Lingua   

Piazza Alimonda

Francesco Guccini


Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Su in collina
(Francesco Guccini)
Io come te
(Nomadi)
Poema al Che
(Juan Carlos "Flaco" Biondini)


it.fan.musica.guccini

Dal penultimo non eccelso album di Francesco Guccini, "Ritratti" (2004). La canzone gucciniana sui fatti di Genova rimarrà probabilmente la più celebre, oscurandone altre.[RV]


Panni distesi al sole come una beffa
Panni distesi al sole come una beffa


«Non volevo fare una canzone dichiaratamente di parte, non per paura o pudore, ma perché preferivo un atteggiamento più soffice, anche se è poi solo apparentemente soffice. Una mattina, nel dormiveglia, mi è venuta l'idea di cominciare con Genova… cercare di descrivere Genova, che è una città curiosa, tra l'altro è la prima grande città che abbia mai visto nella mia vita, molti anni fa. Genova è lunga, schiacciata sul mare, sembra quasi cercare un 'respiro' a largo.
Quindi, partendo dall'immagine di Genova, ho immaginato che mentre in città accadevano queste cose violente, fuori magari c'era un pensionato con un cane che passeggiava. Così mi è venuta questa idea.

Sono stato diverse volte a Genova negli ultimi tempi. L´ho guardata bene, ho visitato anche piazza Alimonda e ho notato che c´è davvero un´aiuola triangolare. Non è colpa mia se dentro c´è la salvia splendens con il fiore rosso. L´idea è venuta di lì. È l´ultima canzone che ho scritto, l´ho finita il giorno di Santo Stefano. Qualche settimana fa mi ha chiamato il padre di Carlo Giuliani per altri motivi e ho capito che sapeva della canzone. Si era già sparsa la voce, non so come. Mi ha detto che l´avrebbe ascoltata
(Francesco Guccini)
Genova, schiacciata sul mare, sembra cercare
respiro al largo, verso l'orizzonte.
Genova, repubblicana di cuore, vento di sale,
d'anima forte.
Genova che si perde in centro nei labirintici vecchi carrugi,
parole antiche e nuove sparate a colpi come da archibugi.
Genova, quella giornata di luglio, d'un caldo torrido
d'Africa nera.
Sfera di sole a piombo, rombo di gente, tesa atmosfera.
Nera o blu l'uniforme, precisi gli ordini, sudore e rabbia;
facce e scudi da Opliti, l'odio di dentro come una scabbia.
Ma poco più lontano, un pensionato ed un vecchio cane
guardavano un aeroplano che lento andava macchiando il mare;
una voce spezzava l'urlare estatico dei bambini.
Panni distesi al sole, come una beffa, dentro ai giardini.

Uscir di casa a vent'anni è quasi un obbligo, quasi un dovere,
piacere d'incontri a grappoli, ideali identici, essere e avere,
la grande folla chiama, canti e colori, grida ed avanza,
sfida il sole implacabile, quasi incredibile passo di danza.
Genova chiusa da sbarre, Genova soffre come in prigione,
Genova marcata a vista attende un soffio di liberazione.
Dentro gli uffici uomini freddi discutono la strategia
e uomini caldi esplodono un colpo secco, morte e follia.
Si rompe il tempo e l'attimo, per un istante, resta sospeso,
appeso al buio e al niente, poi l'assurdo video ritorna acceso;
marionette si muovono, cercando alibi per quelle vite
dissipate e disperse nell'aspro odore della cordite.

Genova non sa ancora niente, lenta agonizza, fuoco e rumore,
ma come quella vita giovane spenta, Genova muore.
Per quanti giorni l'odio colpirà ancora a mani piene.
Genova risponde al porto con l'urlo alto delle sirene.
Poi tutto ricomincia come ogni giorno e chi ha la ragione,
dico nobili uomini, danno implacabile giustificazione,
come ci fosse un modo, uno soltanto, per riportare
una vita troncata, tutta una vita da immaginare.
Genova non ha scordato perché è difficile dimenticare,
c'è traffico, mare e accento danzante e vicoli da camminare.
La Lanterna impassibile guarda da secoli gli scogli e l'onda.
Ritorna come sempre, quasi normale, piazza Alimonda.

