Lingua   

Angelita di Anzio

Los Marcellos Ferial


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Facciamo l'amore non la guerra
(Davide e Sara)
Mια κόρη
(Nikos Xylouris / Νίκος Ξυλούρης)


[1964]
[Minerbi-Timo-Romano]

ang


Los Marcellos Ferial.
Los Marcellos Ferial.
La più famosa canzone dei Marcellos Ferial, un vero e proprio "evergreen" sopravvissuto probabilmente ai suoi stessi autori e interpreti.
La storia di questa canzone merita di essere raccontata almeno per sommi capi.

Il fatto da cui essa scaturisce è tra i più semplici: il soldato Christopher S. Hayes, militare del "Royal Scots Fusiliers" sbarca insieme al suo plotone aggregato ad una divisione alleata sulla costa di Anzio, il 5 giugno 1944, e non trova i tedeschi pronti a sparargli addosso ma una bambina sola, in lacrime e terrorizzata, della apparente età di cinque anni. Lui e un gruppo di commilitoni decidono subito di farne una mascotte e la portano al seguito, chiamandola Angelita.

Dura pochi giorni. La bimba riesce a malapena a ritrovare un po' di serenità ed ecco una granata piombare sulla trincea che il plotone si era scavata uccidendola all'istante.

Il soldato Hayes ed i suoi commilitoni devono continuare la guerra ed il cadaverino rimane lì, in quella trincea, forzatamente abbandonato.
Haynes si porta addosso il ricordo di quella bambina per tutta la durata della guerra anche negli anni a seguire. E' così forte il pensiero e la tristezza per la sorte toccata a quella piccola mascotte da attraversare, intatti, una buona parte della sua vita. Anzi, quasi vent'anni dopo sente il bisogno di scrivere al Consiglio comunale di Anzio per chiedere notizie di quella povera bimba. Voleva sapere se quel corpicino dilaniato da una granata cieca avesse almeno trovato sepoltura e dove fosse la sua tomba.

Angelita è stata come un piccolo soldato ignoto rimasto insepolto e senza croce. Infatti, non si è certi nemmeno del suo nome.
Anzio si limitò a dedicarle un monumento giusto in occasione dell'Anno Internazionale del Bambino. Fossi stato sindaco di Anzio, nell'inaugurare il monumento, senza esitazione alcuna avrei promosso un referendum tra gli Anziati e lo avrei accompagnato con un proclama del genere: "Cittadini! Vogliamo adottare tutte le povere Angelite del mondo in memoria della nostra?"

Anzio. Il monumento a Angelita. Angelita's Memorial.
Anzio. Il monumento a Angelita. Angelita's Memorial.
Il breve e triste tragitto di Angelita sulla strada della vita, conclusasi così tragicamente in un momento sconvolgente per l'umanità intera, meritava maggiore meditazione e più pellegrinaggi al suo monumento di quelli che richiamano le false lacrime delle false madonne.
La storia di Angelita è uno spaccato della realtà storica, terribile e sovrumana di cui Anzio ricorda, nel suo "Museo dello Sbarco", solo una piccola parte. Anche questo meriterebbe una maggior attenzione ed impegno perché Il Museo ed il monumento di Angelita sono due testimonianze, due "memento" di ciò che potrebbe ancora succedere. (Riccardo Venturi)

Since 22nd January 1979 the statue of Angelita has stood in Anzio. It stands in memory not of a legend but of a very real victim of war. S.C. Hayes of the Royal Scots Fusiliers found the child in January 1944 lost and frightened on the beach in the midst of heavy bombing.

She was for a short time adopted by Hayes and his comrades who were unable to locate her family. For a few days Angelita was happy with the soldiers who cared for her like a princess. But the story has no happy ending. The men left the child with the Red Cross and just minutes after leaving her, there was an explosion from a shell and Angelita was killed.

