Lingua   

Biko

Peter Gabriel


Lingue: Inglese, Xhosa


Ti può interessare anche...

MCMXCIV perché i vivi non ricordano
(Daniele Sepe)
Don't Give Up
(Peter Gabriel)
Asimbonanga (Mandela)
(Johnny Clegg & Savuka)


Steve BikoAlbum: Peter Gabriel III (1980)
interpretata anche dai Simple Minds in "Street Fighting Years" (1989)

Steve Biko era il leader pacifista e antirazzista del partito comunista sudafricano (all'epoca fuorilegge), ucciso dalla polizia del regime dell'Apartheid nel 1977.
Probabilmente una delle più famose e belle canzoni di Peter Gabriel.

«Quando cerco di dormire, di notte, riesco a sognare solo in rosso» diceva con triste angoscia una canzone di Peter Gabriel del 1980, intitolata “Biko”. Dedicata a Steve Biko, capo del movimento sudafricano anti-apartheid “Coscienza Nera”, torturato e poi ucciso dalla polizia bianca, la canzone non ci mise molto tempo a diventare un generico inno anti-razzista, nemico di ogni specie di intolleranza. La melodia disperata, le percussioni tradizionali africane - inevitabilmente e tragicamente legate alla schiavitù - introducono immediatamente l’ascoltatore nel clima frastornato di chi è costretto ad assistere ad una violenza inaudita, per un motivo umanamente incomprensibile. Di estrema attualità, quindi. Merito di un artista, quale Peter Gabriel è a tutti gli effetti, o riprovevole colpa di alcuni uomini? La risposta ci preme il petto. Sappiamo solo constatare con apparente rassegnazione, come fa la canzone, che «the man is dead», l’uomo è morto. La memoria è cattiva e la storia poco insegna, basta guardarsi intorno per notare le sciocche divisioni: uomini e donne, bianchi e neri, eterosessuali ed omosessuali, neoliberismo e terzo mondo, cristiani e mussulmani. Sta di fatto che sono ancora in molti e ancora in maggioranza a non volerne più sapere di fischi di bombe, torture gratuite, esecuzioni ingiustificate. E sono sempre quelli che più ne pagano le conseguenze. Ma quando ne scompare uno di loro poco conta: «Potete spegnere una candela, ma non potete spegnere un fuoco», canta Peter Gabriel.

(Antonio Piccolo)


STEVE BIKO
di Pier Maria Mazzola

stevebiko1Lo scorso agosto a Pretoria, da poco ribattezzata Tshwane (Siamo tutti uguali), moriva un uomo che aveva avuto una visione chiara della tortura. «Nessuno ti dirà mai qualcosa senza tortura, te l’assicuro io. È come suonare il piano: usi i tasti neri e i tasti bianchi per tirarne fuori una dolce melodia».

Quell’uomo dall’animo così musicale si chiamava Gideon Nieuwoudt. Fu lui, con altri aguzzini, a “interrogare” Steve Biko, agli arresti da venti giorni, il 6 settembre 1977 nella stanza 619 del comando di polizia di Walmer, Port Elizabeth. Biko ne uscì irrimediabilmente malconcio. Per gli agenti, era stato un «incidente »: il prigioniero si agitava troppo… era andato a sbattere con la testa contro il muro. Praticamente di sua iniziativa.

bikosteve2L’11 settembre venne trovato nella sua cella in condizioni disperate. Si decise di funerale trasportarlo all’ospedale… di Pretoria! Oltre 1 e 100 chilometri che il detenuto percorse di notte, rigorosamente nudo e ammanettato, sul cassone di una Land Rover. Biko morì la notte seguente. Quell’omicidio atroce convinse il Consiglio di sicurezza dell’ONU - con voto unanime - a mettere il Sudafrica sotto embargo militare, un’iniziativa che contribuirà al declino dell’apartheid. L’eroe della lotta contro la segregazione razziale in Sudafrica è lui, Steve Biko, secondo solo a Mandela. Per i giovani, Biko viene anche prima.