La "salvia splendens" luccica, copre un'aiuola triangolare,
viaggia il traffico solito scorrendo rapido e irregolare.
Dal bar caffè e grappini, verde un'edicola vende la vita.
Resta, amara e indelebile, la traccia aperta di una ferita.

inviata da Riccardo Venturi




Lingua: Francese

Version française – Marco Valdo M.I. – 2008

Comme dit Riccardo Venturi, cette chanson gucciniane à propos des faits de Gênes restera probablement la plus célèbre, en laissant d'autres dans l'ombre.
Il faudra considérer cette traduction française comme une contribution à la mémoire des événements, des frappés, des blessés, des torturés, des humiliés et de Carlo Giuliani, assassiné; j'ajouterai qu'il faut la comprendre aussi comme un déni du déni de justice qui vient de se produire ces jours-ci en Italie.
Le meurtre a bien eu lieu, le cadavre de Giuliano est là pour en témoigner. Les exactions fascistoïdes des forces de l'ordre ont vraiment eu lieu; le monde entier les a vues de ses propres yeux.
Mais ...
Il n'est pire sourd que celui qui ne veut pas entendre, il n'est pire aveugle que celui qui ne veut pas voir.
Que la honte poursuive ces gens jusqu'au cœur de leurs nuits !
PLACE ALIMONDA

Gênes, écrasée sur la mer, semble chercher
sa respiration au large, vers l'horizon,
Gênes, républicaine de cœur, vent de sel,
à l'âme forte.
Gênes qui perd au centre des labyrinthes de tes vieilles ruelles,
des mots anciens et nouveaux comme tirés à coups d'arquebuses.
Gênes, cette journée de juillet, d'une chaleur torride
d'Afrique noire.
Sphère de soleil de plomb, rumeurs de gens, atmosphère tendue.
L'uniforme noir ou bleu, les ordres précis, sueur et rage;
faces et boucliers d'hoplites, la haine en dedans comme une gale.
Mais un peu plus loin, un pensionné et un vieux chien
Regardaient un aéroplane qui allait lentement tachant la mer;
Une voix interrompait le hurlement extatique des enfants.
Des vêtements étalés sur le sol, comme une dérision, à l'intérieur des jardins.

Sortir de la maison à vingt ans est presque une obligation, presque un devoir,
plaisir de rencontres en grappes, idéaux identiques, être et avoir,
la grande foule appelle, chants et couleurs, crie et avance
défie le soleil implacable, un incroyable quasi pas de danse.
Gênes enserrée de barreaux, Gênes souffre comme en prison,
Gênes marquée à vue attend un souffle de libération.
Dans les bureaux, des hommes froids discutent de leur stratégie
Et des hommes chauds explosent d'un coup sec, mort et folie.
Le temps se rompt et l'instant, pour un moment, reste suspendu,
accroché à l'ombre et au rien, puis l'absurde vidéo se rallume;
des marionnettes se meuvent, cherchant des alibis pour ces vies
dissipées et dispersées dans l'âpre odeur de la cordite.

Gênes ne sait encore rien, une lente agonie, feu et rumeur,
mais comme cette jeune vie s'éteint, Gênes meurt.
Pour combien de jours, la haine frappera-telle encore à pleines mains.
Gênes répond au port par le haut hurlement des sirènes.
Puis tout recommence comme chaque jour et qui celui qui a la raison,
je veux dire de nobles hommes, donne d'implacable justifications,
comme s'il y avait une manière, une seule, pour rapporter
une vie tronquée, toute une vie à imaginer.
Gênes n'a pas fait son deuil car il est difficile d'oublier,
Il y a le trafic, la mer et l'accent dansant et les ruelles pour déambuler.
La Lanterna impassible regarde depuis des siècles les écueils et l'onde.
Redevient comme toujours, presque normale, la place Alimonda.

