Lingua   

Siete venuti a cercare

Alberto Cantone
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

De l'autre côté du pont
(Salvatore Adamo)
La pianura dei sette fratelli
(Gang)


[2003]

Una canzone contro una fra le tante vittime della guerra: in questo caso sono i soldati, specie delle classi più povere o delle minoranze etniche, mandati a morire in una guerra che non è la loro, presentata come pacificatrice e attraverso la mistificazione di essere attesi come "liberatori" dalle popolazioni.
E' stata incisa nel disco live "Liocorno - note d'autore", distribuito da "Storie di note"
Siete venuti a cercare
con i vostri vent'anni di terra di aria e di mare
siete venuti a cercare
in questo deserto di lacrime polvere e sale
le bugie e le promesse
di una pace dal volto globale
che riempiono il becco
di falchi e avvoltoi del quartier generale
e il sorriso vincente
più rassicurante
del Presidente al telegiornale
… siete venuti a cercare

Siete venuti a cercare
qualche cosa in cui credere o forse perché non c'è altro da fare
siete venuti a cercare
per i vostri vent'anni la luce di un posto, un futuro migliore
perché nascere povero o nero
non è proprio nascere uguale
in questa Patria che ha tanta giustizia
che ancora ce ne ha da esportare
qualcuno perché ci ha creduto
nel sogno dei padri
per un fottuto ideale
… siete venuti a sparare

Siete venuti a cercare
fino al fondo del fondo del culo a una guerra dal ghigno globale
e siete venuti a sparare
siete venuti col fuoco e nel fuoco vi tocca marciare
e il petrolio ha deciso per voi
e per questa terra ferita
il potere ha deciso
dei vostri vent'anni e della loro vita
e sul foglio d'addio
dei vostri sogni caduti
ha scritto col sangue i più grati saluti
… che per lui siete venuti!
per lui siete venuti

Siete venuti a portare
libertà e caramelle e carezze sul volto ai bambini
e parole di pace incartate nei cioccolatini
com'è stato a Belgrado, a Kabul
oggi qui come ieri
stipate nei bombardieri.
Ma non vi aspettano qui come allora
né bandiere né cori
di festa a Baghdad né a Bassora
Non vi aspettano baci né fiori
dai rami delle finestre ferite
in questo schifo d'aprile
… siete venuti a morire
siete venuti a morire!

inviata da Mario Vilca


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org