Tecnicamente buoni costumi, regia e recitazione nella media, colonna sonora piuttosto assente.
"E Johnny prese il fucile" fu in lizza per la Palma d'Oro a Cannes, dove vinse invece il Gran Premio della Giuria.



And then suddenly he saw. He had a vision of himself as a new kind of Christ as a man who carries within himself all the seeds of a new order of things. He was the new messiah of the battlefields saying to people as I am so shall you be. For he had seen the future he had tasted it and now he was living it. He had seen the airplanes flying in the sky he had seen the skies of the future filled with them black with them and now he saw the horror beneath. He saw a world of lovers forever parted of dreams never consummated of plans that never turned into reality. He saw a world of dead fathers and crippled brothers and crazy screaming sons. He saw a world of armless mothers clasping headless babies to their breasts trying to scream out their grief from throats that were cancerous with gas. He saw starved cities black and cold and motionless and the only things in this whole dead terrible world that made a move or a sound were the airplanes that blackened the sky and far off against the horizon the thunder of the big guns and the puffs that rose from barren tortured earth when their shells exploded.

That was it he had it he understood it now he had told them his secret and in denying him they had told him theirs.

He was the future he was a perfect picture of the future and they were afraid to let anyone see what the future was like. Already they were looking ahead they were figuring the future and somewhere in the future they saw war. To fight that war they would need men and if men saw the future they wouldn't fight. So they were masking the future they were keeping the future a soft quiet deadly secret. They knew that if all the little people all the little guys saw the future they would begin to ask questions. They would ask questions and they would find answers and they would say to the guys who wanted them to fight they would say you lying thieving sons-of-bitches we won't fight we won't be dead we will live we are the world we are the future and we will not let you butcher us no matter what you say no matter what speeches you make no matter what slogans you write. Remember it well we we we are the world we are what makes it go round we make bread and cloth and guns we are the hub of the wheel and the spokes and the wheel itself without us you would be hungry naked worms and we will not die. We are immortal we are the sources of life we are the lowly despicable ugly people we are the great wonderful beautiful people of the world and we are sick of it we are utterly weary we are done with it forever and ever because we are the living and we will not be destroyed.

If you make a war if there are guns to be aimed if there are bullets to be fired if there are men to be killed they will not be us. They will not be us the guys who grow wheat and turn it into food the guys who make clothes and paper and houses and tiles the guys who build dams and power plants and string the long moaning high tension wires the guys who crack crude oil down into a dozen different parts who make light globes and sewing machines and shovels and automobiles and airplanes and tanks and guns oh no it will not be us who die. It will be you.

It will be you -you who urge us on to battle you who incite us against ourselves you who would have one cobbler kill another cobbler you who would have one man who works kill another man who works you who would have one human being who wants only to live kill another human being who wants only to live. Remember this. Remember this well you people who plan for war. Remember this you patriots you fierce ones you spawners of hate you inventors of slogans. Remember this as you have never remembered anything else in your lives.

We are men of peace we are men who work and we want no quarrel. But if you destroy our peace if you take away our work if you try to range us one against the other we will know what to do. If you tell us to make the world safe for democracy we will take you seriously and by god and by Christ we will make it so. We will use the guns you force upon us we will use them to defend our very lives and the menace to our lives does not lie on the other side of a nomansland that was set apart without our consent it lies within our own boundaries here and now we have seen it and we know it.

Put the guns into our hands and we will use them. Give us the slogans and we will turn them into realities. Sing the battle hymns and we will take them up where you left off. Not one not ten not ten thousand not a million not ten millions not a hundred millions but a billion two billions of us all the people of the world we will have the slogans and we will have the hymns and we will have the guns and we will use them and we will live. Make no mistake of it we will live. We will be alive and we will walk and talk and eat and sing and laugh and feel and love and bear our children in tranquillity in security in decency in peace. You plan the wars you masters of men plan the wars and point the way and we will point the gun.

inviata da CCG/AWS Staff: Lorenzo, Riccardo, Daniela, Adriana, Nicola, Marcia, Alessandro, Giorgio, Don Quijote 82, Renato, Gian Piero and all others 10000 - 6/12/2009 - 23:14