La « salvia splendens » resplendit, couvre un parterre triangulaire,
le trafic ordinaire passe, s'écoulant rapide et irrégulier.
Du bar des cafés et des gouttes, un édicule vert vend la vie.
Reste, amère et indélébile, la trace visible d'une blessure.

inviata da Marco Valdo M.I. - 17/7/2008 - 15:45




Lingua: Spagnolo

Versione spagnola di José (da it.fan.musica.guccini)

Canción que Guccini dedica, sin nombrarlo, a Carlo Giuliani,activista antiglobalización asesinado el 20 de julio de 2001 en la plaza Alimonda de Génova, por fuerzas del orden público, durante la Cumbre del G-8 o de los 8 países más ricos de la tierra. Mientras Carlo, amenazaba con un extintor a un land rover de carabineros, recibió un
disparo en la cabeza que le produjo la muerte de forma casi
instantánea. Tenía 23 años.
En referencia a la génesis de esta canción refiere Guccini: "Es la última canción compuesta del disco, la terminé el día de San Esteban... los hechos que ocurrieron en esta plaza me afectaron mucho y no sabía como afrontar el tema, porque no quería hacer una canción en la que tomase partido declaradamente, no por miedo o pudor, sino porque prefería una actitud más suave, aunque si en realidad es sólo aparentemente suave. Una mañana, mientras dormitaba, me vino la idea de comenzar con Génova... tratar de describir Génova, que es una ciudad
curiosa, entre otras cosas es la primera gran ciudad que vi , hace muchos años. Génova es larga, aplastada sobre el mar, parece casi busque un "respiro" alargándose. Por tanto, partiendo de la imagen de Génova, imaginé que mientras en la ciudad sucedían estas cosas violentas, fuera, quizás, hubiera un jubilado con un perro, paseando.

Dice Edgar Morin "los poderosos de la Tierra, rodeados de vallas, asustados, encerrados en una fortaleza mientras todo en torno arde, son el símbolo de una clase dirigente autista que se aleja de los problemas de la Humanidad."
PLAZA ALIMONDA

Génova, aplastada sobre el mar , parece que busque
un respiro alargándose, hacia el horizonte (1).
Génova, republicana de corazón (2), viento de sal, de alma fuerte.
Génova que se pierde en el centro en laberínticas y vieja callejuelas,
palabras antiguas y nuevas disparadas a golpes como por arcabuces (3) .
Génova, aquel día de julio, de un calor tórrido
de Africa negra.
Esfera de sol plomizo, estruendo de gentes, tensa atmósfera.
Negro o azul el uniforme, precisas las órdenes, sudor y rabia;
Caras y escudos de hoplitas (4), el odio interno como de una sarna.
Pero un poco más lejos, un jubilado y un viejo perro
miran un aeroplano que lento va manchando el mar;
una voz rompe el gritar estático de los niños;
Ropas tendidas al sol, como una burla, en los jardines.

Salir de casa con veinte años es casi una obligación, casi un deber (5) ,
placer de encuentros gregarios, ideales idénticos, ser y tener,
la gran multitud llama, cantos y colores, grita y avanza,
desafiando al sol implacable, casi increíble paso de danza.
Génova cerrada entre barrotes, Génova sufre como en prisión,
Génova, bajo un marcaje férreo, espera un soplo de liberación.
En sus despachos, hombres en frío discuten la estrategia
y hombres en caliente hacen estallar un disparo seco, muerte y locura.
Se rompe el tiempo y el momento, por un instante, queda en suspenso,
colgado a la oscuridad y a la nada, luego el absurdo monitor vuelve a encenderse;
Marionetas se mueven, buscando coartadas para aquellas vidas
disipadas y dispersadas en el áspero olor de la cordita (6)

Génova no sabe aún nada, lenta agoniza, fuego y ruido,
pero como aquella vida joven apagada, Génova muere.
Durante cuántos días el odio golpeará aún a manos llenas.
Génova responde en el puerto con el grito agudo de las sirenas.
Luego todo vuelve a comenzar como cada día y quien tiene la razón,
digo nobles hombres, dan implacable justificación,
como si existiera un modo, uno solo, para devolver
una vida troncada, toda una vida por imaginar.
Génova no olvida porque es difícil olvidar,
hay tráfico, mar y acento danzante y callejones que caminar.
La Linterna (7) impasible mira desde hace siglos los escollos y la ola.
Regresa como siempre, casi a la normalidad (8) , la plaza Alimonda.

