Lingua   

Story Of Isaac

Leonard Cohen


Lingua: Inglese

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

La guerra di Piero
(Fabrizio De André)
Tutti hanno un cuore
(Francesco De Gregori)
You Want It Darker
(Leonard Cohen)


[1969]
Lyrics and music by Leonard Cohen
Testo e musica di Leonard Cohen
Album: "Songs From A Room"
sfrom

Quando Daniela k.d. ha proposto l'inserimento di questa canzone, le perplessità sono state tante e, infatti, è rimasta a lungo nel "limbo" delle canzoni da approvare. D'altro canto, Daniela si è premurata di reperire diversi commenti alla canzone, quelli riportati qui sotto, dai quali il carattere contro la guerra di "Story of Isaac" sembrerebbe emergere inequivocabilmente (addirittura con un preciso riferimento alla guerra nel Vietnam). Ma è destino per tutti i difficili testi di Cohen. [CCG/AWS Staff]

Lorenzo Ghiberti: La storia di Isacco. Firenze, Porta del Paradiso, Battistero.
Lorenzo Ghiberti: La storia di Isacco. Firenze, Porta del Paradiso, Battistero.


"Più spesso le riflessioni non sono così esplicite e dirette, ma scaturiscono da immaginari incontri con figure altamente simboliche, così che certe canzoni finiscono per sembrare brevi parabole di ispirazione biblica, e probabilmente su questo aspetto influisce non poco l'origine ebraica di Cohen. Il riferimento è evidente nell'appassionante "Story Of Isaac", in cui l'episodio biblico viene preso come premessa per sviluppare una riflessione sull'assurdità della guerra" - DeBaser

"As to the songs - well, a lot of them are Cohen standards: 'Bird On The Wire' needs no introduction; 'Story of Isaac' is a subtle Vietnam commentary (though it applies equally well to any armed conflict)." Richard Ely "Richard"

"If Songs of Leonard Cohen wasn't enough to send you running to your therapist, his second album boasted simpler arrangements and a frightening intimacy that defined Cohen's sound. Check out the frequently covered Bird on a Wire, the anti-war song The Story of Isaac (You who build these altars now/ to sacrifice these children,/ you must not do it anymore.") and You Know Who I Am. - Express Night Out
The door it opened slowly,
my father he came in, was nine years old.
And he stood so tall above me,
his blue eyes they were shining
and his voice was very cold.
He said, "I've had a vision
and you know I'm strong and holy,
I must do what I've been told."
So he started up the mountain,
I was running, he was walking,
and his axe was made of gold.

Well, the trees they got much smaller,
the lake a lady's mirror,
we stopped to drink some wine.
Then he threw the bottle over.
Broke a minute later
and he put his hand on mine.
Thought I saw an eagle
but it might have been a vulture,
I never could decide.
Then my father built an altar,
he looked once behind his shoulder,
he knew I would not hide.

You who build these altars now
to sacrifice these children,
you must not do it anymore.
A scheme is not a vision
and you never have been tempted
by a demon or a god.
You who stand above them now,
your hatchets blunt and bloody,
you were not there before,
when I lay upon a mountain
and my father's hand was trembling
with the beauty of the word.

And if you call me brother now,
forgive me if I inquire,
"Just according to whose plan?"
When it all comes down to dust
I will kill you if I must,
I will help you if I can.
When it all comes down to dust
I will help you if I must,
I will kill you if I can.
And mercy on our uniform,
man of peace or man of war,
the peacock spreads his fan.

inviata da daniela -k.d.- - 16/4/2009 - 20:42




Lingua: Italiano

Versione italiana da Musica e Memoria
STORIA DI ISACCO

La porta si aprì lentamente
Mio padre entrò, avevo nove anni
Ed era così alto sopra di me
I suoi occhi azzurri luccicavano
E la sua voce era molto fredda
Disse: "Ho avuto una visione
E sai che sono forte e santo
Devo fare quel che mi è stato detto"
Così ci avviammo su per la montagna,
Io correvo, lui camminava
E la sua scure era fatta d'oro

