Language   

Mercato RAP

Luciano Todini
Language: Italian



Mercato Rap
by Todo (Luciano Todini)

Publication date 2017
Usage Attribution-ShareAlike 4.0 International
Topics Italian Song, Canzone, Italia, Todo, Luciano Todini
Language Italian
Quando il muro è caduto il comunismo collassato
tutti quanti abbiam sperato in un mondo migliorato
ed invece abbiam sbagliato non avevamo calcolato
quanto ci avrebbe devastato il liberismo incontrastato
ma ci hanno assicurato lasciate fare al mercato
al mercato globalizzato senza regole senza stato
perché il mondo è cambiato e tutti quanti avremmo guadagnato
il benessere agognato col capitalismo più sfrenato

e qualcuno ci ha creduto e i liberisti del mercato
nella sinistra han trovato un alleato inaspettato
le radici hanno strappato le tradizioni hanno abolito
i diritti han barattato anche l'anima han venduto
ma ci hanno assicurato le ideologie sono il passato
lasciate fare al mercato si sarebbe autoregolato
la scuola pubblica han tagliato la sanità privatizzato
la finanza sponsorizzato il lavoro svalutato

evviva il caporalato con il mondo precarizzato
le pretese hanno arginato il progresso sociale azzerato
il riccone sempre più s'è ingrassato tutti gli altri hanno solo patito
è tornato il bel tempo andato con il popolo schiavizzato
tutto quello ch'era stato ottenuto per cui i vecchi hanno lottato
tutto quanto dilapidato l'ascensore sociale bloccato
finalmente tutti han capito come il mondo ha sempre girato
l'avviamento per il proletariato e il liceo per chi è del casato

e il lavoro assicurato quello a tempo indeterminato
è contro la legge del mercato nessuno deve essere tutelato
e se al padrone non sarai gradito se non sei uno allineato
ingiustamente verrai licenziato e poi con un obolo risarcito
e l'operaio e anche l'impiegato è tartassato come il pensionato
invece il ricco sempre meno ha pagato e quando evade viene condonato
e i populisti hanno rilanciato la guerra tra il povero e lo sfruttato
lo stagionale contro il disoccupato e tutti insieme addosso all'immigrato

le cooperative hanno snaturato i banchieri i risparmi rubato
le multinazionali le leggi dettato pure i semi hanno brevettato
poi le guerre hanno alimentato con la scusa di aver esportato
la democrazia in un altro stato ma solo dove il capitale ha approvato
ma il dittatore è stato abbattuto il diritto ristabilito
cosa importa se prima era stato da loro stessi incoronato
e i venditori di morte han brindato i loro armamenti pubblicizzato
che i militari sul campo han provato nuove strategie hanno collaudato

popoli interi hanno sterminato e i territori contaminato
e il grande esodo è cominciato il mare di rosso si è colorato
il mondo islamico demonizzato il mussulmano sarà debellato
il suo terreno confiscato l'happartaid ripristinato
ma qualcuno si è ribellato dal fanatismo manipolato
si è sentito frustrato e umiliato tanto da morire in un attentato
e il paese che più si era armato quello più militarizzato
la sua potenza niente ha potuto contro l'aereo suicida dirottato

il cittadino sempre più incazzato la dignità infine ha perduto
la politica l'ha schifato anche di votare si è stufato
contro l'élite si è rivoltato contro il partito e il sindacato
la democrazia ha abbandonato all'uomo forte si è affidato
alla fine che risultato coll'economia in mano al privato
il popolo sempre più spaventato di cento anni è arretrato
ai nostri figli cosa abbiamo lasciato guarda il mondo com'è diventato
fino alla morte sfruttato e inquinato isole di plastica abbiamo creato

Contributed by Luciano Todini - 2019/1/20 - 18:06



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org