La "salvia splendens" (9) reluce, cubre un arriate triangular,
circula el tráfico usual discurriendo rápido e irregular.
En el bar café y aguardiente, verde un quiosco vende la vida.
Permanece, amarga y indeleble, la marca abierta de una herida.
NOTAS

(1) La ciudad de Génova, cerrada a su espalda por los Apeninos, no puede crecer de otro modo que alargándose por la costa.
(2) En referencia a los tiempos gloriosos en el que Génova era una potente República Marinera y/o al importante papel jugado por esta ciudad en la creación y defensa de la República Italiana.
(3) Arcabuz, arma antigua de fuego con cañón de hierro y caja de madera, precedente del fusil, que se disparaba prendiendo la pólvora del tiro mediante una mecha móvil colocada en la misma arma.
(4) Hoplita ,en la antigua Gracia, soldado de infantería con armadura pesada. En la canción hace referencia a las fuerzas de orden público, con uniformes azules y negros, que se enfrentaron a los manifestantes antiglobalización.
(5) Refiere Guccini "Es natural que los jóvenes estén en la calle, al aire libre; cualquier motivo es bueno, y menos mal..."
(6) Explosivo que contiene un 30 - 40 % de nitroglicerina.
(7) La "Lanterna", antiguo faro del puerto de Génova, hoy convertido en símbolo de la ciudad.
(8) Génova comienza nuevamente a vivir, a pesar de todo, tras la muerte, en un ciclo perenne. Una nota histórica: Gaetano Alimonda (1818-1891) fue un Cardenal genovés, autor, en 1888, de un libro (los votos de los italianos para la paz religiosa) casi revolucionario, en tiempos de ásperos contrates entre el Estado y la Iglesia.
(9) Salvia splendens o banderilla, planta, utilizada mucho en parques y jardines públicos, que posee flores rojas brillantes; oriunda de Brasil, llegó a Europa a principios del siglo XIX.