Hayes never forgot the little girl and after the war attempted to track down her family or find out anything he could about her. But to no avail. In fact he could not even be certain that he and his comrades had got the child's name correct. Tracing the real child proved impossible but in the process she moved into legend. The people of Anzio erected a statue, a young girl surrounded by seagulls, and Angelita di Anzio became a symbol of all the innocent victims of the cruelty of war.


Si può ascoltare parzialmente dal sito radio.rai.it in formato real audio (k.d.)
Aaaaangeeeeelitaaaa,
ti saresti chiamata Angelita,
Angelita.

Angelitaaaaa,
volevamo chiamarti Angelita,
Angeliiiiiiiiiiiita.

Sbarcammo ad Anzio
una notte,
oooo-oh
oooo-oh.
C'era soltanto la luna
ed un piaaaaanto di bimba.
In fondo al suo sguardo di mare
c'erano ancora le favole,
e quattro conchiglie
ripiene di sabbia
stringeva una piccola manoooo.

Angelita,
ti saresti chiamata Angelita,
Angeliiiiiiiiiita.

Entrammo in Anzio
e fu l'alba,
oooo-oh
oooo-oh.
Con il fucile sul braccio
e la biiiiimba con noi.
Aveva i capelli di grano
ed una voce di passero.
Le quattro conchiglie
ripiene di sabbia
stringeva la piccola manoooo.

Angelita,
volevamo chiamarti Angelita,
Angeliiiiiiiiiita.

Che alba grigia
su Anzio,
oooo-oh
oooo-oh.
Scese improvviso fra noi
un sileeeeeeenzio di bimba.
Da quel suo sguardo di mare
eran fuggite le favole,
ma quattro conchiglie
ripiene di sabbia
restavano nella sua manoooo.

Aaaaangeeeeelitaaaa,
ti saresti chiamata Angelita,
Angelita.
Angelitaaaaa,
volevamo chiamarti Angelita,

Ange.... lita.
Angelitaaaaaaaaa.
Angelitaaaaaaaaa
Angelitaaaaaaaaa.

inviata da Riccardo Venturi




Lingua: Portoghese

Versione portoghese di Pino Ulivi dal suo sito L'Italia in Brasile. Segnaliamo che, a sua volta, Pino Ulivi ha ripreso la canzone dal nostro sito e ci ha gentilmente linkati. Un grazie di cuore a Pino e tanti complimenti per il suo bel sito! [RV]
ANGELITA DE ANZIO

Angelita,
tu terias sido chamada Angelita,
Angelita.

Angelita,
queríamos chamar-te Angelita,
Angelita.

Desembarcamos em Anzio
uma notte,
oh oh, oh oh.

Havia somente a lua
e um choro de menina.
No fundo do seu olhar de mar
haviam ainda as fabulas,
e quatro conchas
cheias de areia
apertava uma pequena mão.

Angelita,
tu terias sido chamada Angelita,
Angelita.

Entramos em Anzio
e foi o alvorecer,
oh oh, oh oh.

Com o fuzil no braço
e a menina conosco.
Havia os cabelo de trigo
e uma voz de pássaro.
As quatro conchas
cheias de areia
apertava a pequena mão.

Angelita,
queríamos chamar-te Angelita,
Angelita.

Que amanhecer cinza
sobre Anzio,
oh oh, oh oh.

Desceu de improviso entre nós
um silencio de menina.
Daquele seu olhar de mar
haviam fugido as fabulas,
mas quatro conchas
cheias de areia
permaneciam na sua mão.

Angelita,
tu terias sido chamada Angelita,
Angelita.

Angelita,
queríamos chamar-te Angelita,
Angelita.

Angelita!
Angelita!
Angelita!

inviata da Riccardo Venturi - 30/11/2006 - 23:22





Versione greca di Riccardo Venturi, 10 maggio 2011
Μετέφρασε στα Ελληνικά ο Ρικάρδος Βεντούρης, 10.5.2011

Da oggi Angelita ha una...piccola gemella greca, nella canzone Mια κόρη. Anche per questo è stata approntata la presente traduzione in greco, se uno dei principali scopi di questo sito è quello di mettere in contatto realtà simili e diverse al tempo stesso. [RV]
Η ΑΝΤΖΕΛΙΤΑ ΤΟΥ ΑΝΤΣΙΟ

Αααααντζελίτααααα,
Θα σε είχαν πει Αντζελίτα,
Αντζελίτα.