Bene, gli alberi erano diventati molto più piccoli
Il lago come lo specchietto di una signora
ci fermammo per bere un po' di vino
Poi lui gettò via la bottiglia
Si infranse un minuto dopo
E mise la sua mano sulla mia
Credetti di vedere un'aquila
Ma avrebbe potuto essere un avvoltoio
Non riuscivo mai a decidere
Poi mio padre costruì un altare
Guardò una volta dietro di sé
Ma sapeva che non mi sarei nascosto

Voi che costruite questi altari ora
Per sacrificare questi bambini
Non dovete farlo mai più
Uno schema non è una visione
E voi non siete mai stati tentati
Da un demone o da un Dio
Voi che adesso state sopra di loro
Le vostre accette spuntate e insanguinate
Non eravate qui prima
Quando giacevo su una montagna
E la mano di mio padre tremava
Assieme alla bellezza della parola

E se adesso mi chiamate fratello
Perdonatemi se chiedo:
"Ma secondo il piano di chi?"
Quando tutto sarà ridotto in polvere
Vi ucciderò se devo farlo
Vi aiuterò se posso farlo
Quando tutto sarà ridotto in polvere
Vi aiuterò se devo farlo
Vi ucciderò se posso farlo
E abbi pietà della nostra uniforme
Uomo di pace o uomo di guerra
Il pavone fa la sua ruota

inviata da daniela -k.d.- - 16/4/2009 - 20:43




Lingua: Polacco

Versione polacca di Maciej Karpiński
cantata da Maciej Zembaty.
La canzone fa parte del box "35 X Leonard Cohen".
Venne anche eseguita nello spettacolo televisivo del 1978 "Pieśni miłości i nienawiści" ("Songs of love and hate") nella regia di Tomasz Zygadło con la scenaggiatura di Maciej Zembaty e Maciej Karpiński che tradussero le canzoni.
Le poesie di Leonard Cohen sono recitate da Roman Wilhelmi.

Hanno partecipato:

Elżbieta Adamiak
Teresa Haremza
Jacek Bednarek
Waldemar Chyliński
Jan Kanty Pawluśkiewicz
Andrzej Poniedzielski
Maciej Zembaty

Gruppo Maanam cioè:

Kora Jackowska
Marek Jackowski
John Porter

e gli amici

https://www.youtube.com/watch?v=TFRm11NDQgg

https://www.youtube.com/watch?v=LpdWbwSH7aI

visto che precedente filmato della versione originale non è più reperibile propongo uno nuovo

https://www.youtube.com/watch?v=LpdWbwSH7aI
OPOWIADANIE IZAAKA


Drzwi wolno się otwarły,
mój ojciec stanął w drzwiach,
miałem wtedy dziewięć lat.
Stał nade mną, był wysoki,
lśniły błękitne oczy;
zimno zabrzmiał jego głos.
Gdy powiedział - "Miałem wizję,
Jestem silny, jestem święty,
muszę spełnić, co rzekł Pan".
Wyruszyliśmy więc w góry,
ojciec kroczył, a ja biegłem,
złoty topór ojciec niósł.

Drzewa malały w oczach,
staw zmienił się w lusterko,
ojciec wypił wina łyk.
I odrzucił pustą butlę,
gdy rozprysła się w kawałki,
mocno ujął moją dłoń.
Zobaczyłem orła,
a może to sęp kołował;
nie wiem tego po dziś dzień.
Ojciec zaczął stawiać ołtarz,
raz obejrzał się przez ramię,
nie pilnował wcale mnie.

Wy, co stawiacie ołtarze dziś,
żeby poświęcić dzieci swe,
nie czyńcie więcej tak!
Bo schemat nie jest wizją
i nikogo z was nie kusił
żaden szatan żaden Bóg.
Wy, co stoicie nad nimi dziś
i wznosicie tępe ostrza,
was nie było wtedy tam,
gdy leżałem sam na górze,
gdy zadrżała ręka ojca
porażona pięknem słów.