LETTERA DI GIULIANO GIULIANI A FRANCESCO GUCCINI
da "L'Unità", 31 marzo 2004

Caro Guccini, sento di doverti un profondo ringraziamento per la canzone che hai dedicato a Carlo. E sono grato a questo giornale, tanto ingiustamente bistrattato e offeso, perché, dopo aver dedicato un'intera pagina al tuo nuovo cd, mi permette di esprimerlo pubblicamente. È questo infatti il senso (in privato, come è ovvio, l'ho già fatto): offrire, a chi lo vorrà, qualche considerazione in più che possa far condividere e apprezzare le ragioni di un'emozione e, appunto, di un ringraziamento.
Percorro alcuni tuoi versi. «Dentro gli uffici uomini freddi discutono la strategia».
È proprio così, Francesco. E ancor più che in altre canzoni composte per Carlo, c'è qui il senso della vera responsabilità, politica e della catena di comando, di tutto quello che è successo a Genova. L'agghiacciante freddezza di una strategia. Alla quale tu contrapponi «uomini caldi» che «esplodono un colpo secco, morte e follia». Sono gli uomini in uniforme, «precisi gli ordini, sudore e rabbia; facce e scudi da Opliti, l'odio di dentro come una scabbia». È proprio così. Una scabbia dentro prodotta da un odio inculcato, da una formazione antidemocratica, del tutto opposta a quella necessaria. Sono certo che prima o poi molti di quegli uomini chiederanno conto di ciò che sono stati costretti a fare. Io mi auguro che siano i più.
Canti che «uscir di casa a vent'anni è quasi un obbligo, quasi un dovere». Ci siamo sentiti dire più di una volta che se nostro figlio fosse rimasto a casa non gli sarebbe successo niente, che è persino peggio della becera affermazione che se l'è andata a cercare. Quanti ragazzi, in quel tuo verso, si riconosceranno. Quanti ricorderanno di aver pensato e detto che potevano esserci loro al suo posto. E quanti, non più ragazzi, hanno pensato la stessa cosa, o ricordato che, magari con un po' di rimpianto, in altri tempi sarebbe potuta capitare a loro. C'è, in quel verso, un rispetto quasi sacrale per un comportamento che dovrebbe essere abituale in un paese normale: la partecipazione. E invece occorre sperare che non venga del tutto cancellato, anche per responsabilità di chi ragazzo non lo è più e si è scrollato troppo presto di dosso speranze e ricordi. Un comportamento cancellato e sostituito dall'ascolto rassegnato di qualche soliloquio, quando «l'assurdo video ritorna acceso» e «marionette si muovono, cercando alibi».
«Resta, amara e indelebile, la traccia aperta di una ferita». Sì, è così. E non parliamo del dolore. Parliamo della ferita alla verità, il non volerla trovare, perché se la trovi non puoi evitare di affermarla, di dichiararla. E allora non l'hanno neppure cercata, hanno cercato invece di nascondere, dimenticare, obliare. Sì, la ferita resta aperta, ma non c'è rassegnazione. Per quello, ogni tanto, Genova risponde «con l'urlo alto delle sirene».
E poi «ritorna come sempre, quasi normale, piazza Alimonda», dove «luccica la salvia splendens». Speriamo che voglia continuare a luccicare, che non si sia offesa per quella decisione impropria del Comune di costituirsi parte civile in un processo a carico di ventisei persone accusate di devastazione e saccheggio, pena prevista da otto a quindici anni di carcere. Speriamo che non decida di rinsecchire per protesta, in attesa che si trovi una soluzione a un pasticcio veramente brutto. Grazie ancora,

Giuliano Giuliani

13/7/2006 - 10:05


...ed ecco che finalmente alla Presidenza del Comitato parlamentare di controllo sui servizi segreti, in un momento così delicato, finalmente siede un uomo dal limpido e fulgido passato democratico: Claudio Scajola!
Ebbeni sì, proprio lui, quello che da Ministro dell'Interno durante il G8 a Genova, dopo l'assassinio di Carlo Giuliani, dichiarò pubblicamente (per poi smentire, come solo i berlusconiani sanno fare) "«Durante il G8, nella notte del morto, fui costretto a dare ordine di sparare se avessero sfondato la zona rossa" (Il Secolo XIX, 16/02/2002)...

Fu le stesso limpido e sensibilissimo Scajola ad insultare Marco Biagi (anche lui da morto, appena ammazzato dalle BR)... non molto tempo prima gli aveva revocato la scorta e, piccato dalle polemiche, il fulgido Scajola da Cipro dichiarò: "Biagi era un rompicoglioni che pensava solo al rinnovo del contratto di consulenza"...

Complimenti! Ora possiamo stare tranquilli.
Al "sempre sulla breccia" Dott. Scajola auguro emorroidi a grappolo e dedico questa splendida canzone di Guccini.

Alessandro - 12/7/2006 - 09:14


Ogni tanto fa bene ricordare. Oltretutto in Piazza Alimonda non appare più nulla di quello che è stato. E mi sono chiesto: ma che fine ha fatto la lapide in memoria di Carlo, la cui posa era stata approvata dal Consiglio comunale di Genova il 25 luglio 2005? La risposta: è l'ex Ministro dell'Interno Pisanu ad aver bloccato la cosa...

Il Papa polacco lo fanno Santo subito, invece per una ragazzo ammazzato a sangue freddo dallo Stato ci si appella al Regio decreto n.1188 del 1927 per impedire che di quell'orrore si conservi memoria...
È questa democrazia, baby!
(Alessandro)

Sì, è proprio questa la "democrazia" di lorsignori. Del resto, sai cosa c'è da aspettarsi adesso con il nuovo ministro dell'interno del governo di "sinistra", tale Giuliano Amato...
Ma la lapide per Carlo è la nostra memoria, è impedire che quel che è successo a Genova in quei giorni venga dimenticato. La memoria è la nostra piazza. [RV]

12/7/2006 - 09:29


Ogni volta che ascolto questa canzone mi saltano alla mente immagini flash di Genova con i suoi vicoli, i panni stesi al sole da una casetta all'altra e una piazza che, fino ad allora, non aveva alcun significato.