Αντζελίταααα,
Ηθέλαμε να σε πούμε Αντζελίτα,
Αντζελίίίίίίίίίτα.

Κάναμε απόβαση στο Άντσιο
Μια νύχτα
Οοοο-οχ
Οοοο-οχ.
Μόνο ήταν το φεγγάρι
Και το κλάμα ενός παιδιού
Στα βάθη των ματιών της από θάλασσα
Ακόμη ήταν τα παραμύθια,
Και τέσσερα κοχύλια
Γεμάτα άμμο
Έσφιγγε με τα χεράκιά της

Αααααντζελίτααααα,
Θα σε είχαν πει Αντζελίτα,
Αντζελίτα.

Μπήκαμε στο Άντσιο
Και ξημέρωσε,
Οοοο-οχ
Οοοο-οχ
Με τα τουφέκια στα χέρια
Και το παιδί μαζί με ημάς.
Είχε σιταροξανθιά μαλλιά
Και φωνή σπουργιτιού.
Τα τέσσερα κοχύλια
Γεμάτα άμμο
Έσφιγγε με τα χεράκιά της.

Αντζελίταααα,
Ηθέλαμε να σε πούμε Αντζελίτα,
Αντζελίίίίίίίίίτα.

Τι γκρίζα αυγή
Πάνω στο Άντσιο,
Οοοο-οχ
Οοοο-οχ.
Έπεσε ξαφνικά μεταξύ μας
Η σιγή του παιδιού.
Από τα μάτια της από θάλασσα
Τα παραμύθια φύγανε,
Αλλά τα τέσσερα κοχύλια
Γεμάτα άμμο
Τα χεράκιά της ακόμη τα κρατούσανε.

Αααααντζελίτααααα,
Θα σε είχαν πει Αντζελίτα,
Αντζελίτα.

Αντζελίταααα,
Ηθέλαμε να σε πούμε Αντζελίτα,

Αντζε....λίτα.
Αντζελίτααααααα
Αντζελίτααααααα
Αντζελίτααααααα.

10/5/2011 - 02:07


..mi chiamo angelita.. il mio nome mi piace più di qualsiasi altra cosa di me.. mia madre mi ha raccontato quando da piccola ascoltava questa canzone, finalmente l'ho trovata.. è meravigliosa

angelita - 19/4/2007 - 12:36


sono angelita...adoro il mio nome singolare..per questo devo ringraziare mamma che se ne innamorò,pensate un pò,quando era incinta di mia sorella..poi sono nata io,nove anni dopo..oggi ho scoperto per intero la mia canzone..anche se,ad un esame universitario,il mio prof.iniziò a canticchiarla prima di interrogarmi(che figura con gli altri colleghi)!

angelita fumarola - 7/2/2008 - 19:58


QUESTA CANZONE MI RICORDA UN PERIODO MOLTO TRISTE DELLA MIA INFAZIA.

ELENA - 17/3/2008 - 10:08


ciao sono angelita,anche io sono orgogliosa del mio nome e mi piace tanto,a mia mamma piacque molto e sé mio fratello di sei anni piu' grande di me nasceva bimba avrebbe portato questo nome bellissimo ANGELITA

Angelita - 30/3/2008 - 16:54


Grazie per aver creato questo sito. Ho conosciuto Angelita di Anzio solo poche settimane fa, grazie ad una trasmissione alla radio e mi sono commosso. Oggi ritrovo notizie sul sito e vi ringrazio per questo lavoro.
Diffonderò con affetto la sua storia e cercherò notizie e quant'altro sperando di contribuire a tenere viva la memoria del nostro cucciolo, Angelita di Anzio.

Un papà.