Lingua: Italiano

Il testo in italiano
joprese

Prima traduzione italiana di Milli Graffi
Milano, Bompiani Editore, 1977.
...E improvvisamente capì. Ebbe una visione di se stesso come un nuovo tipo di cristo che porta dentro di se tutti i germi di un ordine nuovo delle cose. Era il nuovo messia dei campi di battaglia che diceva alla gente cosi come io sono sarete anche voi. Perché lui aveva visto il futuro l'aveva provato e adesso lo stava vivendo. Aveva visto gli aeroplani volare nel cielo aveva visto i cieli del futuro neri di aeroplani e ora vedeva tutto l'orrore che stava al di sotto. Vedeva un mondo di innamorati divisi per sempre di sogni mai consumati di progetti mai realizzati. Vedeva un mondo di padri morti e di fratelli storpi e di figli impazziti e urlanti. Vedeva un mondo di madri senza braccia che si stringevano al petto bambini senza testa cercando di urlare il loro dolore con gole incancrenite dal gas. Vedeva citta affamate nere fredde e immobili e in questo terribile mondo le uniche cose che potevano muoversi o fare un suono erano gli aeroplani che annerivano il cielo e lontano all'orizzonte il tuono dei cannoni e il fungo di fumo che si leva dalla sterile terra torturata quando esplode una bomba.

Era così l'aveva capito ormai c'era arrivato lui aveva confidato il suo segreto e quelli rifiutandolo gli avevano rivelato il loro. Lui era il futuro l'immagine perfetta del futuro e avevano paura che qualcuno vedendolo scoprisse questo futuro. Avevano gia cominciato a guardare davanti a sè a prospettarsi gli anni a venire e sapevano che presto ci sarebbe stata un'altra guerra. Per fare la guerra avevano bisogno di uomini e se gli uomini conoscono il futuro non vogliono più combattere.

Cosi mascheravano il futuro, lo avevano fatto diventare un tranquillo e dolce segreto. Sapevano che se la povera gente tutti i piccoli uomini avessero letto nel futuro avrebbero cominciato a fare domande. Avrebbero fatto delle domande e avrebbero trovato le risposte e avrebbero detto a quelli che li volevano far combattere: voi siete degli ipocriti dei ladri e dei figli di puttana e noi non combatteremo noi non moriremo noi continueremo a vivere siamo noi il mondo siamo noi il futuro e non vi permetteremo di mandarci al macello qualunque cosa diciate qualunque discorso facciate qualunque slogan inventiate. Ricordatevelo bene siamo noi noi noi siamo il mondo siamo noi che lo facciamo andare avanti siamo noi che facciamo il pane e i vestiti e i cannoni siamo noi le ruote del carro e il carro stesso e senza di noi sareste nudi come vermi e noi non moriremo.

Noi siamo immortali noi siamo la fonte della vita noi siamo la spregevole brutta povera gente noi siamo i grandi meravigliosi fantastici abitatori di questo mondo e noi ne abbiamo abbastanza non ce la facciamo più noi abbiamo chiuso con questa storia per tutti i secoli futuri perché noi siamo il presente vivo e non ci lasceremo distruggere.
Se voi fate una guerra se ci sono cannoni da puntare se ci sono pallottole da sparare se ci sono uomini da uccidere non saremo noi quegli uomini. Non saremo noi quegli uomini noi che coltiviamo il grano e lo trasformiamo in cibo che facciamo i vestiti e la carta e le case e le tegole che costruiamo le dighe e le centrali elettriche e stendiamo i lunghi frementi fili dell'alta tensione noi che dal petrolio grezzo caviamo una dozzina di prodotti che facciamo le lampadine e le macchine da cucire e i badili e le automobili e gli aeroplani e i carri armati e i cannoni oh no non saremo noi quelli che moriranno.
Sarete voi.

Sarete voi voi che ci spingete al combattimento voi che ci istigate gli uni contro gli altri che vorreste che un ciabattino uccidesse un altro ciabattino che un uomo che lavora uccidesse un altro uomo che lavora voi che vorreste che un essere umano desideroso solo di vivere la sua vita uccidesse un altro essere umano desideroso solo di vivere la sua vita.
Ricordatevelo. Ricordatevelo bene voi che progettate un'altra guerra. Ricordatevelo bene voi patrioti voi uomini d'onore voi seminatori di odio voi inventori di slogan. Ricordatevi questo giacché nella vostra vita non vi ricordate mai di niente.

