Lingua   

Lo pal

Lou Dalfin


Lingua: Occitano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Terra 1209
(Lou Dalfin)
Joan Peiròl
(Lou Dalfin)
La Fàbrica occitana
(Gai Saber)


Si tratta della traduzione occitana de L'estaca di Lluís Llach, cui rimandiamo per il testo originale catalano. Facendo parte delle "CCG primitive", la pagina autonoma è stata mantenuta per l'intangibilità delle 600 canzoni originali di questo sito.

dall'album "Gibous, bagase e bandì" [1995]


Lou Dalfin
Lo míu parser me parlava
de bon'ora a la fònt
lo solelh esperavem
e i mul passaven lo pònt

Al m'a mostà lo pal
ente sem tuchi estachats
podem pas destachar-se,
sem pas pus libres de anar

Se tirem tuchi al vai tombar,
gaire de temps pòl pas durar
segur que tomba, tomba, tomba,
e al es ja ben enclinat

E se tu tires fòrt d'aqui
e que mi tiro fòrt d'alai
segur que tomba, tomba, tomba,
e nos trobem jò desliurats

Tuchi sabem qu'al es març,
mas, parser, al pesa tant,
e quora me manca la fòrça
di-me encar lo tíu chant.

inviata da Marco Sopegno



Lingua: Italiano

Versione italiana fornita da Marco Sopegno
IL PALO

Mio nonno mi parlava,
di buon'ora alla sorgente
aspettavamo il sole
e i muli attraversvano il ponte

Mi portò a vedere il palo
a cui siamo tutti legati
non possiamo più liberarci,
non siamo più liberi di andare

Se tiriamo tutti insieme cadrà
non può durare a lungo
cade di sicuro,
è già piegato

E se tu tiri forte di qui
e io tiro forte di là,
cade di sicuro
e ci ritroviamo liberi.

Sappiamo tutti che è marcio,
ma, nonno, è molto pesante,
e quando sento che mi manca la forza
dimmi ancora quel tuo canto.

Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org