Serena - 25/12/2006 - 22:43


E poi ditemi se non siamo già in uno Stato di Polizia!
Qualche mite condanna coperta dall'indulto e nessuno di questi boia che si farà un solo giorno di prigione!

Da La Repubblica

Sette anni dopo i fatti di Genova, il verdetto del tribunale: chiesti 80 anni, condannati 24
Tra indulto e prescrizione, nessuno in prigione. I ministeri dovranno risarcire i danni

G8, a Bolzaneto non fu tortura
Solo 15 condannati, trenta assolti
La Procura: "Qualcosa di grave nella caserma è successo. Mai più fatti del genere"

ROMA - A sette anni dalle violente nel "carcere provvisorio" di Bolzaneto, i giudici di Genova pronunciano la sentenza contro i 44 ufficiali, guardie carcerarie e medici imputati di aver sottoposto a sevizie più di duecento no global. Dopo dieci ore di camera di consiglio, il verdetto cancella l'ipotesi di crudeltà e tortura sostenuta dalla Procura. Assolve trenta imputati, ne condanna solo 15. Contro una richiesta di poco meno di 80 anni di reclusione, i giudici ne hanno inflitto solo 24 e, grazie alla prescrizione e all'indulto, nessuno dei condannati finirà in galera.

LE RICHIESTE DEI PM E LA SENTENZA

Alessandro Perugini, l'ex numero 2 della Digos genovese, imputato in un altro procedimento perchè sorpreso dall'obiettivo di un fotografo mentre tirava un calcio in faccio ad un adolescente, la Procura aveva chiesto tre anni e mezzo. E' stato condannato a 2 anni e 4 mesi. Un altro vice-questore genovese, Anna Poggi, è stato condannato a 2 anni e 4 mesi contro i 3 anni e mezzo richiesti dal pm. Giacomo Toccafondi, il medico coordinatore del servizio sanitario a Bolzaneto, ha subito una condanna ad un anno e 2 mesi contro i 3 anni e mezzo richiesti dall'accusa. La sentenza più pesante è stata inflitta a Antonio Gugliotta, l'ispettore di polizia penitenziaria responsabile della sicurezza nella caserma: cinque anni, come richiesto dall'accusa, per aver picchiato con il manganello i giovani no global. Accolta la richiesta della Procura anche per Massimo Pigozzi l'agente accusato di aver lacerato la mano ad uno degli arrestati: 3 anni e 2 mesi contro i 3 anni e 11 mesi richiesti dai pm.

Risarcimenti per quindici milioni. Tra gli assolti, l'attuale generale della polizia penitenziaria, Oronzo Doria, all'epoca dei fatti colonnello, che la Procura voleva condannato a 3 anni e mezzo. Condannato il ministero degli Interni e quello della Giustizia a pagare i danni materiali e morali subito dalle parti civili. In media, settantamila euro per ognuno delle 209 vittime accertate. In totale circa quindici milioni di euro.

La Procura: "Qualcosa di grave è successo". Laconico e imbarazzato il commento della Procura alla sentenza shock: "E' stato riconosciuto che qualcosa di grave nella caserma di Bolzaneto è successo", ha detto il pm Vittorio Ranieri Miniati che, insieme a Patrizia Petruzziello, ha sostenuto l'accusa. "Il tribunale - ha proseguito il magistrato - ha ritenuto di assolvere diversi imputati. Leggeremo la sentenza e valuteremo se fare appello. E' stata comunque riconosciuta l'accusa di abuso d'autorità".