Né amnistia né condanna

Nel 1997, vent’anni dopo la sua morte per «sciopero della fame», Gideon Nieuwoudt ed altri quattro sgherri hanno ammesso, davanti alla Commissione Verità e Riconciliazione presieduta da Desmond Tutu, qualche responsabilità, anche in molti altri casi oltre a questo.

A proposito: non pago dell’impresa, nel 1987 il colonnello Nieuwoudt si era dedicato anche ad appiccare il fuoco alle sale dove era in cartellone Grido di libertà, il film su Biko. Ma non hanno ottenuto l’agognata amnistia, non essendo stati esaustivi sulle circostanze della tortura-omicidio.

Va anche aggiunto che, nel 2003, la giustizia sudafricana li ha poi prosciolti per insufficienza di prove. Se fossa ancora vivo, oggi avrebbe meno di 60 anni. Quando venne massacrato dal regime segregazionista sudafricano era appena trentenne. Il nostro ricordo di Steve Biko, il giovane ribelle della Coscienza Nera.

E di altri due grandi protagonisti della lotta contro l’apartheid maginare come ci siano rimasti i figli di Steve, Nkosinathi e Samora, e la vedova Ntsiki che a suo tempo si era rivolta alla Corte Costituzionale per impedire che gli assassini del marito beneficiassero della Commissione Verità e Riconciliazione.

Ma che cos’aveva di tanto temibile un giovane uomo come lui, da indurre il regime di Pretoria dapprima a metterlo al bando, in condizioni di semi-isolamento, e poi a finirlo con la ferocia che sappiamo?

Pedagogia degli oppressi

bikosteve3Bantu Stephen Biko nacque nel dicembre del 1946, nella provincia del Capo Orientale. Dopo gli studi secondari si iscrisse a medicina all’Università del Natal - sezione separata per i neri, beninteso. Maturava intanto in lui la coscienza politica.

Il suo primo impegno fu con l’Unione nazionale degli studenti sudafricani (Nusas). Ma nel 1969 se ne staccò per fondare l’Organizzazione degli studenti sudafricani (Saso). Nella Nusas militavano anche giovani bianchi, la loro presenza era preponderante, Biko si convinse presto della necessità di uno spazio dove i neri in quanto tali si valorizzassero in modo autonomo. Prendeva corpo la Black Consciousness: la “Coscienza (o Consapevolezza) nera”.

Il giovane Steve aveva annusato lo spirito del tempo, soprattutto quello che soffiava sull’Africa (la negritudine, Kwame Nhrumah, Amílcar Cabral…), sugli Stati Uniti (Malcolm X, il Black Power e la Black Theology…), sull’America Latina (Paulo Freire e la sua pedagogia degli oppressi). «Per “Coscienza nera” - spiegava Biko - io intendo la rinascita politica e culturale di un popolo oppresso. Ora i neri in Africa sanno che i bianchi non saranno conquistatori per sempre.

Questa scoperta li conduce a porsi la domanda: “Chi sono io? Chi siamo?”. La sfida della decolonizzazione è stata condivisa dai bianchi liberali. Per qualche tempo si sono comportati come portavoce dei neri. Ma poi qualcuno di noi ha cominciato a chiedersi: “Possono forse i nostri amici liberali mettersi al posto nostro?”. La nostra risposta fu: “No!... Finché i bianchi liberali sono i nostri portavoce, non ci sarà nessun portavoce nero”».

Bianco, ma amico

Da qui all’accusa di razzismo (alla rovescia), il passo era breve. Ma Biko non si lasciò spiazzare: «Ancora oggi - confessava nell’anno della sua morte - noi siamo accusati di razzismo. È un errore. Noi sappiamo che tutti i gruppi interrazziali in Sudafrica hanno rapporti nei quali i bianchi sono superiori, i neri inferiori.

Così, per cominciare, i bianchi devono rendersi conto di essere solamente “umani”, non superiori. La stessa cosa per i neri, che devono rendersi conto di essere umani, non inferiori. Per tutti noi questo significa che il Sudafrica non è europeo, ma africano».