Noi siamo uomini di pace siamo uomini che lavorano e che non vogliono litigare. Ma se voi distruggete la nostra pace se ci strappate dal nostro lavoro se tentate di metterci gli uni contro gli altri sapremo cosa fare.
Se ci direte di salvare la democrazia nel mondo vi prenderemo in parola e per dio e per la madonna lo faremo. Li useremo quei fucili che volete costringerci a usare li useremo per difendere la nostra vita e ciò che minaccia la nostra vita non sta dall'altra parte della terra di nessuno una linea segnata senza il nostro consenso ma sta qui al di qua dei nostri confini e ormai l'abbiamo visto e lo sappiamo.

Dateci un fucile e noi sapremo cosa farne. Dateci degli slogan e noi li trasformeremo in realtà. Cantate gli inni di guerra e noi li continueremo là dove voi li avete smessi. Non uno non due non diecimila non un milione non dieci milioni non cento milioni ma un miliardo due miliardi saremo noi la popolazione della terra avremo gli slogan avremo gli inni avremo i fucili e sapremo cosa farne e continueremo a vivere. Cercate di non sbagliarvi su questo punto noi continueremo a vivere. Saremo vivi e cammineremo e parleremo e mangeremo e canteremo e rideremo e sentiremo e ameremo e partoriremo i nostri figli nella tranquillità nella sicurezza nella dignità della pace. Voi progettate pure le guerre voi padroni di uomini progettate le guerre e puntate il dito e noi punteremo i fucili.

inviata da CCG/AWS Staff - 6/12/2009 - 23:41




Lingua: Finlandese

Il testo in finlandese

Finnish translation by Seppo Ilmarinen
Suomennos: Seppo Ilmarinen
Ja yhtäkkiä hän sai näyn. Hän näki itsensä uutena Kristuksena, miehenä, joka kantaa sisällään uuden järjestyksen siemeniä. Hän oli taistelukenttien uusi Messias, joka sanoi ihmisille: niin kuin minä olen, olkaa tekin. Sillä hän oli nähnyt tulevaisuuden, maistanut sitä ja eli sitä. Hän oli nähnyt lentokoneiden lentävän taivaalla, nähnyt tulevaisuuden taivaan, joka oli täynnä niitä, mustanaan niistä, ja nyt hän näki kauhun alhaalla maan pinnalla. Hän näki maailman, jossa rakastavaiset oli iäksi erotettu toisistaan ja jossa unelmat ja suunnitelmat eivät milloinkaan toteutuneet. Hän näki kuolleiden isien, rampautuneiden veljien ja mielipuolisina huutavien poikien maailman. Hän näki maailman, jossa kädettömät äidit yrittivät puristaa päättömät lapsensa rinnoilleen ja huutaa ulos tuskansa myrkkykaasujen runtelemista kurkuistaan. Hän näki nälkiintyneet kaupungit mustina, kylminä ja liikkumattomina, ja ainoa liike, ainoa ääni koko tuossa kuolleessa kauhun maailmassa olivat lentokoneet, joita taivas oli mustanaan, ja suurten tykkien jyly kaukana horisontissa ja pöllähdykset, joita niiden ammukset nostattivat osuessaan autioon kiusattuun maahan.

Näin se oli, ja hän oli ymmärtänyt sen ja nyt hän oli kertonut heille salaisuutensa ja kieltämällä hänet he olivat kertoneet hänelle omansa.