"Mai più fatti del genere". Dura era stata la requisitoria della Procura: un elenco infinito e raccapricciante di "sofferenze fisiche e morali" inflitte senza "nessuna giustificazione": "Le persone erano arrestate; la guerriglia urbana era finita da tempo. Nessuno di loro - aveva spiegato la Procura ai giudici - si era ribellato o aveva fatto resistenza. Erano inermi". Eppure mancò "rispetto, e il riconoscimento dei diritti". Picchiati; umiliati; messi a carponi e fatti abbaiare come cani; offesi; costretti a stare ore su una gamba soa; rapati o insultati. "Speriamo - aveva concluso la requisitoria il pubblico ministero - che nel nostro Paese non si ripetano mai più fatti del genere".

Alessandro - 15/7/2008 - 08:10


Nuova toponomastica genovese

a. Proposta bocciata da tempo

alimpiazza


b. Proposta che verrà senz'altro accettata, dopo "Piazza Almirante" a Roma

placanica

Riccardo Venturi - 15/7/2008 - 18:26


Ci passavo spesso per Piazza Alimonda.
E' una piazza sonnacchiosa, tranquilla, un po' trascurata. Hanno già dimenticato cosa è successo. Eppure dovremmo ricordare i nostri errori per non commetterli più.
(Laura)

Ci sono passato anche io di recente, esattamente il 20 luglio scorso. Almeno le 5000 persone che c'erano no, non hanno dimenticato. Per il resto credo che tu abbia, purtroppo, ragione. Non una traccia che ricordi quel che si è svolto in quella piazza, "piazza Carlo Giuliani" esiste solo nel ricordo di chi non vuole dimenticare. Non c'è nemmeno più il ciuffo di salvia splendens, se per questo. Rimosso anche quello. C'è un bar dove non sanno cosa sia la tequila, provare per credere. Saluti piuttosto amari da [RV].

6/9/2008 - 16:17


La Corte europea dei diritti dell'uomo a Strasburgo ha stabilito che:

1) Carlo Giuliani fu ucciso per legittima difesa. Placanica non fece ricorso a un uso eccessivo della forza, ma agì per difendere sè stesso e i suoi colleghi;

2) lo Stato italiano non ha fatto abbastanza per garantire la sicurezza durante il G8 del 2001: l'Italia avrebbe dovuto aprire un'inchiesta per stabilire se il fatto fosse ascrivibile a una cattiva pianificazione o gestione delle operazioni di ordine pubblico;

3) la cremazione del corpo di Carlo Giuliani, avvenuta il 23 luglio, fu sospettamente frettolosa: il preavviso di sole tre ore dato ai familiari impedì loro di affidare un esame autoptico ad un loro consulente di fiducia;

3) la vita di Carlo Giuliani vale 40.000 Euro: è l'entità del risarcimento dovuto dallo Stato italiano alla famiglia Giuliani.

... che equilibrismo (e che cinismo), non c'è che dire!

No comment

Alessandro - 26/8/2009 - 14:07


Siccome spesso commentiamo solo articoli della stampa nostrana o internazionale, questa volta sono andato a vedere direttamente il sito della Corte europea dei diritti umani.

Ho così scoperto, per esempio, che del collegio giudicante nel caso "Giuliani et Gaggio c. Italie" (Gaggio è il cognome della mamma di Carlo) ha fatto parte il magistrato italiano Vladimiro Zagrebelsky, fratello del Gustavo ex Presidente della Corte Costituzionale... Ho pure scoperto l'esistenza di opinioni dissenzienti di alcuni giudici sulla sentenza, compreso il presidente della Corte Nicolas Bratza, e pure il nostro Zagrebelsky... Secondo Bratza (Regno Unito) e Šikuta (Slovacchia) "la morte di Carlo Giuliani è il risultato di un'incapacità delle autorità italiane a proteggere il suo diritto alla vita"... Invece i giudici Casadevall (Andorra) e Garlicki (Polonia) tagliano corto e semplicemente dissentono dalla pronuncia finale ritenendo che le autorità italiane si sono comportate al meglio e, quanto alla inopportuna e frettolosa cremazione del corpo, la famiglia avrebbe potuto comunque opporsi... Il nostro Zagrebelsky, infine, fa una gran sbrodolata ma si mostra contrario persino a riconoscere la cattiva pianificazione e gestione delle operazioni di ordine pubblico in quei maledetti giorni del G8, un fatto che invece la sentenza della Corte ritiene appurato e che afferma aver indirettamente portato alla morte di Carlo... e Zagrebelsky rispolvera pure l'incredibile (perchè non è credibile) perizia che sostiene che Planica sparò due colpi in aria ed uno, purtoppo, venne deviato da non si sa cosa e uccise Carlo... Vergogna Zagrebelsky!!!