Grido di libertà è un film che il regista Richard Attenborough (quello di Gandhi) ha costruito proprio sull’amicizia di Biko (la prima interpretazione importante di Denzel Washington) con un giornalista, un bianco liberale.

È grazie a lui, del resto, che sappiamo molte cose di Biko, affidate a un libro di memorie. Per Donald Woods (questo il suo nome), che pagò con l’esilio il suo rapporto con Biko, «l’amico che più apprezzavo era un uomo speciale, straordinario. Nei tre anni che lo conobbi, non ebbi mai il minimo dubbio che fosse il leader più importante dell’intero paese.

Era saggio, pieno di humour, compassionevole, brillante, altruista, modesto, coraggioso. Il governo non ha mai capito quanto Biko fosse uomo di pace. Il suo costante obiettivo era la riconciliazione pacifica di tutto il Sudafrica».

Dopo Soweto

Nel 1972 Steve Biko è tra i fondatori della Black Peoples Convention, federazione di una settantina di gruppi che si riconoscono nella filosofia della coscienza nera. In questo ambiente si prepararono le manifestazioni di protesta di Soweto, la township di Johannesburg teatro, il 16 giugno 1976, di una durissima repressione della polizia.

Quel giorno vennero massacrati almeno cento neri. La rivolta dilagò per il paese e in un anno si contarono un migliaio di vittime. Moltissimi i giovani, anche bambini. Non era difficile, per il regime, collegare il nome di Biko alla rinnovata consapevolezza che sosteneva la gioventù nella lotta contro l’apartheid.

Biko non fece mai parte dell’African National Congress (Anc), il movimento storico - quello di Nelson Mandela - che dal 1912 convogliava l’ansia di riscatto della maggioranza nera. Per il leader studentesco, l’Anc era in un certo senso troppo “moderato”, anche se aveva poi fatto la scelta, non condivisibile per un nonviolento come Biko, di costituire un braccio armato.

Ma prima del suo arresto definitivo, Biko stava preparandosi, come ricorda lo stesso Mandela, a un incontro segreto con Oliver Tambo, il successore di Lutuli alla presidenza dell’Anc. Di quella nascente alleanza il governo aveva sicuramente paura.

Forse, anche per questo Biko venne ammazzato.

Ammazzato? «Biko vive!», gridano ancora i graffiti dai muri delle periferie sudafricane.


Cover:
Robert Wyatt (1984) in "Work in Progress"
Joan Baez(1987) in "Recently".
BAP (in tedesco) (1988)
Cudù (1988) in "Vivo"
Simple Minds (1989) "Street Fighting Years".
Manu Dibango (1994) in "Wakafrika".
Playing for Change in "Songs Around the World".
Paul Simon (2010) in "And I'll Scratch Yours".
Nomadi e poi Danilo Sacco dal vivo
(dq82)
September '77
Port Elizabeth weather fine
It was business as usual
In police room 619
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja [*]
-The man is dead

When I try to sleep at night
I can only dream in red
The outside world is black and white
With only one colour dead
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
-The man is dead

You can blow out a candle
But you can't blow out a fire
Once the flames begin to catch
The wind will blow it higher
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
-The man is dead

And the eyes of the world are
watching now
watching now.
NOTA

[*] "Yihla Moja, Yihla Moja" proviene dal ritornello dell'inno dell'African National Congress, Nkosi sikelel' iAfrika, scritto da Enoch Sontonga nel 1897 (attualmente divenuto l'inno nazionale sudafricano). Le parole, in lingua xhosa, significano "Discendi Spirito Santo, Discendi Spirito Santo".

inviata da Riccardo Venturi - 8/4/2005 - 18:36




Lingua: Italiano

Versione italiana ripresa da questa pagina
BIKO

Settembre '77 Port Elizabeth tempo bello
Era un'attività normale
Al posto di polizia 619.

Oh Biko, Biko,
perché Biko Yihla Moja,
Yihla Moja
- l'uomo è morto.

Quando provo a dormir la notte
Posso solo sognare in rosso
Il mondo esterno è bianco e nero
Con solo un colore morto.