Hän oli tulevaisuus, hän oli täydellinen kuva tulevaisuudesta, ja heitä pelotti antaa kenenkään nähdä, millainen tulevaisuus oli. He tähyilivät jo tulevaisuuteen saadakseen siitä kuvan ja jossain siellä he näkivät sodan. Sen sodan käymiseen tarvittaisiin miehiä, ja jos miehet näkisivät tulevaisuuden he eivät suostuisi taistelemaan. Niinpä he naamioivat tulevaisuuden, tekivät siitä pehmeän, hiljaisen, tappavan salaisuuden. He tiesivät, että jos kaikki pienet ihmiset näkisivät tulevaisuuden, he alkaisivat esittää kysymyksiä. He esittäisivät kysymyksiä ja löytäisivät niihin vastauksia, ja niille, jotka haluaisivat heidän taistelevan, he sanoisivat: senkin valehtelevat paskiaiset, me emme taistele, me emme aio kuolla, me aiomme elää, me olemme maailma, me olemme tulevaisuus emmekä me anna teidän teurastaa itseämme mitä ikinä sanottekin, millaisia puheita pidättekin ja millaisia iskulauseita kirjoitattekin. Painakaa mieleenne, että me, me, me olemme maailma, me olemme niitä, jotka panevat sen pyörimään, me teemme leipää, vaatteita ja aseita, me olemme pyörän napa ja sen puolat ja pyörä itse, ilman meitä te olisitte pelkkiä nälkäisiä maan matoja emmekä me aio kuolla. Me olemme kuolemattomia, me olemme elämän lähde, me olemme alhaisia, halveksittavia, rumia ihmisiä, me olemme suuria, ihmeellisiä, kauniita maan ihmisiä ja me olemme lopen kyllästyneitä siihen, lopen uupuneita, olemme saaneet siitä iäti tarpeeksemme, sillä me olemme eläviä emmekä aio antaa tuhota itseämme.

Jos aiotte sotia ja jos teillä on aseita joilla tähdätä ja luoteja joita ampua ja jos tarkoituksena on tappaa ihmisiä, me emme ole niitä ihmisiä. Me jotka kasvatamme viljan ja muutamme sen ruuaksi, me jotka teemme vaatteita ja paperia ja seinälaattoja, me jotka rakennamme patoja ja voimalaitoksia ja korkeajännitelinjoja joiden johdoissa tuuli valittaa, me jotka pilkomme raakaöljyn kymmeneen osaan, me jotka teemme lamppuja ja ompelukoneita ja lapioita ja autoja ja lentokoneita ja tankkeja ja aseita, me emme ole niitä ihmisiä jotka tapetaan. Ei, me emme ole niitä jotka kuolevat. Te olette.

Te olette niitä jotka kuolevat, te, jotka yllytätte meitä taistelemaan, suutarin tappamaan toisen suutarin, työmiehen tappamaan toisen työmiehen, ihmisen joka haluaa vain elää tappamaan toisen ihmisen joka haluaa vain elää. Painakaa tämä mieleenne. Painakaa tämä visusti mieleenne te jotka suunnittelette sotaa. Älkää unohtako tätä te isänmaanystävät, sotakiihkoilijat, vihanlietsojat ja iskulauseiden tekijät. Pitäkää tämä mielessänne niin että se ei koskaan sieltä katoa.

Me olemme rauhaa rakastavia työtätekeviä ihmisiä, jotka emme halua riitaa. Mutta jos te tuhoatte meidän rauhamme, viette työmme tai yritätte usuttaa meitä toisiamme vastaan, me tiedämme mitä tehdä. Jos te käskette meitä tekemään maailman turvalliseksi demokratian nimissä, me otamme teidät vakavasti ja vannomme jumalan ja Kristuksen kautta tekevämme niin. Silloin me olemme valmiit tarttumaan aseisiin, jotka te olette käsiimme panneet, ja käyttämään niitä puolustaaksemme omaa elämäämme, johon kohdistuva uhka ei tule toiselta puolen sitä ei-kenenkään-maata, joka on syntynyt ilman meidän suostumustamme, vaan se uhka vaanii omien rajojemme sisäpuolella, tässä ja nyt, sillä me olemme sen nähneet ja tunnistaneet.