Quindi, alla fine, nessun uso eccessivo della forza, anzi, legittima difesa; nessuna violazione degli obblighi positivi di protezione del diritto alla vita, nessuna mancata o ridotta cooperazione dello Stato italiano sulla vicenda... soltanto (soltanto?!?) l'autopsia è stata sommaria e non ha permesso di accertare l'esatta traettoria del proiettile; la cremazione del corpo di Carlo è stata autorizzata prima che fossero resi pubblici i risultati degli esami autoptici; l'inchiesta interna è stata carente e concentrata solo sul "testa di cazzo espiatorio" Mario Placanica e non sul clima e sugli ordini di mattanza presenti in quei giorni... quindi, sono soltanto (soltanto?!?) stati violati gli obblighi procedurali che discendono dall'art.2 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, quello che recita "Il diritto alla vita di ogni persona è protetto dalla legge"... Quindi, il diritto alla vita di Carlo e di tutti noi presenti in quei giorni non era protetto dalla legge (e ce ne siamo accorti tutti), ma non importa un fico secco!

La vita di Carlo, strappatagli a 23 anni da uno Stato assassino e dai suoi sgherri di merda, è stata risarcita con 15.000 euro cadauno alla mamma e al papà, e con 10.000 euro alla sorella...

CARLO VIVE! I MORTI SONO TUTTI QUELLI CHE LO HANNO ASSASSINATO, E CONTINUANO!

Che schifo...

Se volete leggervi il comunicato stampa e la sentenza, li trovate qui e qui...

Alessandro - 26/8/2009 - 22:25


Detto questo, se è giusto e sacrosanto continuare a denunciare che assassino è lo Stato, sarebbe anche bene - a mio parere - che Agnoletto e i suoi, che organizzarono quel ControG8, cominciassero a tacere e a non mettere sempre il loro cappello tutte le volte - e anche in occasione di questa sentenza - che si parla di Carlo e di Genova 2001... perchè è anche merito di gente come Agnoletto e Casarini, della loro miopia e della loro incapacità ed ingenuità organizzativa, se in quei giorni terribili siamo andati tutti al macello... 'fanculo anche a loro!

Alessandro - 27/8/2009 - 10:04


In risposta al sindaco di Milano Pisapia che ha definito Carlo Giuliani "un ragazzo che sognava un futuro migliore per il nostro Paese e per il mondo, cui sentiva di appartenere e che desiderava più giusto, più libero, più democratico" (Pisapia è stato anche l'avvocato della famiglia Giuliani), il deputato Pdl Riccardo De Corato ha dichiarato:

"Mi chiedo come tali parole possano descrivere una persona che durante gli scontri del G8 era intento ad aggredire, armato di estintore, una camionetta dei carabinieri. È forse questo il cittadino modello che Pisapia vuole proporre? Se questa è la logica, Giuliani sarà senza dubbio il candidato al prossimo Ambrogino. Per quanto riguarda le forze dell'ordine, la giusta conseguenza sarà la proposta di scioglimento delle stesse perché incompatibili con il mondo più giusto, più libero, più democratico che Pisapia auspica".

E infatti! Sciogliamole una volta per tutte queste forze del (dis)ordine, cominciando proprio dalle squadracce che abbiamo visto in azione a Genova e in Val Di Susa!

Francesco - 22/7/2011 - 11:07


la giudico una grande canzone... e l album molto bello

valter mariotti - 3/3/2015 - 13:45


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org