Giacomo, 1966 - 1/5/2008 - 18:01


E' una canzone che sentivo cantare da bambina e che ho riascoltato stamattina casualmente alla radio. Mi ha commosso perche' una sorellina ,nata e volata via prima che nascessi io,si chiamava angela ,angelita,come me.storia triste, ma dolce

angela - 18/5/2008 - 10:47


avevo sei anni quando ascoltavo questa canzone sul 45 giri di papà e ogni volta mi commuovevo tantissimo. per tanti anni (ora ne ho 50) mi è rimasto in testa il ritornello e il ricordo della commozione ma senza sapere il perchè. ora l'ho risentita è finalmente ho capito perchè mi faceva piangere. è molto triste ma fa riflettere sulle guerre e sui sentimenti delle persone ; vorrei che nessuno mai più sentisse il bisogno di scrivere canzoni contro le guerre. la mia è solo una utopistica speranza o in fondo al proprio sè ogni uomo nasconde qualcosa di buono?
marina 1958

marina - 28/1/2009 - 14:37


A scuola il nostro maestro ce l'ha fatta ascoltare e io e i miei compagni la canteremo alla festa di fine anno.

Claudia - 15/5/2009 - 22:56


Anch'io ero piccola quando ascoltavo questa canzone, io e mia sorella ci commuovevamo sempre, è una di quelle canzoni che ti restano in testa per tutta la vita, come "Signore delle Cime" o "Non ti ricordi quel mese di Aprile" (non lo so il titolo, ho avuto un nonno partigiano che ha saputo insegnarmi solo cose belle...).

Tatiana - 1/2/2010 - 15:26


Avevo due anni quando fu scritta. Ma me la ricordo, me la ricorderò sempre, perchè quando mia madre me l'accennava non riusciva ad andare oltre la prima strofa, poi mi stringeva e non riusciva a continuare. Lei quelle cose le aveva vissute davvero, qualche kilometro più a nord. Allora chiedevo a papà, classe 1922, che non aveva fatto esperienze migliori. Ma ho dovuto aspettare fino ad oggi per sapere un po' di più. Ora, a distanza di tanti anni, sento lo stesso groppo alla gola dei miei genitori.

fabio - 13/5/2010 - 19:56


Mi chiamo ovviamente Angelita, questa canzone mi piace perche la storia della bambina e commovente. Perche anche la mia storia è così

26/6/2010 - 15:16


Conosco questa storia e la canzone fin da bambina, mio papà me la raccontava sempre e quando non lo faceva ero io a chiederglielo, senza stancarmi mai, perché niente deve
andare perso! A mia volta anch'io l'ho raccontata.
Ho risentito casualmente la canzone qualche giorno fa e
per me è sempre come la prima volta: una struggente emozione.

Vania - 29/7/2010 - 22:35


mi ricordo della canzone anche se avevo 9 anni ma risentirla adesso e leggendo la storia è commovente antonio.1955

30/10/2010 - 11:29


La mia maestra alle elementari ci ha insegnato la canzone di Angelita. Davvero è una storia triste che non si può dimenticare e la canzone ti rimane nel cuore per sempre.
Lorella 1959

21/1/2011 - 10:46


Sonoun ragazzo del 60 e da piccolo quando mia nonna alla radio sentiva questa canzone scoppiavo in lacrime. Ancora oggi a 50 anni mi fa lo stesso effetto e non capisco il pechè?Sono un ex militare ho lavorato in posti infernali e ho la pelle dura, ma oggi come allora senza sapere il perchè mi fa questo effetto. E' una canzone meravigliosa e una storia tristissima.