Więc gdy mnie zowiesz bratem swym,
wybacz, jeśli zapytam cię,
jaki masz braterstwa wzór?
Gdy wszystko się rozpada w pył,
pod przymusem zabiję cię,
lecz pomogę, gdy będę mógł.
Gdy wszystko się rozpada w pył,
pod przymusem pomogę ci
lecz zabiję, gdy będę mógł.
Z żalu nad naszym uniformem
ludzi pokoju, ludzi wojny -
paw rozpostarł ogon swój!

inviata da Krzysiek Wrona - 26/7/2013 - 20:14


Una delle canzoni che in pochi secondi annienta propio ogni maldestro sforzo di certo Bob, detto Dylan; così stanno i fatti, al mio parere, ovviamenta...
Subiectivo kzryś

krzyś - 18/9/2014 - 02:40


Ho già scritto questo tempo fa in Moria di Jacek Kleyff.
Del sacrificio di Isacco ha parlato anche il filosofo (o scrittore fuori ruolo, come lui stesso si definiva) danese Soren Kierkergaard in "Timore e Tremore" pubblicato nel 1843 sotto lo pseudonimo di Johannes de Silentio, offrendo ipotesi senza dubbio originali: suggerisce infatti l'idea che Isacco in verità fu ucciso e che Dio, rendendosi poi conto del proprio errore nel chiedere questo ad Abramo, gliene avesse dato un altro, un altro Isacco che sarebbe rimasto per l'eternità perchè non era lo stesso nato da Sara. La storia di Isacco è l'occasione di discussione sulla natura stessa di Dio e della fede smisurata di Abramo ("... non dubitò, non si mise a sbirciare a destra e a sinistra con angoscia, non importunò il cielo con le sue preghiere. Sapeva che era Dio Onnipotente che lo metteva alla prova, sapeva che si poteva esigere da lui il sacrificio più duro ma sapeva anche che nessun sacrificio è troppo duro quando è Dio che lo vuole, e cavò fuori il coltello....") e l'autore pone tra l'altro la domanda se questa obbedienza non trasformi eticamente Abramo solamente in un assassino.

Si può affermare che, secondo la canzone di Cohen, Dio e Abramo facendo questo ad Isacco abbiano creato in realtà il primo soldato israeliano.

Flavio Poltronieri

Flavio Poltronieri - 18/9/2014 - 17:37


Da “Leonard Cohen e i cantautori italiani: i casi di Fabrizio De André e Francesco De Gregori”, di Paolo Divizia, da Semicerchio – Rivista di poesia comparata.

[…] Il caso forse più interessante è costituito dalla coppia di canzoni “Story of Isaac” e “La casa di Hilde” [nell’album “Alice non lo sa”, 1973]. I temi trattati sono completamente diversi, ma i punti di contatto sono tanti.

La canzone di Leonard Cohen parte dall’episodio biblico di Abramo che si dispone a sacrificare suo figlio Isacco (Gen 22, 1-12), per poi passare a un’attualizzazione del tema, con riferimento alla guerra in Vietnam, in cui i figli sacrificati dai padri sono i soldati mandati a morire. Presentando il brano, all’epoca ancora non inciso, alla BBC (BBC2 TV, Leonard Cohen sings Leonard Cohen, trasmissione dell’8 settembre 1968), l’autore dice che quando Abramo stava per sacrificare Isacco un angelo fermò il suo braccio, mentre «today the children are being sacrificed and no-one raises a hand to end the sacrifice». Nell’album ufficiale “Live Songs” (1973) il pezzo (proveniente da un concerto berlinese del 1972) è introdotto così: «it’s about those who would sacrifice one generation on behalf of another».

La canzone di Francesco De Gregori parla invece di una più prosaica vicenda di contrabbando di diamanti. Ma entrambe le canzoni hanno per protagonisti un padre e un figlio, e il punto di vista è quello del bambino, che racconta la storia.

LA CASA DI HILDE

L’ombra di mio padre due volte la mia,
lui camminava e io correvo,

sopra il sentiero di aghi di pino,
la montagna era verde.
Oltre quel monte il confine
oltre il confine chissà,
oltre quel monte la casa di Hilde.