Pankaa käsiimme aseet, ja me käytämme niitä. Antakaa meille iskulauseita, ja me muutamme ne lihaksi. Laulakaa sotalauluja, ja me jatkamme siitä mihin te lopetatte. Ei yksi, ei kymmenen, ei kymmenen tuhatta, ei miljoona, ei kymmenen miljoonaa, ei sata miljoonaa vaan miljardi, kaksi miljardia kaikista meistä maan kansalaisista on valmis hyväksymään iskulauseet, sotalaulut ja aseet ja käyttämään aseita ja jäämään henkiin. Ja me aiomme jäädä henkiin, sen saatte uskoa. Me aiomme elää, kävellä, puhua, syödä, laulaa, nauraa, tuntea, rakastaa ja saada lapsia maailmassa, jossa vallitsevat sopusointu, turvallisuus, hyvä tahto ja rauha. Suunnitelkaa te sotia, te ihmisten käskijät, suunnitelkaa sotia ja näyttäkää tietä, ja me suuntaamme aseet sinne minne ne pitää suunnata.

inviata da Seppo Ilmarinen - 5/5/2016 - 09:39


I FERMI PAGINA SULLA CCG N° 10000
6 dicembre 2009, ore 23:21
PAGE SCREENSHOTS ON CCG NR 10000
December 6, 2009, 23:21


a) senza immagine / without image

ccgdiecim


b) con immagine / with image

diecimimm

CCG/AWS Staff - 6/12/2009 - 23:34


AVVISO / NOTICE

A partire da questa pagina, le "pagine speciali" non saranno più costruite ogni 1000 come è avvenuto finora, ma ogni 5000. La prossima pagina speciale sarà quindi per la CCG n° 15000.

Starting from this page, the "special pages" will be built no more every 1000 as up to now, but every 5000. So, the next special page will appear on AWS nr 15000.

CCG/AWS Staff - 7/12/2009 - 00:45


I NUMERI DEL SITO

Arrivati all'importante traguardo delle 10 000 canzoni, qualche numero che possa dare l'idea delle dimensioni e dell'importanza di questo archivio. Non per autocelebrarci ma soprattutto per ringraziare tutti quelli che hanno contribuito ad arrivare fin qui.

Questo sito è online (a parte alcune parentesi dovute a problemi tecnici) da 2454 giorni. Il 20 marzo 2003 iniziavano i bombardamenti su Baghdad e una prima versione appariva sulle pagine di wwww.prato.linux.it. È triste pensarlo, ma da 6 anni a questa parte neanche quella guerra, che è durata già più della Seconda Guerra Mondiale, ha visto una fine.

Dall'agosto di quest'anno ci siamo spostati su un nuovo server grazie agli amici di autistici / inventati.

Il sito ha una media di più di 80.000 visitatori unici al mese con più di 200.000 visualizzazioni di pagina. Nei motori di ricerca appariamo ai primi posti quando si ricercano i titoli di molte canzoni contro la guerra.

Le 10.000 canzoni sono suddivise tra 3348 autori diversi. Le traduzioni, da sempre la caratteristica più importante del nostro sito, sono 7258, in 112 lingue diverse. I commenti sono 4945.

Il sito si conferma internazionale con 3826 canzoni in inglese seguite dalle 2903 in italiano e 1191 in francese per un totale di 93 lingue. La lingua d'arrivo delle traduzioni è ovviamente il più delle volte l'italiano (3230) seguito dal francese (786) e dall'inglese (754).

Lorenzo Masetti - webmaster - 7/12/2009 - 01:13


UNA FOTO STORICA / AN HISTORIC PICTURE

diezmil


6 dicembre 2009, ore 23:21. L'inserimento della CCG n° 10000 dal pc di Riccardo Venturi. Firenze, via dell'Argingrosso 65/C.

December 6, 2009, 11:21 pm. The AWS nr 10,000 going to be entered into the website from Riccardo Venturi's pc. Florence, Italy, Via dell'Argingrosso 65/C.

7/12/2009 - 01:24


20 Marzo 2003, si moriva a Baghdad. 8 Dicembre 2009, si muore a Baghdad. Dopo 10.000 canzoni di AWS. Dopo 10.000 no al morire per guerre, ché già basta la morte che manda il mal Dio. Quante canzoni ancora, quanti no, è la domanda. E la risposta non cambia: quante canzoni e quanti no sono necessari, senza smettere mai. Mai.

Gian Piero Testa - 8/12/2009 - 23:11


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org