Puoi spegnere una candela
Ma non puoi spegnere un fuoco
Quando la fiamma inizia a far presa
Il vento soffierà più forte.

Oh, gli occhi del mondo ti stanno guardando.

inviata da Riccardo Venturi - 8/4/2005 - 18:37




Lingua: Italiano

Questa è una traduzione fatta da me.
Non sono sicuro che sia perfetta, ma mi sembra che ricalchi meglio il significato dell'ultima strofa...
(MarKco)
BIKO

Settembre '77
A Port Elizabeth il tempo è bello
Tutto procede come al solito
nella stanza 619 del commissariato

Oh Biko, Biko, perché Biko
Oh Biko, Biko, perché Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
Quest'uomo è morto

Quando di notte provo a dormire
riesco a sognare solo in rosso
Il mondo là fuori è bianco e nero
con un solo colore morto.

Oh Biko, Biko, perché Biko
Oh Biko, Biko, perché Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
Quest'uomo è morto

Puoi soffiare su una candela
ma non puoi soffiare su un fuoco
Una volta che le fiamme hanno iniziato a bruciare
il vento le alimenterà

Oh Biko, Biko, perché Biko
Oh Biko, Biko, perché Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
Quest'uomo è morto

E gli occhi del mondo ora
stanno guardando
stanno guardando

inviata da MarKco - 10/5/2005 - 00:42




Lingua: Italiano

Versione italiana di Irene

Non è una traduzione alla lettera ma ho cercato di portare in italiano anche le sensazioni che il testo mi dava.
BIKO

Settembre 1977
Port Elizabeth--tempo buono
tutto come al solito
stazione di polizia, stanza 619.

Biko, perché?
“Quest’uomo è morto”.

Quando cerco di dormire la notte
nei miei sogni un mare di rosso
Il mondo là fuori è un po’ bianco e un po’ nero,
ma un solo colore muore.

Certo, soffiando, puoi spegnere una candela,
ma così non puoi spegnere un incendio
Quando la fiamma comincia a bruciare
sarà proprio il vento a renderla indomabile.

Biko, perché?
“Quest’uomo è morto”.

Ma gli occhi del mondo
vi stanno guardando
ora.

inviata da Irene - 20/7/2008 - 08:51


Sì, Robert Wyatt ha interpretato "Biko" (di Peter Gabriel); si può trovarla nel cd "Mid-eighties" (uscito nel 1993: si tratta di un cd che raccoglie materiale uscito in vinile in anni diversi e che contiene una bellissima [musicalmente] canzone intitolata "Chairman Mao", di cui non riesco a trovare il testo da nessuna parte; qualcuno lo sa? sarei molto curioso di sapere che cacchio dice) o nei 5 mini cd usciti in unico cofanetto col titolo "EPS" nel 1999 (e anche qui c'è la canzone su Mao).

Renato Stecca - 20/9/2007 - 23:05




Lingua: Tedesco

versione tedesca
BIKO

September '77
Port Elizabeth - Sonnenschein
in Sechs-Eins-Neun endlich Ruhe
nur ein Stuhl ging aus dem Leim
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
- er ist tot

Du loescht gerade noch eine Kerze
doch nicht ein grosses Feuer
springt die Flamme einaml ueber
treibt der Wind sie immer hoeher
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
- er ist tot

Die lange Nacht ist viel zu heiss
ich traeum nur noch in rot
Die Welt da draussen ist schwarz-weiss
nur eine Farbe tot
Oh Biko, Biko, because Biko
Oh Biko, Biko, because Biko
Yihla Moja, Yihla Moja
- er ist tot

Und alle, alle seh'n euch jetzt
seh'n euch jetzt seh'n euch jetzt
sie sind da

inviata da Marcia - 14/11/2007 - 12:21




Lingua: Polacco

Wrzesień '77
Port Elizabeth pogoda w porządku
Były to interesy, jak zwykle
W pokoju policyjnym (numer) 619
Oh Biko, Biko, ponieważ Biko
Oh Biko, Biko, ponieważ Biko
Duchu przyjdź, Duchu przyjdź
- Człowiek nie żyje