Io mi ricordo che avevo paura,
quando bussammo alla porta,
ma lei sorrise e ci disse di entrare,
era vestita di bianco.
E ci mettemmo seduti ad ascoltare il tramonto,
Hilde nel buio suonava la cetra.
E nella notte mio padre dormiva,
ma io guardavo la luna,
dalla finestra potevo toccarla,
non era più alta di me.
E il cielo sembrava più grande
ed io mi sentivo già uomo.
Quando la neve scese a coprire la casa di Hilde.

Il doganiere aveva un fucile
quando ci venne a svegliare,
disse a mio padre di alzare le mani
e gli frugò nelle tasche.
Ma non trovò proprio niente,
solo una foto ricordo.
Hilde nel buio suonava la cetra.
Il doganiere ci strinse la mano
e se ne andò desolato,
e allora Hilde aprì la sua cetra
e tirò fuori i diamanti.
E insieme bevemmo del vino
ma io solo mezzo bicchiere.
Quando fu l’alba lasciammo la casa di Hilde.

Oltre il confine, con molto dolore,
non trovai fiori diversi,
ma sulla strada incontrammo una capra
che era curiosa di noi.
Mio padre le andò più vicino
e lei si lasciò catturare,

così la legammo alla corda e venne con noi.


Isaac ha nove anni, mentre del protagonista di La casa di Hilde non si conosce con precisione l’età, ma che si tratti ancora di un bambino lo si capisce grazie ai primi due versi («L’ombra di mio padre due volte la mia, / lui camminava e io correvo»), il secondo dei quali corrisponde esattamente a un verso della Story of Isaac («I was running, he was walking») mentre il primo esprime in forma diversa un concetto già presente nella canzone di Leonard Cohen: «And he stood so tall above me».

In entrambe le canzoni la scena si svolge in montagna, durante la salita, con il paesaggio sottostante che si rimpicciolisce in Leonard Cohen:

So he started up the mountain
[...]
Well, the trees they got much smaller, the lake a lady’s mirror,


mentre in De Gregori «la montagna era verde», e se manca un verbo a indicare la salita, si capisce tuttavia che i due personaggi stanno salendo, perché la loro destinazione, la casa di Hilde, è oltre il monte:

Oltre quel monte il confine,
oltre il confine chissà,
oltre quel monte la casa di Hilde.


Qui non si vede il paesaggio sottostante rimpicciolirsi ma, al contrario, avvicinarsi e ingrandirsi quello soprastante:

ma io guardavo la luna,
dalla finestra potevo toccarla, non era più alta di me.
E il cielo sembrava più grande.


Per rinfrancarsi della salita, nella Story of Isaac i protagonisti si fermano per bere del vino: «we stopped to drink some wine». Il vino viene bevuto anche in La casa di Hilde, – «e insieme bevemmo del vino» –, con l’aggiunta di impronta realistica «ma io solo mezzo bicchiere» essendo il protagonista un bambino all’epoca dell’episodio.

Un altro elemento che unisce le due canzoni, il tema del sacrificio, non è riconoscibile a prima vista. Nella canzone di Francesco De Gregori troviamo una capra la cui presenza parrebbe poco funzionale nel contesto:

ma sulla strada incontrammo una capra che era curiosa di noi.
Mio padre le andò più vicino
e lei si lasciò catturare.


Soltanto attraverso il confronto con la “Story of Isaac” si può capire che la capra è il capro espiatorio da sacrificare sull’altare costruito dal padre, e come Isacco non oppone alcuna resistenza. Nell’episodio biblico, dopo l’intervento dell’angelo, Abramo sacrifica appunto un ariete.

Un riferimento alla guerra e all’opposizione tra noi e loro, i ‘diversi’ della retorica ufficiale, a cui segue lo stupore/delusione del singolo nel non riscontrare nell’esperienza diretta la presunta diversità del nemico affermata dalla propaganda, compare subito prima dell’incontro con la vittima sacrificale:

Oltre il confine, con molto dolore, non trovai fiori diversi


concetto che sembra richiamare l’«uomo in fondo alla valle / che aveva il tuo stesso identico umore / ma la divisa di un altro colore» ne La guerra di Piero, oppure le donne francesi corteggiate dai soldati (italiani? tedeschi?) di 1940 che «non è vero che siano diverse», o ancora «l’esercito degli uomini diversi» che si troverà nella posteriore Finestre del dolore dello stesso De Gregori.