Alessio- da Genova - 18/2/2011 - 14:40


buona sera a tutti ovviamente anche io mi chiamo angelita sin da piccola i miei amici piu' grandi di me quando mi domandavano come mi chiamavo esultando il mio nome mi cantavano questa canzone.oramai la conosco quasi a memoria, i miei nn volendomi chiamare come tutte le altre bambine hanno scelto questo mi sarei dovuta chiamare rosangela. porto cn molto orgoglio questo nome portandomi dietro questa canzone sin da piccina.... grazie a questa stupenda bambina si ricordano di noi....nel mio paese sn sola nn c'e nessuno che si chiama cm me...

angelita - 1/6/2011 - 23:51


Sono nato nel '62 ed i miei genitori avevano il 45 giri della canzone che ascoltavo, rimettendola su, per ore. Mi piaceva ma allo stesso tempo mi trasmetteva grande angoscia sia per la sorte della piccola che per quella dei soldati che, a migliaia, avrebbero trovato la morte in Italia, lontani da casa e dai loro affetti.

Riccardo - 4/8/2011 - 22:25


cosa dire di questa canzone che esalta un pezzo di storia del nostro paese in guerra, con questa canzone di poche e semplici parole ,fiumi di lacrime sono scorse nelle nostre guance lasciandoci un nodo in gola...che ancora non si è asciugato al pensiero di altre Angelite che ci sono nel mondo...altre storie altre canzoni altre lacrime
michele

siviero michele - 16/11/2011 - 00:59


Quando usci questa canzone avevo solo 6 anni. Eppure me la ricordo perfettamente, la triste storia di Angelita, una delle tante piccole ed innocenti vittime della II^ Guerra Mondiale. Questo episodio della guerra combattuta in casa nostra, mi aveva colpito nel profondo del cuore. Cosi, quando pensavo a lei divenivo triste. Ero triste al pensiero che, bimba che come me, non avevo potuto vivere la propria vita di adolescente.

claudio grazioli - 16/1/2012 - 15:40


Olá, CLUBE DA ANGELITA, sim é de chorar, assisti o filme no ano de 1962 e adorei, tinha 10 anos de idade menina inocente, e pensei! quando eu me casar vou ter filhos e colocarei o nome de ANGELITA, mas, não tive sorte ao registrar a minha primeira filha no cartorário me disserrão que, ANGELITA é simplesmente um apelido e dai registre com nome de ANGELA. vcs que lerem este desabafo,o que eu mais quero e saber se alguém sabe onde encontrar o filme, aguardo uma resposta,

narcy - 11/8/2012 - 01:43


eu me chamo angelita e aprendi a gosta do meu nome na minha infancia so tonha eu mas conheci outras com meu nome e conheci as musica e a estoria gostei legal

angelitaoliveiragomes@yahoo.com - 25/8/2012 - 22:57


Angelita è Angelita. Eroina, santa, angelo, mascotte, icona, simbolo,cucciolo, vittima, ma soprattutto è... emozione, speranza, gioia, vita, coraggio, dolcezza, amore, sentimento,valore, ideale. Da bambino e da ragazzo ascoltavo questa canzone rapito da un vortice di indescrivibili emozioni che ancora oggi, ormai vecchio ultrasessantenne, provo senza vergogna. Povero piccolo fiore falciato via all'albore della vita proprio quando qualcuno era riuscito a placare il suo terrore al cospetto di una guerra maledetta. Solo l'arte, attraverso una canzone e una musica dolcissima, è riuscita a toccare l'anima e ad espandere e a far esplodere sensazioni indescrivibili.

poli70 - 23/12/2012 - 01:25


This is a wonderful song which I just happened to hear again on the Apple radio as I was listening to old Italian songs. I might have been 10 years old when first heard it. To me it was just a song and I am very surprised the majority of people in this forum recollect being so sad listening to this song.in the sixty. Did they really know the story behind it back then? I never knew it, to me it was just a cool song and, I've just read the story. Yes it is sad indeed but now as in the past it is exciting playing it again.

TDM - 12/8/2015 - 03:59


Ciao mi chiamo Angelita sono del 1970 adoro il mio nome grazie ai miei genitori e dietro il suggerimento di mio Zio che invece di chiamarmi Angela ha consigliato Angelita anche se nel cirso della mia vita ne ho incontrati di ignoranti.....ma io ne vado Fiera....:) :)

Angelita parisi - 26/4/2017 - 19:44


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org