Gdy próbuję w nocy spać
Mogę jedynie marzyć w czerwieni
Że świat na zewnątrz jest czarno-biały
Z tylko jednym kolorem martwym
Oh Biko, Biko, ponieważ Biko
Oh Biko, Biko, ponieważ Biko
Duchu przyjdź, Duchu przyjdź
- Człowiek nie żyje

Możesz zgasić świecę
Ale nie zgasisz ognia
Gdy już ogień zaczął płonąć
Wiatr będzie go unosił wyżej
Oh Biko, Biko, ponieważ Biko
Duchu przyjdź, Duchu przyjdź
- Człowiek nie żyje

A oczy świata
Patrzą teraz
Patrzą teraz...

inviata da krzyś - 21/12/2013 - 06:16


C'è anche un'altra canzone dedicata a Biko. è contenuta in "Johnny Dyani - song for biko (1978, steeplechase)".
Non ha testo; ma, a volte, la musica esprime più delle "mere" parole. opinione opinabile e personale, ovviamente ;-)

cheers

Clivatxt [uno dei tanti Marco C.] - 28/9/2006 - 13:54


Comunque la canzone Biko è dei Simple Minds, anche se l'ha scritta quel grande di Peter Gabriel!
È vero che i Simple Minds hanno interpretato la canzone nel loro album Street Fighting Years del 1989, ma originariamente è stata scritta e interpretata da Gabriel

14/5/2007 - 12:32


Mi pare che una versione bellissima di Biko l'abbia incisa Robert Wyatt ex batterista dei Soft Machine, fondatore dei Matching Mole e tanto altro.

claudio - 18/9/2007 - 18:30


Quando di notte provo a dormire
riesco a sognare solo in rosso
Il mondo là fuori è bianco e nero
con un solo colore morto.

la traduzione giusta è
IL MONDO LA FUORI E' BIANCO E NERO
LA MORTE E' DI UN COLORE SOLO

STEFANO - 25/4/2014 - 18:29


Questo è un video che una vecchia rock band degli anni '80 ha realizzato ritrovandosi 30 anni dopo lo scioglimento per onorare Nelson Mandela all'indomani della sua morte.
La rock band di Reggio Emilia si chiama Tokio ed ha realizzato questo video con un personalissimo arrangiamento di "Biko" con il quale verrà avviata una campagna di raccolta fondi a favore di un progetto di scambio culturale tra giovani musicisti Reggiani e Sudafricani.
Ecco il video:

Paolo Genta - 28/6/2014 - 15:04


...e gli occhi del mondo ecc ecc, a me piace pensare che PG mettendoci le cornamuse in sottofodo voglia dire CI stanno guardando, noi bianchi inglesi,principali artefici e sostenitori di quella cosa orrenda che si chiama apparteid. Fabrizio.

fabrizio - 6/8/2014 - 03:22




Lingua: Italiano (Piemontese Torinese)

Versione piemontese di autore anonimo (Torino 1954) da Youtube



traduzione in italiano del testo in torinese
Settembre del '77
io facevo 23 anni
era il tempo dell'apartheid
in Sud-Africa, per quanti anni...

OH BIKO, BIKO, POVERO STEVE BIKO
L'HAN PICCHIATO,
L'HAN PICCHIATO FINO A CHE L'HANNO AMMAZZATO

il giorno 12 di settembre
era nato Amilcar Cabral
ma il giorno 12 di settembre
adesso è il giorno che hanno ammazzato Stefano

OH BIKO, BIKO, POVERO STEVE BIKO
L'HAN PICCHIATO,
L'HAN PICCHIATO FINO A CHE L'HANNO AMMAZZATO

settembre del '77
e poi ancora per tanti anni
è durata l'apartheid
a Soweto e in tutto il Paese

OH BIKO, BIKO, POVERO STEVE BIKO
L'HAN PICCHIATO,
L'HAN PICCHIATO FINO A CHE L'HANNO AMMAZZATO

Liberté
Egalité

Fraternité

inviata da dq82 - 31/8/2017 - 16:41


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org