Bernart Bartleby - 2/11/2015 - 15:56


Sia Venditti che De Gregori amavano molto Cohen all'epoca, avevano anche tradotto e cantato pubblicamente(pure all'estero) Suzanne, bisogna comunque ricordare che il testo de La Casa di Hilde è da attribuirsi anche ad Edoardo de Angelis e narra di un episodio accaduto veramente durante la sua infanzia,in una vacanza nel Trentino, anche se il vero contrabbandiere di diamanti non era suo padre ma un personaggio che avevano conosciuto appunto in questo rifugio di Hilde. De Angelis ha continuato fino ad oggi a cantare la canzone.

Flavio Poltronieri - 2/11/2015 - 18:55


E' particolarmente emozionante ascoltare dalla voce di Richard Thompson, le parole di Leonard Cohen

Richard Thompson - Story of Isaac (Leonard Cohen cover) - YouTube

Flavio Poltronieri - 7/5/2017 - 09:56


Trovatemi una canzone, almeno lontanamente paragonabile a questo capolavoro di Leonard Cohen, mai fatta da Dylan Nobel...
Grazie Flavio
Asta...

krzyś - 7/5/2017 - 13:13


Un dettaglio che mi sembra non sia stato sottolineato è che Isacco aveva nove anni quando suo padre lo portò sul monte Moriah e nove anni aveva Leonard Cohen quando suo padre Nathan morì. E fu in quel momento che il bambino scrisse la sua prima poesia.

Caro Krzys, sappi che è la canzone stessa che ti ha già risposto: il pavone che dona l'immagine finale spalancando la ruota in segno di vittoria in molte culture e anche in natura è un simbolo di lotta e di ripristino della giustizia.

P.S.

Avrei un piacere da chiederti: da parecchi anni stò cercando un mini-cd polacco omaggio a Cohen dal titolo: ROMA TEATR MUZYCZNY - COHEN senza risulatato. L'ultima volta che sono stato a Varsavia mi sono recato a cercarlo in quel teatro che si trova in ul. Nowogrodzka 49, ma invano. Puoi aiutarmi tu a trovarne una copia? Grazie mille.

Flavio Poltronieri - 16/5/2017 - 22:13


Ciao Flavio.
Mi informerò.
Volevo chiederti se conosci il gruppo polacco Projekt Volodia.
Leader del gruppo – Janusz Kasprowicz – ha fatto uscire ultimamente un disco "Ostatni etap", in cui, duettando con un polistrumentista Stanisław Marinczenko eseguono "błatnyje piesni", cioè, le traduzioni polacche delle canzoni carcerarie russe raccolte a sua volta da Dina Vierny. Ci sono anche due canzoni di Vysocky. Ti potrebbe interessare?
Li ho ascoltati dal vivo l'ultimo sabato in un programma di canzoni di Vysocky, Cohen e Waits a "Piesniarze".



Krzysiek - 17/5/2017 - 00:04


Grazie Krzysiek
conosco il gruppo e possiedo sia Piosenki W. Wysockiego che To Meski Swiat (dove di Cohen interpretano solo Memories nella traduzione di Zembaty e di Tom Waits e Volodia un paio di brani ciascuno). Delle canzoni di quest'ultimo in polacco devo dirti che preferisco le interpretazioni di altri: Pawet Orkisz, Artur Vanyan o Andrzej Kolakowski per esempio, comunque sono sempre interessato e curioso di ascoltarne di nuove, nel mio archivio ho una quindicina di cd polacchi interamente dedicati a VYsocki, oltre naturalmente al triplo cofanetto 55 x, tienimi informato su nuove uscite, grazie di cuore da una terra dove al contrario gliene sono stai dedicati ....due!!! e "per miracolo"!! (non ti dico le difficoltà)
VIVA I POLACCHI

Flavio Poltronieri - 17/5/2017 - 18:27


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org